SIREN FESTIVAL – 21-24 luglio 2016 – Vasto (CH)

THURSTON MOORE GROUP

CALCUTTA  GOLD PANDA  POWELL(Live)  NOSAJ THING 


 ADAM GREEN  A.R. KANE




21-24 luglio 2016 – Vasto (CH) – Siren festivalDa giovedì 05 maggio in vendita i biglietti per le singole giornate di venerdì e sabato.

VENERDI 22 LUGLIO – EDITORS, CALCUTTA, NOSAJ THING, ADAM GREEN, A.R. KANE


SABATO 23 LUGLIO – THE NOTWIST, I CANI, THURSTON MOORE GROUP, POWELL(live), GOLD PANDA


BIGLIETTI E ABBONAMENTIBiglietti giornalieri disponibili da giovedì 05 maggio:

40 euro + d.p. venerdì
40 euro + d.p. sabato
60 euro+d.p abbonamento venerdì e sabato

Prevendite disponibiliwww.ticketone.it call center 892 101
www.vivaticket.it call center  892.234
www.ticket24ore.it call center 02 54 271
www.ciaotickets.com infoline 085 972 0014
info: siren@sirenfest.com – www.sirenfest.com


+ MORE TO BE ANNOUNCED



THURSTON MOORE GROUP

Thurston
Moore, ex leader dei Sonic Youth, torna in Italia accompagnato dalla
band reduce dal successo dell’ultimo bellissimo album Best Day, uscito per la Matador Records.


Le otto tracce che compongono BEST DAY, primo album solista di Thurston Moore da Demolished Thoughts del
2010, presentano i due volti del songwrting di Moore: da un lato quello
più noise elettrico e dall’altro quello acustico della sua 12 corde.

Uno
show improvvisato presso il Cafe Oto di Londra per presentare BEST DAY è
stato descritto dalla prestigiosa rivista inglese Uncut in termini
lusinghieri: “L’album è eccellente, e le versioni live sono potenti.
Grandi canzoni, e la sensazione che Moore abbia trovato nuova
ispirazione con i suoi ultimi formidabili complici “.


Thurston Moore è stato il fondatore dei Sonic Youth, la leggendaria band newyorkese che
senza dubbio deve essere considerata una delle formazioni più
importanti degli ultimi 30 anni. Uno dei pochi gruppi a poter essere
definito realmente fondamentale, seminale, imprescindibile per lo
sviluppo dell’alternative rock.
Oltre
alle fondamentali attività svolte nel mondo musicale, Thurston si
occupa di poesia ed editoria ed insegna scrittura a Naropa University,
Boulder CO, scuola fondata da Allen Ginsberg e Anne Waldman nel 1974.

Read More:https://www.facebook.com/ThurstonMooreOfficial
http://www.matadorrecords.com/thurston_moore
http://thurstonmoore.com/



CALCUTTA


Calcutta
nasce e vive fra Latina e Roma. Dal 2011 suona in lungo e in largo per
la penisola, nei locali, negli scantinati e a casa della gente. Canta di
gite pontine, amori veri o immaginati e piccole cose che saranno
capitate anche a voi.  Nel 2012 incide un disco per Geograph Records che
si chiama “Forse…” (2012) e diventa un piccolo culto.

Il 30
Novembre 2015 esce “Mainstream”  pubblicato per Bomba Dischi in
collaborazione con Pot Pot Records. Il disco, prodotto presso Studio
Nero di Roma da Calcutta e Marta Venturini, è stato missato e
masterizzato da Andrea Suriani, con la supervisione artistica di Niccolò
Contessa, presso Alpha Dept Studio di Bologna. 

“Mainstream”
è un disco pop rovesciato in 10 tracce d’amore immediate. E’ un disco
per tutti ma forse non ci sarebbe neanche bisogno di dirlo. 

Dall’uscita
dell’album Calcutta è diventato un piccolo grande fenomeno, attirando
su di se l’attenzione crescente e trasversale di pubblico, stampa e web.

I suoi concerti vengono letteralmente presi d’assalto da folle che cantano a memoria le sue canzoni irresistibili. 


