L’ITALIA INCONTRA L’AMERICA… IN CUCINA! CRISTINA BOWERMAN, MATIAS PERDOMO E MASSIMO BOTTURA GUEST CHEF DEL JAMES BEARD AMERICAN RESTAURANT DI MILANO #USAPavilion@USAPavillion2015

Exhibit_Food Security

L’ITALIA INCONTRA L’AMERICA… IN CUCINA!
CRISTINA BOWERMAN, MATIAS PERDOMO E MASSIMO BOTTURA GUEST
CHEF DEL JAMES BEARD AMERICAN RESTAURANT DI MILANO

I primi tre chef italiani, ai quali presto se ne aggiungeranno altri, guideranno la cucina del
temporary restaurant in Galleria Vittorio Emanuele II il 4 giugno, l’8 giugno e il 4 luglio,
interpretando piatti tipici della tradizione culinaria americana
Milano, 20 maggio 2015 – Dopo Massimo Bottura, primo chef stellato italiano ad accettare la sfida di interpretare
la cucina americana proprio nel giorno dell’Indipendenza, il 4 luglio, altri due nomi illustri nel panorama italiano si
cimenteranno con le tradizioni gastronomiche a stelle e strisce, ospiti del James Beard American Restaurant,
allestito per il semestre di Expo nella Penthouse Suite del Seven Stars, in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano.
Il 4 giugno Cristina Bowerman, una delle poche lady-chef italiane ad avere ottenuto una stella Michelin e diversi
altri prestigiosi riconoscimenti, attualmente alla guida di Glass, situato nel cuore di Trastevere, e di Romeo situato
in zona Prati, proporrà il suo menu di cinque portate al JBAR, mentre l’8 giugno sarà la volta di Matias Perdomo,
argentino di nascita, una stella Michelin guadagnata in Italia nel 2011.
Così Cristina Bowerman commenta l’invito del James American Restaurant di Milano :“Ho vissuto la mia vita tra
l’Italia e gli Stati Uniti, dove ho maturato la passione per la cucina in senso assoluto, che mi ha portato a osare,
dedicandomi ad esempio ad una delle tradizioni più note e peculiari della cultura americana, lo street food
applicato all’alta cucina”.
“L’amore per la cucina, ma soprattutto la fiducia nella sperimentazione e nella ricerca culinaria mi hanno spinto
ad accettare di proporre la mia visione della cucina americana per una sera al James Beard American Restaurant
di Milano, una città che ho fatto mia e che presto ospiterà il mio primo ristorante di proprietà” – dichiara Matias
Perdomo.
Cristina, Matias e Massimo sono solo i primi chef, ma ancora molte sorprese saranno presto svelate.
Amici del Padiglione USA Milano 2015 Pagina 2 di 4
Ospitato nella Penthouse Suite del Seven Stars Galleria Hotel, un luogo unico con una vista imperdibile sulla
Galleria Vittorio Emanuele II e su Piazza della Scala, il James Beard American Restaurant è la colonna portante
delle attività culinarie e gastronomiche in programma al Padiglione USA Expo Milano 2015 per tutta la durata
dell’esposizione.
Così come la James Beard House nel Greenwich Village di Manhattan, cuore di New York, è un tempio della cucina
americana, il ristorante di Milano rappresenta un vero e proprio palcoscenico dove vengono messi in mostra il
talento culinario e l’innovazione, grazie al coinvolgimento di un imperdibile cast di rinomati chef americani e
italiani: un incredibile “Culinary Dream Team” composto da chef che hanno ricevuto i più alti riconoscimenti
internazionali (Stelle Michelin, presenza nei World’s 50 Best Restaurants, James Beard Awards).
La prenotazione obbligatoria può essere fatta on line su Quandoo.it:
http://usapavilion2015.net/schedule?date=05%2F07&view=month, chiamando il numero +39 02 4547 8283 o via email
restaurant@usapavilion2015.net.
Il James Beard American Restaurant, aperto dagli Amici del Padiglione USA Milano 2015, in collaborazione con
Alessandro Rosso Group, è stato allestito e coordinato dallo chef Carlo Zarri dell’Hotel San Carlo in Cortemelia,
Direttore del food&beverage degli Amici del USA Pavilion, ed è gestito dal direttore generale Daniel Alley,
ristoratore americano che da più di 25 anni lavora a Milano.
Di seguito la lista sempre crescente degli chef Americani ed italiani che si passeranno il testimone al James Beard
American Restaurant a Seven Stars Galleria:
MAGGIO
22-23 Paul Bartolotta, Bartolotta Ristorante di Mare, Las Vegas, NV
26–27 Mary Sue Milliken, Border Grill, Los Angeles, CA/Traci Des Jardins, Jardinière, San Francisco, CA/Emily Luchetti, Marlow,
San Francisco, CA
29–30 Daniel Humm, Eleven Madison Park, New York, NY
GIUGNO
2–3 Maria Hines, Tilth, Seattle, WA
4 Cristina Bowerman, Glass Hostaria, Roma, IT
5–6 Art Smith, Table 52, Chicago, IL
8 Matias Perdomo,
