Museo del Design a Milano

Mendini_Proust

MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or gMUSEO DEL DESIGN 1880-1980
An Extraordinary Journey
Via Borsi, 9
20143 Milano
Contatti:
Tel: 02 83413302
E-mail: info@museiitaliani.org
www.museiitaliani.org
Social media:
https://www.facebook.com/museiitaliani
https://www.facebook.com/museodeldesign18801980
https://instagram.com/museodeldesign18801980
Dopo il successo dell’anteprima durante il Salone del Mobile a Palazzo Mezzanotte, sede
della Borsa Italiana, il Museo del Design 1880-1980 apre in Via Borsi 9 a Milano e sarà
visitabile a partire dal 9 luglio 2015, col patrocinio di Expo in Città, del Comune di Milano e
di Regione Lombardia.
Tariffe di ingresso:
Biglietto intero €10
ridotto €8
Orari di apertura:
Lun: 15:00-20:00
Mar, gio, ven, sab, dom: 10:30 – 20:00
Mer: 10:30 – 23:00
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
Una collezione tra le più importanti d’Europa è alla base del progetto museale ideato e
fondato da Raffaello Biagetti (Firenze 1940 – Ravenna 2008) con l’obiettivo di raccontare
cento anni di storia attraverso i capolavori dei più grandi maestri della scena del design
internazionale. Un tesoro fino ad ora sconosciuto, riportato alla luce da Musei Italiani.
Siamo negli anni ’80: l’impianto curatoriale è affidato a Giovanni Klaus Koenig che,
insieme a Filippo Alison e Giuseppe Chigiotti, costruisce la collezione creando un percorso
fortemente didattico e coinvolgendo anche personaggi come Gae Aulenti, Dino Gavina e
Piero Castiglioni.
Il Museo racconta la storia dell’arredo dal 1880 al 1980 attraverso un percorso spaziale
per isole cronologiche: si apre nel cuore dell’Art Nouveau – prosegue verso la Scuola
Viennese e il Bauhaus, percorre gli anni ’50 – attraverso le opere più emblematiche dei
grandi progettisti francesi, scandinavi, americani – e gli anni ’60, che vedono protagonista il
boom economico italiano. Le espressioni rivoluzionarie del design radicale e la nascita dei
movimenti Alchimia e Memphis, chiudono l’itinerario della mostra.
Il Museo è arrivato a Milano grazie a Musei Italiani, una neo-nata organizzazione che ha
l’obiettivo di promuovere il patrimonio culturale italiano, facendo ricerche sui giacimenti
esistenti e coinvolgendo imprese e istituzioni per creare un sistema di impresa e valore.
Musei Italiani è orgogliosa di aprire le porte di questa nuova sede all’interno del Milano
Design District, uno spazio in grado di accogliere e valorizzare la ricostruzione
dell’allestimento originale all’interno di un’architettura contemporanea di forte espressività.
Ad accogliere i visitatori sarà un vero e proprio Museo che racconta la storia, con l’idea di
sviluppare nuovi progetti e servizi, tra cui uno spazio dedicato alla vendita di oggetti di
design d’autore, con marchi come Serapian e Canepa entrambi contraddistinti da ricerca
nella qualità made in Italy e passione per la creatività artigianale.
Le attività che il Museo proporrà saranno moltissime e tutte mirate a divulgare, far amare il
design e rilanciare il tema del progetto, interrogandosi sull’esperienza del visitatore,
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
diventando punto di incontro e scambio, coinvolgendo le scuole attraverso visite guidate,
organizzando concorsi; tutto questo grazie all’importante contributo di Faram, che ha
supportato ed affiancato Musei Italiani fin dall’inizio.
Imperdibili gli appuntamenti con protagonisti del design contemporaneo, che offriranno ai
visitatori l’opportunità di farsi condurre dai grandi maestri in uno straordinario viaggio nel
tempo, in cui le storie personali sono intrecciate a quelle delle grandi icone in mostra.
Museo del Design 1880-1980 è una macchina del tempo che ci guida attraverso un
percorso didattico in grado di raccontare l’evoluzione della creatività e la storia del design.
Autori in esposizione:
Antonì Gaudì, Michael Thonet, Charles Rennie Mackintosh, Adolf Loos, Joseph Hoffman,
Walter Gropius, Jean Prouvé, El Lissitskij, Marcel Breuer, Mies Van Der Rohe, Renzo
Frau, Frank Lloyd Wright, Gerrit Rietveld, Peter Keler, Aleksandr Rodčenko, Gunnar
Asplund, Mart Stam, René Herbst, Le Corbusier, Hans Coray, Gio Ponti, Giuseppe
Terragni, Ignazio Gardella, Harry Bertoia, Carlo Pagani, Alvar Aalto, Charles Eames,
Isama Noguchi, Arne Jacobsen, Osvaldo Borsani, Ico Parisi, Eero Saarinen, Achille e Pier
Giacomo Castiglioni, Carlo Scarpa, Gae Aulenti, Franco Albini, Marco Zanuso, Gaetano
Pesce, Afra e Tobia Scarpa, Ettore Sottsass, Mario Bellini, Giancarlo Piretti, Vico
Magistretti, Bruno Munari, Alessandro Mendini.
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
Approfondimenti
MUSEI ITALIANI
Musei Italiani è un’organizzazione nata dall’idea di poter costruire attività d’impresa
attraverso la gestione e la promozione del patrimonio culturale italiano storico e
contemporaneo, in Italia e nel mondo. Musei Italiani è attiva nel campo delle arti applicate,
del design e della moda si occupa di fund-raising attraverso un network consolidato,
costituito da fondi e partner per la gestione di patrimoni culturali di chiaro prestigio, con
l’obiettivo di incrementarne il valore e la visibilità.
www.museiitaliani.org
info@museiitaliani.org
Faram 1957 S.p.A
Faram rappresenta l’eccellenza nella progettazione e realizzazione di soluzioni di arredo
per gli ambienti lavoro, una vocazione che ha fatto la storia dell’azienda e, dagli anni ’70,
dell’intero settore.
Sin dagli esordi, nel 1957, si impone sui mercati internazionali con proposte
all’avanguardia per qualità, funzionalità e innovazione tecnologica.
L’industrializzazione del design in ottica sartoriale, unita alla collaborazione con architetti
di fama internazionale e prestigiosi studi di progettazione, ha permesso a Faram di
realizzare importanti progetti (tra cui il Mc Laren Tecnology Centre in Gran Bretagna, la
torre Agbar di Barcellona, la Swiss Re a Londra, la Burj Khiilfa a Dubai), considerati vere e
proprie icone di architettura.
Faram rappresenta oggi il punto di riferimento per creare spazi di lavoro flessibili e
coinvolgenti, dove l’uomo e le sue esigenze assumono un ruolo centrale.
http://www.faram.it/
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
Partners
Main Partner: FARAM S.p.a.
Media Partner: Living
Partners: Aliante Partners S.r.l. – Canepa S.p.a. – Serapian S.p.a. – Aon Italia S.r.l.
– Brioschi Sviluppo Immobiliare spa
Con il Patrocinio di
Parte della rete dei giacimenti del design Italiano
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
Museo del Design 1880-1980, Via Borsi 9, 20143 Milano
MUSEI ITALIANI S. r . l – V i a Gesù, 10 – 20121 Mi l an o – +39 0 2 796145 – i n fo@musei i t a l i ani . o r g – musei i t a l i ani .or g
PH. Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti

