Passa ai contenuti principali

FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO - Dal 30 giugno al 15 luglio 2018

Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”




Saggio di diploma degli allievi del III anno del Corso di Recitazione



TIRANNO EDIPO!

da Sofocle



Drammaturgia e Regia Giorgio Barberio Corsetti



FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO 2018



Auditorium della Stella-

30 giugno/5 luglio

Sab 30 | ore 12.00

Dom 1 | ore 21.00

Lun 2 | ore 21.00

Mar 3 | ore 18.00

Mer 4 |: ore 21.00

Gio 5 | ore 17.00

Il 30 giugno debutta al Festival dei Due Mondi di Spoleto: Tiranno Edipo! - Saggio di diploma degli allievi attori del III anno, guidati da Giorgio Barberio Corsetti.

“Due città: la città del mondo e la città interiore.

La città del  mondo è malata , l’umanità intera è contaminata. La sterilità divora le risorse, gli uomini non hanno di che mangiare, le donne partoriscono sangue.

Questo è fuori, è l’esterno,  un accampamento di migranti che non hanno più un luogo dove stare.
Edipo può salvare il mondo, ma deve penetrare nella città interiore, nel cuore stesso dell’Io. Edipo deve portare a termine la sua indagine, sapere chi ha ucciso il Re.
La città interna, luogo della psiche è un muro bianco, su cui si riflettono le proiezioni… corpi e volti fatti di pezzi di tanti corpi..

I personaggi sono tutti frutto di questo mondo interiore. Edipo si riflette all’infinito, come in un sogno nella sua mente tante parti di lui diventano i personaggi. Tanti Edipi che si moltiplicano e devono districarsi all’interno della sua anima per arrivare al fondo dell’indagine.
La città interiore è circondata da un anello, che Edipo ha penetrato, l’enigma della Sfinge… la cui risposta è l’uomo. Risposta che di per sé è un altro enigma, il più grande.

Il mondo fuori è popolato di flussi, migrazioni, incomprensibile tragedia dell’altro da noi. Nella roccaforte dell’Io gli Edipi si moltiplicano, germinazione infinita di un soggetto prigioniero di se stesso.

Dentro, nel cuore del segreto, alberga il femminile, Giocasta, l’altra parte del sé; con un abito rosso sangue la Madre appare. Lei , il porto di attracco, il luogo dove il seme del Padre e del figlio si sono mischiati: il figlio è stato generato da quello stesso ventre in cui ha generato. Questa impossibile mescolanza può solo produrre sterilità e malanno.
Il racconto mitico di Edipo, nella sua affermazione o negazione, come immagine o parola,  è nelle mappe immaginarie  di tutte le esplorazioni dell’anima, di tutte le analisi della costituzione dell’Io in occidente.

Il monte Citerone è al centro di questo topografia dell’anima, tra Tebe, culla e porto del gesto primario, dell’indicibile, terribile conclusione, e Corinto , luogo dell’inganno, là dove Edipo ha vissuto una finta vita, con finti genitori. Il monte Citerone è il luogo dove il bambino dalle caviglie incatenate doveva morire, là dove è passato di mano, da un lato all’altro, al di là della cima. Il monte è il muro delle apparizioni e degli inganni.
Edipo è zoppo… solo zoppicando si può raggiungere la verità…
Apollo, misterioso e silenzioso dio, è sempre in procinto di partire, non resta, è di passaggio, fa risuonare i suoi passi, che danno il ritmo delle profezie.
Le profezie agiscono sempre in negativo, per contrastarle Edipo compie le azioni che lo porteranno invece al momento esatto e proprio nel luogo dove la profezia si compie: il crocevia dell’omicidio del padre, il trono, il letto della madre.
Gli occhi, lo sguardo,  guardare senza vedere, vedere solo da ciechi. Tiresia vede perché è cieco, Edipo si acceca perché ha finalmente visto e non vuole più non guardare.
La modernità fa da sfondo a questa tragedia, il tempo è il presente, dove l’atto si compie e si rinnova, dove l’indagine non ha fine, dove si diventa ciechi per aver visto troppo, e così si ritorna nel mondo degli altri…

In scena tanti Edipi: giovani attori ne assumono le vesti, a turno ne recitano le parole e mettono in moto la macchina infernale. Cantano i cori a cappella, scivolano da un personaggio all’altro.

GIOCASTA - Se ogni destino umano è deciso dalla sorte, e nessuno conosce il futuro, perché avere paura? È meglio lasciarsi vivere come si può.  Non devi aver paura del letto di tua madre. Molti, in sogno, si congiungono con la propria madre. Basta non pensarci per vivere più sereni.

CORIFEO - Cittadini tebani, guardatelo, è Edipo…”

Giorgio Barberio Corsetti

----------------------------------------------------------------------------------------------

Con Francesca Astrei, Matteo Berardinelli, Maria Chiara Bisceglia, Caterina Bonanni, Alessandro Businaro, Dario Caccuri, Chiacchiararelli Simone, Romina Colbasso, Carolina Ellero, Lorenzo Guadalupi, Domenico Luca, Ignazio Sergio Maniscalco, Francesca Melluso, Marco Valerio Montesano, Ada Nisticò, Tommaso Paolucci, Francesco Vittorio Pellegrino, Francesco Pietrella, Rebecca Sisti, Aron Tewelde.

Allievi registi Tommaso Capodanno, Paolo Costantini, Marco Fasciana.



Scene Massimo Troncanetti Costumi Francesco Esposito Luci Marco Giusti Musiche originali, preparazione e direzione cori cantati Massimo Sigillò Massara Suono a cura di Hubert Westkemper  Creazione Video Igor RenzettiLorenzo Bruno Coreografie e Movimenti Scenici Francesco Manetti e  Monica Vannucchi Assistenti alla  Regia Fabio Condemi, Giacomo Bisordi  Assistente Scenografa Alessandra Solimene Collaborazione alla drammaturgia Maria Luisa Maricchiolo e Michele Mazzone.

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat