Passa ai contenuti principali

VENERI BIONDE: MARLENE E MARILYN - Cineteca Milano - Dall'1 al 27 agosto 2017 #marlenedietrich #MARILYMONROE

VENERI BIONDE: MARLENE E MARILYN, omaggio a due dive che con il loro fascino e la loro determinazione hanno segnato la storia del cinema Hollywoodiano e internazionale.
26 titoli (13 a testa) che hanno segnato la carriera delle due attrici, muse di grandi registi, tra cui: Billy Wilder, che diresse Marilyn in uno dei suoi più grandi e celebri capolavori, A qualcuno piace caldo (1959), ma anche nella commedia Quando la moglie è in vacanza (1955) e Il magnifico scherzo (1952), e la Dietrich in Testimone d’accusa (1957), thriller ad alta tensione che abbina supense e colpi di scena, inganni ed equivoci; Howard Hawks, che diresse Malilyn ne Gli uomini preferiscono le bionde (1953) e ne Il magnifico scherzo (1952); Josef von Sternberg che fu il primo a notare la grandezza della Dietrich, affidandole il ruolo di Lola-Lola, la cantante di cabaret in calze nere a rete che fa impazzire l’austero professor Unrath ne L’angelo azzurro (1930), creando così un lungo sodalizio che darà vita a ben sette capolavori, fra cui Marocco (1930), grande storia d’amore fra una cantante di cabaret e un legionario, Disonorata (1931), dove la Dietrich interpreta una prostituta ingaggiata dai servizi segreti come spia, algida e coraggiosa ma non immune all’amore, Venere bionda (1932), in cui a quella della Dietrich si affiancano le magistrali interpretazioni di Herbert Marshall e Cary Grant in un intreccio familiare pieno di fraintendimenti, Shangai Express (1932) struggente storia di un amore ritrovato e Capriccio spagnolo (1935), ultimo film del sodalizio Sternberg-Dietrich, un raffinatissimo delirio perverso e disumanizzato di decadentismo barocco che culmina nella famosa scena del duello; anche Orson Welles ebbe l’occasione di dirigerla, un po’ per caso, come vuole la leggenda, ne L’infernale Quinlan (1958), mentre Alfred Hitchcock la diresse in Paura in palcoscenico (1950).

In calendario poi altre indimenticabili interpretazioni di Marilyn Monroe (come La tua bocca brucia (1952) di Roy Ward Baker, Come sposare un milionario (1953) di Jean Negulesco, Niagara (1953) di Henry Hathaway, La magnifica preda (1954) di Otto Preminger, Follie dell’anno (1954) di Walter Lang, Fermata d’autobus (1956) di Joshua Logan,  Facciamo l’amore (1960) di George Cukor) e di Marlene Dietrich (come La taverna dei 7 peccati (1940) di Tay Garnett, L’ammaliatrice (1941) di René Clair e Il viaggio indimenticabile (1951) di Henry Koster).

A completare il programma dedicato alle due veneri bionde, tre documentari che ripercorrono le loro carriere: Marlene Dietrich – Her Own Song (2001) di David Riva, che si sofferma su un aspetto particolare e meno conosciuto della sua vita, l’impegno civile e politico che la spinse a sospendere la sua carriera, allora all’apice, per dedicarsi agli spettacoli in sostegno delle truppe alleate durante la Seconda guerra mondiale; Marilyn Monroe – The final days (2001), diretto da Patty Ivins Specht, che attraverso interviste inedite a persone che circondavano la star alla fine della sua vita, immagini d’archivio e spezzoni del suo ultimo film segue la produzione di Something’s Got to Dive, una commedia romantica diretta da George Cukor durante cui l’attrice fu licenziata e il film non fu mai terminato e Bert Stern l’uomo che fotografò Marilyn (2011) di Shannah Laumeister, un ritratto inedito che racconta il rapporto fra il fotografo newyorchese e la sua musa.
Scarica le immagini per dare notizia della rassegna

____________PROGRAMMA

Martedì 22 agosto
h 18.00 Il viaggio indimenticabile
Henry Koster, UK, 1951, b/n, 98’. Con Marlene Dietrich e James Stewart.
Theodore Honey, scienziato aereonautico, ha individuato che gli aerei di linea "Reindeer" rischiano di precipitare dopo 1440 ore di volo. Inviato sul luogo di un incidente il professore scopre che l'aereo sul quale sta viaggiando sta raggiungendo proprio la soglia di usura!

Mercoledì 23 agosto
h 18.00 Il magnifico scherzo
Howard Hawks, USA, 1952, 97’. Con Marilyn Monroe, Cary Grant.
Mentre in un laboratorio scientifico si sta cercando di mettere a punto un elisir di lunga vita, la soluzione viene trovata da una scimmia che aggiunge, a caso, proprio l'elemento mancante.

Giovedì 24 agosto
h 18.00 Marilyn Monroe - The final days
Patty Ivins Specht, USA, 2001, 117’.
Presentando interviste inedite alle persone che circondavano la star alla fine della sua vita e spezzoni assemblati del suo ultimo film Something’s Got to Give, una commedia romantica diretta da George Cukor. Marilyn fu licenziata durante le riprese, poco prima della sua morte, e il film non fu mai portato a termine.

Venerdì 25 agosto
h 18.00 Shanghai Express
Josef von Sternberg, USA, 1932, b/n, 80’. Con Marlene Dietrich, Anna May Wong. Replica

Sabato 26 agosto
h 16.00 Gli uomini preferiscono le bionde
Howard Hawks, USA, 1953, 91’. Con Marilyn Monroe, Jane Russel. Replica

h 18.00 Testimone d’accusa
Billy Wilder, USA, 1957, b/n, 114’. Con Tyrone Power, Marlene Dietrich. Replica

Domenica 27 agosto
h 16.00 Paura in palcoscenico
Alfred Hitchcock, USA, 1950, 110’. Con Marlene Dietrich e Jane Wyman. Replica

h 18.00 A qualcuno piace caldo
Billy Wilder, USA, 1959, 120’. Con Marilyn Monroe, Tony Curtis. Replica

MODALITA’ D’INGRESSO
Ingresso intero € 5,50 / Ridotto con Cinetessera e studenti universitari € 4,00

www.cinetecamilano.it/

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat