Passa ai contenuti principali

FONDAZIONE ACHILLE CASTIGLIONI - MILANO - INAUGURAZIONE: martedi 16 Febbraio ore 19,00

DIMENSIONE DOMESTICA

La Fondazione Achille Castiglioni continua nella sua strategia culturale che ha visto in questi anni
Foto storica Villa Olmo
l’organizzazione e la cura delle mostre: “L’altra metà dell’avanguardia” (2013), “Gibigiana” (2013) e “Camera di commercio” (2014), eventi che hanno permesso di mostrare e condividere con il pubblico i dettagli del percorso progettuale dei fratelli Achille e Pier Giacomo Castiglioni.
Il 16 febbraio 2016 sarà inaugurata una nuova mostra che vuole approfondire un tema indagato in modo assolutamente originale dai fratelli Castiglioni, ovvero quella della “Dimensione domestica”.
Il progetto espositivo, che si svilupperà nell’arco di tre anni, tra il 2016, il 2017 e il 2018, rifletterà proprio i temi dell’abitare; quest’anno sarà riproposto l’“Ambiente di Soggiorno” che Achille e Pier Giacomo Castiglioni avevano realizzato per la mostra “Colori e forme della casa d’oggi” (Villa Olmo, Como, 1957); il prossimo anno verrà presentato l’“Ambiente arredato per il Pranzo” della mostra “La casa abitata” (Firenze, 1965); nel 2018, il ciclo si concluderà con la riedizione dell’“Ambiente per il pranzo” progettato dal solo Achille Castiglioni per la mostra “Mobili italiani” (Tokyo, 1984). Quest’ultimo approfondimento coinciderà con il centenario della nascita dell’autore.
Per ognuna di queste mostre, negli spazi dello Studio Castiglioni di Piazza Castello 27 a Milano, verrà presentata una ricostruzione filologica della stanza realizzata dai Castiglioni in quelle storiche occasioni, unitamente ai rari e originali materiali d’archivio, così da permettere ai visitatori di comprendere le caratteristiche ambientali e la filosofia progettuale dei due fratelli Achille e Pier Giacomo.
La mostra “Dimensione domestica” è curata da Beppe Finessi, il progetto grafico è di Italo Lupi mentre l’allestimento è di Marco Marzini, che presenta anche una propria interpretazione dello “spazio interno” attraverso una mise-en-scène nell’ingresso della Fondazione.
In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo, edito da Corraini, curato da Beppe Finessi, e con il progetto grafico di Italo Lupi, che raccoglierà tutti i materiali esistenti sul progetto “Colori e forme nella casa d’oggi”, compresi molti disegni e numerose immagini inedite.





DIMENSIONE DOMESTICA
Achille e Pier Giacomo Castiglioni e una strana idea di arredamento


Una posizione originale, all'interno della grande storia dell'arredamento, è rappresentata dall'opera di Achille e Pier Giacomo Castiglioni, straordinari progettisti noti soprattutto per gli oggetti ad uso domestico, ambito che insieme ai funambolici allestimenti rappresenta al meglio la straordinaria portata della loro azione progettuale. Ma ci sono stati alcuni precisi momenti in cui la loro creatività e la loro curiosità si sono riversate in originali progetti di arredamento, molto differenti dalla cultura architettonica del periodo storico di riferimento. Momenti attraverso i quali i Castiglioni, oltre ai singoli oggetti, hanno messo in gioco ancor prima una chiara idea sull'abitare: divertendosi e spiazzandoci, e stabilendo inediti primati anche su un territorio complesso come quello dell'arredamento.
Idee sull'abitare provate in occasioni particolari, all'interno di mostre collettive dove, insieme a molti altri progettisti, il ''team'' di lavoro degli impareggiabili fratelli Castiglioni aveva immaginato ambienti incredibilmente originali, che nel corso del tempo hanno assunto un significato e un'importanza oggi riconosciuta ed acquisita.
Stanze e ambienti che esprimono una domesticità intensa, fresca e non allineata, ricca di intuizioni e invenzioni, di suggestioni e proposte evidentemente innovative.

