Film News – IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE -REGIA, TROUPE E PRODUZIONE

www.eaglepictures.com

Eaglepictures.com

presenta
DOHA FILM INSTITUTE
UNA PRODUZIONE MIRABAI FILMS e CINE MOSAIC
IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE
Un film di Mira Nair
Con Riz Ahmend, Liev Schreiber, Kate Hudson, Kieffer Sutherland, Om Puri
Tratto dal romanzo “The Reluctant Fondamentalist”di Mohsin Hamid
(edito in Italia da Einaudi)
DAL 13 GIUGNO 2013 AL CINEMA
I materiali sono scaricabili dall’area stampa di www.eaglepictures.com

REGIA, TROUPE E PRODUZIONE
Mira Nair: Regista
Mira Nair è nata in India e ha studiato all’università di Delhi e a Harvard. La sua opera prima, Salaam
Bombay! (1988) è stata un successo internazionale di critica, candidata all’Oscar come Miglior Film
Straniero nel 1988. Ha vinto la Camera D’Or al festival di Cannes e un BAFTA Award. Il suo film
successivo, Mississippi Masala (1991), è stato presentato al festival di Venezia. Tra i film seguenti
ricordiamo The Perez Family (Famiglia Perez) (1995), su una famiglia di esuli cubani a Miami, e Kama
Sutra: A Tale of Love (Kamasutra), una storia ambientata in India nel XVI secolo, su due ragazze
cresciute insieme nonostante provenissero da diverse classi sociali. Nair ha diretto nel 1998 My Own
Country, tratto dal libro best-seller di memorie del Dr. Abraham Verghese, su un giovane dottore
immigrato che affronta l’epidemia dell’AIDS. Nell’estate del 2000, Nair ha girato Monsoon Wedding,
vincitore del Leone d’Oro al Festival di Venezia 2001. Monsoon Wedding ha ricevuto anche una
nomination ai Golden Globe come Miglior Film in Lingua Straniera. Il film successivo di Nair è stato
prodotto da HBO, Hysterical Blindness (Gli occhi della vita) (2002). Il film è stato acclamato dalla critica
e ha ottenuto grandi ascolti su HBO, facendo vincere un Golden Globe a Uma Thurman e due Emmy
Award a Gena Rowlands e Ben Gazzara. Nel maggio 2003, Nair ha diretto la produzione Focus Features
del classico di Thackeray, Vanity Fair, in cui Reese Witherspoon interpreta il ruolo principale di Becky
Sharp. Il film ha avuto la sua première al 61° festival di Venezia. Nel 2005, Nair ha diretto The Namesake
(Il destino nel nome), tratto dal romanzo dallo stesso titolo di Jhumpa Lahiri. A seguito dei tragici eventi
dell’11 settembre 2001, Nair si è unita a un gruppo di 11 rinomati registi, ai quali era stato commissionato
un corto di 11 minuti, 9 secondi e un fotogramma. Nel 2007 ha prodotto con la sua società, la Mirabai
Films di New York, AIDS Jaa Go, una raccolta di quattro cortometraggi sull’epidemia dell’AIDS in
India. Nel 2008 ha diretto How Can It Be?, un episodio del film 8, una serie di otto cortometraggi
incentrati sugli otto Obiettivi del Millennio. Nel 2009 Nair ha diretto un cortometraggio con Natalie
Portman e Irrfan Khan, compreso in un film a episodi, New York, I Love You. Nel 2009 ha anche
diretto Amelia, un film biografico sulla vita di Amelia Earhart, con l’attrice Hilary Swank, due volte
vincitrice di un Oscar. Sempre sensibile alle questioni sociali, Mira Nair divide le sue energie tra il suo
lavoro di regista e le due organizzazioni non-profit che ha fondato. Nel 1988, con i proventi del
film Salaam Bombay!, ha fondato l’organizzazione non-profit Salaam Baalak Trust, che ha avuto un
impatto diretto sulle politiche governative relative ai bambini di strada in India. Vent’anni dopo, Salaam
Baalak Trust dirige venticinque rifugi che offrono un ambiente sicuro e caldo a 5000 bambini di strada
ogni anno. Nel 2005 Nair ha fondato Maisha, un centro nell’Africa dell’est che fornisce laboratori
cinematografici ad aspiranti sceneggiatori, registi, attori, tecnici e documentaristi provenienti
dall’Uganda, dalla Tanzania, dal Kenya e dal Rwanda.
