VIAGGIO TRA I SAPORI DI MAURITIUS

Milano,
22 febbraio 2016

Situata
nell’Oceano Indiano, Mauritius è un
melting
pot

di culture che si fondono in armonia: la varietà dell’isola si
apprezza sopratutto tavola, scoprendo una gastronomia del tutto
nuova, che ha reinventato le tradizioni d’origine per esaltare le
risorse naturali del luogo, creando un gustoso mix unico al mondo. 

L’EVENTO
DA NON PERDERE

Dal
12 al 20 marzo
2016 si terrà l’11° edizione del
Festival Culinario Bernard Loiseau presso il Constance
Belle Mare Plage
, elegante resort dall’atmosfera tropicale
sulla costa orientale di Mauritius. Il festival rappresenta il più
importante appuntamento gastronomico dell’isola, durante il quale
sei chef stellati (Marc de Passorio, Oliver Roeder, Yusuke Goto,
Tommi Tuominem, Michel Husser e Berwyn Davies)
lavoreranno a quattro mani con gli chef degli hotel Constance,
per dar vita a piatti creativi e originali che saranno valutati da
una giuria internazionale, presieduta da Dominique Loiseau, vice
presidente di Relais & Châteaux, e dallo chef due stelle
Michelin e fondatore del festival, Patrick Berton. In programma
durante il festival, tre cene speciali presso i ristoranti La
Spiaggia e Deer Hunter, firmate da chef di prestigio internazionale,
e una lezione di cucina con l’esperto di pasticceria e blogger
francese Mercotte e con lo chef stellato Cyril Lignac.

A
SPASSO TRA LE SPEZIE

Coloratissime
ceste di zafferano e peperoncino, profumo di vaniglia e frangipane,
frutta e verdura di stagione e l’immancabile tè alla vaniglia: i
mercati di Mauritius sono il punto di partenza ideale per un tour
alla scoperta dei sapori e dei profumi dell’isola di Mauritius. Il
più famoso è quello della capitale
Port
Louis
:
aperto tutta la settimana tranne la domenica e il sabato pomeriggio,
è composto da due sezioni, una interamente dedicata ai prodotti
agricoli locali e l’altra a tessuti e oggetti di artigianato. Nella
parte orientale dell’isola, il mercato di
Flaq
è il più grande di Mauritius, ricco di pesce e crostacei appena
pescati, frutta e tè alle erbe. È aperto tutti i giorni, ma si
consiglia di visitarlo il mercoledì e la domenica quando si possono
trovare un maggior numero di bancarelle.

LUNGO
LA VIA DEL TÈ

La
Route
du Thè
è
un itinerario nel cuore dell’entroterra di Mauritius alla scoperta
della
storia,
della tradizione e delle tecniche di produzione del tè mauriziano,
uno dei prodotti simbolo dell’isola. Il percorso inizia
con
la visita al
Domaine
des Aubineaux, una

dimora coloniale della fine del 19° secolo, prosegue con una visita
alla
fabbrica
del tè di
Bois
Chéri
seguita da degustazione, per concludersi a
Le
Saint Aubin
,
una
maison
creole

oggi trasformata in una raffinata
table
d’hôte
,
dove assaggiare i piatti della tradizione creola immersi tra i
giardini di vaniglia e anthurium.

LE
SPECIALITÀ


LOCALI: ZUCCHERO & RUM

Dalle
piantagioni di tè a quelle di canna da zucchero, una delle più
importanti risorse dell’isola, dalla quale viene realizzato il
pregiato rum mauriziano.
L’Aventure
du Sucre
consente
di visitare un
antico
zuccherificio riconvertito in area espositiva,dove sono presenti
antichi macchinari, ma anche video e quiz interattivi per i più
piccoli. Al termine della visita è possibile degustare e acquistare
i vari tipi di zucchero: a Mauritius se ne producono ben 15 varietà,
dal bianco al bruno dorato fino al marrone scuro. Direttamente
collegata alle piantagioni di zucchero è la produzione de famoso rum
mauriziano: questa bevanda esotica viene prodotta in diverse
distillerie dell’isola tra cui la suggestiva
Rhumerie
de Chamarel
,
immersa nel verdeggiante entroterra. Qui è possibile scoprire tutti
i passaggi della distillazione e degustare i diversi tipi di rum
prodotti, da quello puro dal caratteristico colore bianco a quelli
aromatizzati con prodotti locali come la vaniglia.

IL
LUSSO A TAVOLA

All’interno
del Royal Palm, La
Goélette
è un ristorante elegante dove gustare i piatti più
raffinati della cucina internazionale, realizzati con il tocco
creativo del pluripremiato chef francese Michel de Matteis sulla
grande terrazza affacciata sul mare oppure nella Table du Capitan,
intima saletta privata. Si trova all’interno di LUX* BELLE MARE il
ristorante Amari
by Vineet
, uno degli indirizzi da non perdere a Mauritius.
Qui, lo chef stellato Vineet Bhatia, che ha reinventato con talento e
fantasia i sapori classici della tradizione, propone piatti
innovativi ispirati alla cucina indiana.

