CABARET Il Musical / Milano, Teatro della Luna dal 12 al 22 novembre 2015 @tdellaluna

Cabaret phGiuliaMarangoni

GIAMPIERO INGRASSIAMaestro di Cerimonie

in

con

GIULIA OTTONELLO

Sally Bowles

Testo JOE MASTEROFF

Basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood

Musiche

JOHN KANDER

Liriche

FRED EBB

Traduzione Michele Renzullo – Adattamento Saverio Marconi

Regia SAVERIO MARCONI

-con orchestra dal vivo-

“VI EMOZIONERETE, PIANGERETE, SICURAMENTE,

E VI FARETE MOLTE DOMANDE”

Arriva il 12 novembre al Teatro della Luna di Milano, dopo il debutto con oltre 10 minuti di applausi e unanime consenso di pubblico e critica al Todi Festival la scorsa estate, il nuovo allestimento di CABARET, spettacolo molto

caro al regista Saverio Marconi, che lo aveva già portato in scena in precedenza in due edizioni molto diverse. Il testo

di Joe Masteroff, basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood, con le

musiche di John Kander e le liriche Fred Ebb (tradotto da Michele Renzullo) è un classico del teatro musicale

(famosissimo anche per il film del 1972 con Liza Minnelli).

Un ruolo completamente differente dalla comicità del Dottor Frankenstein – che ha portato con successo in tour

con la Rancia per ben tre stagioni – per Giampiero Ingrassia/Maestro di Cerimonie, il personaggio di “Cabaret” che

prende vita solo sul palcoscenico del Kit Kat Klub. È il filo conduttore che rappresenta l’aspetto ludico della storia –

vuole che tutti si lascino travolgere dall’atmosfera licenziosa del locale e si divertano per dimenticare i problemi che

esistono realmente – e allo stesso tempo quello ambiguo e stravagante. Un Maestro di Cerimonie ammiccante,

ammaliante, tentatore, che apre agli spettatori le porte del club berlinese, sempre pronto a ridere e scherzare, ma

con una morale corrotta e decadente, sottolineata anche dal trucco sapiente (un misto tra Joker, il Corvo e il

cantante dei Kiss Gene Simmons), una maschera che trasuda inquietudine. Ingrassia si cimenta in un ruolo

complesso e dalle mille sfaccettature: recita ma soprattutto canta, con un momento di particolare intensità in “I don’t

care much/Non importa”. E nell’invito del Maestro di Cerimonie agli spettatori ad affrontare la realtà e ad

abbandonare l’indifferenza è racchiuso il senso profondo dello spettacolo: “Vi emozionerete, piangerete, sicuramente,

e vi farete molte domande”.

Fragile ed evanescente, Sally Bowles (Giulia Ottonello) è la giovanissima stella del club berlinese “che splenderà più

di una stella” e inizia una relazione tempestosa con il giovane romanziere americano in cerca di ispirazione Cliff

Bradshaw (Mauro Simone). E, mentre Sally sogna di diventare una grande attrice, fuori dalla porta del trasgressivo

Kit Kat Klub il mondo va in frantumi.

Nella Berlino dei primi anni Trenta, sullo sfondo dell’avvento del nazismo, si intrecciano così le storie degli altri

personaggi (l’austera Fräulein Schneider/Altea Russo e il timido e riservato ebreo Herr Schultz/Michele Renzullo –

insieme prima in un romantico e delicato duetto e poi costretti loro malgrado a separarsi; la libertina Fräulein

Kost/Valentina Gullace e il nazista Ernst Ludwig/Alessandro Di Giulio) mentre sulla Germania, e sulle vite di tutti,

sta per abbattersi la furia hitleriana. “La vita è un cabaret ”, canta Sally Bowles sul finale dello spettacolo, ma nel

celeberrimo brano – cui Giulia Ottonello dona straordinaria vocalità e, allo stesso tempo, profonda drammaticità –

esplodono i tormenti, le aspirazioni fallite, il tentativo di cercare spensieratezza anche quando il dramma incombe.

