TERRA&ACQUA DI DAVIDE VAN DE SFROOS AL VIA

Mi sono mosso come fa il vento che passa tra le cose spostandole quel poco
per non lasciarle uguali.
Sono stato pressante sulla terra come lo sono i buchi della pioggia
perché anche la gioia e il pianto sono cose umide
e vogliono essere assorbite durante il viaggio.
Ho bruciato rami e agitato tutti i cuori che avevo come fiamme.
Mi sono posato, calmo, come pietra sul fondo contento di attendere.
Quello che ho visto l’ho scritto su di un mantello che ho immerso nel lago…
e che poi ho steso ad asciugare tra terra e acqua.
Davide Van De Sfroos

www.batevents.com
Terra&Acqua, in viaggio con Davide Van De Sfroos
Dopo un anno di lavoro è finalmente pronto per essere presentato al pubblico il progetto “Terra&Acqua”, l’esclusivo format multimediale imperniato sulla figura artistica di Davide Van De Sfroos. Il cantautore laghée è infatti testimonial d’eccellenza, riconosciuto a tutti i livelli quale cantore del lago e delle sue bellezze. Terra&Acqua nasce proprio da una sua idea. La sua versatilità artistica ha consentito di sviluppare un progetto per raccontare il lago immaginando un itinerario in cui lo stesso autore è viaggiatore, cantore e scopritore di luoghi “non convenzionali” dove incontrare testimoni della vita quotidiana. Luoghi e persone che lo hanno ispirato per scrivere e musicare le sue canzoni o che rappresentano il territorio dandogli un’anima. Il nuovo progetto artistico non solo lo vede impegnato per la prima volta davanti e dietro alla telecamera affiancato da Dario Tognocchi, ma nel suo viaggio tra Terra&Acqua sarà anche possibile ascoltare alcuni suoi brani inediti.
I testi e la ricerca dei luoghi sono affidati al poeta laghée Vito Trombetta. I tesori d’arte sono raccontati da Clemente Tajana, preside dell’accademia di Belle Arti Aldo Galli e storico locale. Un team di giovani creativi è invece impegnato a sviluppare gli elementi grafici e le animazioni 3d. Si tratta di Samuela Chindamo che cura l’intera immagine coordinata e l’ottimizzazione del layout, Mauro Fuggiaschi per le originali illustrazioni, Diego Joppolo per gli effetti speciali in movimento e Luca Santangelo (sound designer) per l’ottimizzazione del suono.
IL LAGO, TERRITORIO IDEALE PER UNA PROPOSTA DI TURISMO “SLOW”. L’idea del viaggio poetico e musicato ben si sposa con il concetto di turismo “lento” ed ecosostenibile, un modello oggi molto richiesto sia all’estero che in Italia. Un turismo che il lago di Como è in grado di offrire grazie all’incontro con la natura e l’attività fisica (trekking, cicloturismo), l’economia rurale e agroalimentare del prodotto tipico, la storia che sconfina nella leggenda, l’arte e la cultura locale. Non a caso le analisi socio-economiche di questo territorio, universalmente percepito come luogo “magico”, confermano la grande domanda di questo tipo di turismo da chi è già prossimo alle sollecitazioni e agli stimoli della cultura folk (on the road per citare la sua fonte americana). Il progetto promuove un turismo ecososte-nibile proponendo al potenziale visitatore itinerari raggiungibili utilizzando il sistema di trasporto pub-blico regionale e locale (ferrovia, bus e battello).
AFFERMA DAVIDE: «Terra&Acqua è un viaggio che per prima cosa si fa partendo dalle proprie scar-pe, dal proprio entusiasmo, dalla propria musica. Una volta tanto si prova a voler percorrere tutto quel-lo che è stato il tragitto emotivo che ci ha portato a tutte queste canzoni. Poi però è un viaggio fatto anche di taccuini, di persone che hanno fatto fotografie, provocazioni, raccolto storie. Infine diventa un viaggio filmato dove a raccontare è un terzo occhio oltre a quelli che puoi avere tu, per vederti nel momento in cui accadono a te determinate cose proprio sul territorio.
