Istria Eventi – Settembre e Ottobre 2023

Konoba Malo Selo © johannes kernmayer Il calendario del gusto
Konoba Malo Selo Tea Marušić 17.7.2022 Foto: Kernmayer Photography/Johannes Kernmayer

Trattoria, osteria o taverna, le traduzioni di konoba sono diverse, ma la sostanza è una sola: ristorantini a conduzione famigliare, dove si può assaggiare la tipica cucina casalinga istriana, quella tramandata di generazione in generazione: se ne trovano un po’ ovunque, lungo la costa come nell’ondulato entroterra istriano, e formano una vera e propria mappa gourmet che può diventare ispirazione per un itinerario autunnale nella penisola a due passi dal confine italiano. 

Tra antiche mura di pietra, nelle konobe vengono serviti piatti “di una volta” come la supa (zuppa) istriana di vino rosso, condita con un goccio di olio d’oliva, un po’ di sale, pepe e una fetta di pane fatto in casa e tostato. O ancora il vitello cotto sotto la campana (peka in croato), la lombata di maiale e le salsicce accompagnate da crauti e poi i fuži (un tipo di pasta), gli gnocchi al sugo di selvaggina, gustose maneštre (minestrone tipico istriano) di verdura e, come antipasti, pecorino locale, prosciutto istriano e pancetta fatti stagionare al vento di bora. Tra le specialità che meritano una menzione a parte, i piatti a base di boškarin, il bovino autoctono istriano. Infine, per chiudere in dolcezza, da provare le frittole (frittelle), i crostoli (cenci) e i cukerančići (biscottini). 

Qui di seguito un itinerario che tocca alcune delle konobe più interessanti della penisola: piccole, accoglienti, di charme, nominate dalla guida Michelin o premiate dalla Gault-Millau.

La mappa del gusto
L’itinerario goloso inizia da Umag (Umago), graziosa cittadina di mare a una cinquantina di km da Trieste. Nel sobborgo di Petrovia si trova la konoba Nono, che offre una selezione di piatti preparati secondo le antiche ricette, in un ambiente rustico e conviviale: tra le specialità spiccano quelle con materie prime di stagione (asparagi in primavera, funghi e tartufi in autunno), e poi pasta fatta in casa, minestroni e capretto cotto sotto la campana. Spostandosi poco più a est, nell’entroterra settentrionale, si incontra il borgo di Buje (Buie) e la konoba Malo Selo, segnalata dalla guida Michelin tra i Bib Gourmand: nella sala con i muri in pietra troneggia il camino con la griglia, che invita ad assaggiare le carni cotte a fuoco vivo. Anche qui il re incontrastato dell’autunno è il tartufo, ma non si può andare via senza aver assaggiato una fetta di prosciutto maturato al vento di bora. Poco più a sud, invece, si può fare tappa a Brtonigla (Verteneglio) e alla konoba Astarea, dove Alma e Ivan Kernjus portano in tavola piatti di terra e di mare tra cui baccalà alla maniera istriana, insalate di polpo o granchio, risotti al nero di seppia o ai frutti mare, costolette alla griglia e, per il gran finale, il loro famoso strudel di mele cotto sotto la campana.

Tornando in riva al mare Adriatico, per la precisione a Novigrad (Cittanova), la konoba Cok è la meta giusta per chi vuole assaggiare le prelibate capesante locali, considerate tra le più saporite al mondo per la mescolanza dell’acqua marina con l’acqua dolce di fiume nel bacino di Cittanova. In più ha una magnifica terrazza, perfetta per godersi il tiepido clima autunnale. Il pesce regna sovrano anche sul Canale di Leme, il cosiddetto “fiordo” dell’Istria: al ristorante Viking si va per una scorpacciata di ostriche, coltivate nello stesso canale, per i piatti ricolmi di frutti di mare e ovviamente per la vista su uno degli angoli più suggestivi di tutta la costa istriana. Scendendo ancora più a sud, sempre lungo il litorale, da segnalare anche la konoba Alla Beccaccia di Fažana (Fasana), caratterizzata da un’atmosfera rustica e da una cucina tradizionale e gustosa (inserita tra i Bib Gourmand della Guida Rossa). Infine, sempre nei dintorni di Pula (Pola), spicca la konoba Batelina di Banjole (Bib Gourmand), dove lo chef e pescatore Davidi Skoko propone ai propri ospiti specialità a base di pesce freschissimo. 

Il calendario del gusto

L’autunno in Istria è un susseguirsi di eventi e feste legate alla tradizione enogastronomica istriana. Questi alcuni degli appuntamenti da segnare in agenda:

  • Il mese del miele (momento clou il 29/30 settembre e la prima metà di ottobre a Poreč/Parenzo). La tradizione affonda le sue radici nella presenza asburgica in Istria, quando l’imperatrice Maria Teresa fece dell’apicoltura un’attività agevolata.
  • Le giornate della sogliola (dalla metà di ottobre fino alla metà di novembre), con menù a tema nei ristoranti di Umago, Cittanova, Buie e Verteneglio
  • Sui sentieri delle delizie rovignesi, nei ristoranti di Rovinj (Rovigno) e Vrsar (Orsera) dall’1 al 15 ottobre
  • La festa delle castagne a Oprtalj (Portole) il 14 ottobre
  • La fiera internazionale del prosciutto crudo a Tinjan (Antignana) dal 13 al 15 ottobre
  • Giornate del Tartufo, a Livade (Levade), il 21 e 22 ottobre
  • TeTa, festival del Terrano e del tartufo, a Motovun (Montona) il 21 e 22 ottobre
  • Giornate dei funghi a Brtonigla (Verteneglio) il 28 e 29 ottobre

Iaphet Elli

Iaphet Elli, blogger, ho partecipato come editor a ExpoMilano2015.
Collaboro con diversi uffici stampa di città Italiane ,Stati Europei e Mondiali.