“AN INCURABLE ROMANTIC” E’ L’ULTIMO LAVORO DISCOGRAFICO DELLA TALENTUOSA ALESSIA RAMUSINO: “NON MANGIO FRAGOLE” E’ IL NUOVO SINGOLO ESTRATTO

AN
INCURABLE ROMANTIC” E’ L’ULTIMO LAVORO DISCOGRAFICO DELLA
TALENTUOSA ALESSIA RAMUSINO:
“NON
MANGIO FRAGOLE” E’ IL NUOVO SINGOLO ESTRATTO

alessia ramusinoNON MANGIO FRAGOLE

Un
album che nasce per il puro piacere di far musica, nella speranza che
incontri anche il gusto del pubblico.

E’
un brano che parla di stati d’animo che tutti, nella vita, prima o
poi, proviamo. Così come le fragole non hanno senso di esistere in
autunno, allo stesso modo non aveva senso la vita che Alessia stava
vivendo in quel periodo.

Guarda
qui il videoclip:
https://youtu.be/a9ph0RRvsvs

“An
Incurable Romantic” è il secondo album di inediti dopo “Iris
Fields”; il filo conduttore è Alessia, i suoi sogni, i suoi stati
d’animo, per descrivere se stessa e l’amore. Per questo motivo ha
inserito nel lavoro musicale una canzone, “To what I am”:
la vita vista come un perfetto ellisse nel quale ogni cosa
torna, infine, al suo posto, e lei alla sua essenza.

Sono
undici i motivi che compongono “An Incurable Romantic”.

“A
map of you” e la title track “An Incurable Romantic”
sono la sua personale ed imprevedibile carta d’identità; poi, ecco
“Gibigianna”, un termine italiano che indica un giochino a
specchio riflesso che fai materialmente o contro il muro o più
direttamente negli occhi della gente. Ritorna qui l’immagine di
Alessia imprevedibile. “Non mangio fragole” è

una canzone che parla degli stati d’animo che tutti noi prima o poi
nella vita proviamo.

Nel
quinto brano, “Con i miei piedi sporchi”, ritorna la
predilezione per le cose vere e mai artefatte: un messaggio profondo
che segna nel nome del tempo, “con le rughe e le grinze nelle
guance”.

Il
lato più profondo dello specchio interiore di Alessia prende il via
da questo motivo, si annida nella decisa presa di posizione contro
ogni forma di legame (“I don’t like bonds”):
“Non
e’ una protesta, e’ solo l’inno al mio spirito libero. I legami
familiari che possono riservare imprevisti, i sentimenti che si
affievoliscono. E’ un brano molto particolare, eseguito con la
partecipazione straordinaria del Quintetto d’Archi del Carlo
Felice”.

Da
ascoltare con viva attenzione “Another Song”: assieme alla
Ramusino si esibisce Felice Reggio, tra i maggiori flicornisti
italiani: una canzone jazz molto brillante. La fervente supplica alla
vita, quasi una corrispondente del futuro, trova la destinazione in
“Here it comes the dawn” (Ecco che arriva l’alba):
“Immagini
di figure notturne vivissime ed attive, una donna che allatta il
figlio, un camionista che viaggia, una cantante alle prese con un
grande concerto”.
L’ellisse
dedicato alla continuità della vita riecheggiante in “To what
I am” ed “I don’t eat strawberries”, versione inglese
di “Non mangio fragole”, si conclude nel segno del piu’
tenero ricordo, quello della madre. 

“Sacks
race” è un quadretto dipinto nel giorno di Pasqua, un dolcissimo
sfondo di cornamusa, immagini inconfondibili che mi accompagneranno
per sempre.

BIO

Alessia Ramusinonasce
a Genova da padre geologo e madre ottico, a soli venti giorni
comincia a viaggiare grazie al lavoro del padre, trasferito con la
famiglia in Iran dove Alessia trascorre gran parte dell’infanzia,
continua poi a viaggiare visitando e vivendo in diversi paesi quali:
Turchia, Grecia, Egitto, Spagna, Inghilterra, Francia, Tunisia
Marocco ed ancora Stati Uniti.

Entra
così in contatto con genti diverse, diverse lingue, religioni,
costumi e tradizioni, da ciò nasce la necessità di trovare un
linguaggio comune che superi le differenze etniche, ecco perché
Alessia sceglie l’inglese per scrivere i testi delle proprie
canzoni. La musica è sempre stata sua compagna di viaggio, Alessia
inizia a comporre all’età di 7 anni e le sue melodie rievocano le
immagini, i rumori ed i profumi di quelle terre che diventano un mito
da rivivere. L’ascolto costante dei più grandi protagonisti della
musica internazionale pop e jazz, le hanno dato un’importante base di
riferimento.

Alessia
ha all’attivo 4 CD editi:

-Christmas
Colours, raccolta di canzoni natalizie pubblicata in allegato con il
Secolo XIX, il più importante quotidiano della Liguria.

Iris
Fields
, raccolta di 11
inediti composti ed arrangiati da Alessia stessa pubblicato nel 2002
da RTI music, è ora in attesa di uscita la nuova riedizione per BMA
music. Degli 11 brani Nemidunam ha fatto parte della colonna sonora
della fiction televisiva di Canale 5: “Per Amore” di cui Alessia
compone ed interpreta anche il singolo uscito contestualmente:

-Flame,
singolo che contiene 2 brani, uno omonimo per l’appunto “Flame” e
“Nemidunam” facenti parte della colonna sonora della fiction
televisiva di canale 5 “Per Amore” (con Anna Valle e Remo Girone
)

-You’ve
gone away, singolo della colonna sonora della fiction televisiva di
canale 5 “Noi” . Che fa parte della raccolta delle musiche e
canzoni delle due fiction televisive di canale 5, Noi/Per Amore.

Facebook
www.facebook.com/pages/Alessia-Ramusino
Managment
bmamusic.com

Uncategorized

WOYTEK Habemus Papam. Il gallo è morto – 1 – 16 ottobre 2016

In occasione del Giubileo della Misericordia, l’installazione dell’artista di origini polacche da anni attivo in Germania Woytek “Habemus Papam. Il gallo è morto”, ospitata nella suggestiva struttura di archeologia industriale dell’Ex Cartiera Latina dal 1° al 16 ottobre 2016, è costituita da una scultura in bronzo di cm. 250 raffigurante un Vescovo con in mano […]

Read More
Uncategorized

BILL FRISELL When You Wish Upon A Star – Cinema Teatro di Chiasso – Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 – #Billfrisell

Martedì 25 ottobre 2016, ore 21.00 BILL FRISELL When You Wish Upon A Star chitarra Bill Frisell voce Petra Haden contrabbasso Thomas Morgan batteria Rudy Royston Dopo la sonorizzazione dei film muti di Buster Keaton e dopo il meraviglioso lavoro di elaborazione armonica in presa diretta a contatto con le immagini del documentario “The great […]

Read More
Uncategorized

Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco #Maurorostagno

  Quando è stato ucciso, il 26 settembre 1988, aveva quarantasei anni e molte vite alle spalle. L’ultima, la più intensa, Mauro Rostagno la vive a Trapani. Lo racconta il documentario “Mauro Rostagno, il giornalista vestito di bianco” realizzato da Antonio Carbone per il ciclo “Diario Civile”, in onda mercoledì 28 settembre alle 22.10 su […]

Read More