9–10 Rick Moonen, RM Seafood, Las Vegas, NV
12-13 Sean Sherman, The Sioux Chef, Minneapolis, MN and Lenny Russo, Heartland, St. Paul, MN
16 John Besh, Restaurant August, New Orleans, LA
19-20 Maricel Presilla, Zafra, Hoboken, NJ
23–24 Rick Bayless, Topolobampo, Chicago, IL
26-27 Victor Albisu, Del Campo, Washington, D.C.
30-1 Kevin Sbraga, Sbraga, Philadelphia, PA
LUGLIO
2-3 Paul Qui, Qui (Austin, TX)
4 Massimo Bottura, Osteria Francescana, Modena, IT
7–8 Cesare Casella, Salumeria Rosi, New York, NY
14-15 Sara Jenkins, Porchetta, New York, NY
17–18 Tim Byres, Smoke, Dallas, TX
21-22 Tony Mantuano, Spiaggia (Chicago, Il)
24 –25 Mario Pagán, Laurel Restaurant, San Juan, Puerto Rico
28–29 Duff Goldman, Charm City Cakes, Baltimore, MD
Amici del Padiglione USA Milano 2015 Pagina 3 di 4
31–8.1 Dean Fearing, Fearing’s Restaurant, Dallas, TX
AGOSTO
4–5 Michael Lomonaco, Porter House, New York, NY
7–8 Ken Frank La Toque, Napa, CA
11-12 Michael Cimarusti, Providence, Los Angeles, CA
14-15 Edward Lee, 610 Magnolia, Louisville, KY
18–19 Cristeta Comerford, The White House, Washington, D.C.
21-22 Kyle Woodruff, Waypoint Grill, Williamsburg, VA
SETTEMBRE
1-2 Edward Kenney, Town, Honolulu, HI
4–5 Jennifer Jasinski, Rioja, Denver, CO
8–9 Norman Van Aken, Norman’s at the Ritz Carlton, Orlando, FL
11-12 Alex Young, Zingerman’s Roadhouse, Ann Arbor, MI
15-16 Anne Quatrano, Bacchanalia, Atlanta, GA
18–19 Hugh Acheson, Five and Ten, Athens, GA
22–23 Ming Tsai, Blue Dragon, Boston, MA
25–26 Tory Miller, L’Etoile, Madison, WI
29-30 Mike Isabella, Graffiato, Washington, D.C.
OTTOBRE
2–3 Tom Colicchio, Craft Restaurant, New York, NY
6-7 Jeff Drew, Snake River Grill, Jackson Hole, WY
9–10 Marc Murphy, Landmarc, New York
13-14 Kirsten Dixon and Mandy Dixon, Within the Wild, Anchorage, AK
16–17 David Kinch, Manresa, Los Gatos, CA
23 –24 Naomi Pomeroy, Beast, Portland, OR
30-31 Paul Qui, Qui, Austin, TX
James Beard American Restaurant al Seven Stars Galleria
Galleria Vittorio Emanuele II 11/12, Piazza della Scala entrata 5° piano
HASHTAGS:
#JBAR — James Beard American Restaurant
#1in9bn — One in 9 Billion
#FoodTruckNation — Food Truck Nation
#TasteUSA — Food Truck Nation
#Expo2015 — Expo-wide feed
Per maggiori informazioni sul Padiglione USA o per iscriversi alla newsletter, visitate www.usapavilion2015.net e
www.usapavilion2015.net/blog.
***
Amici del Padiglione USA Milano 2015
Il dipartimento di Stato Americano ha selezionato Amici del Padiglione USA Milano 2015 come proprio partner del
settore privato per lavorare con il Governo Americano al fine di implementare un programma ufficiale per gli Stati Uniti
ad Expo. Amici del Padiglione USA Milano 2015 è costituita dalla James Beard Foundation (JBF) e dall’International
Culinary Center (ICC), in associazione con la Camera di Commercio Americana in Italia.
Il Padiglione USA ad Expo Milano 2015 è reso possible grazie al generoso supporto di una lista crescente di partner:
General Electric, NUSSLI, Brand USA, Fiat Chrysler Automobiles, CNH Industrial, PepsiCo, Microsoft, Uvet, Walgreens
Boots Alliance, DHL, DuPont, Boeing, CISCO, Adler Pelzer Group, Eccellenze Campane, Brooks Brothers, Zonin, illy, Bank
Amici del Padiglione USA Milano 2015 Pagina 4 di 4
of America, EMC, 3M, Research Frontiers, Vidsys, Alaska Seafood Marketing Institute, Dow, Uber, McKinsey & Company,
Fleishman Hillard, Bracco, U.S. Sustainability Alliance, MAPEI, Motorola Solutions, American Hardwood Export Council,
Food Export Association of the Midwest USA, Food Export USA-Northeast, NAEGA, USA Poultry & Egg Commission, USA
Rice Federation, U.S. Dairy Export Council, U.S. Grains Council, U.S. Soybean Export Council, The Beaches of Fort Myers
& Sanibel, Greenhouse Communications LLC, Copernico, Sweet Street Desserts.
Amici del Padiglione USA Milano 2015, è una organizzazione no-profit che ha l’obiettivo di concepire, realizzare,
finanziare e costruire il Padiglione Americano ed il relativo programma ad Expo Milano 2015.
Sotto la guida del Commissario Generale Doug Hickey, il team del Padiglione include la Presidentessa Dorothy Hamilton
(fondatrice e AD di ICC), il CEO Charlie Faas, ed il Chief Creative Officer Mitchell Davis (EVP della JBF). Biber Architects è
lo studio di architettura selezionato per la progettazione del Padiglione mentre Thinc Design si occuperà di realizzare il
programma di esposizioni.

Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More