Passa ai contenuti principali

Crossroads 2018 - Jazz e altro in Emilia-Romagna - 24 febbraio – 1 giugno 2018

Cory Henry
 Una maratona jazz da guinness: quasi cento giorni di programmazione con oltre 65 concerti che coinvolgeranno più di 500 artisti. Questo è l’identikit di Crossroads, il festival itinerante in tutta l’Emilia-Romagna, la cui diciannovesima edizione sarà on the road dal 24 febbraio sino all’1 giugno. Una giostra in continuo movimento: un po’ ruota panoramica sugli stili musicali (predomina il jazz, ma lo sguardo è sempre aperto sulle più varie musiche improvvisate, le contaminazioni etniche o elettroniche), un po’ montagne russe lungo le strade emiliane (il festival transiterà in una ventina di città, percorrendo migliaia di chilometri dalla prima all’ultima tappa).

Emblema della voracità stilistica della kermesse sarà la presenza di Cory Henry & The Funk Apostles: una miscela di gospel, funk, fusion, un vorticoso pianeta appartenente alla galassia Snarky Puppy (Bologna, Estragon Club, 27 aprile).

Crossroads 2018 è organizzato come sempre da Jazz Network in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e numerose altre istituzioni.

Uno dei tratti distintivi di Crossroads sono le residenze d’artista: da tempo, i tre big italiani della tromba jazz, Paolo Fresu, Enrico Rava e Fabrizio Bosso, sono stati ‘adottati’ dal festival, e vi prendono parte tornando in più occasioni con gruppi sempre diversi, comprese produzioni originali e progetti di raro ascolto. A loro quest’anno si aggiunge un quarto artist in residence, il pianista Danilo Rea.

Paolo Fresu terrà a battesimo Crossroads 2018 con il suo Devil Quartet il 24 febbraio al Teatro De André di Casalgrande, dove proporrà il nuovo repertorio “Carpe Diem”. Fresu tornerà poi per un duetto d’eccezione, proprio con Danilo Rea: due dei più amati jazzisti nazionali, che ben raramente si sono fatti ascoltare in tale contesto (Rimini, Teatro Novelli, 26 marzo). Fresu sarà poi al centro di due produzioni originali che coinvolgeranno formazioni orchestrali di vasta portata. Assieme alla vocalist Petra Magoni si avventurerà in un omaggio alle canzoni di Doris Day, sostenuto dall’Italian Jazz Orchestra diretta da Fabio Petretti (Forlì, Teatro Diego Fabbri, 1 maggio). Pochi giorni dopo sarà invece al centro di “Pazzi di Jazz”, in compagnia di Tommaso Vittorini, Ambrogio Sparagna, Alien Dee e di una colossale compagine orchestrale e corale formata da ben 250 giovanissimi musicisti, lanciati in un programma dedicato a George Gershwin (7 maggio, Ravenna, Teatro Alighieri).

Anche le presenze di Enrico Rava saranno caratterizzate dal valore degli interlocutori musicali. Come Fresu, anche lui incrocerà lo strumento con il pianoforte di Danilo Rea, in un nuovo incontro tra due degli artisti residenti del festival (Cento, Centro Pandurera, 3 aprile). Il 14 aprile darà vita a un prezioso dialogo con la pianista giapponese Makiko Hirabayashi (Castel San Pietro Terme, “Cassero” Teatro Comunale). Il 30 aprile sarà invece lo special guest di un trio che taglia trasversalmente la storia del jazz italiano: Giovanni Tommaso al basso, Rita Marcotulli al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria, pure loro sulle note di Gershwin (Russi, Teatro Comunale).

Anche per Fabrizio Bosso si annunciano partecipazioni all stars e progetti orchestrali. Assieme a Cristina Donà, Javier Girotto, Saverio Lanza, Rita Marcotulli, Enzo Pietropaoli e Cristiano Calcagnile darà vita all’omaggio a De André “Amore che vieni amore che vai” (Imola, Teatro Ebe Stignani, 10 aprile).

Informazioni

Jazz Network, tel. 0544 405666, fax 0544 405656,

e-mail: ejn@ejn.it, website: www.crossroads-it.orgwww.erjn.it - www.jazznetwork.it

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Gadget promozionali come strategia per fidelizzare i clienti

Power Bank Personalizzabile  I regali personalizzabili al giorno d'oggi sono una delle strategie di marketing, se non la migliore, atte a fidelizzare la propria clientela. Ci sono diverse modalità. La pubblicità ha assunto un significato più profondo da attuare non più coi soliti mezzi, quali quelli cartacei oppure sotto forma di banner sui siti web. Si è trasformata come anche i consumatori. Seguire il cliente tramite il merchandising al fine del raggiungimento di marketing e vendita. Questo prende il nome di Fidelizzazione e la si può attuare con diversi metodi che andremo a scoprire. 1 – Regali pubblicitari inserendovi il tuo logo 2 – Regali promozionali per i tuo clienti ____________Regali pubblicitari economici con il tuo logo Questa forma di pubblicità invece consiste nel fare seguito di prodotti promozionali a basso costo alle campagne pubblicitarie, al fine di raggiungere una platea di persone maggiore. Nel pubblicizzare il tuo evento, mostrando il tuo logo unit

Regio People. Il Teatro Regio presenta un nuovo volume fotografico

1958 Turandot 230 scatti, dal 1909 a oggi, per disegnare, in 260 pagine, il ritratto di una delle componenti più importanti di uno spettacolo dal vivo, il pubblico : RegioPeople è il nuovo volume fotografico realizzato dal Teatro Regio di Parma , per il progetto speciale 2019 dell’associazione Reggio Parma Festival , che immortala gli sguardi e le emozioni di chi, al di là della quarta parete, ha partecipato e partecipa alla creazione degli spettacoli del Teatro Regio e del Festival Verdi, catturando assieme a questi la magica, unica atmosfera che pervade gli spazi e regna da sempre nel pubblico di uno dei più bei teatri del mondo. Questo speciale racconto, a cura dello storico della musica Giuseppe Martini , presenta per la prima volta riunite, selezionate e restaurate, immagini preziose custodite dall’Archivio Storico del Teatro Regio di Parma e negli archivi privati dei fotografi Alberto e Gianluca Montacchini e di Giovanni Ferraguti, che hanno documentato la vita del Re