BIG MAMA – PROGRAMMA CONCERTI DAL 23 AL 29 GENNAIO; AYNE’ QUINTET, BIANCA BLUES & I SETTE SOUL, BLUE STUFF, RINO GAETANO BAND, MR WOLF…

santoro_ayne

GIOVEDI 23 GENNAIO
AYNÉ QUINTET
INGRESSO LIBERO
CONCERTO ORE 22,30

Esordio al Big Mama per questo nuovo ensamble guidato dal vocalist Arnaldo Santoro, giovanissimo talento romano eppure già con una solida esperienza alle spalle, che include un paio di anni come corista nella band di Gegé Telesforo. Arnaldo è un musicista raffinato, capace di interpretare in modo personale ed elegante qualunque brano musicale. Il repertorio di questa sera spazierà da Stevie Wonder ad Anthony Hamilton, dai Daft Punk a Pharrel, con una rivisitazione completa, quasi uno stravolgimento, con tinte di Elektro R&B Contemporary, fino al punto di non poterli quasi riconoscere. A questi si aggiungono alcuni brani originali, per un progetto coraggioso e personalissimo, che appassiona al primo ascolto.

ARNALDO SANTORO (VOCE) – ALESSANDRO SANNA (BASSO) – FABIANO LELLI (CHITARRA ACUSTICA) – SEBY BURGIO (PIANO E KEYS) – DARIO PANZA (BATTERIA).

VENERDI 24 GENNAIO
BIANCA BLUES E I SETTE SOUL
INGRESSO LIBERO
CONCERTO ORE 22,30

Oltre 20 anni di attività per la storica band romana dei Bianca Blues & 7 Soul con all’attivo due album, uno dal vivo ed il secondo registrato in studio. In scaletta grandi successi del Soul e Rhythm ‘n Blues: da “Knock on Wood” a “My Girl” e “Mustang Sally”, tutti intrepretati magistralmente dalla grande voce di Fulvio Tomaino e con l’energia e l’impatto sonoro di una delle migliori sezioni fiati in circolazione.
Stax, Motown, Chess, Rhino. Quattro nomi che hanno fatto la storia della musica nera negli Stati Uniti. Un’evoluzione musicale e una rivoluzione culturale che ha investito milioni di persone. Fra questi molti musicisti sono stati coinvolti attivamente in quella che è stata chiamata la consapevolezza nera, e quindi la lotta per l’affermazione degli afroamericani nel proprio paese e nel mondo intero. Artisti come curtis Mayfield, Ray charles, Aretha Franklin, Otis Reddig, Sam Cooke , Al Green fino ad arrivare ai più impegnati Marvin Gaye, War, James Brown, hanno contribuito al pari di coraggiosi uomini politici neri e personalità dell’epoca (Malcolm X, Martin Luther King, Muhammad Alì) all’affermazione della comunità afroamericana. Le canzoni trasmesse dalle radio hanno fatto ballare speranzose generazioni nei quartieri poveri di New York, Chicago, Detroit, New Orleans. La leggenda di quel sound è ancora presente nella musica e nella cultura odierna. BIANCA BLUES & I SETTE SOUL sono da anni portatori di questo suono, inconfondibile.
Soul, funk e Rhythm’n’ blues si mescolano in uno spettacolo di una band di nove elementi con una starordinaria sezione fiati. FULVIO TOMAINO (voce), ALFREDO BOCHICCHIO (chitarra), MASSIMILIANO CIAFREI (tastiere), MASSIMO NANNI (basso), STEFANO MARAZZI (batteria), SERGIO VITALE (tromba), LUCA GIUSTOZZI (trombone), CARLO MICHELI (sax alto), PAOLO TOMASSINI, (sax baritono), BRUNO COLTRE (sax tenore)

SABATO 25 GENNAIO
BLUE STUFF
INGRESSO LIBERO
CONCERTO ORE 22,30

I BLUE STUFF nascono a Napoli nel 1982, grazie all’iniziativa di Mario “Blue Train” Insenga, già animatore di un precedente progetto musicale che aveva dato vita ai Blue Box. Sin dall’inizio la band si caratterizza come una sanguigna blues band fedelmente dedita al Chicago Style. Così, mentre apparentemente i BLUE STUFF sembrano impegnati in un coerente recupero di un certo blues ilologico. Di fatto però, attraverso le loro performance, dimostrano come un linguaggio musicale antico possa rimanere di grande attualità e di grande coinvolgimento emotivo. La semplicità ed immediatezza delle strutture ritmiche, la pulizia degli schemi armonici e melodici, il calore della voce e, soprattutto, la passione per il blues e più in generale per la musica, fanno del suono BLUE STUFF un esempio di vitalità musicale. Infatti il tratto saliente del progetto sta nel fatto che esso “brilla di luce propria”, ciò a dire che i BLUE STUFF suonano del Chicago Blues, ma l’originalità delle loro composizioni li pone come una blues band viva e pulsante. D’altronde, testimonianza della vitalità di questo gruppo e’ la sempre calda accoglienza ricevuta da parte del pubblico che non resta mai impassibile di fronte alla irresistibile miscela di musica, simpatia e spettacolarità. Sul finire del 1991 nasce le collaborazione con Joe Sarnataro, ovvero l’alter ego blues di Edoardo Bennato. Nasce così il disco “E’ Asciuto Pazzo ‘O Padrone”, colonna sonora di un musical e con un lungo tour europeo. Nel 1994 a esce “L’Acqua e’ Poca” per la Sony, nel 1999 “Roba Blues” per la Cheyenne Records che pubblica anche l’ultimo lavoro “Altra Gente, Altro Blues” un nuovo CD che vede – tra gli altri – la partecipazione del polistrumentista partenopeo DANIELE SEPE. Il disco, che contiene 11 tracce originali,è una ulteriore testimonianza della capacità di questa band di saper comporre e suonare brani propri, affiancando al blues il dialetto napoletano, senza perdere il carattere dominante di questa musica.

MARTEDI 28 GENNAIO
RINO GAETANO BAND
INGRESSO LIBERO
CONCERTO ORE 22,30

Sono molti anni che la RINO GAETANO BAND – gruppo coordinato da Anna, sorella del cantautore, e che vede la presenza di Alessandro Gaetano, nipote di Rino – si esibisce al Big Mama. Una band poderosa, dal suono pieno e venato di rock, che grazie alle voci di Alessandro G, Federico D’angeli e Marco Morandi (si proprio lui, il figlio di Gianni…) riesce a proporre tutto il repertorio di Rino, anche alcuni brani meno conosciuti e forse proprio per questo più attesi.
Nato il 29 ottobre 1950 e scomparso a soli 31 anni in seguito ad un incidente stradale, è stato considerato un artista decisamente “avanti” per i suoi tempi. Rino Gaetano ha avuto il merito di aver inserito un linguaggio che univa ironia, denuncia, satira, in un solo apparente stile scanzonato: un analista spietato e lucido dei malcostumi del suo tempo, dei vizi e delle abitudini che ci circondano. Le canzoni di Rino Gaetano hanno conosciuto – negli ultimi anni – una nuova giovinezza. Riscoperta dai giovanissimi, utilizzata in importanti campagne ubblicitarie, la musica di Rino continua a piacere e ad emozionare, a dispetto del tempo e del cambio generazionale. Un segno evidente che contraddistingue l’arte dalla pura musica commerciale.
La RAI ha dedicato una fiction in due puntate alla vita del cantautore, calabrese di nascita e romano di adozione. Il Comune di Roma gli ha intitolato una strada, nei pressi del quartiere Montesacro dove viveva. Ci restano anche alcuni filmati – pochi per la verità – per cercare di capire e conoscere meglio questo artista stravagante e illuminato, come quello che potete visualizzare in questa pagina. In concerto ci sarà la RINO GAETANO BAND, con la presenza di Alessandro, nipote di Rino, e la splendida voce di Marco Morandi.
Marco Morandi (voce e chitarra) – Alessandro Gaetano (Voce , Chitarra, Gingilli) – Yuri Carapacchi (Batteria) – Menotti Minervini (Basso) – Andrea Ravoni (Chitarra Elettrica) – Federico D’angeli (Voce e chitarra) – Giorgio Amendolara (Tastiere)

 
MERCOLEDI 29 GENNAIO
Mr. WOLF
PRESENTAZIONE CD “Problem Solved”

INGRESSO LIBERO
CONCERTO ORE 22,30

Il nome viene dal capolavoro Tarantiniano “Pulp fiction”, in cui Harvey Keitel vestiva i panni di Mr Wolf “risolvo problemi”. L’idea del progetto Mr Wolf nasce invece dalla grande passione di NERIO “PAPIK” POGGI (già autore ed arrangiatore per Mario Biondi, Matt Bianco, Amanda Lear) e ALFREDO BOCHICCHIO (versatile chitarrista, autore ed arrangiatore, con numerose collaborazioni alle spalle tra cui Franco Micalizzi, Amanda Lear, Matt Bianco, Mario Biondi, Neja) per la musica West Coast.
Il CD si compone di 12 brani originali di stampo Rock Blues che riportano alla mente band come Steely Dan, Chicago, Eagles, Bobby Caldwell, fino a Robben Ford, fino al più recente John Mayer.
Protagonista assoluto è il cantante ALAN SCAFFARDI, voce solista di PAPIK e recentemente protagonista dell’edizione 2013 di X-Factor Italia, perfettamente calato con la sua voce graffiante nelle atmosfere dei brani.

Coinvolti altri importanti musicisti come TOTO IELASI al basso, MARCELLO SURACE alla batteria (noto per aver accompagnato artisti quali Giorgia, Noemi, Alex Britti, Alex Baroni, ecc.) e CLEMENTE FERRARI (tastierista e arrangiatore degli ultimi album di Max Gazze’).
Nel cd altri musicisti importanti appaiono come ospiti: il talentuoso armonicista siciliano Giuseppe Milici, collaboratore di artisti come Antonella Ruggero e Fabio Concato e considerato uno dei migliori esperti italiani dello strumento; Massimo Idà, tastierista e arrangiatore di numerosi artisti italiani e direttore d’orchestra per numerose produzioni Mediaset, Carlo Conti e Carlo Micheli, grandi sassofonisti che vantano collaborazioni prestigiose a livello internazionale, Massimo Guerra, tromba tra le altre cose della nota band cubana “mercadonegro”, Simone “Federicuccio” Talone alle percussioni Ambrogio Frigerio al trombone,  ed Ely Bruna con un cameo di cori gospel sul brano “You bring me joy”.

You may also like...