Facebook
Twitter
Youtube
Instagram

Il forte legame del North Dakota con l’Ucraina

Foto:North Dakota Tourism

I primi ucraini emigrarono dall’Ucraina per una serie di motivi. Per fame ma anche per motivi religiosi, soprattutto gli ucraini orientali convertiti alla religione protestante e perseguitati dalla Chiesa ortodossa e dall’Impero.

Dopo il 1861, quando la schiavitù fu abolita in Ucraina, milioni di contadini rimasero senza terra e lavoro. Non possedevano nulla, la campagna era popolosa e le famiglie non erano in grado di nutrire i loro figli o fornire una casa. Tra il 1870 e il 1914 centinaia di migliaia lasciarono l’Ucraina dalle aree di Dnister Bukovyna e Dniprianshchyna – nell’ Ucraina centrale –  e giunsero in Nord Dakota nel 1896 attraverso l’Europa, il Canada e alcuni dagli Stati Uniti orientali. Furono attratti nel North Dakota dall’Homestead Act del 1867; ottennero  160 acri di terra, e con questi dovevano vivere. Spesso i primi coloni sperimentarono la solitudine, soprattutto le donne. Entro 5 anni, 40 acri dovevano essere coltivati in modo da non perdere la fattoria. Arare e seminare 40 acri di pascolo spesso senza un cavallo non era un compito facile. Non avevano soldi, così tanti non avevano un cavallo. Hanno fatto tutto il lavoro a mano.

Oggi queste famiglie ucraine possiedono buona parte del North Dakota occidentale. Le terre si estendono a perdita d’occhio. Sono belle, coltivate con girasoli, grano e altro ancora. Dal 1950 si è scoperto il petrolio e quella terra che era così difficile da arare e seminare e raccogliere, è ora abbondante e ha reso la vita della comunità ucraina confortevole. Hanno diritti minerari sulla loro terra, e continuano a mantenere le proprie famiglie e la loro comunità. Questa è l’America. La terra del North Dakota è stata coltivata, curata e amata dagli immigrati dall’Ucraina. Nessun’altra comunità negli Stati Uniti ha probabilmente questa qualità. Questo è oggi la loro bat’kiwshchyna (patria) e l’Ucraina è nei loro cuori.

Solo cento anni fa il North Dakota era uno degli stati più etnicamente e culturalmente diversi del paese. Più di tre quarti della sua popolazione erano immigrati o figli di immigrati. Vivevano al fianco dei nativi americani di molte nazioni diverse. La maggior parte dei residenti probabilmente potrebbe parlare due o più lingue. Diversi alimenti, religioni, forme d’arte e costumi sociali sono stati condivisi tra le comunità.

Gli ucraini sono solitamente indicati come “Westerners” perché le più grandi colonie di immigrati si sono insediate a ovest del fiume Missouri, in particolare a nord di Belfield, dove una volta esisteva un villaggio chiamato Ukraina. Gli ucraini si stabilirono in diversi luoghi dello stato, tra cui l’angolo nord-orientale. La chiesa ortodossa ucraina di S. Giovanni a Pembina è stata restaurata ed è nel National REgister of Historic Places. Molte altre comunità della contea di Pembina hanno radici ucraine.
Gli ucraini si stabilirono anche nella parte centrale dello stato, dove la loro comunità è fiorente. Anche Wilton, circa 40 km a nord di Bismarck, ha radici ucraine, e molte altre comunità di questo tipo sono sparse in tutto lo stato.

La piccola città di Kief – dal nome della capitale ucraina – è stata fondata da immigrati ucraini nel 1908 come stazione lungo la linea ferroviaria. I suoi fondatori Anton e Khristina Bokovy, emigrarono dalla capitale ucraina perché perseguitati religiosi: non sostenevano la Chiesa ortodossa russa. Anton e i suoi amici cercarono un posto dove poter liberamente pregare e coltivare la terra. Gli Stati Uniti si rivelarono un paese adatto. Inoltre il North Dakota distribuiva la terra a chiunque fosse pronto a stabilirvisi e creare una comunità. Così, diverse famiglie di Kiev furono in grado di creare la propria Kiev negli Stati Uniti. Qui hanno potuto pregare in ucraino e diventare agricoltori liberi. La popolazione della città era di 300 persone. Ora ne conta solo 7, tanto da essere definita “città fantasma”. L’unico ricordo dei fondatori ucraini è una vecchia chiesa, che apre le sue porte ai parrocchiani una volta alla settimana.

La famiglia di Agnes Palanuk discende da uno dei primi coloni dall’Ucraina nel North Dakota, da Halychyna dove il fiume Zbruch incontra Dnister. La nonna arrivò con il marito e la figlia nel 1897. Agnes è chiamata affettuosamente “Uragano Agnes” per i suoi instancabili sforzi nel promuovere la cultura e la storia ucraina. Il suo libro “Ukrainians in North Dakota; In Their Voices” è una raccolta affascinante di storie, immagini, ricordi e sogni sulla base di una raccolta di nastri audio conservati alla State Historical Society del North Dakota, con testimonianze e storie degli immigrati originali, nella loro lingua nativa, circa il loro viaggio, prove e tribolazioni che li hanno accompagnati nel North Dakota dall’Ucraina. I suoi sforzi hanno portato alla creazione dell’ Ukrainian Cultural Institute a Dickinson e ad un festival annuale – il North Dakota Ukrainian Festival, The Badlands Ukrainian Days – ogni anno a luglio, che celebra la cultura e la storia ucraina nel North Dakota. Lei è sicuramente un’eroina tra gli ucraino-americani. L’Istituto presenta mostre culturali di arte popolare, mostre religiose e ospita una biblioteca di ricerca. Esposte le “Psyanky” Uova di Pasqua, prodezze squisitamente artigianali create individualmente con temi e storie dai colori vivaci: ogni uovo è unico e profondamente radicato nella tradizione. Tessuti ricamati adornano le pareti accanto ai dipinti del patrimonio dei primi coloni.
I Varenyky o pyrohy, meglio conosciuti come “pulsanti di formaggio”, sono distribuiti nei negozi in tutto il Midwest e possono essere acquistati direttamente nell’istituto ucraino di Dickinson che li produce. Questa è la pietanza tradizionalmente consumata durante il festival annuale, un piatto unico che preserva il patrimonio dei pionieri ucraini in America. E’ fatto a base di prodotti del North Dakota: la ricotta Cass Clay Creamery , le patate della Red River Valley e la farina di semola Durakota.

Tra marzo ed aprile ogni anno, l’istituto organizza dei pranzi tradizionali: gli Ukrainian Lenten Lunches.

Gli eventi estivi che si tengono nella zona sono accompagnati dalle danze tradizionali “Stepovi Dity”dei ballerini ucraini nei loro colorati costumi. Esiste – infatti – la North Dakota Ukrainian Dance Association che oltre al sostegno della danza ucraina, lavora anche per organizzare e promuovere tutte ciò che è ucraino nel North Dakota occidentale.

Ed è proprio in quest’area a Belfield, che si svolge ogni anno il festival The Badlands Ukrainian Days nel centro storico di questa comunità del sud-ovest dello stato. E’ Вітаємо! ovvero “siamo e saremo!” a riassumere il patrimonio culturale e lo spirito degli Ucraini di tutto il mondo e della comunità del North Dakota. Qui troviamo anche tre chiese: la St. Demetrius la chiesa cattolica ucraina di Fairfield, St. John The Baptist a Belfield e la chiesa ortodossa di Sts. Peter & Paul, che è un sito storico sempre a Belfield.