Passa ai contenuti principali

Albi - La città episcopale e il Il museo Toulouse-Lautrec #FranceFR @eventinews24


Albi_cathedrale_Credit Ville Albi
Scoprire Albi significa adottare,
per qualche ora, per un giorno o un periodo
più lungo, un ritmo di visita rilassato
in un ambiente privilegiato.
Qui, il patrimonio si scopre percorrendo
le strade del centro storico a piedi,
in trenino o navigando il fi ume a bordo
di una gabarre (tipica imbarcazione a
fondo piatto): la Cattedrale di Santa Cecilia,
il Palazzo della Berbie, il Pont-Vieux,
la Collegiata di Saint-Salvi... i numerosi
musei e i tanti monumenti emblematici
della Cittadella episcopale, classifi cata
patrimonio dell’UNESCO.
Escludendo Parigi, Albi è l’unica città
francese iscritta in due liste distinte
dell’UNESCO: il Patrimonio mondiale
e la Memoria del mondo.
Lasciatevi incantare dallo «spirito del sud»:
le terrazze assolate dei caffè e dei
ristoranti, gli spettacoli di strada in estate,
il colorito mercato del «territorio»,
le passeggiate lungo le rive del Tarn e
il mercatino antiquario del sabato,
paradiso dei cacciatori di occasioni!
__________Un po’di storia sulla città di Albi
Arroccato su un promontorio attraversato dal Tarn, il primo
insediamento di Albi, noto come «Casteviel», è popolato
sin dalla preistoria. Nell’Alto Medioevo viene trasformato
in una piazzaforte racchiusa da bastioni. Nel XIII secolo,
mentre il Sud della Francia è dilaniato dalla Crociata contro
gli Albigesi, Albi supera questo periodo quasi indenne,
rimanendo fedele alla Chiesa cattolica. Nel 1282, i vescovi,
diventati signori della città, fanno erigere una cattedrale
dallo stile austero, simbolo del loro potere e della vittoria
sull’eresia catara.
La vita culturale e intellettuale è molto fl orida, anche per
la presenza dello scriptorium e della biblioteca capitolare,
in cui è conservata la Mappa Mundi (VIII secolo). Questa è
la mappa più antica del mondo, anch’essa nella lista della
Memoria del Mondo dell’UNESCO.
A partire dal XV secolo, Albi attraversa un periodo fi orente
grazie al commercio dello zafferano e soprattutto del guado
(Isatis tintoria), la pianta da cui si ricava un’intensa tintura
blu. Così arricchita, la città si sviluppa e vengono costruiti
bellissimi hotel rinascimentali. Nel XIX e XX secolo, Albi
entra in un periodo di industrializzazione, con lo sviluppo
dell’industria molitoria e metallurgica, ma anche di pastifi ci
e cappellifi ci. Nel 1895, grazie alla prossimità delle miniere
di carbone di Cagnac-Carmaux, nasce la vetreria operaia,
iniziativa dei vetrai in sciopero sostenuti da Jean Jaurès.
_________La Città Episcopale di Albi
Dalla riva destra del Tarn la vista di Albi affacciata sul
fi ume è spettacolare. La Città episcopale ha conservato
il suo aspetto antico contrassegnato dal Pont-vieux,
dalle fortificazioni che costeggiano il corso d’acqua,
dal torrione del palazzo della Berbie, dalle terrazze
fi orite e dalla possente Cattedrale che la domina.
Due edifi ci eccezionali segnano il «paesaggio urbano»:
la cattedrale di Sainte-Cécile e il palazzo della Barbie,
antica sede vescovile sono il simbolo del potere spirituale
e temporale esercitato dal vescovo in epoca medievale.
Il complesso vescovile è incastonato in un insieme di
quartieri caratterizzati da un agglomerato di abitazioni
ricche o modeste, di chiese e altri edifi ci dai quali
spuntano campanili, torri e guglie.
::::::::::La cattedrale Sainte-Cécile
Place Sainte-Cécile
T/ 33 (0)5 63 43 23 43
accueil@paroissealbisud.com
www.cathedrale-albi.com
La Cattedrale di Santa Cecilia. È il monumento simbolo
della città di Albi. Costruita a partire dal 1282,
questa imponente cattedrale è un capolavorodel
gotico meridionale, arte militante concepita contro
l’eresia catara per affermare il potere della Chiesa
Cattolica. Roccaforte all’esterno, sontuoso palazzo
all’interno: superato il portale, si scopre una
meravigliosa decorazione, dominata dal Giudizio
Universale del Medioevo (XV secolo), dallo jubé con
la cinta del grande coro (XV secolo) e dagli affreschi
del XVI secolo. Oltre 18.500 m² di superfi ci dipinte!
___________Il Palazzo della Berbie
Eretto nel XIII secolo, il Palazzo della Berbie è uno
dei monumenti più importanti della Città episcopale
e divenuto, dal 1922, il sorprendente scrigno delle
opere del pittore albigese Henri de Toulouse-Lautrec.
Questa fortezza di architettura militare (che prende
il nome dall’occitano «Bisbia» che signifi ca «vescovado
»), è stata costruita in più fasi fra il XIII e il XVIII
secolo. Ilpalazzoèdispostointornoauncortiled’onore
racchiuso da mura imponenti. Nel corso dei secoli, è
stato trasformato in palazzo di interesse storico-artistico.
_________Il museo
Toulouse-Lautrec

