Passa ai contenuti principali

L’Ultima Cena per Immagini. La fotografia racconta la storia del Novecento - fino all’8 dicembre 2019

L’Ultima Cena durante l’approntamento del presidio di sicurezza nel corso della Seconda Guerra Mondiale, 1943. Archivio Fotografico Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di MilanoLe condizioni del Refettorio di santa
Una narrazione per immagini a cura di Michela Palazzo
Il Polo Museale della Lombardia con il Museo Nazionale del Cenacolo Vinciano e la Fondazione
Cineteca celebrano i 500 anni della scomparsa di Leonardo da Vinci con il progetto “L’Ultima
Cena per immagini” che racconta il Cenacolo Vinciano attraverso il cinema, il documentario e le
immagini storiche.
Il progetto è realizzato in collaborazione con Gallerie d'Italia, Università degli Studi di Milano e i
Padri domenicani della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ed ha il sostegno di Intesa Sanpaolo e
Epson.
La mostra “Ultima Cena per Immagini – La fotografia racconta la storia del Novecento” che
inaugura il 28 maggio e prosegue fino all’8 dicembre 2019, racconta l’evoluzione del museo e le
traversie della parete dipinta, dal bombardamento aereo del 1943 alle grandi campagne di restauro del
Novecento. Una storia appassionante e a tratti avventurosa, una narrazione per immagini che si
dispiega attraverso un allestimento coinvolgente che accompagna il visitatore.
La mostra si snoda all’interno degli spazi del Museo del Cenacolo, a partire dalle prime zone filtro per proseguire negli ambienti adiacenti al refettorio, fino al giardino, ed è articolata in diverse sezioni che ripercorrono i momenti salienti delle tormentate vicende che caratterizzano la storia dell’Ultima Cena e del complesso delle Grazie nel Novecento.
Si inizia con le immagini sconvolgenti dei danni subiti dal complesso di Santa Maria delle Grazie a
seguito del bombardamento aereo avvenuto nell’agosto del 1943, quando una bomba, esplosa al
centro del chiostro dei Morti, polverizzò il porticato, le celle e la biblioteca, fece crollare una parete e
tutta la volta del Refettorio, lesionò la Crocifissione di Donato Montorfano e danneggiò le lunette sopra l’Ultima Cena.
Logico, dopo le distruzioni, raccontare i restauri: da quelli di inizio Novecento, realizzati da Luigi
Cavenaghi e Oreste Silvestri a quello di Mauro Pellicioli che ne celebrò la resurrezione dopo la
seconda guerra mondiale, per arrivare a quello di Pinin Brambilla Barcilon. Iniziato nel 1977 e
concluso nel 1999, ha aperto una nuova era nella metodologia di conservazione dell’opera con un
approccio volto alla prevenzione e al controllo ambientale. Grazie al confronto diretto di immagini de medesimi dettagli ripresi nel corso dei vari interventi, il visitatore coglierà con immediatezza lo stato
reale della superficie pittorica e l’evoluzione delle metodologie del restauro.
Una vera storia nella storia i cui protagonisti, Cavenaghi, Pelliccioli, Brambilla, sono presentati al
visitatore come emblematici di una precisa fase storica.
A conclusione immagini poco note fanno ripercorrere la vicenda, per nulla lineare, che ha portato il
Cenacolo a trasformarsi da monumento in museo.
La mostra si propone come strumento per accrescere la conoscenza dell’opera di Leonardo
attraverso una vasta documentazione visiva, arricchendo il percorso di visita del Museo del Cenacolo
ed aiutando il suo pubblico, tanto folto quanto eterogeneo, ad acquisire maggiore consapevolezza sia
del contesto culturale e storico che ha portato il dipinto ad avere l’aspetto che ha oggi, sia della
complessità e della fragilità materica dell’opera. Da cui discendono le ferree restrizioni che ne regolano le visite e rendono il Cenacolo una meta mitica.
Il ricchissimo patrimonio fotografico che ha reso possibile la realizzazione della mostra proviene
principalmente dagli archivi delle Soprintendenze che per decenni hanno avuto il compito della
tutela dell’opera. La digitalizzazione e l’informatizzazione di questi archivi sono state completate
grazie alla collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana, con la Soprintendenza Archeologia
Belle Arti e Paesaggio della città metropolitana di Milano, il sostegno di Intesa Sanpaolo e Epson
come sponsor tecnico.
A partire da venerdì 31 maggio 2019 all’interno del percorso espositivo del MIC‐Museo Interattivo
del Cinema (Viale Fulvio Testi 121 Milano, MM Bicocca), sarà possibile visitare una video
installazione dedicata alla mostra.

www.musei.lombardia.beniculturali.it

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

MILANO MODA | COLLEZIONI UOMO - DAL 15 AL 19 GENNAIO 2021

Milano, 17 dicembre 2020 – L’eleganza maschile torna protagonista in città, con la Milano Fashion Week Women’s - Mens’ Collection Autunno/Inverno 2022, in programma dal 15 al 19 gennaio 2021, che prevede 39 brand presenti in calendario, di cui 10 per la prima volta e sarà aperta da Ermenegildo Zegna. A illustrare questa mattina, indiretta streaming, il calendario della manifestazione, l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività Produttive, Moda e Design Cristina Tajani con Carlo Capasa, Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana e Costanza Cavalli Etro, ideatrice di Fashion Film Festival Milano.   “Un'edizione innovativa capace di adeguarsi e interpretare le particolari esigenze del momento, proponendo il giusto mix tra appuntamenti dal vivo e digitali - commenta l’assessora Cristina Tajani -.  Sfilate e presentazioni che si reinterpretano e reinventano nella forma e nei linguaggi, sfruttando a pieno le opportunità offerte dal web, indispensabili ormai