Passa ai contenuti principali

Il famoso dipinto 'The Little Street' di Johannes Vermeer ritorna a Delft

Dopo 320 anni il famoso dipinto 'The Little Street' di Johannes Vermeer ritorna a Delft. Grazie alla
3. la stradina di vermeer
straordinaria collaborazione tra il Museo Prinsenhof di Delft e il Rijksmuseum di Amsterdam, il capolavoro verrà portato questa primavera nella città dove Vermeer dipinse il quadro intorno al 1658. La stradina di Vermeer è uno dei pezzi più prestigiosi del Rijksmuseum e raramente è stato dato in prestito.  Questo dipinto è solo uno dei quattro Vermeer in possesso del Rijksmuseum, tutti considerati capolavori assoluti della collezione permanente

Sono circa 35 le opere di Johannes Vermeer sopravvissute in tutto il mondo e questo prestito è reso ancora più interessante dal fatto che, nessuna delle opere del pittore si trova a Delft, la città dove visse e lavorò tutta la sua vita. Sono addirittura passati oltre 60 anni dall’ultima volta in cui uno dei suoi quadri fu esposto a Delft.
Per Patrick van Mil, direttore del Museo Prinsenhof Delft, l'arrivo del dipinto a Delft “è un sogno che si avvera”. Ha in fatti detto che “E' fantastico che il Rijksmuseum abbia facilitato il riavvicinamento tra Vermeer e la sua città di nascita e che torni ‘La stradina di Delft' proprio nel luogo in cui fu dipinto.” Ha inoltre voluto sottolineare che “Vermeer è uno dei più famosi pittori del mondo e che ‘La stradina’ sia un ottimo esempio di innovazione della Scuola di Delft intorno alla metà del 17 ° secolo”. Il direttore ha infine aggiunto che “Il Museo Prinsenhof di Delft sarà in grado di mettere in evidenza la bellezza di questo capolavoro, affiancandolo con le altre grandi opere della scuola di Delft presenti nella collezione del museo.”
A rendere ancora più eccezionale l’arrivo del quadro a Delft, è la clamorosa scoperta fatta recentemente dal professor Frans Grijzenhout, che, consultando il registro dei canali contente la contabilità delle tasse imposte a ciascun immobile di Delft che si affacciava sull’acqua, è riuscito a risalire all’esatto punto dove Vermeer si ispirò per il suo quadro: Vlamingstraat 40 e 42. Le abitazioni che si trovano a questi civici sono proprio le due che sono ritratte nel dipinto. Mettendo a confronto il quadro e la foto si possono infatti vedere le somiglianze tra i due, nonostante i cambiamenti che hanno naturalmente mutato lo stile e la struttura delle case. Inoltre una delle due abitazioni apparteneva proprio alla zia del pittore Ariaentgen Claes van der Minne.
Fino al 13 marzo il quadro rimarrà esposto al Rijksmuseum per una mostra dedicata proprio a questa scoperta, dopo di che il 25 marzo verrà portato a Delft fino al 17 di luglio.
I luoghi associati a Vermeer e alla “Stradina di Delft” si trovano tutti nelle vicinanze del Museo
“Prinsenhof”. Dopo aver visitato il museo, il visitatore potrà letteralmente seguire le orme del pittore nella sua città, grazie a nuovi percorsi a piedi, una speciale App virtuale e pacchetti dedicati a Vermeer, tutto questo per riportare in vita “La Delft di Vermeer”.
www.prinsenhof-delft.nl, sito della città di Delft: www.delft.nl
Per maggiori informazioni, si prega di contattarepers-prinsenhof@delft.nl, pressoffice@rijksmuseum.nl , 0031 20 6747172

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Arte Fiera 2016 > 29 gennaio - 1 febbraio 2016, BOLOGNA

ph. di @Cecile De Montparnasse La 40° edizione di Arte Fiera torna a Bologna 29 gennaio - 1 febbraio 2016 COMUNICATO STAMPA Tra Gallerie e artisti sempre in aumento, la 40° edizione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea apre le porte di BolognaFiere al grande pubblico dal 29 gennaio all’ 1 febbraio 2016 . Arte Fiera 2016 si prepara a celebrare i suoi primi 40 anni: un importante anniversario da festeggiare insieme ai protagonisti che ne hanno fatto la storia, tra artisti, galleristi e personaggi, mostrando per la prima volta i Maestri italiani che si sono distinti nel mondo, tutti passati per i padiglioni bolognesi. L'anniversario cade in un momento storico in cui l’arte italiana domina i mercati internazionali. I grandi artisti contemporanei e moderni registrano record senza precedenti e questo conferma una leadership mondiale per la Fiera bolognese. Il ruolo di Arte Fiera è sempre più affermato e questa edizione servirà non sol

I glass cube sul Lago di Dobbiaco | Chalets dotati di letto matrimoniale

glass cube Il candore splendente della neve trasforma gli alberi del bosco in uno scenario fatato, illuminando e filtrando tra le grandi vetrate degli Skyview Chalets, 12 innovativi glass cube sul Lago di Dobbiaco (BZ), a pochi chilometri dalle maestose Tre Cime di Lavaredo. Qui non ci sono confini tra il paesaggio invernale e gli ambienti interni che profumano di trucioli di cirmolo e avvolgono di calde emozioni gli ospiti, che scelgono di ritagliarsi momenti preziosi in questi originali e riservati Chalets in totale sintonia con la natura. Sdraiarsi sul letto e ammirare come la neve scende dolce dal cielo mentre il bosco è inondato di luce è solo una delle private sensazioni che si possono vivere negli Skyview Chalets. Il tetto, infatti, può diventare trasparente per sognare osservando i fiocchi che cadono o di notte le stelle che brillano. Un rifugio romantico e raffinato, per fuggire dal caos quotidiano, ma nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Gli Chalets sono dotat