Norvegia artica – Aurora boreale. Sole di mezzanotte. Svalbard

Capo Nord rimane uno degli obiettivi di molti turisti che visitano la Norvegia artica, e oltrepassare il

 
Aurora boreale e Hurtigruten (il Postale dei Fiordi) ad Havøysund, Norvegia

Circolo Polare Artico e solo il primo passo del lungo viaggio verso nord. Non importa se siete a caccia di aurore boreali o del sole di mezzanotte,
appassionati della natura incontaminata oppure giocatori di golf, su
una nave da crociera o sulla terraferma, questa regione ha qualcosa da
offrire per tutti. Giocare una partita a golf al Tromsø Golfpark, il
campo da golf più a nord del mondo; partecipare a un safari al granchio
reale a Kirkenes; fare un giro in slitta trainata dai cani o in
motoslitta in Lapponia; oppure partire per il viaggio di una vita verso
Svalbard per vedere gli orsi polari nel loro habitat naturale. Come gli esploratori polari che hanno viaggiato verso il Polo Nord prima di voi, questi luoghi affascinanti vi lasceranno a bocca aperta. Siete pronti per partire all’avventura?

Laurora boreale

Vedere l’aurora boreale è un’esperienza unica, e la Norvegia artica è
uno dei migliori posti al mondo per assistere a questo affascinante
fenomeno naturale.

La frequenza di queste luci è al suo picco in tardo autunno/inizio primavera,
nel periodo compreso tra l’equinozio autunnale e quello primaverile,
anche se il miglior periodo per mettersi in viaggio è tra dicembre e
marzo. Da dicembre in poi il clima diventa più secco e in genere c’è
molta neve, il momento ideale per vivere le notti polari con serate
piene d’atmosfera e giornate estremamente corte. A febbraio e marzo le
giornate si allungano, il che vuol dire più paesaggi innevati di giorno
per i turisti, mentre le serate continuano a offrire alte probabilità di
vedere l’aurora boreale.

Il clima più secco rende il cielo limpido nell’entroterra, di
conseguenza le probabilità sono statisticamente più alte, ma se battute
dai forti venti orientali, le coste possono essere anche più limpide
dell’entroterra. Si consiglia di evitare le notti di luna piena e i
posti molto illuminati (ad esempio le città), che rendono questo
fenomeno molto più debole.

Il sole di mezzanotte

 Le lunghe notti estive in Norvegia sono un piacere
sia per gli abitanti del luogo che per i turisti, ma il sole di
mezzanotte, che può essere osservato da qualsiasi posto al di sopra del
Circolo Polare Artico d’estate, è un fenomeno naturale unico e una delle
priorità per molti turisti che visitano la Norvegia.

Di cosa si tratta? A una certa latitudine, il sole non tramonta durante i mesi estivi, quindi si può vedere il sole per 24 ore di fila,
a patto che le condizioni climatiche lo permettano. Il periodo ideale
per vedere il sole di mezzanotte dipende dal posto in cui vi trovate. Al
Circolo Polare Artico nel Nordland, lo si può vedere dal 12 giugno al
1° luglio; a Capo Nord nel Finnmark, dal 14 maggio al 29 luglio; e al
Polo Nord il sole non tramonta per sei mesi.

Svalbard

Situato nell’Oceano Artico, a metà strada tra la
Norvegia e il Polo Nord, l’arcipelago delle Svalbard è unico e attrae
gli amanti della natura da tutto il mondo, che vengono qui per conoscere
la vera natura incontaminata dellartico. Questo
delicato ambiente è la casa degli orsi polari, ma anche di altri
mammiferi come le renne, le volpi artiche, i trichechi, le foche e molte
specie di uccelli.

Attività come la speleologia nel ghiaccio, i safari sulle motoslitte,
lo sci di fondo e le slitte trainate dai cani sono popolari d’inverno,
mentre d’estate si può praticare il bird-watching, andare in crociera,
fare un’escursione (compresi i ghiacciai) oppure andare in kayak nel
mare. L’antico insediamento minerario di Svalbard si può visitare tutto
l’anno.

Famosi esploratori polari norvegesi

Viaggiando verso la Norvegia artica, seguirete i passi di molti famosi esploratori polari norvegesi. Roald Amundsen
fu il primo uomo a mettere piede al Polo Sud, precedendo il suo rivale
il capitano Scott, il 14 dicembre del 1911. Un traguardo straordinario
che rese Amundsen famoso, e diede risalto alla Norvegia in campo
internazionale. Amundsen fu anche il primo a navigare il passaggio a nord-ovest e a sorvolare l’oceano Artico.

