12 maggio – 22 settembre 2019 – Gertsch – Gauguin – Munch Cut in Wood Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano

F. Gertsch Natascha IV, 1988

Dal
12 maggio al 22 settembre 2019 il Museo d’arte della Svizzera italiana
celebra uno degli artisti contemporanei svizzeri più significativi,
Franz Gertsch
. La mostra ideata dallo stesso artista e
co-curata da Tobia Bezzola, direttore del museo, presenta nove
monumentali incisioni di Franz Gertsch accanto a una selezione di oltre
settanta xilografie di Paul Gauguin ed Edvard Munch.



Franz
Gertsch è stato chiamato a collaborare con il Museo non solo in veste
di artista ma anche come curatore. Questo invito è stato accolto e
rielaborato dall’artista con una sorprendente proposta: quella di presentare
le sue xilografie in dialogo con le opere di coloro da lui considerati
maestri assoluti dell’incisione tra Ottocento e Novecento, Paul Gauguin
(1848-1903)
e Edvard Munch (1863-1944).



Sebbene questa scelta in un primo momento – per distanza storica e differenze stilistiche – possa risultare singolare, vi sono
profonde affinità tra i tre artisti, a cominciare da una
comune padronanza della tecnica xilografica e dalla volontà di testarne
ed espanderne i limiti. Le xilografie di Gauguin e Munch sono infatti
opere di piccolo-medio formato, contraddistinte
da linee estremamente espressive e accesi contrasti cromatici. Le
monumentali incisioni di Gertsch si presentano invece come vaste
superfici monocrome, costellate da una miriade di minuscoli punti di
luce.


Come ha dichiarato lo
stesso Gertsch: “[…] io mi sento vicino a Gauguin e Munch nel loro
approccio estremamente personale alla tecnica xilografica. Tutti e tre
abbiamo elaborato un linguaggio molto particolare
in questa tecnica. La nostra produzione xilografica è in qualche modo
unica”.


Gauguin incide i blocchi di legno con qualsiasi strumento disponibile: sgorbie, coltelli, carta vetrata, punteruoli e li rielabora
continuamente, anche in fase di stampa. Munch scompone le matrici delle sue opere in vari pezzi utilizzando colori diversi per poi ricomporli come un puzzle e procedere con la stampa di un’immagine a più colori in un solo passaggio.
Entrambi stravolgono i canoni dell’incisione su legno stabiliti sin dal XV secolo
e lo stesso attua Gertsch quando, nel 1985, decide di sospendere la
produzione dei dipinti realisti di grande formato che lo hanno reso
celebre sin dagli anni
Settanta per dedicarsi all’esplorazione della tecnica xilografica.



Come i suoi predecessori,
Gertsch elabora un procedimento rivoluzionario per creare le sue incisioni evitando del tutto la linea:
l’artista incide sulla matrice una trama fittissima di punti
che determina le zone luminose e la cui modulazione permette
all’immagine di delinearsi
. Date la meticolosità della tecnica e le
dimensioni monumentali delle matrici, la realizzazione
di ogni xilografia richiede all’incirca un anno di lavoro. Da ogni
matrice Gertsch realizza esemplari di tonalità diverse con inchiostri da
lui stesso preparati e stampati su enormi fogli di carta appositamente
realizzati da un cartaio giapponese: il risultato
di questo laborioso procedimento è un insieme di opere immersive che
offrono un’esperienza visiva unica e invitano alla contemplazione.



Da
un punto di vista tematico nelle opere di Gertsch, Gauguin e Munch
ritroviamo un intenso intreccio di malinconia ed eros, una visione
mistica del paesaggio e della natura, 
intesa come fonte primordiale di ispirazione, così come un senso di solitudine ed estraneità degli artisti rispetto alla società.



Per tutti e tre gli artisti l’opera incisa è da intendersi come in constante dialogo con l’opera pittorica.
Nelle incisioni di
Gauguin vengono immortalate quelle scene di vita quotidiana e figure
femminili di Tahiti che contraddistinguono le sue tele più celebri. Sono
caratterizzate da un aspetto decisamente più oscuro e misterioso, data
la predominanza del nero e delle tonalità scure.
Nelle xilografie di Munch è possibile riconoscere alcuni dei suoi
dipinti più famosi come Il bacio o Ragazze sul ponte. Lo stesso vale per Gertsch che utilizza il medesimo archivio di immagini fotografiche come punto di partenza
sia per i suoi dipinti che per le sue incisioni.



La mostra nasce dal desiderio di
celebrare la straordinaria carriera di uno dei principali esponenti dell’arte svizzera in vista del suo 90esimo compleanno,
che si inserisce nella serie di esposizioni che il MASI quest’anno
dedica alla storia dell’arte elvetica: inaugurata
con il progetto dedicato al Surrealismo svizzero, si concluderà con uno
sguardo rivolto alla produzione contemporanea di più stretta attualità,
grazie alla monografica di Julian Charrière, classe 1987, prevista per
il prossimo autunno.


