I vincitori del premio GIST Green Travel Award 2024

Gist

Riomaggiore in Liguria e la Germania migliori Green Destination; in Sardegna e alle Seychelles le migliori Green Accommodation; in Vietnam il miglior Green Family Eco-Hotel; Ruta40 miglior Green Tour Operator; a KLM il nuovo Premio Best Practice dedicato alla Mobilità sostenibile; all’Irlanda West Atlantic Way la Menzione d’Onore Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

Giunto alla 12^ edizione, il Premio GIST GREEN TRAVEL AWARD è destinato alle eccellenze del turismo sostenibile e responsabile.

Cinque le categorie oggetto di valutazione e selezionate dalla giuria: 1) Best Green Destination (Italia ed Estero); 2) Best Green Accommodation (Italia ed Estero); 3)
Best Green Family Eco-Hotel; 4) Best Green Tour Operator; 5) Best Practice Mobilità. A queste si aggiunge una Menzione d’onore dedicata al Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (2021-2030), coordinato da IOC-UNESCO.
Nato da un’idea delle giornaliste Sabrina Talarico, presidente del GIST, e Diana de Marsanich, presidente di GTA, il prestigioso riconoscimento è destinato alle migliori realtà italiane e straniere della ricettività e mobilità turistica, che sposano una filosofia rispettosa dell’ambiente.

La giuria del premio GIST Green Travel Award è composta da giornalisti, direttori di testata, tutti soci GIST: Paola Babich, Elena Barassi, Chiara Bidoli, Ornella D’Alessio, Raffaele D’Argenzio, Isabella Goldmann, Piergiorgio Oliveti, Elena Pizzetti, Marco Restelli, Edoardo Stucchi.

Best Green Destination Italia: Riomaggiore

Riomaggiore, primo borgo delle Cinque Terre in Liguria, è la Best Green Destination Italia.
Un luogo spettacolare, ma fragile. La particolare conformazione – compresa tra il mare e il crinale dei monti su cui sono arroccati i borghi- rende infatti il territorio vulnerabile ai fenomeni atmosferici, sempre più estremi, e agli effetti dannosi di un turismo frenetico, rovinoso per la conservazione del patrimonio culturale del luogo. Grazie al lavoro incessante, la Via dell’Amore sarà riaperta integralmente entro il 2024: il ripristino del percorso che collega Riomaggiore a Manarola è stato concepito con interventi a basso impatto ambientale, gli accessi saranno contingentati e prevedono l’accompagnamento con guide ambientali. La scopo? Trasformare questo patrimonio paesaggistico in una sorta di museo diffuso delle Cinque Terre.

Il premio è stato ritirato da Fabrizia Pecunia, sindaco del comune di Riomaggiore e membro del Consiglio direttivo del Parco Nazionale delle Cinque Terre, tra le artefici della riapertura del primo tratto della Via dell’Amore, dopo 11 anni dalla frana del 2012.

Iaphet Elli

Iaphet Elli, blogger, ho partecipato come editor a ExpoMilano2015.
Collaboro con diversi uffici stampa di città Italiane ,Stati Europei e Mondiali.