Passa ai contenuti principali

KRYSTIAN ZIMERMAN IN CONCERTO - Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena - Giovedì 24 novembre 2016 alle 21 @TeatrocomunalediModena @KrystianZimerman

Si terrà giovedì 24 novembre 2016 alle 21 l'atteso recital del pianista  previsto fuori abbonamento per la stagione concertistica al Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena.
Krystian Zimerman
Appassionato di psicologia e computer, esperto di acustica e profondo conoscitore della meccanica e della costruzione dei pianoforti, Zimerman vive a Basilea dove divide il suo tempo tra la famiglia e un'attività concertistica volutamente limitata, che non supera i cinquanta concerti l'anno.
Nato nel 1956 a Zabrze, città della Polonia meridionale, e formatosi all'Accademia musicale di Katowice, si aprì le porte ad una brillante carriera internazionale nel 1975 quale più giovane vincitore del concorso Chopin di Varsavia e divenendo rapidamente uno dei più accreditati interpreti del repertorio classico. Tra le esecuzioni storiche che lo hanno condotto al vertice della vita musicale si ricordano quella con i Wiener Philharmoniker, il 10 febbraio 1985, la sua interpretazione del Concerto per pianoforte di Robert Schumann sotto la direzione di Herbert von Karajan, e i Concerti n. 3, 4 e 5 di Beethoven nel settembre 1989 sotto la direzione di Leonard Bernstein.
Nel 2013, in occasione del 100° anniversario della nascita di Lutoslawski, Zimerman ha eseguito il Concerto per pianoforte a lui dedicato dal compositore polacco con le più importanti orchestre internazionali, e lo ha inciso con i Berliner Philharmoniker e Sir Simon Rattle per la Deutsche Grammophon. Durante i 30 anni di collaborazione con l'etichetta tedesca si è addentrato nei dettagli del processo di registrazione e resa acustica del suono sviluppando un approccio estetico del tutto personale col supporto sonoro, e abbandonando da molti anni la registrazione da solo in studio. “La musica è molto più che un’esperienza sonora – ha dichiarato il pianista in una rara intervista alla BBC -, e a rivelarmelo è stata proprio la tecnologia digitale. Ci ha fornito troppe informazioni che riguardano il suono, e la musica non è solo suono. Utilizziamo il suono per creare musica, ma suonare significa piuttosto organizzare nel tempo le emozioni di chi ascolta, raccontare una storia. Quello che conta veramente è la storia che racconti utilizzando il suono e creare un suono sempre più perfetto non vuol dire necessariamente raccontare una storia in modo migliore. Anzi, la perfezione del suono e l'attenzione che vi si concentra è diventata in un certo senso un elemento preponderante, di distrazione”.
Zimerman ha coltivato un analogo, approfondito interesse in rapporto alle sonorità e alla meccanica del proprio pianoforte, adattando i propri strumenti di volta in volta alle necessità delle esecuzioni e del repertorio. “Da studente vivevo in un periodo, dietro la cortina di ferro, in cui ottenere parti di ricambio per un pianoforte Steinway era assolutamente impossibile – prosegue il pianista -. Era semplicemente troppo costoso, non potevamo permettercelo. Dunque, quando si rompeva qualcosa bisognava prendere un pezzo di legno, gli attrezzi, e farselo da solo, o cercare di ripararlo. In seguito, ho realizzato che questa era stata per me un’esperienza fantastica perché avevo imparato a conoscere il pianoforte dall’interno. Era diventato per me come un essere umano, perché sapevo se era malato e come potevo curarlo”.
Zimerman ha ricevuto numerosi premi internazionali: il 24 gennaio 2005, giorno dell’apertura del MIDEM a Cannes, il Ministro della cultura Renaud Donnedieu de Vabres gli ha conferito la Legione d’Onore francese, il Premio dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena e il Leonie-Sonning Prize. Gli è stato conferito il Dottorato Honoris Causa dell’Università di Katowice e la prima e più alta onorificenza per personaggi non legati al Corpo militare, la Croce al merito con stella.

