ORSON WELLES__13 film nei 100 anni dalla nascita e 30 dalla scomparsa_dal 7 al 23 gennaio Spazio Oberdan Milano

Spazio Oberdan Milano

Viale
Vittorio Veneto 2

ORSON WELLES

13 FILM NEI 100 ANNI DALLA NASCITA E 30 DALLA SCOMPARSA

DAL
7 AL 23 GENNAIO 2015

JANE-EYRE

Dal 7 al 23 gennaio 2015presso
Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana presenta ORSON WELLES, rassegna cinematografica in 13 film che, nei cento anni dalla nascita e nei trenta dalla
scomparsa
, intende offrire una panoramica sul grande regista, attore,
sceneggiatore e produttore Orson Welles.

Considerato
uno dei massimi registi di ogni tempo, con la sua scrittura filmica barocca e
visionaria, sempre al servizio di storie e personaggi più grandi della vita,
Welles ha dato un contributo unico all’evoluzione del linguaggio
cinematografico, innalzando la settima arte a vette di shakespeariana profondità.

A
partire dal suo primo lungometraggio, Quarto potere, film spartiacque dopo
il quale la storia del cinema non fu più la stessa, Orson Welles, nonostante le
limitazioni produttive impostegli dal sistema hollywoodiano, realizzò una serie
di capolavori senza tempo (da L’orgoglio degli Amberson, La
signora di Shanghai
, Otello a Rapporto confidenziale, Il
processo
, L’infernale Quinlan), opere che ancora oggi non hanno perso
nulla della loro eccezionale modernità, potenza e incisività espressiva. In cartellone
anche il drammatico Lo straniero, realizzato nel 1946, Macbeth, pellicola low
budget girata in sole tre settimane e infine Falstaff, con Jeanne
Moreau, un film sorprendente a livello visivo scritto, diretto e interpretato
dal grande regista.

In
rassegna, oltre a Il terzo uomo, capolavoro di Carol Reed ambientato in una
Vienna devastata dalla guerra e divisa in quattro zone di occupazione, altri
due rari film dei quali Welles non firmò la regia ma che lo vedono nei panni
dell’attore protagonista: Cagliostro e Jane Eyre.

Prima
delle prime proiezioni di Rapporto
confidenziale
e de L’infernale
Quinlan
ci sarà l’intervento di
relatori del Centro Milanese di Psicoanalisi “Cesare Musatti”
.

SCHEDE DEI FILM E CALENDARIO

Mercoledì
7 gennaio

h
17 Il processo

R.
e sc.: O. Welles, dal romanzo omonimo di Franz Kafka.Int.: O. Welles, Anthony Perkins, Jeanne Moreau, Romy
Schneider, Akim Tamiroff, Elsa Martinelli, Arnoldo Foà, Katina Paxinou.Fr/It/RFT,
1962, b/n, 110’, v.o. sott. it.

Josef K., giovane bancario
mite e solitario, si ritrova scaraventato in una situazione kafkiana quando
scopre di essere accusato non si sa di che – ma l’accusa sembra grave – da non
si sa quale, comunque potente, tribunale.

h
19.15 Otello

R.
e sc.: O. Welles, dall’omonima tragedia di W. Shakespeare.Int.: O. Welles, Micheal MacLiammoir,
Fay Compton, Suzanne Cloutier, Robert Coote.USA/Marocco/Francia/Italia,
1952, b/n, 91’, v.o. sott. it.

L’immortale tragedia della
gelosia di Otello, il moro di Venezia. Come un uomo valoroso e di sani principi
può perdere se stesso per amore e per aver scelto delle cattive compagnie.

h
21.15 Quarto potere

R.:
O. Welles.Sc.: Hermann
Mankiewicz, O. Welles. Fot.: Gregg Toland. Mus.: Bernard Hermann. Int.: O.
Welles, Joseph Cotten, Everett Sloane, Dorothy Comingore, Agnes Moorehead.USA,
1941, b/n, 119’, v.o. sott. it.

Ascesa, solitudine e morte
del magnate Charles Foster Kane, gigante dai piedi d’argilla, uomo che voleva
troppo, che comprava e accumulava tutto, assetato di affetto ma incapace di ottenerlo.
Finirà solo, come in fondo aveva sempre vissuto, lasciando però di sé un
ricordo indelebile.

Giovedì
8 gennaio

h
17 Lo straniero

R.:
O. Welles.Sc.: Anthony
Veiller (e John Huston e O. Welles, non accreditati). Int.: O. Welles, Loretta
Young, Edward G. RobinsonPhilip Merivale.USA, 1946, b/n,
81’, v.o. sott. it.

Un ex nazista vive sotto
mentite spoglie e rispettato da tutti in una cittadina americana. Quando il
criminale si accorge che la Polizia è sulle sue tracce, prima elimina uno
scomodo testimone poi cerca di uccidere anche la propria moglie, ormai
consapevole della verità.

h
19 Macbeth

R.
e sc.: Orson Welles.Fot.: John L. Russell. Int.: O. Welles, Jeanette Nolan, Dan O’Herlihy,
Edgar Barrier, Roddy McDowall, Erskine Sanford, Alan Napier, Peggy Webber.USA,
1948, b/n, 107’.