Tra gli altri famosi esploratori norvegesi ci sono Fridtjof Nansen,
il primo ad attraversare la Groenlandia con gli sci e ad avvicinarsi al
Polo Nord nel 1893-96 con la spedizione Fram (Nansen è anche famoso per
il suo contributo politico, che gli valse il premio Nobel per la pace
nel 1922); Børge Ousland, che attraversò l’Antartide in solitaria
nell’inverno del 1996-1997, coprendo un a distanza di 2.845 kilometri in
appena due mesi; ed Erling Kagge, il primo a visitare i due Poli e la
cima del monte Everest.

In crociera nella Norvegia artica

La crociera è uno dei modi migliori per vedere la Norvegia artica. Attraversare il Circolo Polare Artico poco più a nord di Mo i Rana a 66° 33′ 44″ e fermarsi a Capo Nord,
a 70°58′41″N 25°58′29″E sono le imprese più ambite per coloro che
visitano la Norvegia artica. Hurtigruten (il battello postale norvegese)
segue le coste norvegesi da Bergen fino a Kirkenes nella Norvegia
artica. Le soste lungo il tragitto includono le isole Lofoten e
Vesterålen, Tromsø, Hammerfest e Bodø, con escursioni a terra
giornaliere per sfruttare al meglio il viaggio. Si può, ad esempio,
partecipare a un safari al granchio reale a Kirkenes, a un banchetto
vichingo al Museo Vichingo Lofotr nelle Isole Lofoten, oppure fare un
giro su una slitta di cani o in motoslitta in Lapponia.

Molti operatori turistici offrono crociere a Svalbard (incluso Hurtigruten)
e rendono il viaggio un’esperienza unica, attraversando Svalbard nel
profondo, molto più di quanto non facciano normalmente i turisti, e
avvicinandosi alla natura del posto.

Giocare a golf nella Norvegia artica

Giocare a golf tutta la notte? Nella Norvegia artica si può. Giocare sotto il sole di mezzanotte è
una delle attività più popolari per gli appassionati di questo sport
che visitano la Norvegia artica. Qui si trovano magnifici campi da golf a
due passi dall’oceano e dalle campagne selvagge. E con le condizioni di
luce diurna in continuo cambiamento, la partita a golf diventa
un’esperienza fuori dal comune. Situato fuori Tromsø, il Tromsø Golfpark è il campo da golf a 18 buche più anord del mondo, mentre Lakselv, Banak Golf Links lo è per quanto riguarda i campi a nove buche. Greenfee Lofoten Golf Links,
Hov, Gimsøysand (a metà strada tra Svolvær e Leknes) ha nove buche e un
paesaggio straordinario, circondato dalle cime frastagliate del Lofoten
e l’immenso oceano. Narvik Golfklubb (18 buche) a Skjomendalen è un
altro ottimo campo nella regione.

Safari naturali

Gli amanti della natura verranno viziati nella Norvegia artica, ai quali la ricca flora e fauna regalerà indimenticabili incontri.
Qui c’è una gran varietà di specie, molte delle quali uniche
nell’Artide, e tanto da vedere, che siate appassionati di flora e fauna o
amiate passare ore a osservare il comportamento di alcune specie di
uccelli. Tra le attrazioni principali troviamo i safari alle aquile di
mare nelle Isole Lofoten; l’avvistamento delle balene a Vesterålen; il
bird-watching (incluse le pulcinelle di mare) a Varanger o Røst; e
l’avvistamento di orsi polari e trichechi a Svalbard.

Cultura Sami

I primi Sami arrivarono nella Scandinavia del nord
circa 11.000 anni fa. In perfetta armonia con la natura, i Sami vivevano
in tende chiamate lavvo e capanne ricoperte di terra e accudivano
renne. Lallevamento delle renne è
tuttora un fattore cruciale per la sopravvivenza dei Sami, fornendo
cibo, pelli e trasporto. Le slitte con le renne sono molto popolari nel
Finnmark d’inverno. Ad ogni modo, il primo incontro con i Sami, per
molti viaggiatori, avviene in genere lungo la strada. È molto facile
incontrare lungo le strade Sami che vendono souvenir come costumi
tradizionali, scarpe, copricapi, pelli di renna, coltelli e oggetti
d’artigianato. Karasjok è la capitale Sami della Norvegia, e sede del
parlamento Sami della Norvegia, un parco divertimenti Sami e qualcosa
come 60.000 renne nei mesi autunnali e invernali.

