DEBUTTA IN PRIMA ASSOLUTA AL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA “IL SUONO GIALLO” DI ALESSANDRO SOLBIATI DA KANDINSKIJ

Sul podio uno specialista di musica
contemporanea come Marco Angius, regia di Franco Ripa di Meana.

Fra i protagonisti vocali Alda Caiello e
Laura Catrani.

Il_suono_giallo_assieme_10-06-15_I4Q0113_®Rocco_Casaluci_2015

In
scena dal 13 al 17 giugno 2015

in diretta su Radio3 Rai il 13 giugno
2015

È un omaggio dichiarato a Vassilij Kandinskij e alla sua
poetica la nuova commissione del Teatro Comunale di Bologna al compositore
milanese Alessandro Solbiati che, confrontandosi e ispirandosi all’omonimo
testo originale del pittore russo (
Der Gelbe Klang) ne Il
suono giallo –
in scena al Comunale di Bologna a partire da sabato
13 giugno –
cerca
di restituirne in musica lo stile originalissimo, fatto di aforismi e calato in
un contesto estremamente meditativo e rarefatto.

“La commissione ad Alessandro Solbiati per la realizzazione
del
Suono giallo
sottolinea il sovrintendente Nicola Sani – rientra nella politica del Teatro
Comunale di Bologna di sostegno, promozione e diffusione del teatro musicale
contemporaneo, con particolare riferimento alla generazione attuale dei
compositori italiani. Solbiati, che trae il soggetto della sua nuova opera dal
grande pittore russo Vassilij Kandinskij, è uno degli autori più interessanti
nel panorama della nuova musica. La sua scrittura innovativa riesce a coniugare
il piano narrativo e l’espressività ed unisce al portato dell’avanguardia la
grande lezione della tradizione melodrammatica italiana. La messa in scena
presenta una ‘visione’ originale in cui musica e drammaturgia, immagine sonora
e visiva, si intrecciano coerentemente raggiungendo momenti di grande forza
emotiva e spettacolare, sotto la direzione attenta e particolarmente vocata
alla drammaturgia contemporanea di Franco Ripa di Meana, che si avvale della
collaborazione dell’artista Gianni Dessì, autore di un singolare intreccio tra
opere d’arte e narrazione scenica”.

“Il mio impegno nel teatro musicale – dice Solbiati – è
stato via via sempre più intenso dal 2007 (
Il carro e i canti, Trieste
2009;
Leggenda, Torino
2011); adesso desidero indagare una drammaturgia più astratta.
Il
suono giallo
parte anche da Kandinskij, dal suo concetto di opera d’arte
totale, fatta di luci, movimenti, suoni, parole…”

La direzione è affidata a uno specialista del repertorio
contemporaneo come Marco Angius, che torna a dirigere l’Orchestra del Teatro
Comunale dopo il successo ottenuto con
Jakob Lenz nel 2012.
“La drammaturgia utopistica del
Suono giallo di
Kandinskij – sottolinea Angius – si presenta come un soggetto arduo da mettere
in musica: poco testo, assenza d’azione effettiva, mancanza di un reale
protagonista, incarnato semmai dall’inquietudine dell’artista e dal suo
inconscio. La musica di Solbiati accetta la sfida offerta da una struttura
espressiva così visionaria e la introietta in una partitura sontuosa,
millimetrica, perfino ossessiva nella ricerca dei timbri e dei rapporti tra
suono e segno, tra parola e colore.

Tre livelli principali – continua Angius – sostengono la
struttura drammaturgica: il coro grande, presente praticamente nell’arco di
tutta l’opera, si confonde ed emerge dalle rigogliose efflorescenze orchestrali
come un’entità metafisica, una sorta di coscienza collettiva. Un secondo piano
è rappresentato dal coro piccolo, artefice di rituali misteriosi e danzanti: in
esso prevale una componente ritmica, più aderente alle allusioni coreografiche
dell’insieme. Infine i cinque Giganti, figure indefinibili e a-soggettive,
sebbene dotate ciascuna di un proprio momento solistico”.

Ognuno dei sei pannelli scenici che formano l’opera viene
accompagnato da un breve intermezzo orchestrale, cioè da un commentario che
sigla l’ambiente sonoro precedente e stacca sul successivo, come spiega il
compositore stesso nelle note alla partitura. Si tratta dunque di un teatro
musicale dalle illimitate derive di senso: una galleria sonora e visiva di
forme mobili e stratificate in flussi discorsivi. Lo spettatore, parte
integrante di questo ingranaggio, è invitato ad addentrarsi in un labirinto
onirico fatto di elementi simbolici, quando non animisti, dove nulla sembra
veramente immobile, anche nei momenti di sospensione timbrica e temporale più
evidenti
.

La regia è firmata da Franco Ripa di Meana, le scene e i
costumi da Gianni Dessì – entrambi autori del progetto scenico – mentre il Coro
del Teatro Comunale di Bologna è istruito da Andrea Faidutti.

I biglietti dell’opera (da 50 a 10 euro) sono in vendita
presso la biglietteria del Teatro Comunale di Bologna. Informazioni su www.comunalebologna.it

Ufficio stampa Teatro
Comunale di Bologna

Skill & Music

Paolo Cairoli – Irene Sala – Floriana Tessitore

T +39.051.529947

E ufficiostampa@comunalebologna.it

Alessandro Solbiati

Il suono giallo

Direttore Marco Angius

Progetto scenico Franco Ripa di Meana e Gianni Dessì

Regia Franco Ripa di Meana

Maestro del Coro Andrea Faidutti

Scene e costumi Gianni Dessì

Luci Daniele Naldi

Drammaturgia Marco Gnaccolini

Interpreti

Alda Caiello, Maurizio Leoni, Paolo Antognetti,

Laura Catrani e Nicholas Isherwood.

Nuova produzione Teatro Comunale di Bologna

Commissione Teatro Comunale di Bologna

Prima rappresentazione assoluta

Orchestra, Coro e Tecnici del Teatro Comunale di Bologna

13 giugno 2015 ore 20:00 Turno Prima

14 giugno 2015 ore 15:30 Turno Domenica

16 giugno 2015 ore 20:00 Turno 

17 giugno 2015 ore
20:00 Turno B

Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More
Uncategorized

Museo Van Gogh @ MuseoVanGogh

Vincent van Gogh (1853-1890), nato nel Brabante, è attualmente uno degli artisti più famosi di tutti i tempi. Se desideri ammirare i capolavori di Van Gogh, una visita al Museo di Van Gogh di Amsterdam è d’obbligo. Ma per gli ammiratori del pittore, i posti da visitare non finiscono certo qui. Situato nel meraviglioso Parco […]

Read More