Il primo dei grandi film
shakespeariani portato a termine da Welles, girato a basso costo e in 27
giorni. Ossessionata e visionaria la sequenza delle streghe nei titoli di
testa, probabilmente memore del Macbeth woodoo allestito in teatro da Welles
nel 1936.

Venerdì
9 gennaio

h
17 Cagliostro

R.:
Gregory Ratoff. Sc.: Richard Schayer, Charles Bennett, tratta dal romanzo
Joseph Balsamo, mémoires d’un médecin di Alexandre Dumas padre. Int.: Orson
Welles, nancy Guid, Akim Tamiroff, Valentina Cortese, Margot Grahame.
Italia/USA, 1949, b/n, 105’.

Nato a Palermo, Cagliostro
(vero nome Giuseppe Balsamo), in tenera età viene rapito dagli zingari. Preso
dagli sgherri del visconte di Montaigne, assiste all’impiccagione della propria
madrina, Maria. La sua prodigiosa carriera ha inizio a Vienna, dove il celebre
Messmer scopre le sue doti d’ipnotizzatore. Di queste Cagliostro si fa un’arma.
Giunto in Francia col proposito di vendicarsi del visconte de Montaigne,
Cagliostro usa Lorenza, una ragazza che assomiglia a Maria Antonietta, per
gettare discredito sul visconte: Smascherato, durante il processo che ne segue
Cagliostro si trova sempre più nei guai e mentre cerca di fuggire sui tetti,
viene affrontato e ucciso dal fidanzato di Lorenza.

h
21 Rapporto confidenziale (Mr. Arkadin)

R.
e sc.: Orson Welles, dal suo romanzo Il signor Arkadin. Int.: O. Welles, Paola
Mori, Robert Arden, Akim Tamiroff, Michael Redgrave, Misha Auer, Katina
Paxinou. Svizzera/Spagna, 1955, b/n, 100’, v.o. sott. it.

Van Straten, un fallito
senza arte né parte, entra in contatto con il potente e misterioso Arkadin, che
lo ingaggia per indagare sul suo passato, del quale sostiene non ricordarsi
nulla. In realtà Arkadin vuole sfruttare l’indagine di Van Straten per eliminare
i suoi trascorsi criminali.

Al
termine della proiezione di venerdì 9 gennaio, intervento di Mario Marinetti del Centro Milanese di
Psicoanalisi “Cesare Musatti”.

Sabato
10 gennaio

h
15 Otello

h
19 L’orgoglio degli Amberson

R.
e sc.: Orson Welles, dal romanzo omonimo di Booth Tarkington.Int.: Joseph Cotten, Dolores Costello,
Anne Baxter, Tim Holt, Agnes Moorehead.USA, 1942, b/n,
88’, v.o. sott. it.

La rapida
industrializzazione e il conseguente mutare della società tra la fine
dell’Ottocento e i primi anni del Novecento influenza le sorti di una ricca
famiglia del Sud, che non riesce a stare al passo con i tempi.

Lunedì
12 gennaio

h
17 Il terzo uomo

R.: Carol Reed. Sc.: Graham Greene.
Int.: O. Welles, Joseph Cotten, Alida Valli, Trevor Howard.Gb/USA,
1949, b/n, 104’, v.o. sott. it.

La storia si svolge nella
Vienna dell’immediato dopoguerra, città segnata dal conflitto in cui si reca lo
scrittore americano Holly su invito del suo vecchio amico Harry. Qui Holly
viene a sapere che Harry è appena deceduto, ma le cose non sono chiare.
Scoprirà che in realtà l’amico è vivo e ricercato come contrabbandiere di
medicinali adulterati che seminano la morte.

h
19 Lo straniero

h
21 La signora di Shanghai

R.
e esc.: O. Welles, liberamente tratta dal romanzo If I Die before I Wake di
Sherwood King. Int.: O. Welles, Rita Hayworth, Everett Sloane, Glenn Anders,
Ted de Corsia. USA, 1948, b/n, 86’, v.o. sott. it.

Dopo aver salvato una ricca
e conturbante signora da un’aggressione, ed essersene innamorato a prima a
vista, l’ingenuo marinaio O’Hara viene ingaggiato dal potente marito della
donna per una crociera sul suo yacht, destinazione Acapulco. Durante il
viaggio, il povero O’Hara scoprirà la malvagità di donne e avvocati.

Martedì
13 gennaio

h
16.45 Falstaff

R.
e sc.: O. Welles, liberamente tratta dalle tragedie Riccardo II, Enrico IV,
Enrico V. Le allegre comari di Windsor di William Shakespeare.Narratore: Ralph Richardson. Int.: O.
Welles, Keith Baxter, John Gielgud, Jeanne Moreau, Margaret Rutheford, Marina
Vlady, Fernando Rey, Walter Chiari.Spagna/Svizzera,
1966, b/n, 119’, v.o. sott. it.

Falstaff, un geniale
perdente carico di umanità e di intelligenza, per questo troppo scomodo agli
occhi dei potenti. Il principe Hal, suo amico e compagno di scorribande, quando
salirà al trono di Inghilterra come Enrico V non tarderà a rinnegarlo.

Mercoledì
14 gennaio

h
17 L’orgoglio degli Amberson

h
21.15 L’infernale Quinlan

R.
e sc.: O. Welles, liberamente tratta dal romanzo Badge of Evil di Whit
Masterson.Int.: O. Welles,
Charlton Heston, Janet Leigh, Akim Tamiroff, Marlene Dietrich.USA,
1958, b/n, 93’, v.o. sott. it.

Sullo sfondo di una piccola
città di frontiera fra Messico e USA, lo scontro senza esclusione di colpi fra
due poliziotti con un’opposta visione della legge: integerrimo e avviato a una
brillante carriera il giovane, corrotto e disilluso il vecchio, che pagherà con
la vita i suoi misfatti.

Al
termine della proiezione di mercoledì 14 gennaio, intervento di Franco De Masi del Centro Milanese di Psicoanalisi
“Cesare Musatti”.

Giovedì
15 gennaio

h
17 La signora di Shanghai

Venerdì
16 gennaio

h
17 La porta proibita – Jane Eyre

R.: Robert Stevenson. Sc.: Aldous
Huxley, John Houseman, R. Stevenson. Int.: Orson Welles, Joan Fontaine,
Margaret O’Brien, John Sutton, Agnes Moorehead.Usa,
1944, b/n, 97’.

Jane Eyre è una giovane
orfana cresciuta in collegio sotto il tirannico controllo di un direttore che
non prova assolutamente pietà per nessuna delle ragazze ospiti del suo
istituto. Divenuta grande, Jane viene chiamata a Thornfield Hall da Lord Edward
Rochester per provvedere all’educazione della figlia. L’uomo, benché abbia il
doppio degli anni di Jane, è energico e interessante e, innamoratosi della
ragazza, chiede la sua mano. Sembra la realizzazione di un sogno, fin quando
Jane non scopre l’allucinante realtà: Edward ha già una moglie che vive reclusa
in un’ala della magnifica residenza, perché pazza. Jane fugge via ma farà
ritorno quando saprà che l’uomo è diventato cieco nell’incendio del castello
appiccato dalla moglie in cui vi è morta lei stessa.

Sabato
17 gennaio

h
19 Il processo

Domenica
18 gennaio

h
15 Quarto potere

Mercoledì
21 gennaio

h
17 L’infernale Quinlan

Venerdì
23 gennaio

h
17 Rapporto confidenziale (Mr. Arkadin)

Sabato
24 gennaio

h
15 Macbeth

Lunedì
26 gennaio

h
19 Falstaff  

INFO:

T 02.87242114 /info@cinetecamilano.it/www.cinetecamilano.it

MODALITÀ
D’INGRESSO:

Biglietto
d’ingresso: intero € 7,00

Biglietto d’ingresso ridotto per
possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 5,50

Proiezione pomeridiana feriale:  intero € 5,50,
ridotto € 3,50.

Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del
Cinema – e all’ Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

Uncategorized

ROCK TARGATO ITALIA Vincitori della XXVIII edizione #ROCKTARGATOITALIA

Chiuso il sipario delle Finali Nazionali della XXVIII^ edizione di Rock Targato Italia, uno dei contest più importanti della scena musicale italiana, in programma al Legend Club di Milano dal 19 al 21 settembre. Dopo mesi e mesi di selezioni organizzate nei live-club delle maggiori città italiane, 23 artisti hanno suonato sul prestigioso palco del […]

Read More
Uncategorized

Pietro Paolo Rubens e la nascita del Barocco – Milano, Palazzo Reale 26 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 #Rubens

PIETRO PAOLO RUBENS e la nascita del Barocco Milano, Palazzo Reale 26 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 La grande mostra dell’autunno di Palazzo Reale a Milano vedrà protagonista Pietro Paolo Rubens (Siegen 1577 – Anversa 1640), artista famoso e di centrale importanza per la storia dell’arte europea, ma ancora poco o parzialmente conosciuto in […]

Read More
Uncategorized

Il Caravaggio di Roberto Longhi – Ancona – 30 settembre 2016 – 8 gennaio 2017 #Caravaggio

il_caravaggio di_roberto_longhi_quadrato Il Caravaggio di Roberto Longhi Ancona, Pinacoteca comunale Francesco Podesti30 settembre 2016 – 8 gennaio 2017 Negli ultimi anni, sono state allestite diverse mostre dedicate ad una singola opera, ad un capolavoro di particolare importanza nella storia dell’arte. Queste iniziative hanno generalmente riscosso un grande successo di pubblico, proprio perché consentono di focalizzare […]

Read More