Saranno le ultime battute di Cliff a preludere al tragico epilogo: “C’era un cabaret ed un presentatore e una città

chiamata Berlino in un paese chiamato Germania, ed era la fine del mondo”. E per il Maestro di Cerimonie non resta

che una parola: “Auf Wiedersehen”.

Questo nuovo allestimento di “Cabaret” (il terzo per la Compagnia della Rancia dopo le edizioni del 1992 e del

2007) è amaro, duro, toccante: è teatro nel teatro, con una scenografia che “invade” il palcoscenico, firmata da

Gabriele Moreschi e dallo stesso Saverio Marconi. Eleganti e frutto di ricerca storica i costumi di Carla

Accoramboni, che, insieme al disegno luci di Valerio Tiberi, regalano allo spettacolo atmosfere ora intense ora quasi

sospese. Esplosivi i quadri musicali del Kit Kat Klub, con le potenti coreografie di Gillian Bruce tra cui spicca la

travolgente “Mein Herr ”, in cui la voce di Giulia Ottonello si fonde con le sensuali interpretazioni delle ragazze del

cabaret (Ilaria Suss, Nadia Scherani, Marta Belloni); completano il cast Andrea Verzicco e Gianluca Pilla.

“Cabaret” vanta una colonna sonora straordinaria, a diritto entrata nel patrimonio dei musical grazie a brani

intramontabili come “Wilkommen”, “Money”, “Maybe This Time” (Questa volta) e “Life is a cabaret ” (La vita è un

cabaret ) eseguiti a Milano dall’orchestra dal vivo diretta da Riccardo Di Paola, anche al pianoforte (Tiziano Cannas

Aghedu alla tromba, violino e fisarmonica, Adalberto Ferrari al clarinetto e sax tenore, Alessandro Cassani al

contrabbasso, Martino Malacrida alla batteria); la supervisione musicale è di Marco Iacomelli, il disegno fonico di

Enrico Porcelli.

NOTE DI REGIA

Se per tre volte, nel corso della mia carriera, ho deciso di mettere in scena “Cabaret”, è perché in tre periodi differenti della mia

vita, lontani e diversi tra loro, ho sentito la necessità di guardare (e far guardare) oltre il sipario del Kit Kat Klub.

Uno spettacolo che conosco molto bene, e a cui tengo molto, che questa volta, dimenticati i riferimenti al film, ho messo in

scena “come voglio io”, con una nuova e profonda sincerità nell’affrontarlo. Una lettura più dura, con alcuni momenti di teatro

nel teatro, molto più attuale, dunque, che costringerà gli spettatori a mettersi di fronte alla tendenza di oggi a lamentarsi, senza

però mai reagire per cambiare davvero.

Ho pensato e firmato a quattro mani con Gabriele Moreschi una scenografia che “abbraccia” il palcoscenico, una pedana, un

vecchio sipario, le tavole consumate e intrise di memoria: è così che ogni sera si rievoca un periodo storico, attraverso quella

musica, quelle storie che – come in un girotondo schnitzleriano – continuano ancora oggi il loro racconto, senza soluzione di

continuità e di emozioni. Insieme a un cast straordinario, raccontano di un’indifferenza colma di paure ed egoismo, con la

speranza che, al prossimo giro, per una volta vinca il coraggio di affrontare la realtà.

A 25 anni di distanza da “A Chorus Line”, siamo tornati a debuttare al Todi Festival, proprio da dove ci eravamo affacciati sulla

scena teatrale italiana. 25 anni in cui il mondo, fuori e dentro i teatri, è cambiato. Ma c’è una cosa che non è cambiata e credo

che questo sia un tema che non muore mai: l’indifferenza della gente che non si occupa (o preoccupa) di quello che gli

succede intorno se non ne viene toccata direttamente. Allora nacque il nazismo, oggi cosa nascerà?

