Autotrapianto di isole pancreatiche: primo intervento al San Gerardo di Monza

All’Ospedale San Gerardo di Monza è stato eseguito il primo intervento di autotrapianto di isole pancreatiche di Langerhans dopo intervento di asportazione totale del pancreas (pancreasectomia totale) per neoplasia mucinosa papillare intraduttale (IPMN). Queste isole pancreatiche contengono le cellule beta che regolano la glicemia plasmatica (livello del glucosio nel sangue) producendo l’ormone insulina. L’intervento di pancreasectomia totale, rende inevitabilmente il paziente diabetico con necessità di massive dosi di insulina esogena e con l’elevato rischio di pericolose ipoglicemie e iperglicemie.

Le IPMN sono neoplasie benigne che possono, in rari casi, avere una degenerazione maligna soprattutto in soggetti con specifiche mutazioni genetiche che predispongono alla trasformazione. Per tale motivo, in questi soggetti è indicata una pancreasectomia totale. Questo tipo di intervento necessita di una affiatata équipe multidisciplinare e di una stretta collaborazione tra diversi specialisti. L’intervento è stato eseguito al San Gerardo dall’équipe della chirurgia pancreatica, afferente alla chirurgia Generale 1 diretta dal prof. Marco Braga, composta dal prof. Luca Gianotti e dal prof. Fabio Uggeri, chirurghi e docenti dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, con la collaborazione del dott. Federico Bertuzzi, responsabile del centro di riferimento regionale per la coltura dell’epidermide in vitro, della banca per la crioconservazione dei tessuti e responsabile della diabetologia dell’Ospedale Niguarda, e dei radiologi interventistici del San Gerardo (dott. Rocco Corso, dott. Antonio Rovere e dott. Davide Leni).

Come spiega il prof. Gianotti, “questo tipo d’intervento estremamente complesso, prevede l’asportazione chirurgica del segmento pancreatico interessato dalla IPMN, che viene inviato all’unità di anatomia patologica per la valutazione istologica e della parte sana dell’organo che invece viene inviata ad un centro specialistico (Laboratorio di Niguarda) dove, con Azienda Sotecniche estremamente sofisticate e in poche ore, vengono isolate e purificate le isole di Langerhans e infine messe in una sospensione liquida particolare.

Tale sospensione viene poi immediatamente reinfusa nel soggetto donatore che ha subito l’intervento. La tecnica di infusione delle isole prevede, in anestesia locale, la puntura percutanea di un ramo della vena porta del fegato, l’incanulamento della stessa e la perfusione della soluzione contenente le isole nel lobo epatico di destra o di sinistra. Le cellule produttrici di insulina attecchiscono all’interno dei sinusoidi epatici e ricominciano a produrre insulina in modo pressoché normale in pochi giorni”. In particolare, nel paziente che ha ricevuto questo trattamento, a distanza di soli 9 giorni dopo l’autotrapianto di isole, si assisteva alla normalizzazione dei livelli di insulina plasmatica e dei livelli glicemici. Durante il periodo postoperatorio si è provveduto ad attenti e costanti controlli ambulatoriali del metabolismo glucidico e un anno dall’intervento, il paziente conduce una vita e una alimentazione normale e necessita esclusivamente di una sola somministrazione serale di poche unità di insulina lenta e di una compressa di antidiabetico orale al mattino.

Fonte: Ufficio Stampa www.asst-monza.it

Iaphet Elli

Iaphet Elli, blogger, ho partecipato come editor a ExpoMilano2015. Collaboro con diversi uffici stampa di città Italiane ,Stati Europei e Mondiali.

Il Coronavirus è nato in laboratorio, ecco le prove
Salute News24

Il Coronavirus è nato in laboratorio, ecco le prove

Le prove scientifiche e i metodi di insabbiamento raccolte nel libro denuncia “L’origine del virus”: l’intervista di Matteo Gracis, fondatore del giornale L’indipendente, all’autore Paolo Barnard, che evidenzia un mondo scientifico sempre più dipendente dai finanziamenti della Cina Milano, 21 ottobre 2021 – Com’è nato il flagello virale che ha travolto l’umanità? Perché la Cina […]

Read More
Salute News24

Carcinoma ovarico: al San Gerardo l’ambulatorio per le donne portatrici di mutazione BRCA

Dal gennaio 2017 è attivo, presso l’Ospedale San Gerardo, un servizio dedicato alla sorveglianza ginecologica per le donne portatrici di mutazione genetica dei geni BRCA, diretto dal prof. Robert Fruscio della UOC di Ginecologia Chirurgica guidata del prof. Fabio Landoni, entrambi professori associati in Ginecologia e Ostetricia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. L’idea di creare […]

Read More
Dott. Antonio Braun Ch.Generale e Bariatrica GVM
Salute News24

Raro tumore all’esofago: caso ritenuto inoperabile, trattato con successo con tecnica mininvasiva

Bari, 31 maggio 2021 – Un esteso tumore dell’esofago affliggeva Raffaele, un 58enne di Napoli. L’intervento che ha permesso di rimuovere la neoplasia è stato messo a punto, dopo una attenta valutazione del quadro clinico, a Ospedale Santa Maria di Bari, Struttura Polispecialistica di GVM Care & Research accreditata con il Servizio Sanitario Nazionale. Considerata l’entità […]

Read More