Passa ai contenuti principali

THE VENICE GLASS WEEK - Dal 10 aL 17 settembre 2017, dalle ore 10.00 alle ore 18.00 @eventinews24

Massimo Micheluzzi
 THE VENICE GLASS WEEK: FONDAZIONE DI VENEZIA PARTECIPA ALLA SETTIMANA DEDICATA AL VETRO VENEZIANO CON LA MONOGRAFICA DI MASSIMO MICHELUZZI ALLA CASA DEI TRE OCI (SALE DE MARIA), Dal 10 aL 17 settembre 2017, dalle ore 10.00 alle ore 18.00

 FONDAZIONE DI VENEZIA PARTECIPA A THE VENICE GLASS WEEK CON LA MOSTRA MONOGRAFICA DI MASSIMO MICHELUZZI

La Fondazione apre le Sale De Maria della Casa dei Tre Oci per ospitare creazioni inedite dell’artista e designer veneziano

Da domenica 10 a domenica 17 settembre 2017, dalle ore 10.00 alle ore 18.00

Tre Oci, Giudecca 43 - Sale De Maria

Ingresso libero


Venezia, 27 giugno- La Fondazione di Venezia partecipa alla prima edizione di The Venice Glass Week, in programma a Venezia dal 10 settembre al 17 settembre 2017, aprendo, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, le Sale De Maria della Casa dei Tre Oci alla mostra delle creazioni di Massimo Micheluzzi, artista e designer del vetro attivo a Venezia e conosciuto a livello internazionale. L’inaugurazione si svolgerà sabato 9 settembre, alle ore 18.00, aperta a tutti. La mostra non si esaurirà con la prestigiosa settimana dedicata al vetro veneziano, ma resterà aperta fino a lunedì 9 ottobre, tutti i giorni (martedì escluso), dalle ore 13.00 alle ore 18.00.

L’esposizione “Massimo Micheluzzi”, voluta dalla Fondazione di Venezia e curata da Giulio Alessandri, raccoglie all’incirca trenta opere d’arte in vetro dell’autore veneziano. Negli spazi delle stanze dedicate alla famiglia degli artisti De Maria, dove gli arredi originali, i dipinti e i disegni offrono un assaggio della vita familiare nella Casa dei Tre Oci, trovano naturale collocazione creazioni inedite di Micheluzzi, realizzate ad hoc per la rassegna veneziana, insieme ai lavori progettati dall’artista in differenti periodi della sua ricerca.

Si tratta di produzioni artistiche dalle forme essenziali che tengono conto della specificità della materia assecondandone la natura e che trovano la propria più originale cifra nel trattamento a “freddo” con cui l’artista procede alla finitura delle superfici in moleria.

Da sempre sensibile al fascino dell'arte vetraria e consapevole del valore che essa ha per la cultura e la storia veneziane, la Fondazione di Venezia ha tradotto questa attenzione con l'acquisizione, nel 2000, di una collezione di vetri artistici che rappresentano una qualificata selezione dell'eccellenza della moderna vetreria muranese. Con il progetto espositivo legato a The Venice Glass Week, e in particolare con la ricerca di Massimo Micheluzzi, la Fondazione intende mostrare al pubblico come l'arte vetraria veneziana continui non solo a conservare, ma ancor più a dare forma sempre nuova alla propria attualissima vitalità, segno di una modernità che la mostra ospitata nella Casa dei Tre Oci prova a sintetizzare.

Massimo Micheluzzi

Nasce a Venezia il 20 giugno 1957, studia Storia dell'Arte all'Università di Ca' Foscari con Giuseppe Mazzariol, lavora poi  per anni nella galleria antiquaria del padre. Il primo contatto con il mondo del vetro nasce frequentando da giovanissimo la famiglia Venini proprietaria della famosa fabbrica di Murano ed è proprio lì che stabilisce il primo stretto contatto con la materia in qualità di giovane fotografo verso la fine degli anni ’70. Gli viene affidato allora l’incarico della schedatura fotografica della produzione aziendale. Fu una esperienza straordinaria che poi nel tempo si rivelerà più che preziosa.

Poi varie e ricorrenti opportunità ed alcune straordinarie collaborazioni con vari prestigiosi vetrai, lo spingono a cercare l'esperienza diretta della lavorazione in fornace. Seguendo prima un lungo e appassionato apprendistato in fornace, arriva solo poi a progettare e a iniziare un percorso personale, affiancando il maestro vetraio ed intervenendo direttamente sia nella fase preparatoria, sia successivamente nella fase finale di ogni suo lavoro.  Il suo studio è a Venezia.

Dalla ventennale collaborazione col maestro Andrea Zilio e la fornace Anfora sono nati i suoi migliori lavori. Il suoi lavori sono in alcuni musei internazionali e in varie collezioni pubbliche e private come il  Museo del Vetro di Murano, Musée Des Arts Décoratifs de Paris, The  Philadelphia Museum of Art di Philadelphia, The Corning Museum of Glass di New York, Ernsting Stiftung Alter Hof Herding a Coesfeld in Germania, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Wheaton Arts and Cultural Center a Millville, Le Musée-Atelier du Verre de Sars–Poterie, The Murano Glass Museum di Venezia, The Museum of Fine Arts a Houston, The Metropolitan Museum of Art a New York,  The Museum of Arts and Design (MAD) a New York, Villa Necchi Campiglio a Milano, Palazzetto Bru Zane, Centre de Musique Française a Venezia.



Solve et coagula

Il vetro è pura alchimia: l’arte del fuoco, l’athanor, la trasmutazione degli elementi, tutti coesistono e coagiscono all’interno dell’arte del vetro. Il momento di fusione (solve) è seguito da quello del coaugula, come sangue che si solidifica nel creare l’oggetto, ma ciò che è solidificato ritorna allo stato di fusione ancora ed ancora, in avanti e indietro, sino allo stadio finale dove il vetro assume la sua forma definitiva. Negli oggetti in vetro di Micheluzzi la trasparenza prende l’immagine di uno straordinario gioco di luce e colore, nel senso che ciò che appare, appare attraverso e all’interno della materia stessa e ciò che trans-appare è il modo in cui la luce aderisce al colore e viceversa e ancora come la luce descrive il colore e viceversa. La ragione formale dell’oggetto consiste nell’articolare e contenere elementi come luce e colore ed è questa la ragione per cui normalmente tali vasi rimangono vuoti essendo la loro funzione primaria quella di contenere uno spazio immateriale disegnato dalla luce e dal colore. Che meraviglia. (Giulio Alessandri)

Per informazioni:

info@treoci.org

Phone +39 041 2412332

www.treoci.org

www.fondazionedivenezia.org

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat