CARNEVALE DI VIAREGGIO 2020, AL VIA SABATO 1 FEBBRAIO 2020

Al  via sabato 1 febbraio l’edizione 2020 del Carnevale di Viareggio: 147 anni di  una manifestazione che non mostra affatto i segni del tempo. Tante le novità di questa speciale edizione in cui saranno 6 i Corsi mascherati (in programma il 1, 9, 15, 20, 23 e 25 febbraio)
Monumentali più che mai le opere allegoriche create dalla maestria degli artisti di Viareggio che anche quest’anno hanno scelto di ritrarre sui loro carri personaggi simboli di questa nostra epoca, da Greta Thunberg a Cristiano Ronaldo, senza dimenticare i grandi temi: dall’avanzata dell’economia cinese sugli Stati uniti, dalla lotta alle discriminazioni, fino al tema delle corride, all’ignoranza. Non manca la satira politica con Matteo Salvini, Luigi Di Maio e il premier Giuseppe Conte. Ma sui carri si rappresentano anche le ansie per la socialmania e per l’intelligenza artificiale, che rischiano di sostituire il pensiero dell’uomo e i suoi sentimenti.

Un mese di festa, spettacoli e arte che prende il via il 1 febbraio per concludersi il 25 febbraio.

A Sergio Staino il premio Burlamacco d’Oro mentre la voce di Enzo Iacchetti interpreta la canzone del Carnevale 2020 dal titolo “La famiglia digitale” di Tiziano Jannacci e del compositore Salvatore Di Martino.

Il tema delle manifestazioni collaterali nel programma “Fuori Corso” è generazioni. Tre gli eventi culturali in programma: la mostra di teschi interpretati da 20 artisti ed esposti in città, Festa Enrico Coveri Art Collection l’esposizione esclusiva che mette in mostra alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” di Viareggio opere di artisti contemporanei che si sono ispirati allo stile Coveri, tra cui un ritratto del grande stilista firmato da Andy Warhol. Infine l’inaugurazione del nuovo spazio espositivo della collezione Carnevalotto.

L’inaugurazione del Carnevale sabato 1 febbraio alle ore 15. Ad accompagnare la bandiera di Burlamacco sul pennone più alto di piazza Mazzini, sarà la Fanfara della Marina Miliare.

Carri Mascherati

Sei straordinarie e imperdibili occasioni per vivere la magia del Carnevale di
Viareggio, con i sei Corsi Mascherati dell’edizione 2020, in programma dal 1
al 25 febbraio. Novità assoluta: la sfilata notturna di giovedì 20 febbraio, per
festeggiare il Giovedì Grasso.
Il Carnevale di Viareggio 2020 inizierà sabato 1 febbraio con la cerimonia di
inaugurazione, l’alzabandiera e il primo Corso Mascherato. Al termine lo
spettacolo piromusicale. Sui Viali a Mare si sveleranno per la prima volta le
nuove costruzioni allegoriche, opera degli artisti viareggini. I carri allegorici
più grandi e famosi al mondo, torneranno a sfilare sui Viali a Mare domenica
9, sabato 15, giovedì 20 (al termine della sfilata un nuovo spettacolo pirotecnico), domenica 23 e martedì 25 febbraio per il gran
finale con la proclamazione dei vincitori e lo spettacolo pirotecnico di chiusura. Un crescendo di eventi, che da Giovedì Grasso e
Martedì Grasso creerà una sorta di “settimana” del Carnevale.
Come da tradizione tutto il mese di febbraio sarà arricchito da eventi culturali, folkloristici, gastronomici, sportivi, veglioni e
spettacoli pirotecnici. I principali quartieri della città la notte si accenderanno per dare vita alle Feste Rionali. Musica dal vivo, luci,
sfilate in maschera e cucine, in cui gustare i piatti tipici della tradizione viareggina, saranno ancora una volta gli ingredienti tipici delle
Feste Rionali amatissime dal pubblico

Gli Artisti del Carnevale

A realizzare le straordinarie macchine allegoriche di cartapesta sono i
Maestri costruttori viareggini. ben 23 ditte artigiane, con più di 250
professionisti della creatività impegnati nella realizzazione di veri e propri
teatri viaggianti. In molti casi si tratta di figli d’arte che hanno ereditato da
padri e nonni le abilità e i segreti di un mestiere unico al mondo che
affonda le sue radici nella sapienza costruttiva dei maestri d’ascia e calafati
dei cantieri navali della darsena di Viareggio. Alti oltre 20 metri, larghi
dodici, i carri sono creati per stupire il pubblico e la selezionatissima giuria
che ogni anno, alla fine del Carnevale, stila la classifica di merito,
decretando vincitori e vinti.

Le Opere Allegoriche del Carnevale

loro satira e le loro indiscusse capacità artistiche i
maestri della cartapesta hanno interpretato la società
contemporanea, guardando alla social mania, all’avanzata
economica della Cina, ai disastri ambientali, contro cui si è
schierata Greta Thunberg con la sua mobilitazione
internazionale. Tra i temi delle costruzioni allegoriche: il
no alle corride, l’ispirazione ad una frase di Luciano De
Crescenzo per lanciare un abbraccio collettivo, l’impegno
per un amore senza discriminazione, la cultura minacciata
dal centauro dell’ignoranza, e i nuovi idoli del momento
come Cristiano Ronaldo.

www.ilcarnevale.com

Post più popolari