Giro d’Italia 2022: saranno 7 le tappe per i velocisti

Dopo la presentazione della Grande Partenza dall’Ungheria, con due frazioni adatte agli sprinter e una cronometro individuale nel cuore di Budapest, continua il viaggio attraverso le tappe, i territori e le eccellenze della 105^ edizione della Corsa Rosa. Domani verranno svelate le tappe di media montagna

Il Giro d’Italia 2022 che partirà dall’Ungheria prevede sette tappe adatte alle ruote veloci del gruppo. Le prime due si svolgeranno sul suolo magiaro, le altre sul territorio italiano.

Il velocista italiano Elia Viviani ha commentato: “È un Giro ricco di ottime occasioni per i velocisti. Forse l’arrivo della prima tappa è più favorevole per un finisseur o un velocista che tiene bene in salita. Mi piacerebbe poter lottare per conquistare nuovamente la Maglia Ciclamino e provare a vincere qualche tappa come quella di Treviso, vicino ai miei tifosi, o quella di Reggio Emilia. Sicuramente c’è terreno per ripetere un Giro come quello del 2018: sarebbe un sogno!”

Ecco nel dettaglio le sette tappe:

Tappa lievemente ondulata attraverso la pianura a nord della capitale fino a costeggiare il confine slovacco segnato dal Danubio presenza imponente e costante in questa zona. Si toccano alcune località di prestigio come Székesfehérvár ed Esztergom con la sua imponente basilica. Finale impegnativo una volta lasciata la riva del Danubio. Dal centro di Visegrád di sale per circa 5 km al 5% fino al castello reale dove verrà assegnata la prima Maglia Rosa al termine di una volata sempre più ristretta.

KAPOSVÁR – BALATONFÜRED: 201 km – 890 m – *

Tappa del Lago Balaton, il mare d’Ungheria. Dopo una prima parte in cui attraverso lievi ondulazioni ci si avvicina al Lago si raggiungono Nagykanizsa e poi Hévíz con il suo Lago termale e d lì si percorre la regione del Balaton. Il paesaggio è chiamato la Provenza d’Ungheria e presenta saliscendi di origine vulcanica che caratterizzano il percorso in quella parte. Ultimi 50 km lungo la costa cona la sola brevissima asperità dell’Abbazia di Tihany. Finale quasi senza curve per la prima volata di gruppo compatto.

CATANIA – MESSINA: 172 km – 1200 m – **

Tappa classica del Giro in Sicilia. Da Catania fino a MESSINA partendo dalla costa orientale per portarsi tramite Portella Mandrazzi e le sue dolci pendenze, sulla costa settentrionale dove si toccano località come Villafranca Tirrena, Ganzirri con l’enorme Pilone dello Stretto del vecchio elettrodotto. Una tappa per velocisti che presumibilmente vedrà una volata di gruppo compatto al termine. 

PALMI – SCALEA (Riviera del Cedri): 192 km – 900 m – **

Tappa leggermente ondulata ancora una volta probabilmente da concludersi con una volata. Dopo una prima parte leggermente accidentata tra Mileto, Vibo Valentia e Pizzo, la corsa segue la costa Tirrena della Calabria con i suoi brevi saliscendi. Finale che si preannuncia velocissimo per il gruppo compatto.

SANTARCANGELO DI ROMAGNA – REGGIO Emilia: 201 km – 480 m – *

Tappa completamente pianeggiante che assieme alla terza è la più lunga del Giro. Dalla Partenza fino a Bologna si percorre la via consolare Emilia praticamente sempre diritta attraverso la pianura emiliana. Dopo Bologna la tappa tocca alcune delle località del cratere del terremoto del 2012. San Giovanni in Persiceto, Crevalcore, Camposanto, Carpi e Correggio. Il percorso sfila lungo strade rettilinee e pianeggianti fino a raggiungere Reggio Emilia per la volata che si preannuncia a ranghi compatti.

SANREMOCUNEO: 157 km – 1450 m – **

Cuneo_altimetria

Tappa relativamente breve e di media difficoltà. Si percorre in senso inverso quella che è stata la SANREMO estiva del 2020. Da SANREMO si tocca Imperia per salire al Colle di Nava e giunti a Ceva virare verso CUNEO. Si toccano dopo diverse stagioni alcuni luoghi simbolo del Giro nella zona come il Santuario di Vicoforte e Mondovì.  Finale veloce lungo la piana cuneese per giungere alla volata conclusiva.

BORGO VALSUGANA – TREVISO: 146 km – 570 m – *

Ultima volata di gruppo compatto del Giro 2022. Prima parte leggermente ondulata con le storiche Scale di Primolano per accedere alla valle del Piave e poi attraversare la zona di produzione del Prosecco tra Valdobbiadene e Refrontolo. Ultima asperità il breve Muro di Ca’ del Poggio per giungere alla piana trevigiana e affrontare il circuito finale prima della volata finale.

Iaphet Elli

Iaphet Elli, blogger, ho partecipato come editor a ExpoMilano2015. Collaboro con diversi uffici stampa di città Italiane ,Stati Europei e Mondiali.

The Abu Dhabi Sports Council and RCS Sport renew partnership for the organisation of the UAE Tour
Ciclismo News

Abu Dhabi Sports Council and RCS Sport renew

The Abu Dhabi Sports Council and RCS Sport renew partnership for the organisation of the UAE Tour The agreement for the organisation of the one and only World Tour race in the Middle East has been renewed for another three years. From right H.E. Aref Al Awani, General Secretary of Abu Dhabi Sports Council and […]

Read More
Il Grand Départ e la cultura danese protagonisti al Tour de France 2022 a Parigi #ExploreFrance
Ciclismo News Danimarca News24 Francia News

Tour de France 2022 #ExploreFrance

MiIl percorso del Tour de France 2022 è stato presentato oggi a Parigi alla stampa mondiale e davanti a più di 3.000 ospiti. Al centro dell’attenzione il Grand Départ che l’anno prossimo sarà in Danimarca, e la presenza di Sua Altezza Reale, il Principe Ereditario di Danimarca, che ha sottolineato la passione danese per il […]

Read More
Ciclismo News

Giro di Lombardia 2021 | Vince Pogačar

Lo sloveno eguaglia Merckx che era riuscito a vincere Liegi, Tour de France e Il Lombardia nello stesso anno. In questa stagione Pogačar ha vinto anche Tirreno-Adriatico, UAE Tour e Giro di Slovenia. Un grande Fausto Masnada si arrende al fenomeno sloveno solo nella volata a due.A completare il podio Adam Yates, che regola il […]

Read More