WALLONWALL fotografie di frontiere sulle mura del Teatro India – in mostra dall’8 dicembre con LEAR DI EDWARD BOND – Teatro India 8 | 20 dicembre 2015 @teatrodiroma.net

Martedì
8 dicembre si inaugura
‘Muri
su muri’,

fotografie
di frontiere sulle mura del
Teatro
India

9. Kai Wiedenhöfer_Tijuana, Paseo Costero (Mexico), 2008

Wallonwall

Il
tema del ‘muro’ al centro della mostra di fotografie di
Kai
Wiedenhöfer

per
un progetto urbano diffuso per la città di Roma

un
progetto di
lacasadargilla
e Alessandro Ferroni

FOTOGRAFIE
ESPOSTE

Lungotevere
Vittorio Gassman – Teatro India

Belfast,
Bryston Street, 2006

Gerusalemme,
Pisgat Ze’ev Settlement, 2009

Nicosia,
Lidmis Street, 2012

Berlino,
Mühlenstrasse, 2009

Melilla,
Barrio Chino, 2009

Facciata
esterna – Teatro India

Tijuana,
Paseo Costero (Mexico), 2008

Baghadad,
Shorja Market, 2012

Foyer
– Teatro India

Arizona,
San Luis, 2007

Gerusalemme,
Ramallah Road, 2005

Arte
diffusa per la città con
Wallonwall.
Fotografie e frontiere ai ‘margini’ della città
,
l’inedita mostra di fotografie ‘fuori formato’ fra le più
grandi frontiere esistenti al mondo, documentate nell’arco di dieci
anni dal fotografo tedesco
Kai
Wiedenhöfer
.

La
mostra si inaugura
martedì
8 dicembre
srotolando,
‘muri su muri’, nove fotografie di frontiere negli spazi esterni
del
Teatro
India
(Lungotevere
Vittorio Gassman, facciata e foyer),

in
occasione del debutto in prima nazionale di
LEAR
DI EDWARD BOND,

diretto da Lisa Ferlazzo Natoli (in scena fino al 20 dicembre).

Esposte
nel 2013 sull’ala Ovest del Muro di Berlino con il titolo
Wallonwall,
queste panoramiche raccontano lo stato di pericolo diffuso in tutte
le ‘cortine di ferro’ che separano il mondo, interrogandosi sulla
funzione e sul paradosso della loro esistenza dopo il 1989, in un
tempo in cui si erigono nuove barriere a difesa della ‘nostra’
Europa e le frontiere liquide divengono il fossato del Mediterraneo.
Queste frontiere saranno impresse sugli spazi esterni del
Teatro
India

Lungotevere
Vittorio Gassman

– per attraversare e raccontare
6386
kilometri di linee tirate

nel mezzo di
Bagdad
e della
Corea,
fra
Stati
Uniti

e
Messico,
linee che isolano l’enclave di
Ceuta
e
Melilla
dal Marocco, che rigano
Israele
e i
Territori
Occupati
,
che spaccano in due
Belfast
o
Nicosia
(Cipro). Linee che hanno diviso, fino al 1989, la
Germania.
Gli scatti di Kai Wiedenhöfer cominciano qui, l’anno della caduta
del muro, in bianco e nero a Potsdamer Platz, dal berretto di un
gendarme, fino alle nuove barriere e ai vecchi muri che non crollano.

Sono
inquadrature lente quelle di Wiedenhöfer in cui il presente si
immobilizza come nelle fotografie di Andreas Gursky o di Bernd &
Hilla Becher: lunghi istanti di posa in cui le ombre di tetti e
comignoli si stagliano sul muro di Bryston Street (
Belfast,
2006
),
le fenditure del cemento armato danno a vedere il cielo del confine
(
Berlino,
2009
),
o pacchi di provviste sfilano nei pressi della rete metallica al
confine col Marocco (enclave di
Ceuta
e
Melilla,
2009). Muri a confronto che mostrano la loro forza simbolica,
apparentemente neutre, una in fila all’altra, queste fotografie di
cemento armato, lamiere, filo spinato, palizzate, reti, circuiti
elettrici, cancelli, rivelano la messa in scena del potere,
registrando anche quel che se ne fugge, come un albero bianco
cresciuto nei bidoni nel mezzo di
Nicosia
(Cipro, 2012).

A
srotolarsi sulla
facciata
del Teatro India

l’infilata dei pali conficcati nel terreno per dividere il mare
dalla sabbia (
Tijuana,
Messico-Stati Uniti, 2008
),
e dall’altra parte il grandangolo inquadra la prospettiva della
strada murata di Baghdad (
Bagdad,
Shoria Market, 2012
).
Nel
foyer
del
Teatro India

ritroviamo le due fenditure simmetriche che si aprono sul cemento
agli opposti del mondo (
Gerusalemme,
Ramallah Road, 2005; Ariziona San Louis 2005
).

