Passa ai contenuti principali

LA NONA DI BEETHOVEN E DANIELE GATTI CHIUDONO LA STAGIONE DI LINGOTTO MUSICA venerdì 27 maggio 2016, ore 20.30


venerdì 27 maggio 2016, ore 20.30 – Auditorium “Giovanni Agnelli” – Torino, Via Nizza 280


Dopo il grande successo di pubblico e di critica riscosso in occasione dei primi tre concerti del ciclo beethoveniano, Daniele Gatti torna al Lingotto alla testa della Mahler Chamber Orchestra per l’ultimo dei quattro appuntamenti che tra il 2015 e il 2016 hanno visto Lingotto Musica unica sede italiana ad ospitare l’integrale delle Sinfonie di Beethoven. Un progetto in quattro serate da sold out articolate su due stagioni, inaugurato nel gennaio 2015 che si conclude venerdì 27 maggio 2016 con l’esecuzione di Ottava e Nona che pongono il suggello non solo sul progetto, ma sulla stessa stagione 2015-2016 di Lingotto Musica. A completare il cast della serata due formazioni corali spagnole – Orfeó Català e Cor de Cambra del Palau de la Mùsica Catalana – e un eccezionale quartetto vocale composto da Christiane OelzeChrista Meyer (che sostituisce Natascha Petrinsky inizialmente annunciate), Torsten Kerl e Steven Humes.

Scritta tra il 1811 e il 1812, la Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93 ebbe presso i contemporanei un’accoglienza tiepida ed è ancora oggi una delle Sinfonie beethoveniane meno popolari, probabilmente a causa del suo carattere umoristico – particolarità già evidenziata dall’acume critico di Schumann – che, secondo Giorgio Pestelli, «presuppone nel pubblico una base di preparazione musicale che gli consenta di cogliere quel gioco di sponda in cui consiste l’attitudine umoristica di ogni opera d’arte». In quello stesso 1811 un altro progetto sinfonico stava prendendo forma nella testa di Beethoven, restando tuttavia in sospeso per oltre un decennio. Fu infatti tra il 1822 e il 1824 che, in una condizione di sordità ormai totale, Beethoven compose la Nona Sinfonia in re minore op. 125 forse l’emblema più paradigmatico della creazione musicale nella storia dell’umanità. Nell’ultimo movimento, per la prima volta in un lavoro sinfonico, fa il suo ingresso la voce umana per intonare l’ode “Alla gioia” di Friedrich Schiller, testo che Beethoven aveva in mente di musicare sin dalla giovinezza. Innumerevoli i commenti spesi su quest’opera, innumerevoli le esecuzioni da parte di tutte le più grandi orchestre e i massimi direttori degli ultimi due secoli, innumerevoli i riferimenti all’opera nei più disparati contesti.

Daniele Gatti è il nuovo Chief Conductor della Royal Concertgebouw Orchestra, ruolo che rivestirà a partire dal settembre di quest’anno, dopo aver concluso il mandato di Directeur Musical dell’Orchestre National de France. Ospite abituale del Festival di Bayreuth e del Metropolitan di New York, è stato invitato negli ultimi anni al Festival di Salisburgo per produzioni di rilievo. Quest’anno è tornato sul podio dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia all’Auditorium Parco della Musica di Roma e alla Scala dirigerà nuovamente l’Orchestra Filarmonica. Inaugurerà la stagione 2016-2017 del Teatro dell’Opera di Roma con Tristan und Isolde. All’estero, con l’Orchestre National de France, ha recentemente portato a termine una tournée di cinque tappe negli USA (tra cui New York, Carnegie Hall) ed è prevista una tournée europea con i Wiener Philharmoniker. Nel 2017 ritornerà al Teatro alla Scala con Die Meistersinger von Nürnberg.  

Il concerto è preceduto da una conferenza introduttiva di Giorgio Pestelli che si svolge alle 18.30 in Sala Londra con ingresso libero.

I biglietti sono esauriti. Eventuali ingressi non numerati, non garantiti, da 20 e 13 euro (ridotto per i giovani con meno di trent’anni) in vendita un quarto d’ora prima del concerto secondo disponibilità. Informazioni: 011.63.13.721.

La stagione 2015-2016 è resa possibile grazie al sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Fiat, Exor, Reale Mutua Assicurazioni, Banca del Piemonte, Lingotto, IPI, Lavazza, Sadem Arriva, Unione Industriale, Vittoria Assicurazioni, Banca Regionale Europea, Guido Castagna, PKP Investments, AON, Generali, Banca Sella, Amiat.

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat