eadv aut

Accettazione Cookies

Adv1

OVERLAY

Cerca in Eventinews24.com

Caricamento in corso...

giovedì 30 luglio 2015

Presentata la stagione 2015-2016 della De Sono

Concerti e Attività 2015-2016


La stagione 2015-2016 vede la De Sono concentrarsi sui propri obiettivi statutari, che in 27 anni di storia dell’Associazione hanno portato a produrre oltre 130 concerti, ad assegnare oltre 210 borse di studio, a pubblicare circa 50 volumi e organizzare cicli didattici, grazie ad accademie di formazione e masterclasses.


Concerti

La stagione di concerti 2015-2016 è costituita da otto appuntamenti a ingresso libero che si svolgono, con una eccezione, presso il Conservatorio «Giuseppe Verdi» di Torino (piazza Bodoni 6) con inizio alle 20.30. Tre progetti speciali che coinvolgono interpreti di levatura internazionale, tre concerti dei borsisti, recenti e passati, dell’Associazione e due appuntamenti con l’ensemble Archi De Sono scandiscono questo nuovo cartellone, che attraversa quattro secoli di musica, partendo dal tardo rinascimento e spingendosi fino alla musica contemporanea. Si inaugura il 5 ottobre 2015 con sei borsisti capitanati dal clarinettista Michele Marelli, recentemente insignito del Premio Rubinstein del Teatro La Fenice di Venezia, e si chiude il 30 maggio 2016 con l’ensemble Odecathon diretto da Paolo da Col, protagonista di un concerto che mette a confronto antico e contemporaneo, avvicinando musiche di Gesualdo da Venosa e Wolfgang Rihm.
Fiori all’occhiello di questa nuova stagione sono gli appuntamenti del 15 marzo con il violinista tedesco Kolja Blacher, protagonista della seconda Jazz Suite di Šostakovič, e il concerto straordinario del 23 novembre con il violoncellista Thomas Demenga e i suoi allievi, per una serata in ricordo di Giovanni Camerana, offerta dalla stessa famiglia nella ricorrenza dei trent’anni dalla scomparsa. Grande interesse ancora per la sedicenne borsista Erica Piccotti, promessa del violoncello italiano, protagonista di un recital il 14 dicembre.
Archi De Sono, orchestra da camera nata e cresciuta in seno all’Associazione, è interprete il 2 novembre dello Stabat Mater di Pergolesi e il 30 novembre accompagnerà il prodigioso Daniil Bulayev, violinista lettone undicenne a cui verrà assegnata la terza edizione del Premio Renzo Giubergia.
Eccezionalmente al Piccolo Regio, il 13 aprile alle 21, il Quartetto Maurice e il Trio Casella presenteranno un programma monografico che si inserisce nel progetto trasversale Sistema Musica: Casella, che coinvolge le principali istituzioni musicali della Città, impegnate nel rilancio del grande compositore torinese.


Borse di Studio

Prosegue sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica l’attività di sostegno ai giovani musicisti piemontesi. Grazie al contributo della Compagnia di San Paolo sono 24 i giovani che nel 2015 stanno beneficiando di una borsa di studio della De Sono per perfezionarsi presso prestigiose istituzioni internazionali e anche per il 2016 si prevede, compatibilmente con le esigenze di bilancio, un’analoga attività.  L’uscita del bando per le assegnazioni del 2016 è prevista per l’autunno 2015.
Per il terzo anno consecutivo viene inoltre rinnovata la collaborazione con il Conservatorio di Torino, che vede l’assegnazione, in seguito ad audizione, di tre borse di studio destinate ai migliori studenti non residenti in Piemonte che frequenteranno l’istituto nell’anno accademico 2015-2016.
Editoria

Il contributo della De Sono al progetto Sistema Musica: Casella non si limita al concerto del 13 aprile, ma coinvolgerà anche l’attività editoriale. In vista dell’uscita, prevista dopo l’estate, del trentatreesimo volume della collana Tesi, il comitato scientifico composto da Giorgio Pestelli e Lorenzo Bianconi ha selezionato il lavoro di Francesco Fontanelli, dedicato alla produzione espressionista di Alfredo Casella. Messinese, classe 1988 e laureato nel 2013 presso l’Università di Pavia – Cremona sotto la guida di Gianmario Borio e Fabrizio Della Seta, Fontanelli presenterà il suo lavoro al Piccolo Regio lo stesso 13 aprile alle 19.30 prima del concerto.


Formazione e Masterclass

Sul fronte delle attività di formazione diretta, prosegue un’altra collaborazione con il Conservatorio di Torino sostenuta dalla Compagnia di San Paolo. Dopo le due masterclasses del violoncellista Thomas Demenga, negli anni accademici 2013-2014 e 2014-2015, è il pianista serbo Aleksandar Madžar il docente individuato per la masterclass del 2015-2016, che coinvolgerà i migliori allievi pianisti della scuola e una selezione di giovani scelti dalla De Sono.
Il grande apprezzamento ricevuto dalla docenza di Thomas Demenga nel precedente biennio ha convinto inoltre la De Sono a organizzare una nuova serie di incontri che si svolgeranno internamente all’Associazione.


Collaborazioni

Le attività della stagione vedono infine una serie di concerti in collaborazione con importanti realtà del panorama torinese.
    Su tutte spicca la sinergia, avviata dal 2013, con la Fondazione Renzo Giubergia. Oltre alla già citata terza edizione dell’omonimo Premio, che pure rientra nella programmazione ordinaria della De Sono, per la fine del mese di settembre è in fase di definizione un concerto nella Basilica di Superga e altre attività sono previste per il primo semestre del 2016. Il prossimo 30 giugno, sulle rive del Po, è inoltre in programma un concerto all’aperto che vedrà l’esecuzione della Water Music di Händel.
    Proseguirà inoltre la collaborazione con la Fondazione Mario Merz, nell’ambito della seconda edizione del Mario Merz Prize, rivolto ai giovani compositori emergenti.
Di grande interesse musicologico, oltre che musicale, il concerto, in programma il 15 ottobre, curato per l’Accademia Filarmonica – Società del Whist, di cui la De Sono, tra il 1999 e il 2002 digitalizzò il poderoso archivio manoscritto delle opere rappresentate al Teatro Regio di Torino tra il 1754 e il 1785. Da questo corpus sono state selezionate alcune arie di J.C. Bach, Galuppi, Gasparini e Sacchini, che saranno cantate dal soprano Rossella Giacchero, accompagnata da un quintetto d’archi e continuo.
Da segnalare ancora, il 18 aprile alle 18.30 nell’Aula Magna del Politecnico di Torino, la partecipazione di un sestetto d’archi formato dai borsisti della De Sono nell’ambito della stagione Polincontri Classica, per un programma comprendente pagine di Čajkovskij e Schulhoff.
   

I concerti e le attività 2015-2016 sono rese possibili grazie al sostegno dei Soci, degli Amici e di Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piamonte, Camera di Commercio di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, FCA, Exor, Reale Mutua, Banca Patrimoni Sella, Sadem Arriva, Ersel, Buzzi Unicem, Bolaffi.

Adv11