nel 1975 quale più giovane vincitore del concorso Chopin di Varsavia e divenendo rapidamente uno dei più accreditati interpreti del repertorio classico. Tra le esecuzioni storiche che lo hanno condotto al vertice della vita musicale si ricordano quella con i Wiener Philharmoniker, il 10 febbraio 1985, la sua interpretazione del Concerto per pianoforte di Robert Schumann sotto la direzione di Herbert von Karajan, e i Concerti n. 3, 4 e 5 di Beethoven nel settembre 1989 sotto la direzione di Leonard Bernstein.
Nel 2013, in occasione del 100° anniversario della nascita di Lutoslawski, Zimerman ha eseguito il Concerto per pianoforte a lui dedicato dal compositore polacco con le più importanti orchestre internazionali, e lo ha inciso con i Berliner Philharmoniker e Sir Simon Rattle per la Deutsche Grammophon. Durante i 30 anni di collaborazione con l'etichetta tedesca si è addentrato nei dettagli del processo di registrazione e resa acustica del suono sviluppando un approccio estetico del tutto personale col supporto sonoro, e abbandonando da molti anni la registrazione da solo in studio. “La musica è molto più che un’esperienza sonora – ha dichiarato il pianista in una rara intervista alla BBC -, e a rivelarmelo è stata proprio la tecnologia digitale. Ci ha fornito troppe informazioni che riguardano il suono, e la musica non è solo suono. Utilizziamo il suono per creare musica, ma suonare significa piuttosto organizzare nel tempo le emozioni di chi ascolta, raccontare una storia. Quello che conta veramente è la storia che racconti utilizzando il suono e creare un suono sempre più perfetto non vuol dire necessariamente raccontare una storia in modo migliore. Anzi, la perfezione del suono e l'attenzione che vi si concentra è diventata in un certo senso un elemento preponderante, di distrazione”.
Zimerman ha coltivato un analogo, approfondito interesse in rapporto alle sonorità e alla meccanica del proprio pianoforte, adattando i propri strumenti di volta in volta alle necessità delle esecuzioni e del repertorio. “Da studente vivevo in un periodo, dietro la cortina di ferro, in cui ottenere parti di ricambio per un pianoforte Steinway era assolutamente impossibile – prosegue il pianista -. Era semplicemente troppo costoso, non potevamo permettercelo. Dunque, quando si rompeva qualcosa bisognava prendere un pezzo di legno, gli attrezzi, e farselo da solo, o cercare di ripararlo. In seguito, ho realizzato che questa era stata per me un’esperienza fantastica perché avevo imparato a conoscere il pianoforte dall’interno. Era diventato per me come un essere umano, perché sapevo se era malato e come potevo curarlo”.
Zimerman ha ricevuto numerosi premi internazionali: il 24 gennaio 2005, giorno dell’apertura del MIDEM a Cannes, il Ministro della cultura Renaud Donnedieu de Vabres gli ha conferito la Legione d’Onore francese, il Premio dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena e il Leonie-Sonning Prize. Gli è stato conferito il Dottorato Honoris Causa dell’Università di Katowice e la prima e più alta onorificenza per personaggi non legati al Corpo militare, la Croce al merito con stella.

Post popolari in questo blog

Mister Italia 2014: Paolo Di Rienzo di Brescia eletto ieri sera a Garda (VR) MISTER ITALIA FITNESS VENETO

MISTER FITNESS VENETO E’ PAOLO DI RIENZO DI BRESCIA 1° classificato: Mister Italia Fitness Veneto, Paolo Di Rienzo, 27 anni,  di Brescia Mister Cinema, Alessandro Mussignani, 18 anni, di Vicenza Mister Alpe Adria, Matteo Inverardi, 26 anni, di Castegnato (BS) Mister Eleganza World of Beauty, Stefano Bronzato, 22 anni, di Isola della Scala (VR) ______________________________________ Si è concluso ieri sera nella splendida piazza di Garda (VR) l’edizione 2014 del Festival del Garda, evento che tra i suoi vari momenti di spettacolo prevedeva anche l’elezione di Miss e Mister del Garda, quest’ultimo concorso collegato a MISTER ITALIA. In occasione della serata che era l’ultima di una serie di manifestazioni svoltesi sia sulla riva lombarda che su quella veneta del lago di Garda, il primo classificato dei Mister, oltre ad essere eletto “ Mister del Garda ” è stato eletto anche “ Mister Fitness Veneto 2014 ” fascia vinta lo scorso anno dal veronese Mattia Cast

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

MILA di Cinzia Angelini evento di apertura del 69 Trento Film Festival (30 aprile - 9 maggio 2021)

Sarà l’atteso corto di animazione Mila di Cinzia Angelini a inaugurare, venerdì 30 aprile, il 69. Trento Film Festival, in programma dal 30 aprile al 9 maggio (on line fino al 16 maggio). Ispirato ai bombardamenti che colpirono Trento nel 1943, Mila racconta una storia di guerra vista dalla prospettiva di una bambina. Nel film, che si ispira alle testimonianze sulla Seconda Guerra Mondiale della madre della regista, il personaggio di Mila simboleggia il meglio dell’umanità. Per quanto abbia perso ogni cosa, Mila non ha perso l’immaginazione e la speranza. Mila vuole rappresentare tutti i bambini, di ogni guerra, di ogni tempo. Un film che per comunicare sceglie il linguaggio universale della musica, grazie all’emozionate composizione di Flavio Gargano, eseguita dall’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. «Con questo film – dichiara Cinzia Angelini - desidero mostrare la forza e la resilienza che hanno i più giovani, anche se lasciati soli e abbandonati. Oggi i bambini continuano a soffri