“Terra&Acqua” è un lungo on the road dove anch’io scopro man mano luoghi, storie, leggende che magari conoscevo solo in parte o, in taluni casi, supponevo esistessero. Scene e poesie si fondono
poi con le immagini. Questa progetto è pensato anche per creare un compendio da mettere a disposi-zione per il turista. Si tratta di un’indagine nel profondo delle cose e credo che il turista ne possa gode-re appieno. A completare la proposta ci sono poi brani inediti».
TERRA&ACQUA, PARADIGMA ARTISTICO E DI MARKETING DEL TERRITORIO. Il progetto Terra&Acqua tenta di sintetizzare espressione artistica e sviluppo del territorio raccontando il lago con uno stile unico e originale. Quattro sono i canali di comunicazione previsti dando la possibilità allo spettatore, che inizialmente si approccia al lago da semplice viaggiatore virtuale, di partire lui stesso per il “suo” viaggio e poi a sua volta raccontarlo lasciando traccia delle sue testimonianze nel sito dedicato al progetto così da favorire una contaminazione di emozioni “social”.
 IL FORMAT TV. E’ strutturato in 8 puntate da 40 minuti ognuna, tante quante le tappe del viaggio che si articola da Brunate a Sorico intrecciando entrambi i versanti del ramo di Como. Viaggiatore-protagonista sarà ovviamente Davide Van De Sfroos. Dall’alba al tramonto ogni tappa sarà vissuta proprio come un viaggio. Sotto braccio DVDS avrà un libro “magico” (il richiamo alla guida è d’obbligo) capace di proiettarlo da un luogo all’altro senza così banalizzare la narrazione. Al tramonto il viaggio si concluderà in una locanda tipica per assaggiare una ricetta tipica con ingredienti a chilometro zero. Sono in fase avanzata le tratta-tive per la messa in onda in chiaro delle puntate tv su RAI 5.
 LA GUIDA E IL DOCU-FILM. In 148 pagine, formato agile e a colori, è stata ripercorsa ogni tappa del viaggio fatto in tv. Lo schema narrativo è a “cartoline di testo” e ogni quadro ha un corrispondente QRcode per collegarsi via web dal sito al video descrittivo del luogo “letto”. Per ogni tappa saranno altresì segnalate le attività ricettive micro-imprenditoriali che rispondono alle caratteristiche “on the road” del racconto: B&B, aziende agrituristiche, locande e rifugi. La guida è uscita la scorsa settimana ed è stata editata in 16.000 copie da Dmedia Group. Le copie vengono commercializzate in e-commerce sul sito www.net-book.it, nelle librerie e nei punti turistici del territorio ad un prezzo di 10 euro. Il gruppo Dmedia, ha stampato inoltre un’edizione in abbinata alle sue testate, distribuita nelle edicole lombarde di Como, Lecco, Monza e Brianza, Varese e Sondrio e promozionata nei territori di Lombardia, Piemonte, Val d’Aosta e Liguria. Acquistando la guida è possibile effettuare dal sito il download gratuito di un FILMATO di 60 minuti, proiettato in anteprima durante l’edizione 2013 del Lakecomofestival dedicato al cinema del paesaggio, a sintesi delle 8 puntate e contenente anche i brani inediti del cantautore composti per l’occasione.
