ODISSEA MEDITERRANEA DANZATA DALLA COMPAGNIA DI MVULA SUNGANI

mvula-sungani-pnysical-dance-emanuela-bianchini-etoile-odyssey-ballet-04

ODISSEA MEDITERRANEA DANZATA DALLA
COMPAGNIA DI MVULA SUNGANI

La stagione ModenaDanza della
Fondazione Teatro Comunale di Modena presenta giovedì 19 e venerdì
20 maggio 2016 alle 21 “Odyssey Ballet”, in scena al Teatro Cajka
(Via della Meccanica 19) per la compagnia Mvula Sungani Physical
Dance con Emanuela Bianchini e per la coreografia di Mvula Sungani su
musiche di Riccardo Medile.

Mvula Sungani porta a Modena un’opera
dal profilo multimediale mentre il linguaggio coreografico della sua
physical dance risulta dalla fusione di tecniche classiche e
contemporanee contaminate con la danza etnica, le tecniche circensi,
la danza acrobatica e le arti marziali. Le coreografie di Odyssey
alternano momenti intimi e rarefatti a esplosioni corali e visive,
mentre la musica di matrice popolare propone una sintesi di suoni
provenienti dalla cultura dell’area mediterranea del sud Italia
unita all’utilizzo trascinante di loop e di suoni elettronici. Il
tema dell’integrazione del ‘diverso’ caro a Sungani, che ha
vissuto un’infanzia condizionata dalle sue origini africane in
Italia, si unisce qui all’attualità dell’emergenza umanitaria, e
pone l’accento sull’odissea di chi nel mare vede la propria
minaccia e la propria salvezza. Il balletto ha una struttura
narrativa ed è ambientato ai giorni nostri, nel meridione del nostro
Paese, dove Adele, giovane scrittrice, e Antonio, suo compagno, sono
alle prese con un rapporto di coppia ormai in crisi. Immersa nei suoi
ragionamenti introspettivi e lontana dal suo compagno, partito per
una personale odissea alla ricerca di fortuna, Adele sente la
necessità di scrivere un romanzo autobiografico cui affidare le
sue emozioni.

Artista italo-africano, Mvula Sungani
si è perfezionato negli Stati Uniti dove ha danzato, giovanissimo,
in programmi con i grandi nomi dello spettacolo americano quali
Ginger Rogers, Ella Fitzgerald, James Brown e Stevie Wonder. Si è
esibito in Italia, Stati Uniti, Francia, Germania, Portogallo e
Marocco. Inizia a coreografare nel 1992 e nel 1998 fonda la sua
compagnia con la quale sperimenta una innovativa Physical Dance.
Firma coreografie per il Balletto del Teatro alla Scala di Milano e
per Roberto Bolle, Emanuela Bianchini, Isabelle Ciaravola, Alessio
Carbone, Raffaele Paganini e Giuseppe Picone. Le sue opere vengono
rappresentate in teatri quali il Teatro la Fenice di Venezia, il
Teatro Antico di Taormina, il Gasteig di Monaco di Baviera e il
Teatro Casinò di Parigi. Per la televisione è autore e coreografo
di RAI 1 per programmi quali Una notte per Caruso (dal 2009 al
2015) e il Concerto di Capodanno dalla Fenice di Venezia (dal
2010 al 2013).

Uncategorized

HENRI CARTIER-BRESSON FOTOGRAFO Villa Reale di Monza Secondo Piano Nobile 20 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 @Villarealemonza @HENRICARTIERBRESSON

140 scatti di Henri Cartier Bresson, in mostra alla Villa Reale di Monza dal 20 ottobre, dedicati al grande maestro, per immergerci nel suo mondo,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica.     Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del […]

Read More
Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More