Read More:


https://www.facebook.com/calcuttapaginadi/?fref=ts






GOLD PANDA

Fuori luogo ormai ritenerlo una promessa, o un semplice artista emergente: Gold
Panda è ormai uno degli artisti elettronici più importanti della sua
generazione, come testimonia l’incredibile e crescente successo delle
sue apparizioni live
 – a partire da quelle italiane – che ogni volta raccolgono una eccezionale risposta da parte del pubblico.


 Le
sue architetture sonore, sospese fra poesia e sperimentazione, fra
cassa dritta e derive ritmiche sincopate, sono oggi un marchio di
fabbrica inconfondibile. Due album, l’esordio brillante “Lucky Shiner” scritto nel “suo” Essex nel 2010 e  “Half Of Where You Live
datato 2013 e scritto e registrato a Berlino, e alcuni brani
assolutamente memorabili (l’esordio del 2009 autoprodotto “Quitter’s
Raga” diventato subito culto, quel vero e proprio inno che è “You”, o
l’ipnotico “Brazil”) in pochissimo tempo hanno portato l’artista inglese
nella stessa categoria di artisti quali Four Tet, Caribou o James
Holden. 

Il nuovo album Good Luck And Do Your Best, frutto
di 18 mesi di lavoro, è stato pensato in Giappone e registrato a
Chelmsford, cittadina dell’Essex dove è cresciuto e dove oggi dopo anni
passati in tour in giro per il mondo ha deciso di tornare. 

Il
titolo, ispiratogli da una frase pronunciata da un tassista in
Giappone, è stato il punto di partenza motivazionale di questo nuovo
lavoro. Dal punto di vista sonoro Derwin racconta che l’album ha tratto
ispirazione visiva dai suoi viaggi in Giappone. ” Sono andato in
Giappone due volte. Una volta nel mese di aprile, una volta nel mese di
ottobre e sono i periodi migliori per visitare questo paese” “Nel mese
di aprile i fiori di ciliegio sbocciano e ci sono un sacco di feste e
luoghi da visitare. Ottobre è fantastico perché le foglie cominciano a
cambiare colore. E’ semplicemente un posto bellissimo”. 


Tuttavia
l’album è stato registrato al ritorno nella sua casa a Chelmsford,
quindi come spiega Derwin è stato un po’ come guardarsi indietro per
elaborare e raccontare le impressioni visive raccolte in Giappone. Quei
luoghi e colori si traducono in un album che si differenzia notevolmente
dal suo precedente  “Half Of Where You Live”. Le 11 canzoni che compongono Good Luck And Do Your Best sono
infatti decisamente più calde e avvolgenti anche se con una gamma più
chiara di suoni e sono il frutto di una selezione accuratissima di
tantissime tracce composte nell’arco di una anno e mezzo.


Come
sempre succede e come sa bene chi lo segue da tempo, un suo set è
un’avventura sonora: un lungo viaggio che si gioca sui binari
dell’espressività e dell’intensità emotiva, e dove i suoi pezzi vengono
modificati, allungati, portati in direzioni imprevedibili.




Read More:


www.iamgoldpanda.com


https://www.facebook.com/iamgoldpanda/?fref=ts






POWELL(live)


“Powell traverses the same spectrum from brilliant to dumb, fromsuper to stoopid as The Beastie Boys circa ‘Intergalactic’, andproposes the same kind of grand unifying theory of funk as Basement Jaxx circa ‘Red Alert’.” THE WIRE




La
musica di Powell e della sua etichetta, la Diagonal Records, fondata
nel 2011, si ritaglia uno spazio di prim’ordine all’interno
dell’universo dei nuovi talenti Dance capaci di creare uno stile
preciso. Powell dà infatti vita ad un suono inedito e ben definito che
lo rende riconoscibile e originale all’interno di una scena elettronica
caratterizzata da suoni convenzionali, omogenei e troppo spesso
prevedibili.



Come uno dei leader di una nuova guardia di talenti DIY senza paura, Powell scarta e reinterpreta diversissimi stili con un rasoio affilato, quasi hip-hop nella sua capacità di applicare e riapplicare un suono che è conflittuale, vigoroso, propulsivo ed incredibilmente psichedelico. Capace di combinare l’attitudine del post-punk con l’eccitazione dell’elettronica rave degli
anni ’90 e lo spririto della musica sperimentale, creando qualcosa di
davvero originale e nuovo, Powell si afferma come uno dei talenti più
interessanti del momento!