I NUMERI DELLA GUIDA: – 148 PAGINE
– 25 LOCALITA’ PERCORSE (paesi, frazioni, valli, chiese…)
– 72 LUOGHI NARRATI
– 60 PERSONAGGI INCONTRATI
– 84 TRA B&B, LOCANDE, AGRITURISMI E AZIENDE AGRI-COLE FIDELIZZATE ALLA CARD
– 8 RICETTE TIPICHE PER UN MENU’ DI LAGO ASSAGGIA-TE DA DVDS:
o antipasti: tagliere di salumi e formaggi tipici, missoltino alla griglia con polenta
o primi piatti: zuppa di cipolle, riso e filetto di persico
o secondi piatti: toc, polenta unta e gallina fredda, cin-ghiale al forno
o dolci: miascia
LA CARD . Nella guida è stata inserita in esclusiva una fidelity card. La card consente di ottenere sconti del 10% sulle attività d’accoglienza segnalate e lo stesso sconto sui biglietti dei mezzi pubblici (treno, bus, battello). Se poi ci si vuole cimentare in piccole imprese sportive è possibile – sempre presentando la card – ottenere il 10% di sconto per l’acquisto di una bici-cletta ATALA la cui rete di vendita è consultabile su www.atala.it. Attivare la card è semplicis-simo: basta trascrivere il codice personale stampato sul retro nella sezione dedicata del sito www.itinerarifolk.com e, inserendo i propri dati, la card sarà attiva a tutti gli effetti. Da quel momento potrà essere esibita nei luoghi convenzionati per ottenere lo sconto. La CARD degli itinerari folk dà inoltre la possibilità di scaricare in esclusiva il video-film di Terra&Acqua della durata di 60 minuti.
IL SITO WEB. La struttura del sito web richiamerà format tv e guida. Otto itinerari e, per ogni tappa, una clip disegnata con originalità per poter lanciare il video, ma anche consultare il testo della guida e contattare le attività economiche inserite con la possibilità di prenotare on-line e pagare. Un servizio offerto alle aziende senza provvigione alcuna, ma con la richiesta di gestione autonoma dei contenuti e delle attività interattive previste dalla piattaforma web. Una speciale applicazione consentirà al navigatore virtuale di stampare una mappa del viaggio da intraprendere costruendosi un itinerario folk personalizzato. A viaggio vissuto, per ogni tappa visitata il turista potrà inoltre “postare” la sua testimonianza con foto, testi e immagini così da arricchire la descrizione dei luoghi e partecipare della loro bellezza. Entro la fine di ottobre sarà attiva anche la versione inglese del sito.
GLI EVENTI FOLK. Il turista del lago è anche cercatore di eventi folk. Da qui l’idea di organizzare tra maggio e giugno un festival dei popoli itinerante con concerti dal fascino assoluto grazie alla partecipazione di artisti da tutto il pianeta e feste dal sapore agreste per allargare l’orizzonte dal locale al global e proiettare il tutto in pieno clima EXPO.
 LE TRACCE. In loco saranno anche tracciate le tappe dell’itinerario con vetrofanie e cartellonistica ad hoc a cui corrisponderanno codici Qrcode per scaricare le informazioni via web in tempo reale. Le stesse attività inserite nella guida avranno la vetrofania simbolo degli itinerari folk.
L’ITINERARIO
L’ analisi del territorio è stata effettuata utilizzando due chiavi di lettura: la coerenza con il prodotto tu-ristico delineato e l’appeal rispetto ai contenuti artistici. Ne è emerso un itinerario in 8 tappe riassumi-bili in altrettante puntate tv e con pacchetti viaggio della durata al massimo di 7 giorni coinvolgendo complessivamente 15 comuni e le loro valli.