Palais de la Berbie 81000 Albi
T/ 33 (0)5 63 49 48 70
www.musee-toulouse-lautrec.com
Visitate la più importante
collezione pubblica dedicata a
Enrico di Toulouse-Lautrec
Il percorso di visita del museo segue un fi lo cronologico
e tematico, cominciando con i quadri della
gioventù dell’artista fi no alle sue opere tardive,
con sale dedicate ai momenti salienti: i ritratti
più celebri del pittore; le case chiuse, il mondo
femminile di cui Lautrec coglie con pudore i gesti
semplici e intimi; le stelle della notte parigina e
l’insieme di manifesti dalle immagini iconiche.
-------Collezione d’arte moderna della
prima metà del XX secolo

Opere di amici e contemporanei di Toulouse-Lautrec,
come Emile Bernard (1868-1941), Maurice Denis
(1870-1943) e Pierre Bonnard (1867-1947), oltre a
un folto gruppo di pittori della «Realtà poetica», una
cerchia informale che sosteneva il ritorno alla
raffi gurazione colorista e i cui lavori rifl ettono il
gusto artistico dell’epoca.
Le opere d’arte antica sono esposte nelle sale
cerimoniali del palazzo (Guardi 1712-1793, Georges
de La Tour 1593-1652), mentre le gallerie evocano
la storia del monumento edifi cato dai vescovi nel
XIII secolo e della Cittadella episcopale di Albi
classificata Patrimonio mondiale.

Informazioni
T/ 00 33 (0)5 63 36 36 00
accueil@albitourisme.com
www.albi-tourisme.fr
www.france.fr

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Gadget promozionali come strategia per fidelizzare i clienti

Power Bank Personalizzabile  I regali personalizzabili al giorno d'oggi sono una delle strategie di marketing, se non la migliore, atte a fidelizzare la propria clientela. Ci sono diverse modalità. La pubblicità ha assunto un significato più profondo da attuare non più coi soliti mezzi, quali quelli cartacei oppure sotto forma di banner sui siti web. Si è trasformata come anche i consumatori. Seguire il cliente tramite il merchandising al fine del raggiungimento di marketing e vendita. Questo prende il nome di Fidelizzazione e la si può attuare con diversi metodi che andremo a scoprire. 1 – Regali pubblicitari inserendovi il tuo logo 2 – Regali promozionali per i tuo clienti ____________Regali pubblicitari economici con il tuo logo Questa forma di pubblicità invece consiste nel fare seguito di prodotti promozionali a basso costo alle campagne pubblicitarie, al fine di raggiungere una platea di persone maggiore. Nel pubblicizzare il tuo evento, mostrando il tuo logo unit

Regio People. Il Teatro Regio presenta un nuovo volume fotografico

1958 Turandot 230 scatti, dal 1909 a oggi, per disegnare, in 260 pagine, il ritratto di una delle componenti più importanti di uno spettacolo dal vivo, il pubblico : RegioPeople è il nuovo volume fotografico realizzato dal Teatro Regio di Parma , per il progetto speciale 2019 dell’associazione Reggio Parma Festival , che immortala gli sguardi e le emozioni di chi, al di là della quarta parete, ha partecipato e partecipa alla creazione degli spettacoli del Teatro Regio e del Festival Verdi, catturando assieme a questi la magica, unica atmosfera che pervade gli spazi e regna da sempre nel pubblico di uno dei più bei teatri del mondo. Questo speciale racconto, a cura dello storico della musica Giuseppe Martini , presenta per la prima volta riunite, selezionate e restaurate, immagini preziose custodite dall’Archivio Storico del Teatro Regio di Parma e negli archivi privati dei fotografi Alberto e Gianluca Montacchini e di Giovanni Ferraguti, che hanno documentato la vita del Re