LOMBARDIA, ECCO CHI SONO GLI ANGELI DEL SOSTEGNO PSICHIATRICO

LOMBARDIA, ECCO CHI
SONO GLI ANGELI DEL SOSTEGNO PSICHIATRICO

Stamattina
presentati i risultati di una ricerca sul Supporto tra Pari del
Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di
Milano-Bicocca condotta nei dipartimenti di Salute Mentale di Como,
Busto Arsizio/Saronno, Milano, Legnano/Garbagnate, Brescia e Pavia

MILANO,
22 APRILE 2016 –
Hanno un’età che varia
dai 22 ai 68 anni, quasi la metà ha un titolo di studio di scuola
media superiore e il 15% una laurea. Tre su dieci lavorano e la
maggior parte vive in famiglia. E’ l’identikit degli ESP,
Esperti in Supporto tra Pari,
persone che hanno vissuto l’esperienza della sofferenza psichica,
ne sono usciti trasformati e ora aiutano altri malati con disturbi
mentali, che emerge da una ricerca del Dipartimento di Sociologia e
Ricerca Sociale dell’Università di Milano-Bicocca, (Osservatorio e
Metodi per la Salute OsMeSa) finalizzata a ricostruire le
caratteristiche e la specificità dell‘ESP nel contesto della
Regione Lombardia.

Nelle
sei zone che hanno partecipato alla ricerca – i dipartimenti di
Salute Mentale di Como, Busto Arsizio/Saronno, Milano,
Legnano/Garbagnate, Brescia e Pavia – sono risultati oltre un
centinaio (115) gli Esp in attività
al momento della rilevazione e 106 hanno risposto alle domande del
questionario.

I
dati sono stati presentati stamattina nell’ateneo milanese nel
corso del seminario “PASSWORD
ESP”
I nuovi
orizzonti della Salute Mentale in Lombardia,
incontro
proposto dal gruppo PROmozione ESP per la salute mentale in Lombardia
in collaborazione con il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale
e l’Azienda socio sanitaria territoriale Lariana (Como), con il
supporto della Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia, della
Rete Utenti Lombardia (RUL), delle associazioni di familiari aderenti
a URASAM.

“Gli ESP – ha spiegato la professoressa Mara
Tognetti -, oltre a rappresentare una modalità di coinvolgimento e
attivazione dei cittadini utenti, rappresentano una risorsa
importante del welfare generativo e un esempio di come il nuovo
welfare debba e possa coinvolgere i cittadini sulla base delle loro
competenze e capacità”.

Il
superamento del disagio psichico

“Gli
ESP – ha specificato Antonino Mastroeni,
psichiatra del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda socio
sanitaria territoriale Lariana (Como) – non sono medici psichiatri,
psicologi, infermieri e nemmeno educatori o assistenti sociali:
non sono tradizionali professionisti della salute mentale. Sono
persone che hanno saputo trasformare in risorsa l’esperienza di un
disturbo mentale e oggi svolgono il proprio lavoro in modo
professionale. Per questo si sono sottoposti a un percorso di
formazione e hanno superato una selezione. Oggi, svolgono
un’attività che viene rimborsata grazie a una sperimentazione
finanziata da programmi innovativi di Regione Lombardia. Un passo
concreto nell’ottica dell’inclusione e della valorizzazione dei
saperi esperienziali”.

I
risultati della ricerca

Chi
sono gli Esp
: equamente divisi tra uomini
(48%) e donne (52%), hanno
un’età che varia tra 22 e 68 anni – ma la maggioranza è nella
fascia adulta compresa tra i 46 e i 55 anni (34%) e 36-45 anni
(31%), con gruppi minoritari ma significativi di più “anziani”
(21% oltre i 55) e di più giovani (14% sotto i 36 anni)

  • ha
    un titolo di studio di scuola media superiore il 46%, e la laurea il
    15%. Il 30% ha una attività lavorativa (oltre a quella in qualità
    di Esp)

  • La
    maggior parte vive in famiglia, di origine, con genitori e/o
    fratelli (44%) o propria, con coniuge e/o figli (22%). Vive solo
    uno su quattro (25%). Una minoranza (9%) vive in una situazione
    differente (in comunità, residenzialità leggera ecc.)

Attività:
Gli ESP svolgono attività di varia natura, e di norma sono
impegnati in più di una (75%): sostegno personalizzato e
affiancamento nei confronti di altri utenti (55%), interventi di
risocializzazione – residenziali e nel territorio ( 48%), conduzione
e facilitazione in gruppi di auto mutuo aiuto (40%), attività di
front office nel servizio di salute mentale (30%). Inoltre effettuano

testimonianze
e interventi in iniziative di formazione (59%) e di
sensibilizzazione e lotta al pregiudizio su temi di salute mentale
(58%).

Svolgono
le loro attività soprattutto presso le strutture del Dipartimento di
Salute Mentale – Centro PsicoSociale, Centro Diurno, comunità ecc.
(80%), ma anche presso altri enti – Comune, scuole, Terzo settore
(23%), Residenze Sanitarie per Anziani (9%), oppure presso privati
(14%)

Associazioni: Gli ESP
sono presenti in associazioni di difesa dei diritti degli utenti dei
servizi della salute mentale (38%) e in ambiti di programmazione
delle politiche sociali (27%), sia a titolo personale che in
rappresentanza degli utenti. Un terzo degli ESP intervistati ha
promosso o contribuito al sorgere delle associazioni o reti di utenti
sia a livello locale che regionale (RUL Rete Utenti Lombardia).

A
fronte delle attività svolte il 70% degli Esp riceve un compenso
(retribuzione o rimborso) , per un impegno variabile tra 1-2 ore fino
a 24 ore settimanali (in media 8 ore).

Prospettive:
Coerentemente con la soddisfazione espressa circa la propria
esperienza di ESP (48% si dichiara molto soddisfatto), la maggioranza
degli intervistati si vede nei prossimi anni a continuare ed
eventualmente aumentare il proprio impegno (oltre 60%). Circa la
figura dell’Esp, tre quarti degli intervistati ne prevedono un
aumento e una maggior presenza negli organismi che rappresentano gli
utenti.

Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More