Press "Enter" to skip to content

I BRONZI DI RIACE ALL’EXPO DI MILANO SETTIMANA DEL PROTAGONISMO DELLA CALABRIA

I
BRONZI DI RIACE ALL’EXPO  DI MILANO

SETTIMANA
DEL PROTAGONISMO DELLA CALABRIA

Aggiungi didascalia

Museo
Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Sala
conferenze

Reggio
Calabria – venerdì 25 settembre 2015 – Ore 11.00

Venerdì
25 settembre 2015, alle ore 11.00, a Reggio Calabria, presso la sala
conferenze del Museo
Archeologico
Nazionale di Reggio Calabria, si terrà una conferenza stampa per
illustrare l’iniziativaI BRONZI DI RIACE ALL’EXPO  DI
MILANO – SETTIMANA DEL PROTAGONISMO DELLA CALABRIA
.

Interverranno:
Salvatore Patamia, Segretario Regionale MIBACT e Commissario del
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria; Patrizia Nardi,
assessore alla Cultura del Comune di Reggio Calabria; Demetrio
Crucitti, Direttore Generale della  RAI – Sede Regionale per la
Calabria e il regista Rai Luigi Ciorcioli.

Con
riferimento agli accordi di collaborazione tra Museo Archeologico
Nazionale di Reggio Calabria, il Comune di Reggio Calabria, la
Regione Calabria e la RAI – Radio Televisione Italiana – verrà
data informazione sul filmato in Ultra HD/ 4K sui Bronzi di Riace che
sarà in visione all’Expo di Milano nella settimana del
protagonismo calabrese.

Ultra
HD/4K
 è la
nuova televisione  con una definizione delle immagini quattro
volte superiore rispetto al full HD. Si tratta di uno standard della
televisione del futuro, che presto rivoluzionerà l’esperienza di
visione attraverso grandi schermi, anche curvi, capaci di avvolgere
letteralmente lo spettatore.

Lo
standard 4k afferma il regista Luigi Ciorcioli della Rai – che
sarà presente alla conferenza stampa –  è la nuova sfida
lanciata dalla tecnologia digitale: dare alla televisione la stessa
definizione del cinema. Non si tratta solo della fine dell’epoca
della chimica il 4k cambia radicalmente anche il linguaggio
televisivo. Maggiore definizione vuol dire maggiore capacità di
dettagliare le cose, di moltiplicare il senso di profondità
dell’immagine e di aumentare il senso di realtà. La nuova
definizione porta a riconsiderare la composizione delle immagini
ridefinendo i rapporti interni dei volumi e dei colori.