Lydia Pilcher: Produttrice
Lydia Dean Pilcher ha prodotto più di 30 lungometraggi e ha fondato la Cine Mosaic, con sede a New
York City. Nel 2010, Pilcher è stata candidata agli Emmy e ai Golden Globe per aver prodotto il film
della HBO You Don’t Know Jack (Il dottor morte)con Al Pacino. Prima di questo, Pilcher ha prodotto
Amelia, con Hilary Swank nella parte della famosa aviatrice Amelia Earhart; The Darjeeling Limited (Il
treno per Darjeeling) diretto da Wes Anderson; e The Namesake (Il destino nel nome), tratto dal romanzo
di Jhumpa Lahiri e diretto da Mira Nair. Sono stati tutti distribuiti da Fox Searchlight. Pilcher è stata
candidata nel 2005 al Golden Globe per il film della HBO Iron Jawed Angels diretto da Katja von
Garnier, con Hilary Swank e Anjelica Huston. E’ stata candidata nel 2004 agli Emmy, ai Golden Globe e
al Producer’s Guild Award come produttrice esecutiva di Normal con la scrittrice/regista Jane Anderson.
Tra le altre produzioni, ricordiamo il film Vanity Fair diretto da Mira Nair, con Reese Witherspoon;
Hysterical Blindness (Gli occhi della vita), diretto da Mira Nair, con Uma Thurman per la HBO Films;
Jesus’ Son diretto da Alison Maclean; Cradle Will Rock(Il prezzo della libertà) diretto da Tim Robbins;
Chinese Box diretto da Wayne Wang con Gong Li e Jeremy Irons, girato a Hong Kong; Kama Sutra – A
Tale of Love (Kamasutra), diretto da Mira Nair; The Perez Family (La famiglia Perez), diretto da Mira
Nair con Anjelica Huston e Marisa Tomei; Disappearing Acts, tratto dal romanzo di Terry McMillan, con
Wesley Snipes per la regia di Gina Prince-Bythewood; Mississippi Masala, diretto da Mira Nair;
Strapped (Armati di pistola) (HBO/prima regia di Forest Whitaker). Pilcher ha coprodotto Longtime
Companion (Che mi dici di Willy) (regia: Norman Rene); e Red Hot + Dance (regia: Mark Pellington-un
film di beneficenza per l’AIDS commissionato da MTV). Nel 2002, Pilcher e Mira Nair hanno
collaborato per un cortometraggio sull’11 settembre per la raccolta di corti internazionali di Studio Canal
dal titolo 11 Minutes, 9 Seconds, 1 Frame. Dopo aver ricevuto un diploma MFA alla NYU Film School
nel 1983, Pilcher ha dato inizio alla sua carriera di regista di documentari e ha lavorato nel reparto
produzione di film quali After Hours (Fuori orario) (regia: Martin Scorsese); F/X (FX – Effetto mortale)
(regia: Robert Mandel); Round Midnight (regia: Bertrand Tavernier); Planes, Trains, and Automobiles
(Un biglietto per due)(regia: John Hughes); Mississippi Burning(Mississippi Burning – Le radici
dell’odio)(regia: Alan Parker); e Quiz Show (regia: Robert Redford). Pilcher è membro della commissione
nazionale del Producers Guild of America ed è stata definita uno dei 21 Leaderper il XXI secolo
daWomen’s eNews nel 2005. Pilcher presenta inoltre The Climate Project, un programma per il
cambiamento climatico di Al Gore. Come presidente del National Green Committee del PGA (Producers
Guild of America), ha lavorato con un team appassionato di produttori per lanciare pgagreen.org
egreenproductionguide.com
Doha Film Institute
Il Doha Film Institute (DFI) è un’organizzazione culturale indipendente fondata nel 2010 per
incorporare le iniziative filmiche del Qatar sotto un’unica egida; esso sostiene organicamente la crescita
della comunità cinematografica locale promuovendo le conoscenze nell’ambito dell’industria, coltivando
l’apprezzamento dei film e contribuendo allo sviluppo di industrie creative sostenibili nel Qatar. I progetti
annuali del DFI comprendono il finanziamento e la produzione di film locali, regionali e internazionali, di
programmi educativi, di proiezioni di film, e l’annuale Doha Tribeca Film Festival (DTFF). Il DFI,
avendo come basi la cultura, la comunità, l’educazione e l’intrattenimento, funge da fulcro, a Doha, di
molteplici attività relative al cinema, oltre che da risorsa per la regione e per il resto del mondo. Il DFI è
impegnato a sostenere il progetto 2030 del Qatar per lo sviluppo di un’economia basata sulle conoscenze.
