Facebook
Twitter
Youtube
Instagram

Trekking sull’Altipiano del Renon

Collalbo (BZ) – È una lunga e soleggiata estate quella dell’Altipiano del Renon. A meno di 12 minuti da Bolzano, questo autentico “balcone panoramico sulle Dolomiti” regala magiche giornate di fine stagione che, con il mutare dei colori di alberi e prati, accompagnano dolcemente verso un autunno dorato e ricco di esperienze outdoor. Complici il clima mite e l’aria pulita, ottobre e novembre sono mesi ideali per godersi trekking e passeggiate in modalità slow, come antidoto allo stress da rientro e lontani dal caos cittadino.
Qui, quando i boschi iniziano a tingersi di intense sfumature che vanno dal rosso all’ocra, il paesaggio diventa qualcosa di unico e magico e lo spettacolo è assicurato.
È quindi il momento giusto per scoprire tutti i tesori naturali che fanno del Renon un vero angolo di Paradiso e scegliere tra le varie experiences che l’Altipiano offre in questo suggestivo periodo dell’anno.

Escursioni, che passione

Circa 300 km di sentieri dedicati a chi ama le tranquille passeggiate nella natura ma anche le escursioni più impegnative, i trekking, le pedalate in e-bike, le uscite a cavallo, le camminate tra i vigneti o le salite alle malghe. Una fitta rete di tracciati tutti da scoprire, per trascorrere giornate senza pensieri e riconnettersi con la natura. Tra i sentieri da non perdere il “Sentiero del castagno”, che parte da Castel Roncolo a Bolzano e arriva fino a Varna nei pressi di Bressanone (o viceversa), attraversando il Renon: perfettamente segnalato, questo itinerario è una full immersion tra boschi di latifoglie, prati e castagneti secolari che in autunno danno vita a un inaspettato foliage. Lungo la via si incontrano naturalmente agriturismi e locali tipici come ad esempio il Signaterhof a Signato (www.signaterhof.it), il maso Rielinger a Siffiano, dove si producono vini biodinamici (www.rielinger.it) e lo storico maso Zunerhof di Longostagno (www.zunerhof.com/it/). Altrettanto bello l’Hirtensteig, il “Sentiero del pastore”, uno dei più amati del territorio: il percorso si snoda nei dintorni di Collalbo per tre chilometri in direzione del Corno del Renon (tempo di percorrenza circa un’ora) tra
boschi e malghe, toccando cinque “stazioni” che, grazie a dettagliate tavole tematiche e contributi video, raccontano passato e presente di questo antico mestiere (dalla lista degli ingredienti dell’antica dieta dei pastori a base di latte di capra, farina, pane generalmente duro e speck, ai racconti di leggendarie battaglie che videro opporsi gli abitanti del Renon a quelli di Villandro).
Per chi ama salire in quota e sentirsi ancora più vicino al cielo, la cabinovia del Corno del Renon resterà aperta fino al 7 novembre. Da qui, la vista a 360° sulle Dolomiti è davvero indimenticabile.

Non c’è autunno senza Törggelen

Inutile dire che l’autunno è anche la stagione ideale per concedersi degustazioni di vini e altre specialità del territorio, oltre che per provare il famoso Törggelen: la celebrazione, che affonda le sue radici nel Medioevo e si protrae da ottobre fino all’inizio dell’Avvento, è una vera e propria festa in onore della fine della vendemmia (la parola deriva dal latino torquere, torchiare, e si riferisce alle uve appena pressate). Oggi l’antica tradizione si rivive andando di maso in maso (o meglio nelle tradizionali “Buschenschänke”, le tipiche locande contadine) ad assaggiare specialità come speck, Kaminwurzen, castagne arrostite, Schlutzkrapfen, zuppa d’orzo, e ovviamente il vino novello. Tra gli appuntamenti speciali in programma per il 2021 spiccano le due escursioni guidate previste l’1 e il 29 ottobre in compagnia dell’Ambasciatore del gusto altoatesino Franz Wenter: si attraversano i vigneti del Renon e si degustano i bianchi e rossi autoctoni. Mentre venerdì 15 ottobre da non perdere l’escursione guidata con Sepp Lamprecht lungo un tratto del celebre “Sentiero del castagno”, circa 4 ore di camminata con sosta pranzo tra boschi di latifoglie colorate e castagneti secolari.
(Per info e prenotazioni contattare l’Associazione Turistica Renon, tel. 0471 356100, info@renon.com).

L’incanto del foliage a bordo dello storico trenino

L’autunno è ancora più bello se goduto dal finestrino del famoso Trenino del Renon. A inizio ‘900 l’antica ferrovia a cremagliera portava i passeggeri dal centro di Bolzano direttamente fin sul Renon. Oggi il meraviglioso tragitto panoramico è ridotto (da Bolzano si arriva a Soprabolzano con moderne cabinovie in appena 12 minuti a orario continuato), ma il trenino collega tutto l’anno Soprabolzano a Collalbo in soli 18 minuti regalando scorci di natura davvero impagabili. Il paesaggio variopinto che si ammira dai vagoni d’epoca dello storico convoglio (ultimo del suo genere in tutto l’Alto Adige, in funzione 2 ore al mattino e per eventi speciali come le celebri “corse gastronomiche” estive) sembra un film che cambia ad ogni ora. Quando però “la vecchia signora” necessita di riposo entra in funzione il trenino rosso, più nuovo ma ugualmente suggestivo. Dalle varie fermate del treno partono numerosi sentieri escursionistici che conducono agli angoli più belli del soleggiato altipiano: dalla passeggiata Freud, dedicata al celebre filosofo che nell’estate del 1911 venne qui in villeggiatura, al maso Plattner di Costalovara dove è possibile visitare la più grande mostra sull’apicoltura in Alto Adige, alla scoperta di un territorio ricco di fascino e di storia.

Associazione Turistica Renon
Via Paese 5, Collalbo (BZ)
Tel. 0471 356 100
info@renon.com
www.renon.com