LA
TRADIZIONE DELL’ISOLA NELLA CUCINA CREOLA

Per
apprezzare appieno la tradizione culinaria di Mauritius, non può
mancare una tappa nel ristorante che meglio rappresenta la cultura
dell’isola: La Belle Kreole, a Mahébourg, propone il
perfetto mix di sapori speziati, orientali e raffinati che hanno dato
vita alle ricette tipiche mauriziane, come il kari pwasson,
piatto di pesce al curry o i boulet manioc, soffici crocchette
a base di manioca. Nel ristorante sono presenti spazi dedicati
all’artigianato e alla creatività locale, che lo rendono un vero
tempio della cultura creola.

Per
scoprire la cucina
casalinga di Mauritius, Shanti Maurice propone l’esperienza
culinaria
La
Kaze Mama
, durante la quale assaporare i migliori
piatti della tradizione preparati da una vera nonna
mauriziana e realizzati con gli ingredienti freschi raccolti
nell’orto del resort. Si inizia con un cocktail di benvenuto a base
di rum, succo di limone, zenzero e spezie per poi osservare la nonna
nella preparazione del “Faratha”, il tipico pane mauriziano. La
serata prosegue con una cena a buffet, con insalate, curry, dolcetti
tipici e frutta tropicale. Insieme alla sua famiglia, la nonna
servirà i piatti ai commensali, fornendo consigli sulla cucina e
raccontando storie della vita sull’isola.

UN
PO’ DI INNOVAZIONE: LA “CUCINA DELLE ISOLE” E IL CAFE DES ARTS

Tra
i rigogliosi giardini di Chateaux de Labourdonnais, il ristorante
La
Table di Chateau

propone
l’originale “cucina delle isole”: i piatti nascono dalla
fantasia dello chef italiano Fabio de Poli che combina le più
moderne tecniche internazionali con prodotti locali di qualità,
coltivati nell’orto della tenuta, dando vita a sofisticate delizie,
come marlin affumicato accompagnato da un tortino di mascarpone con
cuore di cocco e chips di banana.

Al
Café
des Arts
,
arte, cultura e gastronomia si fondono nella location di un antico
mulino, che oltre al ristorante, ospita la Maniglier Foundation,
l’Art Gallery and Museum e il Maniglier Workshop. In linea con
l’atmosfera artistica e contemporanea del luogo, ogni piatto del
Café des Arts riproduce una delle tele astratte di Maniglier.

LE
DELIZIE DA ASSAGGIARE

I piatti principali della cucina
mauriziana sono a base di pesce e crostacei, ricchi di spezie come
curcuma, zenzero, coriandolo e vaniglia: ad esempio, il
chutney,
una profumato piatto a base di frutta e verdura con peperoncino,
coriandolo, aglio e cipolla. Da non perdere inoltre un assaggio di
marlin affumicato, una vera prelibatezza. Il piatto più tipico è il
c
arri
a base di carne, pesce o verdura cucinati con spezie e accompagnato
da riso bianco e
rougaille,
una salsa piccante con pomodoro. Sulle tavole mauriziane non può
mancare neanche l’
achard,
un condimento agrodolce a base di frutta e verdure tritate e pepate.
A fine pasto, non c’è niente di meglio che gustare il
coulé,
il caffè filtrato con la vaniglia.

LA
RICETTA DA PROVARE A CASA

Ananas à la
créole

Ingredienti:
ananas, zucchero, acqua, rum, vaniglia, ciliegie candite.

Tagliare l’ananas
a fette eliminando il centro. Sciogliere sul fuoco lo zucchero con
l’acqua e aggiungere il rum e la vaniglia ottenendo uno sciroppo.
Immergere per 3 ore l’ananas e le ciliege nello sciroppo ottenuto
rimestando di tanto in tanto.

Servire l’ananas
con al centro la ciliegia e irrorare con lo sciroppo. Semplice e
perfetta da accompagnare con gelato alla vaniglia.

MTPA
– Ente del Turismo Isola di Mauritius

c/o
AIGO

L’Ente
del Turismo Isola di Mauritius (MTPA – Mauritius Tourism Promotion
Authority), costituitosi in base al “MTPA Act” nel 1996, fa capo
al Ministero del Turismo, guidato dall’Onorevole Xavier-Luc Duval.
L’obiettivo dell’Ente, la cui Direzione è affidata a Kevin
Ramkaloan, è di promuovere in tutto il mondo l’isola di Mauritius
come destinazione turistica, con lo scopo di incrementare il flusso
di arrivi, aumentare la permanenza media e l’indotto generato dal
turismo con particolare attenzione all’impatto ambientale e al
turismo di alto profilo. Per ulteriori informazioni, visitare il sito
http://www.tourism-mauritius.mu/

Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More