Uncategorized

WOYTEK Habemus Papam. Il gallo è morto – 1 – 16 ottobre 2016

In occasione del Giubileo della Misericordia, l’installazione dell’artista di origini polacche da anni attivo in Germania Woytek “Habemus Papam. Il gallo è morto”, ospitata nella suggestiva struttura di archeologia industriale dell’Ex Cartiera Latina dal 1° al 16 ottobre 2016, è costituita da una scultura in bronzo di cm. 250 raffigurante un Vescovo con in mano […]

Read More
Uncategorized

BILL FRISELL When You Wish Upon A Star – Cinema Teatro di Chiasso – Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 – #Billfrisell

Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 BILL FRISELL When You Wish Upon A Star chitarra Bill Frisell voce Petra Haden contrabbasso Thomas Morgan batteria Rudy Royston Dopo la sonorizzazione dei film muti di Buster Keaton e dopo il meraviglioso lavoro di elaborazione armonica in presa diretta a contatto con le immagini del documentario “The great […]

Read More
Uncategorized

Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco #Maurorostagno

  Quando è stato ucciso, il 26 settembre 1988, aveva quarantasei anni e molte vite alle spalle. L’ultima, la più intensa, Mauro Rostagno la vive a Trapani. Lo racconta il documentario “Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco” realizzato da Antonio Carbone per il ciclo “Diario Civile”, in onda mercoledì 28 settembre alle 22.10 su […]

Read More