Meisters Hotel Irma, a Merano, un albergo dove le fiabe diventano realtà (dal 26 marzo)

Meisters Hotel Irma, dove le
fiabe prendono forma

Nascosto in un bel parco del
centro di Merano, un albergo di charme e tradizione, che esaudisce i desideri
più romantici: all’Irma si può scegliere di dormire nella lussuosa casa
sull’albero, nella poetica tenda africana o nelle suite dall’atmosfera
imperiale. E per rilassarsi, si passeggia nel grande giardino, con roseto e lago
dei cigni. Un intero mondo da scoprire, a partire dal prossimo 26
marzo

Merano, 16 marzo 2015 – È tutto pronto per la
riapertura primaverile del Meisters Hotel Irma di Merano, il prossimo
26 marzo: l’albergo – nato nel 1924 come piccola pensione grazie
all’intraprendenza di Irma Meister, che ereditò la suggestiva “Villa
Ludwigsburg” – è un autentico pezzo di storia dell’ospitalità meranese. La
famiglia Meister (arrivata alla quarta generazione di albergatori) lo gestisce
ancora oggi: l’inconfondibile fascino asburgico, unito alla tradizione
altoatesina e a una calorosa accoglienza, sono tra i tratti distintivi della
struttura. Che tra l’altro affronta la nuova stagione con un riconoscimento in
più: il terzo posto come miglior albergo d’Italia secondo i Travelers’ Choice
Hotel Awards 2015 di Tripadvisor
.

La tenda africana, la
camera sull’albero o le suite: all’Irma ognuno può scegliere la propria
fiaba

Più che un hotel, un piccolo mondo da scoprire:
dalla piccola pensione con solo venti camere nata nel 1924, l’Irma è cresciuto
fino a occupare una superficie di 18mila mq: un grande parco, ville e angoli per
il relax, danno vita a una sorta di “paese delle meraviglie” a pochi passi dal
centro di Merano. La struttura oggi conta 69 tra camere singole e doppie,
suite e appartamenti familiari
, distribuite in vari corpi residenziali. Per
un soggiorno unico, si può scegliere ad esempio la Casa sugli Alberi.
Appoggiata su quattro pini secolari, sembra il materializzarsi del sogno di un
bambino: qui si dorme tra pareti di legno, ci si immerge nella bella vasca da
bagno con vista sul parco e, volendo, si può spostare il letto sulla grande
terrazza esterna, per una dormita sotto le stelle. Altrettanto unico è il
Safari Luxus Lodge: tenda ultra-chic, ispirata ai campi di lusso dei
parchi africani e immersa nel verde della natura altoatesina. Lanterne in ferro
battuto, candele, un grande letto candido, il terrazzo in teak e i divani
vintage creano un’atmosfera romantica e rilassante, resa ancora più speciale dai
profumi del giardino delle erbe. 

Per chi invece preferisce la tradizione, il
Meisters Hotel Irma mette a disposizione diverse tipologie di camere, ricavate
all’interno di diversi edifici: si può scegliere Villa Amore, affacciata
sul laghetto dei cigni, dove si trovano le suite più romantiche, ideali per
anniversari o lune di miele. Oppure la Residenza Irma, nella zona più
appartata del complesso, con le sue ampie e lussuose suite, dotate di angolo
cottura e balconi con vista spettacolare sulle montagne. La cosiddetta Villa
degli Ospiti
è composta invece da due appartamenti familiari (fino a 4
persone): gli interni, per un soggiorno distensivo e rigenerante, sono in legno
di cirmolo, mentre all’esterno ci si rilassa nell’immensa terrazza privata con
soggiorno, doccia e idromassaggio. Infine arriviamo all’edificio principale
(interamente ristrutturato), cuore pulsante dell’accoglienza firmata Irma: qui a
disposizione degli ospiti ci sono deliziose camere singole o doppie, dove il
legno di ciliegio degli arredi e le tappezzerie color miele creano un’atmosfera
classica, elegante e molto piacevole. 

