Grazia Toderi e Orhan Pamuk Words and Stars – Palazzo Madama – Torino dal 4 novembre 2016 al 16 gennaio 2017 @PalazzoMadama #Torino

Il progetto Words and Stars nasce
nel 2013, quando lo scrittore turco Orhan Pamuk decide d’invitare
l’artista Grazia Toderi a ideare insieme un’opera d’arte per il Museo dell’Innocenza da lui creato ad Istanbul
.
In tre anni di lavoro, le conversazioni, gli incontri e l’intenso
scambio di corrispondenza tra i due autori hanno portato alla
realizzazione di una trilogia costituita da un “monologo”, un
“dialogo” e una “conversazione” –  per un totale di otto proiezioni
video – che verranno presentate al Mart, Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto nell’aprile del 2017.

Grazie alla collaborazione con Infini.to – Planetario di Torino, il
moderno Science Centre sulla collina a pochi chilometri da Torino, il
progetto si arricchisce di un’opera realizzata specificamente per lo
spazio della cupola del Planetario, che sarà presentata al pubblico il 5 e 6 novembre 2016, e un piccolo ma raffinato intervento installativo sarà esposto dal 4 novembre 2016 al 16 gennaio 2017 presso il Museo d’Arte Antica di Palazzo Madama a Torino.

In Words and Stars le parole di Orhan Pamuk riprendono e sviluppano la trama del Museo dell’Innocenza,
romanzo scritto dallo scrittore turco nel 2008, a cui è seguita la
creazione del museo vero e proprio a Istanbul nel 2012. I due
protagonisti, che vivono un amore contrastato, tornano bambini ponendosi
domande esistenziali sull’universo: possono i nostri pensieri essere
confrontati a lontane stelle in movimento? Esiste un collegamento visivo
tra i paesaggi della nostra mente e il cielo sopra alle città? Questi
stessi interrogativi costituiscono il punto di partenza della
collaborazione tra l’artista visiva e lo scrittore, che trova sviluppo
nella trilogia, dove il “monologo” si sviluppa in “dialogo” e in
“conversazione”, trasformando l’esperienza personale in universale.

All’interno del Planetario, Words and Stars
prende l’aspetto di una proiezione video a 360 gradi su schermo
emisferico. Il pubblico si trova all’interno di un globo nel contempo
celeste e terrestre, dagli incerti confini, dove la scrittura di Orhan
Pamuk appare e scompare sullo sfondo notturno della città di Istanbul,
le cui luci si trasformano in possibili costellazioni nelle immagini
create da Grazia Toderi.

A Palazzo Madama,
l’intervento di Grazia Toderi e Orhan Pamuk dialoga con un’opera d’arte
antica dell’ebanista Pietro Piffetti (Torino 1701 – 1777): un piccolo
planetario realizzato in legno e avorio a metà del 1700, un modellino
con elementi mobili che rappresenta le orbite in movimento tra Sole,
Terra, Luna e i pianeti. Il planetario è intagliato in legno e
intarsiato in avorio con figure che tutt’intorno raffigurano i segni
zodiacali. Un oggetto usato durante le lezioni di astronomia come
strumento didattico per le dimostrazioni sperimentali con gli allievi.
In ambito anglosassone viene definito Orrery (termine riferito a
Charles Boyle, quarto conte di Orrery, che fece realizzare il primo
planetario del genere nel 1704) e questo conservato a Palazzo Madama di
Torino fu costruito dall’ebanista piemontese sulla base delle
indicazioni a lui fornite dal fisico francese Jean-Antoine Nollet,
chiamato a Torino per sei mesi nel 1739 a tenere un corso di fisica per
il principe Vittorio Amedeo, figlio di Carlo Emanuele III di Savoia e
futuro re di Sardegna.

Grazia
Toderi e Orhan Pamuk hanno inserito tridimensionalmente e racchiuso in
una grande teca che hanno posto in Sala del Senato a Palazzo Madama otto
immagini dalla forma circolare e ovale da avvicinare al piccolo
planetario ligneo, scegliendo di lasciarlo smontato così come è stato
ritrovato (in futuro sarà restaurato), per sottolinearne la natura
fortemente enigmatica, come enigmatica rimane la visione delle stelle.

Words and Stars è a cura di Guido Curto (Direttore Palazzo Madama) e Clelia Arnaldi di Balme (Conservatore per l’Arte Moderna di Palazzo Madama) per la mostra al Planetario e a Palazzo Madama di Torino, e di Gianfranco Maraniello al Mart di Rovereto.

Palazzo Madama

Piazza Castello – Torino

email palazzomadama@fondazionetorinomusei.it – t. 011 4433501 – www.palazzomadamatorino.it

Piemonte News 24

La Venaria Reale – “Anniversario a Corte 2021”: le novità del percorso di visita alla Reggia di Venaria

La Reggia di Venaria festeggia il 14° anniversario dell’apertura al pubblico presentando alcune importanti novità relative al suo percorso di visita e al programma autunnale, fra cui: L’Igloo di Mario Merz all’interno della Fontana del Cervo nella Corte d’Onore Il dipinto restaurato di Palma il Giovane “Celebrazione della vittoria della battaglia di Lepanto” Il nuovo allestimento del Bookshop #Green, con […]

Read More
Piemonte News 24

Il Lions Club Villanova torna attivo sul territorio #lionsclub

Il Lions Club di Villanova d’Asti presieduto dall’avvocato Maurizio Lattanzio ha ripreso l’attività dopo il periodo estivo con una serata dedicata alla pianificazione delle iniziative per l’anno lionistico 2021-2022.”Se l’evoluzione della pandemia ce lo consentirà – ha spiegato Lattanzio – riprenderemo le iniziative  sul territorio, in particolare con screening sanitari, svolti grazie alla collaborazione dei […]

Read More
Piemonte News 24 Stradivariusconcerti.com

Nancy Zhou e Stefano Musso inaugurano Lingotto Giovani 2021-2022 #lingotto

martedì 5 ottobre 2021 ore 20.30Sala 500, Via Nizza 280, Torino NANCY ZHOU violinoConcorsi di Harbin e Concorso «Isaac Stern» di Shangai (2018)STEFANO MUSSOpianoforte LUDWIG VAN BEETHOVEN (1770-1827)Sonata n. 6 in la maggiore op. 30 n. 1   GIUSEPPE TARTINI (1692-1770)Sonata in sol minore «Trillo del diavolo»  Edvard Grieg (1843-1907)Sonata n. 3 in do minore op. 45  Guida […]

Read More