Il DFI ha promosso una serie di partnership culturali strategiche con organizzazioni locali e internazionali
di primo piano quali Tribeca Enterprises, World Cinema Foundation, Maisha Film Lab, Katara Cultural
Village e Giffoni Film Festival.
William Wheeler: Sceneggiatore
Bill Wheeler ha scritto sceneggiature per società le più varie quali Mirage Enterprises, New Crime
Films, Disney e HBO, su argomenti eclettici quali la vita di Timothy Leary, la carriera del corridore
Stylianos Kyriakides, e la rapina del Pierre Hotel nel 1971. The Hoax (L’imbroglio),diretto da Lasse
Hallström con Richard Gere, di cui ha scritto la sceneggiatura, è stato distribuito dalla Miramax nel 2007.
Mohsin Hamid: Autore del soggetto
Mohsin Hamid vive e lavora a Lahore. The Reluctant Fundamentalist (Il fondamentalista riluttante)è il
suo secondo romanzo, arrivato in finale al Man Booker Prize nel 2007. Il suo romanzo d’esordio, Moth
Smoke (2000) ha vinto il Betty Trask Award ed è stato definito Notable Book dell’anno dal New York
Times. Hamid scrive articoli per pubblicazioni quali Dawn, the Guardian e il New York Times. E’ nato
nel 1971 a Lahore, dove ha trascorso meno di metà della vita. Tra gli altri luoghi in cui ha risieduto ci
sono Londra, New York, la California, Manila e Milano.
Ami Boghani: Autrice del soggetto, Coproduttrice
Ami Boghani èuna produttrice e sceneggiatrice che vive e lavora a New York City. Ha lavorato con
Mira Nair su diversi film, tra i qualiThe Namesake (Il destino nel nome)e Amelia. Boghani ha anche
supervisionato il progetto AIDS JAAGO in collaborazione con The Bill and Melinda Gates Foundation,
nel quale 4 registi indiani hanno ciascuno diretto un breve corto per diffondere la consapevolezza
dell’AIDS in India. Ami lavora con la Maisha Foundation, un programma di insegnamento di regia
nell’Africa orientale, sin dalla sua nascita nel 2004. E’ stata prima coordinatrice del programma e
supervisionatrice di sceneggiature in Uganda, adesso è membro del consiglio direttivo. Ami si è laureata
nell’ambito del prestigioso programma di Film Studies alla Wesleyan University di Middletown, CT.
Attualmente sta producendo un cortometraggio dal titolo God Room, diretto da Mira Nair, che farà parte
del lungometraggio Words with Godsinsieme ad altri corti di Emir Kusturica, Guillermo Arriaga e altri.
