A LIVIGNO IL PRIMO RISTORANTE VEGANO E VEGETARIANO

Tartelletta al sedano rapa Base di pasta filo, umami di sedano rapa, spuma di sedano rapa, polvere di aglio orsino
Tartelletta al sedano rapa Base di pasta filo, umami di sedano rapa, spuma di sedano rapa, polvere di aglio orsino

Livigno è pronta a festeggiare il primo ristorante vegano e vegetariano della cittadina alpina più alta d’Europa. Il ristorante “Stua da Legn” situato all’interno del prestigioso hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort. Alla guida della brigata di cucina, c’è il giovane chef Andrea Fugnanesi, che ha lanciato con successo lo scorso anno il ristorante fine dining “Stua Noa”, in centro a Livigno.

L’apertura è prevista per il 21 giugno.

Stua da Legn abbraccia una trasformazione epocale, si rinnova e si trasforma, divenendo la destinazione culinaria dedicata ad esaltare il mondo vegetariano e vegano in chiave Fine Dining accogliendo i suoi ospiti in un’atmosfera calda, familiare, dove i ricercati sapori culinari si fondono con l’eleganza del legno tradizionale, nell’antica stube tipica delle baite livignasche. Il nome per esteso è STUA DA LEGN Alta Cucina Naturale” in quanto la natura svolge un ruolo primario in tutto il concept dell’innovativa proposta gourmet: ogni morso è un viaggio sensoriale attraverso sapori audaci e presentazioni artistiche. Ogni piatto è un’ode alla freschezza ed alla creatività e celebra ingredienti di stagione provenienti dalla Terra.

Una connessione, quella con la Terra, che all’Hotel Lac Salin è facile ritrovare anche nel mondo naturale della SPA Alpina interna al Resort, tra rituali al fieno e trattamenti alle erbe spontanee che crescono sui pendii di Livigno. La mission dello Chef Fugnanesi è “trasformare il concetto di cucina vegetale e vegana, portando in tavola emozioni e sapori sorprendenti rivisitati in chiave Fine Dining. Questo tipo di esperienza completerà il soggiorno di benessere di chi sceglie l’hotel Lac Salin per il relax, il buon cibo ed il contatto con la natura alpina di Livigno.

Un menù ricco di proposte particolari: tra gli antipasti spicca la Scarola ripiena di pane raffermo, maionese al levistico, fondo vegetale e crema al prezzemolo; l’Uovo di selva in crosta di polenta, fonduta di caciotta di capra e tartufo nero e Verticalità Vegetale con sedano rapa, patata, ravanelli, zucchine, rapa bianca, maionese vegana alla curcuma, maionese vegana al pomodoro, maionese vegana al carbone vegetale, maionese vegana allo spinacio.

Tra i primi non può mancare il Fungo che consiste in un raviolo ripieno di patata al rosmarino, polvere di funghi, crema di funghi, consommè di funghi e crema di prezzemolo (in questo piatto lo chef interpreta il fungo in tutte le sue forme: la pasta viene fatta in casa, quindi gli viene data una forma a fungo); il piatto battezzato con il lungo nome “Come se fosse una pasta e patate” propone la “Mescafrancesca” (tipica pasta tipica del sud Italia che comprende vari tipi di pasta, ovvero tante tipologie mescolate insieme), crema di patate del territorio, bitto (formaggio DOP a pasta stagionata tipico della Valtellina), olio con bucce di patate e chips di patata vitelotte. Le proposte dei secondi piatti sono altrettanto intriganti: Sedano rapa all’ arancia; Spiedo di barbabietola in varie consistenzeTerrina di patata, radice di prezzemolo, erborinato di capra.

I dessert sono una dolce sinfonia: Crêpes suzette con succo di limone e arancia, Alpincello (liquore prodotto in Valchiavenna da erbe con sentori di limone coltivate in azienda lasciate in infusione per dare il giusto sapore) o Grand Marnier, accompagnata dal gelato al mirtillo della Valtellina fatto in casa; Soufflé al cioccolato con gelato alla pannaMacedonia con pesca arrostita, albicocca flambata al cognac, marmellata d’arancia, gelatina al mirtillo, coulis di fragola, gelato mela verde e basilico, mela vetrificata e salsa al kiwi; Panna cotta al latte di mandorla, fava tonka e confettura di peperone.

Andrea Fugnanesi, classe 1995, ama descrivere la sua cucina come “essenziale”, visto il suo particolare rispetto del prodotto dalle primissime fasi di lavorazione fino all’impiattamento.

A Livigno, dopo la bella esperienza di STUA NOA Fine Dining, si prospetta per lui una nuova grande opportunità: diventare l’Executive Chef di tutti i 6 ristoranti del gruppo Lungolivigno.

6 ristoranti distinti, ognuno con una sua peculiarità culinaria in grado di soddisfare tutti i palati con classe e raffinatezza, un’offerta culinaria completa ed innovativa:

STUA DA LEGN Alta Cucina Naturale celebra la freschezza degli ingredienti e l’arte della cucina vegetariana e vegana, in un ambiente accogliente e raffinato. (Situata all’hotel Lac Salin).

STUA NOA Fine Dining incarna l’essenza dell’alta gastronomia, offrendo un’esperienza culinaria sofisticata, intima ed unica nel suo genere. (Situata all’hotel Concordia).

LAC SALIN Panoramic Fondue invita gli ospiti a condividere momenti di convivialità e gioia intorno ad un tavolo imbandito di prelibatezze fondute, all’interno di una location panoramica mozzafiato. (Situata all’hotel Lac Salin).

CONCORDIA Grill Bar & Bistrot è il rifugio perfetto per chi cerca sapori decisi ed atmosfera vivace in centro Livigno, con una particolare dedizione per le carni alla griglia oppure gli smart lunch. (Situata all’hotel Concordia).

Tutti e 4 i ristoranti sono aperti anche agli esterni.

LAC SALIN Restaurant e CONCORDIA Restaurant completano l’offerta culinaria per gli ospiti degli hotel Lac Salin e Concordia, offrendo un’ampia varietà di piatti deliziosi ed autentici che nascono sempre dalle sapienti mani della brigata di Chef Fugnanesi, perfetti per soddisfare soprattutto i gusti e le preferenze degli ospiti in Hotel.

“La mia filosofia culinaria è guidata dalla passione per l’eccellenza e l’innovazione”, afferma lo Chef Fugnanesi. “In ogni ristorante del gruppo Lungolivigno, cerco di portare avanti questa visione, offrendo piatti raffinati, autentici e ricercati che riflettono le mie radici e la mia creatività.”

Info: https://www.lungolivigno.com/hotel

Iaphet Elli

Iaphet Elli, blogger, ho partecipato come editor a ExpoMilano2015.
Collaboro con diversi uffici stampa di città Italiane ,Stati Europei e Mondiali.