1. Il faro di Brunate – Torno e Monte Piatto
2. Nesso e Pian del Tivano, Zelbio e Lezzeno
3. Bellagio e passo del Ghisallo
4. La riva romantica: Moltrasio, Carate Urio, Laglio, Brienno
5. Argegno e Valle d’Intelvi
6. Lenno e Isola Comacina, Madonna del Soccorso
7. Tremezzo, Val Sanagra e San Siro
8. L’altolago: Dongo, Gravedona e Sorico
A TUTTO SPORT. “Terra&Acqua” vuole anche essere lo spunto per una full immersion sportiva lungo la sponda occidentale e orientale del Lario. Dal Bisbino al Sasso Gordona, da Brunate fino al San Primo si snodano percorsi ideali per il trekking e il cicloturismo. Il lago di Como è anche simbolo dello sport del remo, ovvero il canottaggio sia quello a sedile scorrevole che quello, forse meno famoso, a
sedile fisso. Nelle sedi di tutte le Canottieri ci sono bacheche colme di trofei anche a livello nazionale a testimonianza dell’intenso e ottimo lavoro portato avanti in decenni di attività. E a proposito di trofei, l’occhio del turista – nei percorsi proposti da “Terra&Acqua”, non può non arrivare al celeberrimo Mu-seo del Ghisallo, situato a fianco dell’omonimo santuario dove si venera la Madonna protettrice dei ci-clisti. E come non citare infine le imprese eroiche: su tutte quelle di Domenico Bernasconi e Pietro Vassena. Il primo nato a Laglio nel 1902, pugile di fama internazionale (3 volte campione d’Europa) è ancora oggi ricordato come il campione del mondo “dei dieci minuti”: tanto durò infatti la sua corona mondiale il 19 marzo del ’33 a Milano nel match contro Al Brown. Vittima di una grave ingiustizia spor-tiva, a Domenico Bernasconi il Comune di Laglio ha intitolato nel 2003 una via. Pietro Vassena, il 12 marzo del 1948, a bordo del batiscafo “C3”, salpato da Argegno, stabilì il record di profondità del lago, raggiungendo – 412 metri. Oggi Vassena è ricordato ad Argegno con un mezzobusto. L’impresa del batiscafo C3 – costruito si dice nel “garage di casa” – tuttora è oggetto di studi e leggende.
LE CARTOLINE DEL LAGO. La collaborazione con lo IED (l’Accademia Galli di Como) non si è limi-tata alla sola presenza del direttore didattico, Tino Tajana, impegnato nelle puntate del format tv a raccontare a Davide aneddoti e bellezze delle più importanti testimonianze artistiche. Davide ha infatti scattato molte foto tra una pausa e l’altra delle riprese. I suoi scatti sono stati selezionati dallo stesso artista e rielaborati dagli studenti dell’Accademia per farne una serie di 20 cartoline inedite. Un modo tutto nuovo di rappresentare il lago e le sue bellezze perfettamente coerente con la visione artistica di Terra&Acqua. Le prime cinque cartoline sono state riprodotte, associando ad ogni immagine una frase tratta dai testi di Van De Sfroos. La loro distribuzione sarà in abbinata con la guida in occasione degli eventi live.
LA NEWSLETTER. Terra&Acqua diventa inoltre un giornale interattivo per raccontare il territorio. So-no già on line i primi tre numeri del quindicinale online la cui testata giornalistica porta lo stesso nome del progetto. Le fatiche e l’estro artistico della rivista sarà aperta al contributo di tutti coloro che hanno voglia di dire qualcosa condividendo quanto di meglio il lago di Como può offrire. La rivista può essere ricevuta gratuitamente e direttamente via email abbonandosi dal sito ufficiale di Davide Van De Sfroos (www.davidevandesfroos.com ). Per inviare un proprio contributo la casella di posta è terraeac-qua@batevents.com .
LE COLLABORAZIONI. L’avventura di Terra&Acqua è stata possibile grazie al sostegno di chi questa filosofia l’ha già nelle corde del proprio agire nei campi dell’attività sociale, politica ed economica. Così tra i compagni di viaggio trovate la Regione Lombardia e la Provincia di Como; chi di territorio se ne intende come i 15 comuni di TORNO, NESSO, LEZZENO, ZELBIO, BELLAGIO, MOLTRASIO, CARATE URIO, LAGLIO, BRIENNO, ARGEGNO, LENNO, TREMEZZO, SAN SIRO, DONGO, GRAVEDONA; chi di lentezza e di bellezza se ne intende come il Touring club, Slow Food e l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli; chi sa di economia e sviluppo come la Camera di Commercio di Como; chi tutela il lago e il territorio come il BIM , il consorzio del bacino imbrifero montano, e Comodepur; chi sostiene le imprese come la Banca di Credito Cooperativo di Alzate e Alta Brianza; chi è capace di portarci da un posto all’altro come Spt holding, ASF, TRENORD e la Navigazione Lago di Como. Infine sono 84 tra Bed&breakfast, locande, agriturismi e aziende agricole, le attività che hanno aderito al progetto consentendo di tracciare una vera e propria “rete del gusto e dell’accoglienza” lungo l’intero itinerario.

You may also like...