Anadil Hossain: Coproduttrice
Anadil è una produttrice cinematografica che vive e lavora a New York, dalla lunga esperienza di
riprese in giro per il mondo. Cresciuta nell’Asia meridionale e in Europa, ha iniziato la carriera con
progetti filmici e spot per multinazionali ed è poi passata ai lungometraggi. Anadil ha lavorato per una
serie di film indiani di alto profilo internazionale, con acclamati registi indiani quali Karan Johar,
Ashutosh Gowariker, Rakeysh Mehra e Nikhil Advani. Nel 2004, Anadil ha co-fondato la Dillywood, Inc.
per finanziare, sviluppare e produrre film che soddisfino i suoi obiettivi di respiro veramente globale. La
Dillywood, Inc. ha lavorato su numerosi progetti, compresi film dei registi Mira Nair, Wes Anderson e
Doug Liman. Anadil sta attualmente producendo due documentari che approfondiscono, rispettivamente,
la questione del commercio internazionale delle armi e la crisi del clima globale. Sta anche sviluppando
progetti cinematografici che affrontano vari temi tra i quali la cultura giovanile nelle grandi città, il
traffico del sesso, lo sviluppo rurale e biopic su figure storiche di grande ispirazione. The Reluctant
Fundamentalist è la terza collaborazione di Anadil con la regista Mira Nair e la produttrice Lydia Dean
Pilcher su un progetto multinazionale.
Shimit Amin: Autore del montaggio
Nato a Kampala, in Uganda, Shimit Amin si è trasferito in India e poi negli Stati Uniti prima
dell’adolescenza. Ha studiato matematica all’università della Florida, dove si è poi completamente
distratto per pensare ai film. Dopo la laurea, nella speranza di lavorare nel cinema come aiuto operatore,
si è trasferito a Miami, Florida. Lì ha lavorato, nel tempo libero, come montatore di musica ed effetti
sonori per telenovelas e cortometraggi. Si è poi traferito a Los Angeles per lavorare come assistente al
montaggio su un film indipendente. A Los Angeles ha fatto vari lavori per film, documentari e
televisione, tra i quali sviluppo delle sceneggiature, montaggio dialoghi, montaggio film e montaggio
effetti visivi. Uno dei suoi lavori è stato quello di montare un film in lingua hindi per il regista indiano
Ram Gopal Varma per il quale si è recato a Mumbai, in India. Mentra lavorava sul film, gli è stato offerto
di dirigere un lungometraggio. Ha firmato la sua opera prima da regista con Ab Tak Chappan (Until now
56). Il suo secondo film, Chak De India (Let’s Go India), parlava di una squadra di giocatrici di hockey
male assortita che vuole gareggiare nel campionato mondiale di hockey. Il film sarebbe diventato un
successo di pubblico e di critica in India e avrebbe ottenuto un riconoscimento da parte della Billie Jean
King’s Women’s Sports Foundation. Il suo ultimo film come regista è stato Rocket Singh: Salesman of
the Year, sulle avventure di un giovane commesso. Lui, sua moglie, le molte piante di lei e il loro cocker
spaniel, Chinna, vivono a Mumbai, in India.
Declan Quinn: Direttore della fotografia
Declan Quinn, ASC, ISC, ha coltivato durature collaborazioni con registi innovativi dagli stili
distinti e variati. Con incredibile destrezza, Quinn passa dai colori lussureggianti dei film diMira
Nair alla fotografia immediata dei film e documentari in soggettiva di Jonathan Demme al crudo
realismo della New York di Jim Sheridan. Quinn ha lavorato in Rachel Getting Married (Rachel sta
per sposarsi) e in Neil Young Journeys per il celebrato Demme; Being Flynn e il film di prossima
uscita Admission per Paul Weitz; In America (Il sogno che non c’era) e Get Rich or Die Tryin’ per
Sheridan, regista per sei volte candidato all’Oscar; Breakfast on Pluto per Neil Jordan, vincitore di
un Oscar; e cinque film per Nair, tra i qualiMonsoon Wedding, Vanity FaireKama Sutra: A Tale of
Love (Kamasutra), oltre al suo film più recente, The Reluctant Fundamentalist. L’Indie Spirit award
per il Miglior Direttore della Fotografia è andato a Quinn in tre diverse occasioni, per Leaving Las
Vegas (Via da Las Vegas)di Mike Figgis, In America (Il sogno che non c’era)eKama Sutra: A Tale
of Love (Kamasutra). Ha vinto il premio come Miglior Fotografia alSundance per2x4.Quinn è
interessato a storie dal forte impatto emotivo e spirituale; crede che la freschezza delle idee sullo
schermo possa ispirare le persone a cambiare. Quinn vive con la moglie a Hudson Valley, N.Y. e
lavora in tutto il mondo.