Festival nella Norvegia artica

  • Festival Internazionale del Cinema di Tromsø, Tromsø (gennaio)
  • Festival dell’aurora boreale, festival di musica internazionale, Tromsø (gennao-febbraio)
  • Polar Jazz, il festival musicale più a nord del mondo, Longyearbyen, Svalbard (febbraio)
  • Corse di renne, Tromsø e Finnmark (da febbraio a pasqua)
  • Campionati Mondiali di Pesca al Merluzzo, Isole Lofoten (marzo)
  • Maratona del Sole di Mezzanotte, Tromsø (giugno)
  • Festival delle Arti della Norvegia del Nord, Harstad (giugno)
  • Festival Riddu Riddu, Festival di musica Sami, Kålfjord (luglio)

Lo sapevate?

È il sole ad essere responsabile della formazione delle aurore boreali. Durante enormi eruzioni solari,
grosse quantità di particelle vengono sparate dal sole nelle profondità
dello spazio. Quando queste particelle incontrano lo scudo magnetico
terrestre, vengono attratte in circolo verso il Polo Nord, dove
interagiscono con gli strati più alti dell’atmosfera. L’energia che si
sprigiona causa il fenomeno dell’aurora boreale. Tutto ciò avviene a
circa 100 kilometri al di sopra delle nostre teste.

Sono nate molte leggende intorno alle aurore boreali. Simboli legati alle aurore boreali sono stati rinvenuti sui tamburi degli sciamani Sami.
Il fenomeno ha diversi nomi nella lingua Sami, come per esempio
Guovssahas, che significa “la luce che si può ascoltare”. E durante
l’era vichinga, le aurore boreali erano considerate le armature delle
Valchirie, grazie alla loro luce tremolante.

Il nome Svalbard significa “fredde coste” e fu menzionato per la prima volta in uno scritto islandese nel XII secolo.

Longyearbyen ha 2.040 abitanti (dati del 2008), è
sede del governo locale e il più importante centro amministrativo
norvegese a Svalbard. La piccola e vivace comunità è
cresciuta dall’essere un tipico villaggio a una moderna cittadina con
diverse industrie e con un’ampia scelta di attività culturali.

Quasi il 65 per cento della superficie di Svalbard è
formato da aree  protette, con tre riserve naturali, sei parchi
nazionali, 15 santuari degli uccelli e un’area geotlogica protetta. Gli orsi polari sono
dei nuotatori eccellenti, e passano la maggior parte della loro vita in
acqua sui ghiacci cibandosi quasi esclusivamente di foche. Essi possono
sopravvivere fino a otto mesi senza mangiare, e possono facilmente
camminare (o nuotare) per più di 5.000 kilometri l’anno. Un orso adulto
pesa normalmente tra i 400 e i 600 kg (i maschi pesano più delle
femmine) mentre i cuccioli pesano solo 600 grammi alla nascita.

La Svalbard Global Seed Vault è una banca del gene
che si trova fuori Longyearbyen e che si occupa della salvaguardia dei
semi di un’ampia varietà di piante, conservandoli in una caverna
sotterranea. Il suo scopo è quello di garantire una rete di sicurezza
contro la perdita accidentale della diversità delle banche del gene
tradizionali. Il 10 marzo 2010 il numero di semi conservati nella
Svalbard Global Seed Vault  ammonta a mezzo milione di esemplari. Quello delle notti polari
(“mørketid! in norvegese) è un fenomeno che avviene d’inverno a nord
del Circolo Polare Artico. Per un determinato periodo di tempo il sole
rimane al di sotto dell’orizzonte, anche al suo massimo. Questo periodo
aumenta man mano che ci si avvicina al Polo Nord, fino a durare sei
mesi. Il ritorno della luce del sole dopo i lunghi mesi invernali è
motivo di grandi celebrazioni nella Norvegia artica, come per esempio a
Longyearbyen dove si tiene una festa chiamata “solfestuke”
(letteralmente “Settimana del sole”). 

http://www.visitnorway.com 

Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More
Uncategorized

Museo Van Gogh @ MuseoVanGogh

Vincent van Gogh (1853-1890), nato nel Brabante, è attualmente uno degli artisti più famosi di tutti i tempi. Se desideri ammirare i capolavori di Van Gogh, una visita al Museo di Van Gogh di Amsterdam è d’obbligo. Ma per gli ammiratori del pittore, i posti da visitare non finiscono certo qui. Situato nel meraviglioso Parco […]

Read More