Passa ai contenuti principali

VENT’ANNI DI FESTIVALETTERATURA NELL’ANNO DI MANTOVA CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA - Aprile 2016

VENT’ANNI DI FESTIVALETTERATURA
NELL’ANNO DI MANTOVA CAPITALE
ITALIANA DELLA CULTURA
Palazzo_Sansebastiano ©Festivaletteratura Mantova


Milano, 24 marzo 2016 - Vent'anni per dieci mesi. Nell'anno della sua ventesima edizione, Festivaletteratura esce dagli argini dei cinque giorni di settembre per invadere la città insieme ai suoi autori con una serie di appuntamenti che andranno dall'inverno alla fine dell'autunno. Vent’anni di Festival nell’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura è un percorso lungo e festoso, fatto di incontri con ospiti internazionali, laboratori per adulti e ragazzi, viaggi nel tempo verso le edizioni passate, con cui Festivaletteratura vuole anche accompagnare un anno straordinario per Mantova nel segno della cultura.
Vent’anni di Festival nell’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura porta un po' di Festival fuori stagione, offrendo i suoi prodotti più tipici - gli incontri con grandi autori internazionali, i workshop interattivi, i percorsi tematici - secondo un formato più aperto, che vede il Festival interagire anche con altri soggetti per proposte che hanno una misura fuori standard per il programma di settembre. Quello di Vent’anni di Festival è un calendario in costante evoluzione, che crescerà anche grazie alle adesioni che via via verranno da parte di scrittori amici a questa festa lunga un anno.
Il calendario di Vent’anni di Festival nell’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura già comprende alcuni incontri con grandi ospiti internazionali: Craig Thompson, il fumettista statunitense autore di Blankets e Habibi (sabato 9 aprile); lo scrittore spagnolo Alfonso Mateo Sagasta, accompagnato a Mantova da Luis Sepúlveda (martedì 10 maggio), i laboratori di dell'artista giapponese Taro Miura, che porterà adulti e bambini a cimentarsi con il ritratto della città (sabato 9 e domenica 10 aprile).
Ad aprire ufficialmente il programma delle iniziative sarà il Repertorio dei matti della città di Mantova, il corso di scrittura “senza sentimento” condotto da Paolo Nori e votato alla raccolta delle storie di persone squinternate, che sono un po’ l’anima nascosta di ciascuna città, la vena di follia che ne segna, inconfondibilmente, l’originalità.
Grazie alla collaborazione di Last Musik, del Comune di Mantova e del Conservatorio di Musica “Lucio Campiani”, per Vent’anni di Festival nell’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura martedì 19 aprile al Teatro Bibiena si terrà Songs for Eternity, il concerto di Ute Lemper – voce narrante Moni Ovadia – sulle musiche composte nei campi di concentramento. Il giorno successivo gli interpreti della serata musicale incontreranno gli studenti al mattino e tutto il pubblico nel pomeriggio, per ripercorrere le travagliate vicende di queste partiture straordinarie. Immersione nella natura sabato 23 aprile a Parcobaleno con Semi di futuro – terza lezione per giardinieri planetari, con protagonista Lorenza Zambon, attrice-giardiniera del centro di produzione teatrale Casa degli Alfieri e già più volte ospite di Festivaletteratura.
Sabato 16 aprile, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Mantova, a grande richiesta verrà ripetuto La storia della mia casa, il laboratorio di ricerca documentaria sui catasti storici attraverso il quale è possibile ricollegare la propria privata storia “domestica” alle trasformazioni della città, ai diversi destini degli edifici e delle persone che sono vissute a Mantova dalla fine del 1700 ai giorni nostri.
Uno dei binari su cui correrà questo percorso del ventennale sarà quello del Fantafestival. Dopo l'incontro tenuto a dicembre con Lella Costa e a febbraio con Bruno Gambarotta, la tarda primavera sarà la stagione di una serie di incursioni trasversali nei diciannove festival trascorsi compiute da alcuni dei più fedeli ospiti di Festivaletteratura. Il primo sarà Beppe Severgnini a maggio, seguito da Luca Molinari e Beppe Finessi a inizio giugno. Il Fantafestival non è un viaggio nostalgico nel festival che fu, ma piuttosto un rimettere mano a parole, idee, pensieri che in questi anni si sono depositati al Festival segnando percorsi, aprendo prospettive che con gli anni si sono rivelate illuminanti. Ciascun Fantafestival sarà una selezione ragionata di incontri, riportata al pubblico attraverso fotografie, clip video, frammenti audio conservati nell'archivio di Festivaletteratura e commentata da ciascun autore. La varietà dei "selezionatori" assicurerà punti di vista diversi, modi di leggere e vivere vent'anni di Festival mettendone in luce - distesi in cinque momenti - la curiosità mai appagata, il desiderio di guardare in più direzioni.
E l'ideazione dei Fantafestival nei prossimi mesi non sarà affidata soltanto agli autori: a partire dal primo incontro, attraverso il sito di Festivaletteratura, tutti coloro che vorranno cimentarsi in questa impresa organizzativa, potranno dar vita a un proprio, personale programma, "invitando" virtualmente alcuni dei mille e mille autori passati per Mantova in questi vent'anni. Attraverso l'OPAC (ovvero lo strumento di ricerca on-line) dell'archivio, ciascuno potrà mettere insieme il proprio festival ideale, e dalla home page del sito - dalla fine di febbraio in poi - si potranno sfogliare i più interessanti programmi "alternativi" curati dalla grande comunità di Festivaletteratura.
Informazioni, aggiornamenti e cronache di Vent’anni di Festival nell’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura saranno disponibili nella sezione dedicata del sito www.festivaletteratura.it
Per informazioni: 0376.223989 – segreteria@festivaletteratura.it

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat