Tradizioni invernali in Romania

Le festività Natalizie iniziano in Romania con la festa di San Nicola, il 6 dicembre. Le usanze di questa festa sono molto simili a quelle dell’Epifania in Italia: durante la notte, San Nicola entra nelle case e lascia nelle scarpe dei bambini buoni dolci e giocattoli mentre nelle scarpe di quelli cattivi quello che “meritano”: del carbone e/o un bastone.
Ma le tre veri grandi feste invernali sono il Natale, il Capodanno e l’Epifania (chiamata Boboteaza oppure il battesimo del Signore perché conforme al calendario ortodosso il 6 gennaio fu battezzato Gesù Cristo). Queste feste marcano un periodo di grande gioia e speranza manifestate attraverso delle usanze antichissime alle quali partecipa tutta la comunità.

A Natale e a Capodanno, gruppi di bambini e di giovani in costume tradizionale o con indosso delle maschere girano per le case e fanno gli auguri attraverso dei canti chiamati colinde oppure con piccole rappresentazioni teatrali di ispirazione biblica ricevendo in cambio dolci fatti in casa, frutta e, per i grandi un bicchiere di vino.
Colindele sono canzoni di ispirazione cristiana o paleocristiana in cui sono presenti anche riti e tradizioni pagane come per esempio le maschere, spesse volte simili ai mamutones sardi.
Tra queste le più conosciute sono Steaua (la stella, canzone natalizia che racconta il ruolo della stella nel guidare i Re Magi fino alla stalla dove è nato Gesù), Plugusorul (il piccolo aratro, canzone di buon augurio e fertilità per il nuovo anno). Molto interessanti sono La Capra, L’Orso e I Vecchi, colinde concepite come piccole rappresentazioni teatrali in versi in cui giovani portando maschere rappresentando la capre, l’orso, il vecchietto, la vecchietta, il diavolo ecc cantano e ballano augurando benessere e salute ai padroni di casa e fertilità ai campi e agli animali. Queste tradizioni hanno un filone pagano risalente ai tempi dei Daci quando erano riti collegati alla fertilità della terra.
Molto interessanti sono le rappresentazioni chiamate Viflaim (Betlemme) e Irozii. Nella sera di Natale gruppi di 20/30 persone generalmente giovani ancora non sposati rappresentato l’adorazione dei Re Magi e dei pastori e la strage degli innocenti compiuta da Erode.
La mattina del primo gennaio, i ragazzini vanno a cantare “Sorcova” un augurio in versi rivolto agli adulti che dive: “Vivete, fiorite come l’albero delle mele, come una rosa, forti come la pietra, veloci come la freccia..” ecc.

www.romania.it

In questa atmosfera non può mancare l’albero di Natale e la notte magica in cui arriva Babbo Natale portando regali a grandi e piccini. È il periodo di gioia in cui tutti si riuniscono e si dimenticano dei problemi e della tristezza.

Uncategorized

Giardinity Ottobre 2016 – Villa Pisani Bolognesi Scalabrin – Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2016 @giardinity

Un’edizione al femminile quella di Giardinity 2016: Villa Pisani Bolognesi Scalabrin Mariella Bolognesi Scalabrin, proprietaria di Villa Pisani Bolognesi Scalabrin a Vescovana e ideatrice di Giardinity, insieme a Mimma Pallavicini, nuova curatrice del Garden Show nonché affermata autorità del mondo del giardinaggio, per un’edizione ricca di novità e curiosità «La collaborazione e la sinergia tra […]

Read More
Uncategorized

Intervista a Ivan Basso

Venezia, 27 settembre 2016 – A meno di un mese alla 31^ Venicemarathon del prossimo 23 ottobre, per l’ex ciclista Ivan Basso sale l’adrenalina in vista del grande debutto nella sua prima 42 km a piedi. Grazie alla collaborazione con la sua agenzia DMTC, abbiamo avuto l’opportunità di porgergli qualche domanda. Ecco cosa ci ha […]

Read More
Uncategorized

ANTEPRIMA LUCCA COMICS & GAMES 2016

Cover_Megere e Meretrici Al Lucca Comics & Games 2016, che si terrà a Lucca dal 28 ottobre al 1° novembre, verrà presentato il quinto capitolo di Squillo® “Megere e Meretrici”, nuova creazione della fervida immaginazione di IMMANUEL CASTO, prodotto dalla sua società Freak & Chic. “Megere e Meretrici” è il secondo mazzo di carte della […]

Read More