READ MORE:

www.odbpowell.com 

www.instagram.com/odbpowell

www.twitter.com/odbpowell 





NOSAJ THING


Nosaj
Thing è all’incessante ricerca del nuovo. Il producer di LA, al secolo
Jason Chung, dice che chiunque ascolti molta musica sa bene che
sensazione di intorpidimento si provi ad ascoltare buona parte della
musica prodotta oggi, a causa del riciclo di suoni già sentiti e
semplicemente riorganizzati secondo diverse configurazioni geometriche. 

Proprio
questo intorpidimento spinge Nosaj Thing a cercare un universo sonoro
nuovo capace di stimolare e di causare emozioni e sensazioni inedite.

Accade raramente, ma può ancora succedere di essere risvegliati da un suono. E’ il caso di Fated, il nuovo album di Nosaj Thing.


Nato
dunque dalla fuga dal mondo sonoro claustrofobico e banale e animato
dal bisogno di creare qualcosa di inedito e profondamente personale, a
sei anni dal suo album di debutto, arriva il nuovo album del producer
losangelino. 

Molto difficile da definire, Fated è
un album essenziale, in cui tutti gli elementi non necessari vengono
eliminati alla ricerca di un suono puro, diretto e potente, un album in
cui 

 i Boards of Canada incontrano Bach, spettri analogici soul e hip hop si mischiano a una malinconia Cyberpunk e a un mood cupo e essenziale per creare un’opera pura e abbagliante.


READ MORE:


www.facebook.com/nosajthing/?fref=ts


http://nosajthing.com






ADAM GREEN


l
piccolo genio newyorkese, capostipite della generazione anti-folk
americana, con 9 album all’attivo, arriva in Italia per presentare il
nono album solista della sua carriera 
Aladdin”
Le sonorità di Adam Green rimandano
ad un filone che va da Leonard Cohen ed arriva sino
a Richerd Hawley solo che il tutto sembra essere passato per le mani di Jack Black (l’attore di School Of Rock che è un suo fan). Green
nasce a New York, e a soli 17 anni esce il suo primo album.  Adam è
parte fondante della scena newyokese anti folk fine anni ’90 e metà dei Moldy Peaches,
la band in cui scrive e compone anche Kimya Dawson, con la quale
raggiunge il successo globale grazie alla colonna sonora del film
vincitore agli Oscar del 2007, Juno.



In Europa è diventato un habitué dei primi posti delle classifiche grazie a successi come JessicaEmily e Morning after midnight. Quando i Moldy Peaches si sono ritrovati al numero uno della billboard grazie alla canzone Anything else but you, Green aveva già una serie di album di successo alle spalle e approfondiva le arti visive e il filmmaking.


Dopo
3 anni di gestazione Adam Green è pronto a rivelare il suo progetto più
affascinante. “Aladdin” è la travolgente colonna sonora di una sua
personale visione iper sensoriale, poetica e umoristicamente sovversiva
del classico racconto de “Le Mille e Una Notte”. Curatore della moderna
versione della fiaba tradizionale e protagonista stesso nel suo
adattamento, Adam Green ha inserito in “Aladdin” 13 brani originali,
dotati di sfrenata e gioiosa fantasia, caratterizzati da un groove molto
accattivante e che rimandano alle sonorità fine anni sessanta folk-funk
bubblegum psychedelic. È il suono che emerge dalle crepe della
simbolica immaginazione di Adam dove la lampada è una stampante 3D, la
principessa è un’aristocratica decadente, il pianeta subisce un cambio
di sesso e la sua popolazione stampa una versione analogica di internet.

La colonna sonora uscirà insieme al film, e Adam porterà in tour l’album e il film…


READ MORE:


adamgreen.info


https://www.facebook.com/AdamGreenOfficial/








A.R. KANE


Gli A.R. Kane sono
stati un duo musicale inglese costituito da Alex Ayuli e Rudy Tambala
formatosi nella zona di East London nel 1986. Polistrumentisti e
compagni d’etichetta (la 4AD, ricordiamolo) dei Cocteau Twins nonché
ispiratori e diretti antecedenti di band come My Bloody Valentine e Slowdive, A.R KANE sono i pionieri assoluti del dream pop.  