Michael Carlin: Scenografo
Michael Carlin ha studiato scultura a Perth e a Sydney e ha lavorato come artista prima di trasferirsi
a Londra alla fine degli anni ’80 per tentare la carriera nel cinema. Ha ricoperto vari ruoli in film
indipendenti quali The Cook, The Thief, His Wife and Her Lover (Il cuoco, il ladro, sua moglie e
l’amante) di Peter Greenaway; Dust Devil di Richard Stanley; e Backbeat (Backbeat – Tutti hanno
bisogno d’amore) di Iain Softley; ha anche fatto lo scenografo per spot pubblicitari e video musicali
per Michael Jackson, Duran Duran, Elton John e George Michael, tra gli altri artisti. Il primo film di
Carlin come scenografo è stato Fever Pitch (Febbre a 90°) di David Evans, adattato da Nick
Hornby dal suo stesso romanzo e con Colin Firth. Tra i suoi film successivi ricordiamo The War
Zone (Zona di guerra) di Tim Roth; Me Without You di Sandra Goldbacher; The Heart of Me di
Thaddeus O’Sullivan; What A Girl Wants (Una ragazza e il suo sogno) e New York Minute (Una
pazza giornata a New York) di Dennie Gordon; Mr. Bean’s Holiday di Steve Bendelack; e il
telefilm di Julian Jarrold Crime and Punishment, per il quale ha vinto il Royal Television Society
Award. Ha poi scenografato The Last King of Scotland (L’ultimo re di Scozia) di Kevin Macdonald,
con il vincitore di un Oscar, Forest Whitaker; In Bruges (In Bruges – La coscienza dell’assassino)
di Martin McDonagh, con il vincitore del Golden Globe Colin Farrell e The Duchess (La duchessa)
di Saul Dibb, con Keira Knightley e Ralph Fiennes, che gli ha portato una nomination agli Oscar.
Più di recente ha lavorato in Salmon Fishing in the Yemen (Il pescatore di sogni) di Lasse
Hallström, adattato dal vincitore di un Oscar Simon Beaufoy e tratto dal romanzo di Paul Torday
dallo stesso titolo. Attualmente sta lavorando su Two Faces of April per la Working Title,
interpretato da Viggo Mortenson e Kirsten Dunst.
Arjun Bhasin: Costumista
Arjun risiede tra New York e Bombay e divide il suo tempo tra il lavoro di costumista e quello di
designer di moda, lasciandosi ampio spazio per i viaggi e i cocktail. Ha studiato cinema alla New York
University e ha lavorato a New York per diversi anni prima di ritornare in India a reinventare Bollywood.
Oggi, Arjun si divide tra le due città, intersecando sensibilità e ideologie. Con il suo lavoro nel cinema,
Arjun ha vestito Amitabh Bachchan e Kate Hudson, Aamir Khan e Keira Knightley, Hrithik Roshan e
Tobey Maguire. Ha lavorato con i registi Ang Lee e Mira Nair, Zoya e Farhan Akhtar. Ampiamente
dotato di un acuto senso dello stile e di un aspro senso dell’umorismo, Arjun sceglie di lavorare a livello
internazionale e di dedicarsi a varie discipline. I suoi costumi per il balletto Yo Casanova gli sono valsi
una standing ovation nell’Acropoli di Atene e lo stesso anno Monsoon Wedding ha vinto il Leone d’Oro
al festival del cinema di Venezia. Nel 2009 Arjun è stato chiamato dalla Condé Nast come responsabile
moda dell’edizione indiana di GQ, per lanciare la rivista nel suo modo unico ed estroso. Creare e
disegnare mondi, personaggi e avventure unici attraverso i costumi. Tra i film più recenti di Arjun
ricordiamo: Life of Pi (Vita di Pi) e Can a Song Save your Life?attualmente in produzione. L’ambizione
della vita di Arjun è, in eguale misura, di creare bellezza e di suscitare divertimento e risate.
