Passa ai contenuti principali

Alcuni Estratti dalla #Smemoranda2019 #ginostrada #robertosaviano #mika #smemoranda @SmemoOfficial

Fin da ragazzino sono stato abbastanza fortunato da avere sempre amici che mi guardano le spalle, anche durante le fasi più delicate della mia vita. Credo che solo condividendo i momenti più difficili si possa superarli e uscirne, e lo dico per esperienza diretta. Auguri a tutti quanti di trovare amicizia vere, spericolate, di quelle che non scordi mai, che alla fine puoi contare sulle dita di una mano.
Sfera Ebbasta

Kubasti? “come stai?” chiedo a Salim seduto sul letto nella corsia C. Avrà una decina di anni, capelli neri a spazzola, aria curiosa. Non dovrebbe essere qui. Khub “bene”, mi risponde mostrandomi il braccio fasciato. Aveva raccolto da terra un proiettile inesploso, oggi torna a casa. “ciao doctor” Salam Aleikum.
Maledetta sia la guerra.
Gino Strada

Ciao. Oggi, in questa rete di oltre sette miliardi di anime, su questa roccia sferica chiamata “Terra”, tutto ciò che ci collega l’uno con l’altro inizia e finisce così. “Ciao” per dire “benvenuto alla vita”, “ciao” per dire “addio”, “ciao” come “ho bisogno di te”, “ciao” come “non contare su di me”. (…) Vi immaginate se da domani cancellassimo queste quattro lettere in sequenza dal nostro vocabolario?
Emis Killa

Provai ad alzare la posta. Gasatissimo mi informo per l’Erasmus, c’è possibilità di andare a Düsseldorf: grande! Mia madre e mia zia mostrarono di appoggiarmi, apparivano felici ma leggevo nei loro occhi nostalgia. Mio padre mi regalò un cappotto di montone pesantissimo: “Farà freddo in Germania”. Non avevo nemmeno formalizzato la domanda che a loro già mancavo.
#RobertoSaviano

Il destino ti porta con sé, se vuoi che lo faccia. Molte volte siamo spinti da forze molto più grandi di noi e inevitabilmente all’inizio ne siamo vittime, ma possiamo decidere in ogni momento di diventare noi i protagonisti…io che ho sempre perso tempo, ne sono la prova.
Rkomi

È quando trasmetti emozione alle persone, quando ti incontrano e ti salutano come se ti conoscessero da sempre, al di là dello sport che fai, al di là di quello che hai vinto, anche se non ti hanno mai visto prima. Ecco che il ‘ciao’ generico diventa caloroso, assume un significato diverso, è molto più di una semplice formalità.
Andrea Dovizioso

Ero stanco e lo sono, ma ora so che mi sono ritrovato un timone in mano. E se il vento arriva, bene, sennò provo a fare un fischio io, chissà mai risponda! Ho incontrato e conosciuto il Signor Flusso di Coscienza, e ora posso dire che sia un’ottima fonte di energia rinnovabile.
Izi

Ho imparato a parlare italiano cinque anni fa. Prima di allora tutto quello che sapevo di questa lingua era solo una serie limitata di parole. Le avevo imparate dai menù dei ristoranti, dai benzinai in autostrada, ma soprattutto dalle nostre gite in giornata a Sanremo, quand’ero un ragazzino. Ci arrivavamo in auto da Nizza almeno una volta a settimana, d’estate…
#Mika


Nico Colonna e Gino&Michele
dedicano l’edizione 2019 del diario Smemoranda alla parola più breve, accogliente e internazionale che ci sia:


CIAO!

Da quest’anno anche su Zelig TV (canale 243 del DTT)

Sai chi ti saluta?

Antonio Albanese, Ale e Franz, Alessandro Barbero, Enrico Bertolino, Claudio Bisio, Boiler, Boomdabash, Martin Castrogiovanni, Charlie Charles, Lorenzo Jovanotti Cherubini, Don Luigi Ciotti, Antonio Dikele Distefano, Andrea Dovizioso, Sfera Ebbasta, Finley, Fabio Geda, Fraffrog e RichardHTT, Paolo Giordano, Cristiana Girelli, iPantellas, Ivan, Izi, Emis Killa, Luciano Ligabue, Luciana Littizzetto, Marco Locatelli, Stefano Mancinelli, Måneskin, Marta e Gianluca, Teresa Mannino, Maxime Mbandà, Francesca Michielin, Mika, Antonio Ornano, Matteo Piano, Rkomi, Martina Rosucci, Federico Russo, Nicola Savino, Roberto Saviano, Milan Skriniar, Francesco Sole, Gino Strada, Miriam Sylla, Mika, Licia Troisi, Bebe Vio,

Checco Zalone e tantissimi altri!