Dal
12 maggio al 22 settembre 2019 il Museo d’arte della Svizzera italiana
celebra uno degli artisti contemporanei svizzeri più significativi,
Franz Gertsch
. La mostra ideata dallo stesso artista e
co-curata da Tobia Bezzola, direttore del museo, presenta nove
monumentali incisioni di Franz Gertsch accanto a una selezione di oltre
settanta xilografie di Paul Gauguin ed Edvard Munch.



Franz
Gertsch è stato chiamato a collaborare con il Museo non solo in veste
di artista ma anche come curatore. Questo invito è stato accolto e
rielaborato dall’artista con una sorprendente proposta: quella di presentare
le sue xilografie in dialogo con le opere di coloro da lui considerati
maestri assoluti dell’incisione tra Ottocento e Novecento, Paul Gauguin
(1848-1903)
e Edvard Munch (1863-1944).



Sebbene questa scelta in un primo momento – per distanza storica e differenze stilistiche – possa risultare singolare, vi sono
profonde affinità tra i tre artisti, a cominciare da una
comune padronanza della tecnica xilografica e dalla volontà di testarne
ed espanderne i limiti. Le xilografie di Gauguin e Munch sono infatti
opere di piccolo-medio formato, contraddistinte
da linee estremamente espressive e accesi contrasti cromatici. Le
monumentali incisioni di Gertsch si presentano invece come vaste
superfici monocrome, costellate da una miriade di minuscoli punti di
luce.


Come ha dichiarato lo
stesso Gertsch: “[…] io mi sento vicino a Gauguin e Munch nel loro
approccio estremamente personale alla tecnica xilografica. Tutti e tre
abbiamo elaborato un linguaggio molto particolare
in questa tecnica. La nostra produzione xilografica è in qualche modo
unica”.


Gauguin incide i blocchi di legno con qualsiasi strumento disponibile: sgorbie, coltelli, carta vetrata, punteruoli e li rielabora
continuamente, anche in fase di stampa. Munch scompone le matrici delle sue opere in vari pezzi utilizzando colori diversi per poi ricomporli come un puzzle e procedere con la stampa di un’immagine a più colori in un solo passaggio.
Entrambi stravolgono i canoni dell’incisione su legno stabiliti sin dal XV secolo
e lo stesso attua Gertsch quando, nel 1985, decide di sospendere la
produzione dei dipinti realisti di grande formato che lo hanno reso
celebre sin dagli anni
Settanta per dedicarsi all’esplorazione della tecnica xilografica.



Come i suoi predecessori,
Gertsch elabora un procedimento rivoluzionario per creare le sue incisioni evitando del tutto la linea:
l’artista incide sulla matrice una trama fittissima di punti
che determina le zone luminose e la cui modulazione permette
all’immagine di delinearsi
. Date la meticolosità della tecnica e le
dimensioni monumentali delle matrici, la realizzazione
di ogni xilografia richiede all’incirca un anno di lavoro. Da ogni
matrice Gertsch realizza esemplari di tonalità diverse con inchiostri da
lui stesso preparati e stampati su enormi fogli di carta appositamente
realizzati da un cartaio giapponese: il risultato
di questo laborioso procedimento è un insieme di opere immersive che
offrono un’esperienza visiva unica e invitano alla contemplazione.



Da
un punto di vista tematico nelle opere di Gertsch, Gauguin e Munch
ritroviamo un intenso intreccio di malinconia ed eros, una visione
mistica del paesaggio e della natura, 
intesa come fonte primordiale di ispirazione, così come un senso di solitudine ed estraneità degli artisti rispetto alla società.



Per tutti e tre gli artisti l’opera incisa è da intendersi come in constante dialogo con l’opera pittorica.
Nelle incisioni di
Gauguin vengono immortalate quelle scene di vita quotidiana e figure
femminili di Tahiti che contraddistinguono le sue tele più celebri. Sono
caratterizzate da un aspetto decisamente più oscuro e misterioso, data
la predominanza del nero e delle tonalità scure.
Nelle xilografie di Munch è possibile riconoscere alcuni dei suoi
dipinti più famosi come Il bacio o Ragazze sul ponte. Lo stesso vale per Gertsch che utilizza il medesimo archivio di immagini fotografiche come punto di partenza
sia per i suoi dipinti che per le sue incisioni.



La mostra nasce dal desiderio di
celebrare la straordinaria carriera di uno dei principali esponenti dell’arte svizzera in vista del suo 90esimo compleanno,
che si inserisce nella serie di esposizioni che il MASI quest’anno
dedica alla storia dell’arte elvetica: inaugurata
con il progetto dedicato al Surrealismo svizzero, si concluderà con uno
sguardo rivolto alla produzione contemporanea di più stretta attualità,
grazie alla monografica di Julian Charrière, classe 1987, prevista per
il prossimo autunno.