Passa ai contenuti principali

Spettacolo della Scuola di Ballo dell'Accademia Teatro alla Scala - dal 17 al 20 marzo 2016

Tema e variazioni coreografia di George Balanchine%2c Foto di Camilla Cerea
Dal 17 al 20 marzo gli allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala calcano nuovamente il palcoscenico del Teatro Strehler nell’annuale spettacolo istituzionale.
In scena oltre 150 ballerini fra gli 11 e i 18 anni, in un programma composito con tre pezzi fra il neoclassico e il contemporaneo, due dei quali proposti per la prima volta dalla Scuola, firmati da maestri come George Balanchine e Angelin Preljocaj per il New York City Ballet.

Si apre con la Presentazione della Scuola, affidata come sempre al Direttore Frédéric Olivieri, su musiche di Carl Czerny, che consente di conoscere i vari livelli di preparazione degli otto corsi in cui si articola l’iter formativo.
Segue il ritmo vivace della Tarantella che Balanchine crea nel 1964 per Patricia Mc Bride e Edward Villella su musiche di Louis Moreau Gottschalk, compositore di New Orleans, ispirate alle atmosfere partenopee più gioiose. Un pezzo di altissima difficoltà tecnica e grande virtuosismo, affidato a due allievi degli ultimi corsi.

Passato e presente, ‘700 e ‘900, musica barocca e musica elettronica si confrontano e si amalgamano ne La Stravaganza di Angelin Preljocaj, creato dal coreografo franco-albanese nel 1997 per il Diamond Project del New York State Theater, portato al Teatro alla Scala in prima nazionale nel 2005 dallo stesso Olivieri, all’epoca Direttore del Corpo di Ballo.
Il balletto, pensato per sei coppie di danzatori, si apre con tre coppie in costume moderno che di fronte a un fondale nero danzano sulle note di Vivaldi. Improvvisamente il fondale diventa una tela vermiglia davanti a cui irrompono altre tre coppie, in costumi baroccheggianti, che iniziano a danzare su musiche di autori americani contemporanei (Ficarra, Morand, Normandeau, Parmerud) dalla forte matrice elettronica. Stili e musiche diverse che si alternano, due culture lontane ciascuna con una precisa identità, che progressivamente si mescolano e si fondono, dando vita ad una danza finale d’insieme.
Nota lo stesso Preljocaj: “La Stravaganza nasce senza un tema preciso. Ma … poiché sono figlio d‘immigrati, New York ha sempre rappresentato per me un mito, un simbolo dell’immigrazione come partenza, come viaggio volto a costruire qualcosa di nuovo. […] L’idea era quella di mostrare un’ambiguità del passato che ritorna, di persone che tornano dalla polvere e recano il nuovo. Una porosità di linguaggi. […] All’inizio de La Stravaganza una ragazzina dice «Mi ricordo», quindi la pièce comincia. Vi è un’irruzione del passato nel futuro. Come se il tempo fosse un ciclo, un’eternità”.

Si chiude ancora con un titolo di Balanchine, Tema e variazioni, ormai entrato a far parte a pieno titolo del repertorio della Scuola (gli allievi lo eseguirono per la prima volta nel 2011).
Creato nel 1947 per il New York City Ballet, il balletto venne pensato dal celebre coreografo russo “per evocare quel grande periodo storico della danza classica in cui il balletto russo fioriva grazie alle musiche di Čajkovskij”. L’ultimo movimento della Suite n° 3 in sol maggiore accompagna 12 variazioni, che richiedono raffinate doti tecniche e artistiche: una coppia principale e dodici ballerine aprono il balletto in un crescendo coreografico tra fughe, adagi, pas de deux e grande polonaise finale.

A guidare i giovani ballerini nella preparazione delle coreografie, Claudia De Smet per Preljocaj e Patricia Neary per Balanchine. Mentre la De Smet, ballerina belga nell’organico del Ballet Preljocaj dal 1995 al 2001 e poi dal 2004 assistente coreografa di Preljocaj, è al primo incontro con gli allievi della Scuola di Ballo, la presenza della Neary è ormai loro familiare, avendoli seguiti negli ultimi anni in occasione delle riprese di diversi capolavori di Balanchine, come Serenade o Who cares’?.
Patricia Neary, originaria di Miami, dopo una lunga militanza nella fila del New York City Ballet accanto al maestro georgiano, che ha creato per lei grandi ruoli in Raymonda Variations e Jewels, dal 1988 è ambasciatrice del Balanchine Trust e ne ripropone nel mondo gli allestimenti.

 Con il sostegno di Sponsor e fornitore ufficiale della Scuola di Ballo

 


PICCOLO TEATRO DI MILANO – TEATRO D’EUROPA
17, 18, 19, 20 marzo 2016

SPETTACOLO DELLA SCUOLA DI BALLO
ACCADEMIA TEATRO ALLA SCALA
diretta da FRÉDÉRIC OLIVIERI


PRÉSENTATION
Ideata da FRÉDÉRIC OLIVIERI
Assistenti alla coreografia
LORETTA ALEXANDRESCU, VERA KARPENKO, LEONID NIKONOV, TATIANA NIKONOVA, GIANPAOLO PODINI,
ELISA SCALA, MAURIZIO VANADIA, PAOLA VISMARA
Musica di CARL CZERNY


LA TARANTELLA
Coreografia di GEORGE BALANCHINE
© The George Balanchine Trust
Ripresa da PATRICIA NEARY
Assistente alla coreografia PAOLA VISMARA
Musica di LOUIS MOREAU GOTTSCHALK

LA STRAVAGANZA
Coreografia di ANGELIN PRELJOCAJ
Ripresa da CLAUDIA DE SMET
Assistente alla coreografia EMANUELA TAGLIAVIA
Musiche di ANTONIO VIVALDI, EVELYN FICARRA, SERGE MORAND,
ROBERT NORMANDEAU, ĂKE PARMERUD

Intervallo

THEME AND VARIATIONS
Coreografia di GEORGE BALANCHINE
© The George Balanchine Trust
Ripresa da PATRICIA NEARY
Assistenti alla coreografia TATIANA NIKONOVA E PAOLA VISMARA
Musiche di PËTR IL’IC ČAJKOVSKIJ


The performances of Tarantella and Theme and variations is presented by arrangement with The George Balanchine Trust and has been produced in accordance with the Balanchine Style® and Balanchine Technique® Service standards established and provided by the Trust.


Con il contributo di allievi e diplomati dei
Corsi per Sarti dello spettacolo, Truccatori e parrucchieri e Fotografi di scena
dell’Accademia Teatro alla Scala

Si ringraziano Angelin Preljocaj e The George Balanchine Trust

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat