Passa ai contenuti principali

Judith Sotriffer e la bambola della Val Gardena

bambola
“Noi Gardenesi”
Un ritratto di Judith Sotriffer e il suo mondo incantatoL’artista gardenese riporta alla luce le antiche bambole della Val Gardena.
Il motivo per cui la Val Gardena è rinomata non solo per il turismo ma anche per la scultura
del legno deriva dalla rigidità del clima alpino cui il territorio è soggetto nei mesi invernali. Gli
abitanti, infatti, non potendo contare sulle coltivazioni come fonte di guadagno, pensarono di
sfruttare comunque ciò che la natura metteva a loro disposizione: i fitti boschi di conifere, e
in particolare di cembro. Con creatività e abilità, i Gardenesi si specializzarono nella
creazione di oggetti e statue di ogni dimensione, dalle più piccole di pochi centimetri a quelle
più grandi. Ancora oggi, in Val Gardena, degli oltre 10.000 abitanti, ben 1.000 persone
lavorano il legno con diverse specialità: scultori, falegnami, intagliatori, pittori e
policromatori…
Mi chiamo Judith Sotriffer, ho 50 anni e vivo in Val Gardena…
Sono la quarta figlia dello scultore Guido Sotriffer. Già da piccola volevo diventare scultore
del legno e così ho frequentato la scuola d’arte a Ortisei. Passati quattro anni da apprendista,
ho iniziato a lavorare nello studio di mio padre. Dopo essermi accorta che la mia passione era
creare i vecchi giocattoli di legno, mi sono ritirata nel mio studio e adesso mi dedico
completamente alla mie bambole originali gardenesi.
Un lavoro molto antico che lei è riuscita a rendere attuale. Chi le ha insegnato a
costruire bambole?
Ho imparato da sola. Con tanta pazienza, molto lavoro e un lungo studio sulla mia collezione di
giochi e su quella di mia madre, sono riuscita a capire come lavoravano i nostri antenati.
Ogni oggetto corrisponde a un pezzo unico; è questo quello che apprezzano di più i
clienti? Per quale altra ragione acquistano le sue bambole?
Ogni bamba deve essere tornita e scolpita e poi dipinta; diventa un pezzo unico, rappresenta
di per sé un grande valore. Credo che i giochi antichi in legno, suscitino grande fascino e
riescano a catturare le emozioni delle persone.
Dove possono essere acquistate e dove realizza le sue bambole? Ha un "aiutante"?
Vivo e lavoro a Ortisei. Ho sotto la mia casa lo studio. Per ora lavoro da sola.
Il sito die miei lavori è www.judithsotriffer.it
Ha mai avuto una bambola preferita?
Si, certo. E’ scontato, ma senza dubbio la mia preferita è quella gardenese.
Quale è la reazione di una bambina che l'ha colpita di più?
Sono riuscita a far felice tante bambine piccole e grandi. Questa è una grande soddisfazione
per me. Non ho nel cuore un episodio particolare ma il sorriso di tutte le persone che hanno
ricevuto una delle mie bambole.
Consiglierebbe a un famigliare questo mestiere?
Naturalmente sì. E un po’ ci spero…
www.valgardena.it

Post popolari in questo blog

Mister Italia 2014: Paolo Di Rienzo di Brescia eletto ieri sera a Garda (VR) MISTER ITALIA FITNESS VENETO

MISTER FITNESS VENETO E’ PAOLO DI RIENZO DI BRESCIA 1° classificato: Mister Italia Fitness Veneto, Paolo Di Rienzo, 27 anni,  di Brescia Mister Cinema, Alessandro Mussignani, 18 anni, di Vicenza Mister Alpe Adria, Matteo Inverardi, 26 anni, di Castegnato (BS) Mister Eleganza World of Beauty, Stefano Bronzato, 22 anni, di Isola della Scala (VR) ______________________________________ Si è concluso ieri sera nella splendida piazza di Garda (VR) l’edizione 2014 del Festival del Garda, evento che tra i suoi vari momenti di spettacolo prevedeva anche l’elezione di Miss e Mister del Garda, quest’ultimo concorso collegato a MISTER ITALIA. In occasione della serata che era l’ultima di una serie di manifestazioni svoltesi sia sulla riva lombarda che su quella veneta del lago di Garda, il primo classificato dei Mister, oltre ad essere eletto “ Mister del Garda ” è stato eletto anche “ Mister Fitness Veneto 2014 ” fascia vinta lo scorso anno dal veronese Mattia Cast

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

MILA di Cinzia Angelini evento di apertura del 69 Trento Film Festival (30 aprile - 9 maggio 2021)

Sarà l’atteso corto di animazione Mila di Cinzia Angelini a inaugurare, venerdì 30 aprile, il 69. Trento Film Festival, in programma dal 30 aprile al 9 maggio (on line fino al 16 maggio). Ispirato ai bombardamenti che colpirono Trento nel 1943, Mila racconta una storia di guerra vista dalla prospettiva di una bambina. Nel film, che si ispira alle testimonianze sulla Seconda Guerra Mondiale della madre della regista, il personaggio di Mila simboleggia il meglio dell’umanità. Per quanto abbia perso ogni cosa, Mila non ha perso l’immaginazione e la speranza. Mila vuole rappresentare tutti i bambini, di ogni guerra, di ogni tempo. Un film che per comunicare sceglie il linguaggio universale della musica, grazie all’emozionate composizione di Flavio Gargano, eseguita dall’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. «Con questo film – dichiara Cinzia Angelini - desidero mostrare la forza e la resilienza che hanno i più giovani, anche se lasciati soli e abbandonati. Oggi i bambini continuano a soffri