 I
due hanno fatto parte del collettivo MARRS assieme ai membri dei
Colourbox e sono coautori della hit internazionale Pump up The Volume.
Nel 1988 il duo ha pubblicato dopo vari EP, l’album di debutto 
69 per la Rough Trade che li vede cimentarsi col dub, il free jazz e un mare di feedback psichedelici. 

L’album viene acclamato dalla critica inglese e  raggiunge le vette delle classifiche indipendenti. Nell’89 vede la luce l’EP Love-Sick, seguito l’anno successivo dal secondo album in
cui Alex e Rudy virano verso il pop, la dance e l’elettronica, creando
di fatto il genere poi definito DREAM POP. Nel 1991 la Rough Trade va in
bancarotta e sarà l’etichetta di David Byrne a pubblicare una
retrospettiva sulla band contenente 15 pezzi e intitolata Americana. Nel
1994 il duo pubblica New Clear Child (1994) e poi si scioglie.

Nel corso dei primi anni del 2000 vengono ristampati gli album di A.R KANE e nel 2015 Tambale annuncia il ritorno sulle scene. La nuova line up vede Rudy Tambala e Maggy Tambala accompagnati dal nuovo membro Andy Taylor. Nei live estivi A.R. Kane suoneranno i classici della loro carriera e nuovo materiale che sarà pubblicato nel 2016!



READ MORE:

http://arkane.co.uk

www.facebook.com/arkaneuk



BIGLIETTI E ABBONAMENTI


Biglietti giornalieri disponibili da giovedì 05 maggio:

40 euro + d.p. venerdì

40 euro + d.p. sabato

60 euro+d.p abbonamento venerdì e sabato

Prevendite disponibili

www.ticketone.it call center 892 101 

www.vivaticket.it call center  892.234 

www.ticket24ore.it call center 02 54 271

www.ciaotickets.com infoline 085 972 0014 

info: siren@sirenfest.com – www.sirenfest.com




READ MORE:

https://www.facebook.com/sirenfestiva

www.sirenfest.com 


www.dnaconcerti.com 


http://www.facebook.com/dnaconcertieproduzioni


info@dnaconcerti.com 


https://twitter.com/dnaconcerti


siren@sirenfest.com

Uncategorized

HUMAN, “odissea ribaltata” – Lella Costa e Marco Baliani – Dal 7 al 14 ottobre al Piccolo Teatro Strehler #Lellacosta

1474464761_Human-®Zani-CasadioZANI2632 Uno spettacolo di e con Lella Costa e Marco Baliani, musiche originali di Paolo Fresu, scene e costumi di Antonio Marras Cos’è l’Europa? Cosa hanno significato, nel corso dei millenni e dei secoli, le migrazioni? Uno spettacolo in forma di oratorio, tra negazione e affermazione del concetto di umanità, in scena dal 7 al […]

Read More
Uncategorized

Eroica e Renana in un unico programma sinfonico con laVerdi diretta da Claus Peter Flor

Venerdì 7 e Domenica 9 Ottobre Auditorium di Milano, largo Mahler il M° Claus Peter Flor dirige l’orchestra e il coro de laVerdi nel ricordo del M° Romano Gandolfi 18 feb 2016 – foto Paolo Dalprato (2) Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi Direttore Claus Peter Flor Una “doppia Terza” per laVerdi in questo 29° […]

Read More
Uncategorized

Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga – Reggia di Venaria, Torino – dal 21 settembre 2016 al 19 febbraio 2017 #Brueghel

Pieter Brueghel il Giovane, Danza nuziale allʼaperto, 1610 ca., olio su tavola, 74,2 x 94 cm. U.S.A. Collezione privata Dopo l’importante successo della tappa bolognese, l’esposizione interamente dedicata alla dinastia dei Brueghel – inventori di un modo di dipingere che ben presto divenne “il marchio” di eccellenza nell’arte pittorica di una dinastia attiva per oltre […]

Read More