Saverio Marconi

www.facebook.com/CABARETilmusical

Twitter @compagniarancia #lavitaèuncabaret

Compagnia della Rancia – riferimenti per la stampa stampa@rancia.com

Sara Maccari 335 1857543 sara.maccari@rancia.com

Stefania Sciamanna 340 7028078 stefania.sciamanna@rancia.com

presenta

GIAMPIERO INGRASSIA

Maestro di Cerimonie

in

Testo

JOE MASTEROFF

Basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood

Musiche

JOHN KANDER

Liriche

FRED EBB

Traduzione Michele Renzullo – Adattamento Saverio Marconi

con

GIULIA OTTONELLO

Sally Bowles

e con

MAURO SIMONE

Cliff

ALTEA RUSSO

Fräulein Schneider

MICHELE RENZULLO

Herr Schultz

VALENTINA GULLACE

Fräulein Kost

ALESSANDRO DI GIULIO

Ernst Ludwig

ILARIA SUSS

NADIA SCHERANI MARTA BELLONI

ANDREA VERZICCO GIANLUCA PILLA

Orchestra dal vivo

RICCARDO DI PAOLA Direzione d’orchestra, Pianoforte

TIZIANO CANNAS AGHEDU Tromba, Violino, Fisarmonica – ADALBERTO FERRARI Clarinetto, sax tenore

ALESSANDRO CASSANI Contrabbasso – MARTINO MALACRIDA Batteria

Scene

GABRIELE MORESCHI

SAVERIO MARCONI

Costumi

CARLA ACCORAMBONI

Coreografie

GILLIAN BRUCE

Supervisione musicale

MARCO IACOMELLI

Direzione musicale

RICCARDO DI PAOLA

Disegno luci

VALERIO TIBERI

Disegno fonico

ENRICO PORCELLI

Regia

SAVERIO MARCONI

Produzione esecutiva

MICHELE RENZULLO

INTERPRETI E PERSONAGGI

GIAMPIERO INGRASSIA Maestro delle Cerimonie

Nato a Roma, si è diplomato al Laboratorio Teatrale di Gigi Proietti. Debutta in teatro nel 1983 con lo spettacolo L’asso nella

manica per la regia di Raffaele Stame. Da allora costruisce una brillante carriera trentennale tra prosa, tv, cinema e radio. In

teatro recita accanto a Gigi Proietti in Cirano; è diretto da Alvaro Piccardi in Oh, Luciano! e Il viaggio di L., da Riccardo Reim

in Il frate, da Luigi Squarzina in I cinque sensi (con Sergio Fantoni), da Massimo Cinque nella commedia di Neil Simon Invito

in scena con delitto . Seguono: I topi ballano regia di Mattia Sbragia, I guardiani di porci con Flavio Insinna, Luv con Edy

Angelillo e Fabio Ferrari per la regia di Patrick R. Gastaldi, Prigionieri di Guerra insieme a Luca Zingaretti che ne cura anche

la regia. Duccio Camerini lo dirige in Zot e in Dieci decimi. È il protagonista di Lennon e John con Giuseppe Cederna diretto

da Massimo Natale e Giancarlo Lucariello, della commedia Harry ti presento Sally con Marina Massironi e di Quattro

matrimoni e un funerale, entrambi per la regia di Daniele Falleri, di Destinatario sconosciuto con Mauro Mandolini, di

Michelina con Maria Amelia Monti per la regia di Alessandro Benvenuti e di Testimoni di Angelo Longoni. Nel 2010 con

Gianluca Guidi è al Globe Theatre di Roma con la commedia di W. Shakespeare I due gentiluomini di Verona, tradotta da

Vincenzo Cerami, musicata da Nicola Piovani, diretta da Francesco Sala e supervisionata da Gigi Proietti. Nel 2011 debutta

alla regia con Colpevoli con cui vince il bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Nel maggio 2014 affianca Gianluca