Michael Andrews: Compositore
Michael ha scritto ed eseguito la colonna sonora originale per il film Me and You and Everyone We
Know di Miranda July, film vincitore di una Camera D’Or (Cannes). Ha composto la colonna sonora di
Donnie Darko, compresa la celebre cover di Mad World dei Tears For Fears che divenne n°1 in
Inghilterra nel Natale del 2003. Ha scritto la musica di Orange County, Cypher e Nothing, e ha co-scritto
The Zero Effect. Tra i lavori per la televisione ricordiamo Freaks and Geeks, Undeclared, Wonderfalls e
Dead Last. Mike ha scritto la musica per le installazioni animate del rinomato artista grafico Geoff Mc
Fettridge. Ha prodotto dischi con Inara George, Brendan Benson, DJ Greyboy e Metric. E’ stato membro
fondatore di The Greyboy Allstars, Elgin Park e The Origin. Sebbene i suoi successi musicali spazino da
un confine all’altro del panorama dei media, dell’industria e dei generi contemporanei, la musica in sé è
intensamente personale. Come compositore di colonne sonore, Mike continua a scavalcare tutti i confini
superficiali di generi e media, comprese le loro suddivisioni, con una musica che arriva dritta dal cuore,
scritta da una persona normale che presta molta, pensosa attenzione alla vita. E’ appropriato quindi che il
commento preferito da Mike sulla sua musica non venga da un DJ, da una celebrità, da una rivista di
musica o da un giornale di settore – ma da un fan che ha commentato su Amazon.com: “E’ quel tipo di
musica che ti fa pensare quanto sia miracoloso essere vivi, sai, come, ‘Ehi, guarda la mia mano e come si
muovono tutte le dita quando lo voglio, e poi il sangue che scorre nel mio corpo in questo momento e
com’era il mondo prima che io esistessi e come sarà quando non ci sarò più”. Oggi Mike continua a
lavorare su progetti grandi e piccoli nello studio sul retro della casa che ha costruito tutto da sé,
circondato da un’eclettica collezione di strumenti, giocattoli e congegni di registrazione raccolti in due
decenni di perlustrazioni di annunci, garage sales e junk shops. Tra i progetti recenti citiamo i film
Bridesmaids (Le amiche della sposa) di Paul Feig e Bad Teacher (Bad Teacher – Una cattiva maestra) di
Jake Kasdan, The Zero Effect e Orange County.Mike ha anche collaborato con Van Dyke Parks, Inara
George e l’artista indipendente di Los Angeles Becky Stark nel suo Lavender Diamond project.
K5 International: distribuzione internazionale
Oliver Simon e Daniel Baur hanno fondato nel 2007 il K5 Media Group, una casa di produzione,
finanziamento e vendite estere. Il gruppo ha sede a Monaco, Londra e Los Angeles. Tra i progetti più
recenti della società ricordiamo Il Fondamentalista Riluttante diretto da Mira Nair, con Kate Hudson e
Kiefer Sutherland, che aprirà il festival cinematografico di Venezia e sarà proiettato in una serata di gala
speciale al festival internazionale del cinema di Toronto; Night Train to Lisbon diretto da Bille August,
con Jeremy Irons, Mélanie Laurent, Charlotte Rampling, Bruno Ganz e Christopher Lee; Vehicle 19 con
Paul Walzer; e Very Good Girls, con Dakota Fanning ed Elizabeth Olsen.
