Passa ai contenuti principali

Street Art - Banksy & Co. ed Edward Hopper - Palazzo Pepoli - Museo della Storia di Bologna - Dal 18 marzo 2016 - 26 giugno 2016

Sane Smith, Untitled, 1990 ca. Inchiostro su carta. Museum of the City of New York, Gift of Martin Wong
Street Art - Banksy & Co.
Palazzo Pepoli - Museo della Storia di Bologna
Dal 18 marzo 2016 - 26 giugno 2016 Sul finire degli anni Sessanta del ‘900, nuove pratiche artistiche urbane sono apparse in diverse città
del mondo occidentale, con l’intento di ridefinire la nozione di arte nello spazio pubblico. Sotto
l’etichetta street art, riuniamo oggi diverse forme di arte pubblica indipendente, che riprendendo i
codici della cultura pop e del graffittismo, utilizzano il dialogo tra la strada e il web per dare vita a
forme decisamente innovative.
Dopo dieci lustri, il fenomeno socio-culturale del graffitismo urbano ha guadagnato una rilevanza unica
nel panorama della creatività contemporanea: le opere di artisti come Banksy hanno invaso le
maggiori città del mondo, e dagli anni Ottanta a oggi la stessa Bologna si è affermata come punto di
riferimento per molti artisti - da Cuoghi Corsello a Blu, passando per Dado e Rusty - che hanno
scelto proprio la città Felsina per lasciare il loro segno sui muri.
Dal 18 marzo al 26 giugno 2016 questa forma d’arte è raccontata nella sua evoluzione, interezza e
spettacolarità nelle sale di Palazzo Pepoli - Museo della Storia di Bologna con una grande mostra
intitolata Street Art - Banksy & Co.
L’evento porterà inoltre per la prima volta in Italia la collezione del pittore statunitense Martin Wong
donata nel 1994 al Museo della Città di New York, presentata nella mostra City as Canvas: Graffiti
Art from the Martin Wong Collection, a cura di Sean Corcoran curatore di stampe e fotografie del
Museo.
Come mostra dentro la mostra, la sezione vuole individuare la New York del 1980, nella quale si
potranno ammirare lavori dei più grandi graffiti writers e street artists statunitensi come Dondi White,
Keith Haring, e Lady Pink.
La mostra, prodotta e organizzata da Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Genus
Bononiae. Musei nella città e Arthemisia Group, curata da Luca Ciancabilla, Christian Omodeo
e Sean Corcoran, intende spiegare il valore culturale e l’interesse artistico della street art.
Il progetto nasce dalla volontà del Professor Fabio Roversi-Monaco, Presidente di Genus
Bononiae, e di un gruppo di esperti nel campo della street art e del restauro con l’obiettivo di avviare
una riflessione sui principi e sulle modalità della salvaguardia e conservazione di queste forme d’arte.
Il progetto di “strappo” e restauro, una sperimentazione condotta dal laboratorio di restauro Camillo
Tarozzi, Marco Pasqualicchio e Nicola Giordani su alcuni muri bolognesi di Blu - uno dei dieci street
artists migliori al mondo come riporta una classifica del The Guardian del 2011 -, quali il grande
murale delle ex Officine di Casaralta (Senza titolo, 2006) e il murale della facciata delle ex Officine
Cevolani (Senza titolo, 2003) destinati altrimenti alla demolizione, è parso come un’occasione
propizia per una mostra che vuole contribuire all’attuale dibattito internazionale: da anni, infatti, la
comunità scientifica pone l’attenzione sul problema della salvaguardia di queste testimonianze
dell’arte contemporanea e della loro eventuale e possibile “musealizzazione” a discapito dell’originaria
collocazione ma a favore della loro conservazione e trasmissione ai posteri.
La mostra Street Art - Banksy & Co. racconta per la prima volta le influenze sulle arti visive che la
street art ha avuto e continua ad avere, passando per quell’estetica che nacque a New York negli anni
‘70 grazie alla passione per il lettering e il name writing di giovani dei quartieri periferici della città.
Espone le opere di autori associati al graffiti writing e alla street art, per creare lungo il percorso le
assonanze tra le diverse produzioni e spiegare il modo in cui sono state recepite dalla società.
Il patrimonio artistico è protagonista dell’inedita esposizione ospitata a Palazzo Pepoli, che con la sua
corte coperta riproduce quella che potrebbe essere una porzione di città, luogo ideale per raccontare
una tappa importante della storia di Bologna.
Il fine utopistico e l’intento sono proteggere e conservare questa forma d’arte e portare le attuali
politiche culturali a riconoscere l’esigenza di una ridefinizione degli strumenti d’intervento nello spazio
urbano perché i graffiti - oggi più di ieri - influenzano il mondo della grafica, il gusto delle persone,
l’Arte intera di questo secolo.
Informazioni e prenotazioni
T +39 051 7168808 | www.mostrastreetart.it
Sede
Palazzo Pepoli - Museo della Storia di Bologna
Via Castiglione 8, Bologna
Catalogo
Bononia University Press
Orario apertura
Lunedi 14.30 – 20.00
Mar – dom 10.00 – 20.00
Ven 10.00 – 22.00
Biglietti
Intero € 13,00 (audioguida inclusa)
Ridotto € 11,00 (audioguida inclusa)

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat