Bergamo e Donizetti per Anna Bolena cast stellare ed edizione critica Bergamo, Teatro Donizetti, 25 – 29 novembre 2015

ANNA BOLENA NELLA CITTÀ NATALE DI DONIZETTI PER LA
PRIMA VOLTA IN EDIZIONE CRITICA E CON UN CAST DI ALTISSIMO LIVELLO

carmela_remigio

Una serie di appuntamenti a ridosso del Dies Natalis donizettiano fra opera,
concerti sinfonici e musica da camera

Bergamo, Teatro Donizetti, 25 – 29 novembre 2015

Continua nel segno della Donizetti Revolution la nuova stagione Lirica di
Bergamo organizzata dalla Fondazione Donizetti e diretta da Francesco Micheli.
Una stagione composta da tre sezioni, DoReMix: “Do” sta per “Donizetti opera”,
il festival internazionale dedicato al grande compositore cittadino, “Re” per
“Repertorio” opera, danza e musica sinfonica, “Mix” per “miscellanea”
d’iniziative grazie alle quali l’opera si declina in forme innovative usando
altri linguaggi per aprirsi alla città e ai giovani.

La programmazione entra nel vivo nel mese di novembre con il debutto di “Anna
Bolena”, titolo operistico donizettiano attesissimo dal pubblico e dalla
critica, che andrà in scena 27 e 29 novembre (anteprima under30 il 25), in
coincidenza con il Dies Natalis donizettiano.

Questo nel complesso il calendario delle iniziative:

25 novembre, Teatro Donizetti (ore 17): anteprima under30 di Anna Bolena (DO)

26 novembre, Teatro Donizetti, Sala Riccardi (ore 18): conversazione su Anna
Bolena

27 e 29 novembre (ore 20:30 e ore 15:30), Teatro Donizetti: Anna Bolena (DO)

28 novembre, Teatro Donizetti (ore 20): “1830, l’anno di Anna Bolena” (RE)

29 novembre, Casa Natale (ore 11): Quartetti d’archi di Donizetti (DO)

Anna Bolena, prima delle tre opere dedicate alle regine Tudor, insieme a Maria
Stuarda e Roberto Devereux, sarà eseguita al Teatro Donizetti di Bergamo
secondo l’edizione critica della partitura curata dal direttore scientifico
della Fondazione Donizetti, Paolo Fabbri, appena edita da Ricordi per
l’Edizione Nazionale donizettiana. Sul podio Corrado Rovaris alla guida dei
Virtuosi Italiani, impegnato a restituire al pubblico e alla critica una
versione di Anna Bolena il più aderente possibile per stile, vocalità e interpretazione
a ciò che voleva l’autore, grazie a un cast di primissimo livello in cui
spiccano i nomi del bergamasco Alex Esposito (Premio Abbiati come miglior
cantante nel 2006) nel ruolo di Enrico VIII, Carmela Remigio – affermata
interprete del repertorio belcantistico – nel ruolo della protagonista, il
tenore Maxim Mironov quale Riccardo Percy, Daniela Pini quale Giovanna Seymour
e Manuela Custer nel ruolo di Smeton. Per un Donizetti che torna alle origini,
non filtrato dagli eccessi tardo-romantici, dall’espressività verista e da
certe enfasi novecentesche.

L’allestimento della Welsh National Opera di Cardiff, con la regia di
Alessandro Talevi – premiato con quattro stelle dal “Guardian” – pone l’accento
sull’atmosfera cupa e drammatica della corte di Enrico VIII, puntando
sull’essenza psicologica dei personaggi; scene e costumi sono di Madeleine
Boyd; luci firmate da Matthew Haskins e le coreografie da Maxime Braham. “Anna
Bolena – dichiara il regista Alessandro Talevi – è un’opera che prende fuoco man
mano, con un grande arco drammatico che conduce inesorabilmente alla scena
finale della pazzia e morte di Anna. Era imperativo creare un’atmosfera di
minaccia e di oppressione dall’inizio, per sottolineare la vulnerabilità della
regina e rendere credibile l’evoluzione del personaggio, in cui assistiamo alla
transizione da donna tormentata ma orgogliosa a creatura disgraziata, che ha
perso contatto con la realtà. La corte di Enrico è perciò immaginata come luogo
cupo, minaccioso, da cui emerge il re tiranno (ed altri incubi). Le donne sono
rappresentate vulnerabili e indifese. In pubblico tutti nascondono le proprie
personalità e opinioni; e questo è suggerito anche dai costumi, pur nella
ricchezza dei tessuti e dei dettagli. L’oscurità enfatizza la minaccia del re
onnipresente, la dolcezza e delicatezza dell’emozione umana acquista tuttavia
in visibilità nel contrasto con la scena cupa, e le conversazioni bisbigliate,
le segrete dichiarazioni d’amore, le angosce confessate in privato sono rese
ancora più intense dalla loro vulnerabilità”.

Il Coro Donizetti è diretto da Fabio Tartari. La banda di palcoscenico è
composta dagli allievi del Conservatorio di Bergamo.

Giovedì 26 novembre alle ore 18, presso la Sala Riccardi del Teatro Donizetti,
consueto appuntamento con il Caffè del Teatro, ciclo di presentazioni al
pubblico delle opere in programma: di Anna Bolena e della nuova edizione
critica parlerà il curatore Paolo Fabbri.

Fra le due recite di Anna Bolena, il 28 novembre, è in programma un concerto
ispirato all’anno di composizione dell’opera: “1830, l’anno di Anna Bolena”, il
titolo del programma che raccoglie pagine di compositori contemporanei al
maestro bergamasco e create nello stesso anno, la Sinfonia da I Capuleti e i
Montecchi di Vincenzo Bellini, il Concerto n. 1 in mi minore per pianoforte ed
orchestra op. 11 di Chopin e la Sinfonia n. 5 in re minore op. 107 “Riforma” di
Felix Mendelssohn-Bartholdy. L’orchestra è, come nel caso dell’opera, quella
dei Virtuosi Italiani diretta da Corrado Rovaris, solista per il concerto di
Chopin Maurizio Baglini, fra i più apprezzati pianisti italiani di oggi.

Domenica 29 novembre, alle ore 11, presso la casa natale di Donizetti in Borgo
Canale, per festeggiare il Dies Natalis, sesto e ultimo appuntamento con l’esecuzione
integrale dei Quartetti: il Quartetto Donizetti – Luca Braga e Pierantonio
Cazzulani violino, Christian Serazzi viola, Massimo Repellini violoncello –
eseguirà i quartetti nn. 2, 10 e 18 (ingresso libero sino ad esaurimento dei
posti disponibili).

ANNA BOLENA

Tragedia lirica in due atti di Felice Romani

Musica di Gaetano Donizetti

Edizione critica a cura di Paolo Fabbri

Ricordi, Fondazione Donizetti, Edizione Nazionale delle opere di Gaetano
Donizetti

Enrico VIII Alex Esposito

Anna Bolena Carmela Remigio

Giovanna Seymour Daniela Pini

Lord Rochefort Gabriele Sagona

Lord Riccardo Percy Maxim Mironov

Smeton Manuela Custer

Sir Hervey Alessandro Viola

Direttore Corrado Rovaris

Regia Alessandro Talevi

Scene e costumi Madeleine Boyd

Light designer Matthew Haskins

Coreografia Maxine Braham

Assistente alla regia Pamela Recinella

Coro Donizetti

Maestro del coro Fabio Tartari

I Virtuosi Italiani

Produzione Fondazione Donizetti

Allestimento Welsh National Opera – Cardiff

BIGLIETTERIA E INFORMAZIONI

I biglietti si possono acquistare online oppure presso il Teatro Donizetti
(piazza Cavour 15 – Bergamo).

I biglietti per Anna Bolena hanno un costo da 8 a 70 euro.

I biglietti per il concerto del 28 novembre hanno un costo da 8 a 35 euro.

Da quest’anno i bambini fino a 10 anni entrano con solo 1 euro.

Per le prove generali riservate agli studenti, il biglietto ha un costo di 10
euro.

Informazioni: tel. 0354160601/602/603; g

gruppi e prenotazioni tel. 032.4160681 / gruppi@donizetti.org

acquisto online su vivaticket.it

Per informazioni e dettagli sugli spettacoli: tel. 0354160681 info@donizetti.org

www.donizetti.org


Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More