Wallonwall.
Fotografie e frontiere ai ‘margini’ della città

è un progetto di arte pubblica che traccia una ‘mappa delle
frontiere’ nella città di Roma che ha avuto inizio l’8 ottobre
con l’esposizione di un’unica grande fotografia presso il
MACRO
(nell’ambito di Fotografia-Festival Internazionale di Roma), e che
si irradia per il mese di dicembre al
Teatro
India

per estendersi nel 2016 alle mura perimetrali delle carceri di
Rebibbia
e
Regina
Coeli
.
Ideato e curato dall’associazione culturale
lacasadargilla
insieme
con Fotografia-Festival Internazionale di Roma, l’iniziativa si
avvale della collaborazione di Teatro di Roma e il patrocinio
dell’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma Capitale.
Wallonwall.
Fotografie e frontiere ai ‘margini’ della città
 prende
le mosse da
Linee
di Confine
,
un cantiere allargato che la
compagnia
lacasadargilla
e
Alessandro
Ferroni
,
ha costruito intorno al testo teatrale
Lear del
drammaturgo inglese Edward Bond dove si narra del principio di
potere, violenza e controllo che disegna le società contemporanee e
di tutti quei muri, tangibili o meno, che si sono costruiti e si
vanno edificando nel mondo.
Lear
di
Edward Bond 
regia
di Lisa Ferlazzo Natoli e
Wallonwall sono
i due poli di un progetto diffuso e cittadino che apre il teatro
alla città, affinché la
scena
e il
mondo
fuori

– stampato in grande scala – sconfinino l’una nell’altro
sotto gli occhi del cittadino-spettatore.

WALLONWALL.
FOTOGRAFIE E FRONTIERE AI ‘MARGINI’ DELLA CITTÀ

è
un progetto di
lacasadargilla
e Alessandro Ferroni

con la collaborazione di Fotografia-Festival Internazionale di Roma,
il sostegno di Teatro di Roma e il Patrocinio di Assessorato alla
Cultura e turismo di Roma Capitale.

a
cura di Maddalena Parise/
lacasadargilla

capo
macchinista costruttore Claudio Beccaria

responsabile
tecnico per
lacasadargilla
Gianluca Tomasella

realizzazione
dei pannelli Laboratorio di scenotecnica di Teatro di Roma

macchinisti
Amoni Vacca e Davide Clementi

ringraziamenti
speciali Franca Imbergamo Magistrato, Prof. Ulderico Santamaria,
Dott.ssa Federica Giacomini, Architetto Sergio La Macchia, Sveva
Bellucci, Margherita Mauro
.

INFO
TEATRO INDIA

Lungotevere Vittorio
Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma 

Ufficio
promozione Teatro di Roma: tel. 06.684.000.346 –
www.teatrodiroma.net

Inaugurazione
Giovedì 8 dicembre TEATRO iNDIA

INFO
lacasadargilla
lacasadargilla@gmail.com
Maddalena Parise 339 8800429

Uncategorized

Con Tassoni alla conquista del Cocktail più originale e gustoso @Tassoni #Tassoni

22 concorrenti per una gara avvincente svoltasi a Ercolano Una simpatica, quanto suggestiva gara tra barmen e barlady, si è svolta ad Ercolano nell’incantevole Villa Campolieto, che tra lo scenario del golfo di Napoli, reso ancor più vivo e ridente dal sole partenopeo, ha offerto agli ospiti organizzatori della “Tassoni”, ai concorrenti e agli invitati […]

Read More
Uncategorized

A Tavola con il ROMA

Conclusa con gran successo “A Tavola con il ROMA” da sin. Sabrina Abbrunzo, Adele Sammartino, Susanna Mendoza e Giuseppina Sorrentino Da Zazà le premiazioni un numeroso pubblico e partecipanti entusiasti La conclusione della manifestazione “A Tavola con il ROMA” è stata la serata che ha fatto registrare allo stesso quotidiano, il più antico del Mezzogiorno: […]

Read More
Uncategorized

LA CONSEGNA DEL “GUIDO DORSO” PALAZZO GIUSTINIIANI | ROMA

Nicola Squitieri Torna a Palazzo GiustinianiLA CONSEGNA DEL “GUIDO DORSO” I riconoscimenti ai nuovi “Ambasciatori del Mezzogiorno” verranno consegnati giovedì 6 ottobre al SENATO Targa di Mattarella all’Associazione Futuridea di Benevento – L’iniziativa giunta alla 37° edizione Con l’intervento del presidente del Senato, Pietro Grasso, saranno consegnati giovedì 6 ottobre, alle ore 16, presso la […]

Read More