Dal “baule della
merenda” alle gite nella malga privata: all’Irma anche il gourmet ha un tocco da
fiaba

Al Meisters Hotel Irma anche le proposte golose
anche un tocco divertente: come il “baule della merenda”, nascosto in un
angolo segreto del giardino
. Si tratta in realtà di un piccolo frigorifero,
zeppo di specialità altoatesine, che viene preparato per gli ospiti che lo
richiedono: a disposizione coperte e soffici cuscini, per organizzare un
picnic nel parco dell’albergo. Ma all’Irma tutta l’offerta gourmet è
curatissima: dalla colazione – servita nella soleggiata terrazza all’aperto, a
base di prodotti locali e fatti in casa – fino alla sontuosa cena, da gustare
all’aperto o nel salone degli specchi. Irrinunciabile per gli ospiti dell’Irma
anche l’appuntamento con il tè delle cinque, per assaggiare strudel appena
sfornati e dessert di frutta fresca
. Unica inoltre l’offerta di vini e
formaggi, entrambi curati dalla sommelière Claudia Meister. 

Infine, per chi desidera una full immersion nei
sapori altoatesini, l’Irma dispone anche di una malga privata in quota
(l’Eternità)
, sull’altipiano sopra Merano: si raggiunge facilmente con una
passeggiata attraverso i prati e lì, ad attendere gli escursionisti, spuntini a
base di Speck, formaggi e birra fresca (e volendo, anche un riposino sul
fieno). 

Merano, per una vacanza
tutta natura (e wellness)

Il grande parco è senza dubbio uno degli highlight
dell’Irma: palme e pini mediterranei, giochi d’acqua, un magnifico roseto con
oltre 1.200 rare rose inglesi, il giardino delle erbe
(che fornisce anche la
materia prima per le tisane servite in hotel), un frutteto, l’angolo dei fiori
di loto, un “giardino delle note” (dedicato alla musica) e soprattutto il
laghetto dei cigni, dove gli ospiti possono concedersi una poetica gita
su una piccola barca a remi. Intorno al laghetto si trovano diversi tavolini,
per aperitivi o cenette a due. 

Ampio spazio è riservato anche al wellness
“acquatico”
, come tradizione meranese vuole: merito della grande piscina
interna (con scenografico camino), ma anche della piscina esterna con acqua
marina (l’unica in tutto l’Alto Adige) e di quella di acqua dolce riscaldata,
della vasca spumeggiante di sale a 36° C, delle sei saune e delle tante vasche
idromassaggio (oltre 400 mq di superficie acquatica in totale). E poi aree relax
attrezzate con chaise-longue o letti con materassi ad acqua, una palestra e
un’offerta beauty ispirata ai principi della medicina cinese e della
filosofia olistica

E infine, a disposizione degli ospiti, un’area
lettura molto intima
, con una fornitissima libreria: qui vengono
regolarmente organizzati piccoli eventi culturali, come reading, concerti di
musica da camera o di jazz.

Un mondo di
attività

L’Irma organizza escursioni di trekking o biking
con guida (con eventuale servizio navetta per l’itinerario scelto). E poi
escursioni a tema paesaggistico, enogastronomico o culturale, con gite
giornaliere nelle maggiori città d’arte dei dintorni. 

Tariffe 2015 a partire da 164 euro a persona,
per notte, con formula di pensione 3/4.

Uncategorized

HENRI CARTIER-BRESSON FOTOGRAFO Villa Reale di Monza Secondo Piano Nobile 20 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 @Villarealemonza @HENRICARTIERBRESSON

140 scatti di Henri Cartier Bresson, in mostra alla Villa Reale di Monza dal 20 ottobre, dedicati al grande maestro, per immergerci nel suo mondo,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica.     Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del […]

Read More
Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More