Press "Enter" to skip to content

The Ladies in Jazz – 11 Maggio 2013 ore 21,00 c/o Teatro Osoppo – A tribute to Ella Fitzgerald,Sarah Vaughan e Billie Holiday

“Jazz must be a woman” recitava il primo verso di un vecchio

brano di Ted Joans “il jazz deve essere donna”, proseguiva il

testo “perche l’hanno amato Richard Abrams, George Adams,

Pepper Adams, Cannonball Adderley”, e cosi via recitando in

ordine alfabetico tutti i nomi dei grandi del jazz, giù fino a Joe

Zawinul … Certo, se cosi tanti uomini l’hanno amato, il jazz

non può essere che una donna……

La voce del jazz canta soprattutto al femminile, e la storia di

questa musica è zeppa di first ladies, figure insostituibili e

mitiche come Bessie Smith, Anita O’Day, Ella Fitzgerald, Billie

Holiday, Dinah Washington, Sarah Vaughan, Carmen McRae, Betti Carter, Nina Simone (e si

potrebbe continuare ad libitum).

Fu proprio una donna Filosofo Susan Langer, a spiegarci che la musica altro non è che il linguaggio

dei sentimenti, chi meglio delle donne può scandagliare e rappresentare la profondità dei

sentimenti, e quindi di quel linguaggio?

‐Filippo Bianchi

Sabrina Bellini Voce

Alberto Caiani Tromba e flicorno

Sandro Gessa Sax tenore, sax baritono e flauto traverso

Massimo Rovati Contrabbasso

Cristian Visconti Pianoforte e Voce

Carlo Vicenzetto Chitarra elettrica

Domenico Cortese Batteria

Sabato 31 ottobre ore 21.30 I Quartieri Jazz di Mario Romano percorrono i ritmi di un atipico Halloween in Jazz a Palazzo Venezia

Mission News Theme by Compete Themes.