La prima ricostruzione filologica riguarda l’“Ambiente di Soggiorno” realizzato per la mostra “Colori e Forme nella Casa d'oggi”, tenutasi a Villa Olmo (Como) nel 1957, dove insieme ai progetti di altri 30 autori (da Ico Parisi a Gio Ponti, da Bruno Munari a Franco Albini, dai BBPR a Sergio Asti, da Carlo De Carli ad Angelo Mangiarotti, da Marco Zanuso e Cini Boeri a Mario Radice ed Enzo Mari, ognuno impegnato in un progetto destinato a una funzione sempre differente) emergeva l'invenzione, non immediatamente compresa, dei fratelli Castiglioni: uno spazio ridisegnato planimetricamente così da ottenere una stanza sostanzialmente trapezoidale, illuminata da due ampie finestre, densa di oggetti anonimi, a volte davvero bizzarri, e con alcuni progetti realizzati ad hoc. Perché in quella vera e propria “camera delle meraviglie” fecero la loro comparsa per la prima volta alcuni degli oggetti che più tardi sarebbero entrati in produzione, diventando alcune delle icone del design italiano, come “Sella”, un sellino da bicicletta che diventa uno sgabello per il telefono, “Mezzadro”, un sedile da trattore che fungeva da seduta alternativa, la poltrona “Cubo” a schiumature differenziate e la “Libreria Appesa” a sottili cavi di acciaio, mentre alle pareti una decorazione ottenuta con stampi traforati era stata realizzata dall’artista Giuseppe Aimone.

Beppe Finessi

La mostra si è potuta realizzare con il supporto tecnico di:
Flos
Ideal Standard
Ringraziamenti :
Famiglia Giannino Castiglioni junior

La mostra sarà visitabile da mercoledì 17 gennaio e resterà aperta fino al 30 ottobre 2016, sempre e solo su prenotazione
Tel. 02.8053606 / fondazione@achillecastiglioni.it

Post popolari in questo blog

Add-Url

Potete condividere i vostri post nel gruppo Eventinews24 di Facebook al link https://www.facebook.com/groups/eventinews24group/?ref=bookmarks   Al fine di velocizzare l'inserimento mandate il comunicato dovrebbe essere scritto nel corpo della mail e l'immagine allegata alla mail. Mandate almeno due settimane prima. Scrivete a iaphet@hotmail.com Non vi garantiamo l'inserimento, solo le informazioni più interessanti. Cordiali saluti, Iaphet Elli www.eventinews24.com _____________ あなたが ウェブサイトを持っている、あなたが 知りたいですか? www.eventinews24.com はあなたに、このページに あなたのリンク を追加したすることができます。 iaphet@hotmail.com に 書き込み、 オブジェクトを入力し 、「リンクの友達を追加 」 _____________ 你有一個網站,你想知道嗎? www.eventinews24.com為您提供了添加你的鏈接此頁面上的能力。 寫iaphet@hotmail.com和輸入對象“添加鏈接FRIEND ” _____________ У вас есть сайт и вы хотите знать? www.eventinews24.com дает вам возможность добавили свою ссылку на этой странице. Напишите iaphet@hotmail.com и введите объект " Добавить ссылку ДРУГУ " ______

Gadget promozionali come strategia per fidelizzare i clienti

Power Bank Personalizzabile  I regali personalizzabili al giorno d'oggi sono una delle strategie di marketing, se non la migliore, atte a fidelizzare la propria clientela. Ci sono diverse modalità. La pubblicità ha assunto un significato più profondo da attuare non più coi soliti mezzi, quali quelli cartacei oppure sotto forma di banner sui siti web. Si è trasformata come anche i consumatori. Seguire il cliente tramite il merchandising al fine del raggiungimento di marketing e vendita. Questo prende il nome di Fidelizzazione e la si può attuare con diversi metodi che andremo a scoprire. 1 – Regali pubblicitari inserendovi il tuo logo 2 – Regali promozionali per i tuo clienti ____________Regali pubblicitari economici con il tuo logo Questa forma di pubblicità invece consiste nel fare seguito di prodotti promozionali a basso costo alle campagne pubblicitarie, al fine di raggiungere una platea di persone maggiore. Nel pubblicizzare il tuo evento, mostrando il tuo logo unit

Regio People. Il Teatro Regio presenta un nuovo volume fotografico

1958 Turandot 230 scatti, dal 1909 a oggi, per disegnare, in 260 pagine, il ritratto di una delle componenti più importanti di uno spettacolo dal vivo, il pubblico : RegioPeople è il nuovo volume fotografico realizzato dal Teatro Regio di Parma , per il progetto speciale 2019 dell’associazione Reggio Parma Festival , che immortala gli sguardi e le emozioni di chi, al di là della quarta parete, ha partecipato e partecipa alla creazione degli spettacoli del Teatro Regio e del Festival Verdi, catturando assieme a questi la magica, unica atmosfera che pervade gli spazi e regna da sempre nel pubblico di uno dei più bei teatri del mondo. Questo speciale racconto, a cura dello storico della musica Giuseppe Martini , presenta per la prima volta riunite, selezionate e restaurate, immagini preziose custodite dall’Archivio Storico del Teatro Regio di Parma e negli archivi privati dei fotografi Alberto e Gianluca Montacchini e di Giovanni Ferraguti, che hanno documentato la vita del Re