International Open Data Day. Quando l’Arte è #Open – 22 febbraio 2014

22 febbraio
2014 – INTERNATIONAL OPEN DATA DAY

FONDAZIONE
TORINO MUSEI, QUANDO L’ARTE È #OPEN.

Primi in
Italia, Palazzo Madama, GAM, MAO e Borgo Medievale aprono l’accesso ai dati.
Immagini delle opere, informazioni su restauri, prestiti, affluenza.

Obiettivo:
trasparenza e creazione di valore.

Palazzo Madama – GAM – MAO

Operazione
trasparenza, ma non solo
. Informazione diffusa, usabilità, knowledge sharing sul patrimonio e
l’arte. Gli Open Data entrano – o meglio, escono  – dai musei di Torino il 22 febbraio prossimo
nella giornata internazionale dedicata alla libera circolazione dei dati e alla
trasparenza.

Prima in
Italia
, la Fondazione Torino Musei
aderisce con la sua rete (Palazzo Madama, la GAM, il MAO e Borgo Medievale)e scommette sull’International
Open Data Day
come l’occasione non solo per garantire l’accesso
e il riutilizzo delle informazioni ma anche – e soprattutto – per lanciare
un’azione di vera e propria fertilizzazione culturale basata sulla condivisione
e la circolazione delle conoscenze.

Banche
dati consultabili, diffusione e libera riproduzione delle informazioni
: oltre
l’accesso ai dati, garantito dalla licenza CreativeCommons
Italia 3.0
,
una vera e
propria cassetta degli attrezzi a disposizione di operatori del circuito
culturale e creativo per concepire applicazioni, servizi e prodotti innovativi.

Un’esperienza
internazionale
al passo con i più importanti musei europei e del mondo, come quelli
aderenti al movimenti degli OpenGlam (importanti esempi in Europa: British
Museum, Tate Gallery, Victoria and Albert Museum di Londra, Rijksmuseum di
Amsterdam).

Opendata.fondazionetorinomusei.itè l’indirizzo web consultabile a partire dal 19 febbraio. I dati sono
disponibili in formato aperto e coerente con gli standard internazionali, con
l’obiettivo di facilitarne consultazione e utilizzo.

Programma della giornata del 22 febbraio

(International Open data Day – Fondazione
Torino Musei)

L’Open data day è aperto a tutti i
pubblici interessati: studenti, sviluppatori informatici, blogger, giornalisti,
curiosi. È necessario iscriversi compilando il form su:

http://www.eventbrite.it/e/biglietti-international-open-data-day-italia-torino-fondazione-torino-musei-10571827621

Dalle 10
alle 17.30 tutti coloro che si saranno
registrati
avranno a disposizione un’area
dedicata e wifi free
alla GAM
(Gabinetto Disegni e Stampe piano interrato) al MAO (Giardini Giapponesi piano terra) e a Palazzo Madama (Sala del Senato primo piano) dove poter scaricare i dati e sviluppare le
prime idee creative
. Gli iscritti avranno diritto all’accesso gratuito per
tutto il giorno ai tre musei (mostre temporanee escluse).

Nel pomeriggio Palazzo Madama diventa centro
nevralgico dell’evento
  e propone, tra le 15 e le 17, tre tavoli di lavoro a cura di esperti del settore
dedicati a:

Open data(Eduardo Rispoli, Associate Partner presso Whitehall Reply)

Data Visualization(Fabio Franchino, Docente Big Dive Speech –
Todo)

Licenze Creative Commons(Federico Morando, Nexa).

Blogger e giornalistiavranno a disposizione una postazione
dedicatadalla qualepotranno seguire e raccontare
in diretta l’evento.

Viste le numerose adesioni sono stati
aggiunti anche due workshop al mattino
alla GAM  e al MAO
secondo il
seguente calendario:

ore 10.30 –  GAM Data Visualization(Fabio Franchino, Docente Big Dive Speech – Todo)

ore 11.30 – MAO  Open data(Eduardo Rispoli, Associate Partner presso
Whitehall Reply)

Open data della Fondazione
Torino Musei:

       
Dati affluenza pubblico 2013(con distinzione per tipologia di biglietto)

       
Social(metriche chiave di Facebook)

       
Google Analytics su siti musei

n. visitatori

n. visitatori unici

percentuale nuove visite

durata media della visita

n. pagine/visita (n. medio di pagine per
visita)

dispositivo utilizzato (PC, smartphone,
tablet)

       
Restauri 2012-2013

       
Prestiti 2012-2013

       
Elenco opere delle collezioni
con immagini
(a bassa
risoluzione ma senza filigrana/watermark)

Sugli OpenData:

Manuale
degli Opendata,Open Knowledge Foundationhttp://opendatahandbook.org/it/

Vademecum
opendata di dati.gov.ithttp://opendatahandbook.org/it/

Libro
Bianco per il riutilizzo dell’Informazione nel Settore Pubblicohttp://www.evpsi.org/evpsifiles/libro_bianco_v1.pdf

Pagina
wikipediahttp://it.wikipedia.org/wiki/Dati_aperti

Cultura
Italiahttp://dati.culturaitalia.it/

Europeanahttp://www.europeana.eu/

GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e
Contemporanea di Torino

Via Magenta 31 – Torino

www.gamtorino.it

Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica

Piazza Castello – Torino

www.palazzomadamatorino.it

MAO Museo d’Arte Orientale

Via San Domenico 11 – Torino

www.maotorino.it

Stradivariusconcerti.com Uncategorized

HARD ROCK CAFE VENEZIA FESTEGGIA IL GIORNO DEL RINGRAZIAMENTO

In laguna, Giovedì 24 Novembre, l’Hard Rock Cafe di Venezia propone a tutti, americani in Italia, turisti e veneziani appassionati delle specialità e delle celebrazioni made in Usa, il Thanksgiving Menu dedicato che guarda alla tradizione e il meglio della musica americana di tutti i tempi.Per tutta la giornata, il Cafe veneziano porta in tavola […]

Read More
Uncategorized

Dal 15 Settembre 2016 apre ZELIG CABARET con la stagione “ANIMAli DA PALCOSCENICO”‏ @Zeligcabaret

Dal 15 settembre tornano ad accendersi i riflettori sul palco dello Zelig Cabaret di viale Monza 140, che inizia la sua trentesima edizione con ben 30 titoli in cartellone dal titolo…“ANIMAli DA PALCOSCENICO”. Un titolo che, se da una parte vuole ricordare che solo chi è capace di darsi al pubblico con lucida follia e […]

Read More
Uncategorized

Halloween 2016 nei Castelli Stregati @halloween2016 @castellistregati @CastelliDucato

Halloween 2016 nei Castelli Stregati Le prime proposte in anteprima dei Castelli del Ducato di Parma e Piacenza: giorni e notti indimenticabili a caccia di fantasmi nell’Emilia-Romagna più misteriosa Eventi per adulti e bambini con animazione, cene, visite guidate a lume di candela. Possibilità di dormire in Castello. Per le famiglie alla ricerca di piccoli […]

Read More