La società si occupa attualmente delle vendite internazionali del prossimo progetto del regista Duncan
Jones– già regista di Moon e di Source Code – il film Fleming. Si occupa inoltre dei film di cui si è più
parlato al festival SXSW, King Kelly e Girls Against Boys, e ha recentemente concluso con Jay Van Hoy
e Lars Knudsen della Parts & Labor un accordo di ampio respiro per la produzione e lo sviluppo.
All’inizio del 2012 Kevin Frakes si è unito al gruppo ed è a capo delle operazioni negli Stati Uniti.
Bernie Stampfer è diventato partner per la Transmedia & Finance. Carl Clifton è diventato a sua volta
nuovo partner per le vendite e il marketing nell’ottobre 2010. Nel giugno 2009 Sascha R. Prestel si è
unito a Oliver Simon e Daniel Baur per dirigere lo sviluppo del K5 Media Group. La società unisce
l’expertise nel campo delle vendite internazionali a una profonda conoscenza di tutti gli aspetti del settore,
con accesso ai compratori più dinamici in tutto il mondo, il che la rende il partner perfetto e la società
ideale per i produttori e i loro progetti in tutte le fasi di sviluppo.
CAST
Changez RIZ AHMED
Erica KATE HUDSON
Bobby Lincoln LIEV SCHREIBER
Jim Cross KIEFER SUTHERLAND
Abu OM PURI
Ammi SHABANA AZMI
Ludlow Cooper MARTIN DONOVAN
Wainwright NELSAN ELLIS
Nazmi Kemal HALUK BILGINER
Bina MEESHA SHAFI
Sameer IMAAD SHAH
Mike Rizzo CHRIS SMITH
Junaid ASHWATH BHATT
Clea SARAH QUINN
Bandy Uncle CHANDRACHUR SINGH
Mustafa Fazil ADIL HUSSAIN
Ahmed ALI SETHI
Amreh DEEPTI DATT
Anse Rainier GARY RICHARDSON
Nadia SONIA JEHAN
Ranting South Asian Man GOLAM SARWAR HARUN
Rahim ROHAN GUPTA
June Davis CLAIRE ROBERTS LAMONT
Maxwell Underwood VICTOR SLEZAK
Pak-Punjab Deli Customer ISMAIL BASHEY
Pak-Punjab Deli Customer MAHMOOD MAMDANI
Cable Company Manager TAYLOR ST. CLAIRE
Agent Ford ROY MCCRERY
Agent Jackson CLAYTON LANDEY
Immigration Officer MARK OLIVER
Airport Security JAMES SUTTON
Cable Company Worker JAMIE MOORE
Kenzaburo VINCE CANLAS
NYPD Officer YINKA ADEBOYEKU
Nigerian Merchant AMUCHE
Herman CODY PARKER
Lahori Boy in Mercedes KULDEEP LULLA
Bobby’s Shooter DAKSH VASHISHT
Lovely Girl at Wedding CHARU SHANKAR
Pakistani Bond JAVED BASU KESSELMAN
Featured Vocal Performances: ATIF ASLAM
PETER GABRIEL
FAREED AYAZ
ABU MUHAMMAD
ALI SETHI
MEESHA SHAFI
AMY RAY
ZAHRA KHAN
USTAD NASEER-UD-DIN SAAMI
MICHAEL ANDREWS
US Co-Producer ROBIN SWEET
Associate Producers COURTNEY LEE-MITCHELL
CHRISTINE MCKEEVER
Unit Production Manager ROBIN SWEET
First Assistant Directors TIMOTHY BIRD
UDAYAN BAIJAL
Second Assistant Directors LOREN SKLAR

Uncategorized

HENRI CARTIER-BRESSON FOTOGRAFO Villa Reale di Monza Secondo Piano Nobile 20 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 @Villarealemonza @HENRICARTIERBRESSON

140 scatti di Henri Cartier Bresson, in mostra alla Villa Reale di Monza dal 20 ottobre, dedicati al grande maestro, per immergerci nel suo mondo,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica.     Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del […]

Read More
Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More