Guidi in Taxi a due piazze, la travolgente commedia nata dall’ironica penna del commediografo inglese Ray Cooney e tradotta

e adattata da Jaja Fiastri. In televisione partecipa a: Beauty Center Show, al fianco di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Con

licenza dell’autore con Sergio Zecca, Grand Hotel regia di Giancarlo Nicotra. È uno dei protagonisti dei serial Classe di Ferro

(1 e 2) e Quelli della speciale diretti da Bruno Corbucci. Conduce più di 100 puntate del quiz Tira e molla con Luisa Corna,

Campioni di Ballo con Lorella Cuccarini e Matinée insieme a Rossella Brescia. Seguono i tv movie Tutti per uno con Anna

Valle e Franco Castellano e Così come la vita diretto da Roberta Orlandi, il film La Banda per la regia di Claudio Fragasso, la

fiction Ma il portiere non c’è mai? con la regia di Pipolo e Carlo Corbucci. Per il cinema ricordiamo: La caccia, il cacciatore, la

preda di Andrea Marzari, Ti amo Maria con la regia di Carlo Delle Piane, Stressati di Mauro Cappelloni, Come inguaiammo il

cinema italiano di Ciprì e Maresco, Terapia Roosevelt di Vittorio Muscia, il cortometraggio Bastiano diretto da Andreij

Tarkovskj jr, Ti stramo regia di Pino Insegno e Gianluca Sodaro, The Museum of Wonders di Domiziano Cristopharo, Il rito

regia di Mikael Hafstrom, Un Natale stupefacente con Lillo e Greg. Con il musical, però, instaura un amore di lunga data: nel

1989 è il protagonista di La piccola bottega degli orrori, primo musical della Compagnia della Rancia, con Edy Angelillo e

Cesare Bocci; nel 1995 è Capitan Tempesta ne Il pianeta proibito con la regia di Patrick Rossi Gastaldi; dal 1997 al 1999 veste

il giubbetto di pelle di Danny Zuko nella prima storica edizione di Grease, a fianco di Lorella Cuccarini. Nel 2000 è Erode nel

Jesus Christ Superstar di Massimo R. Piparo con Carl Anderson; nel 2001 debutta, con Tosca, al Festival di Taormina con il

musical Salvatore Giuliano di Dino Scuderi, che riprende esattamente dieci anni dopo con Barbara Cola al suo fianco. Dal

2001 al 2003 si “spoglia” con Rodolfo Laganà e Bob Messini in The Full Monty per la regia di Gigi Proietti; seguono Nights

on Broadway con la regia di Massimo R. Piparo (2002) e la versione musicale di Sogno di una notte di mezza estate, con

Giorgio Albertazzi (che ne cura anche la regia), Serena Autieri ed Enrico Brignano. Nella stagione 2011/2012 è in tournée

con la commedia musicale Stanno suonando la nostra canzone insieme a Simona Samarelli, diretti da Gianluca Guidi. Dal

2012 al 2015 ha vestito i panni del protagonista – il brillante e stimato dottor Frederick “Frankenst-I-n”, che al cinema fu di

Gene Wilder, con cui ha vinto il Premio Flaiano 2013 – nel musical prodotto da Compagnia della Rancia Frankenstein Junior.

Come cantante, conta anche esperienze come lead vocal di gruppi Hard Rock. Libri? Ancora no, ma ha scritto una sentita e

divertente prefazione per Due cialtroni alla rovescia (2004), un libro di Fabio Piccione sulle origini della comicità di Franco

Franchi e Ciccio Ingrassia. Nel 2006 diventa uno dei soci e creatori della Fonderia delle Arti di Roma, scuola di musica,

teatro, cinema e fotografia, nonché direttore della sezione Teatro e Musical.

GIULIA OTTONELLO Sally Bowles

Cantante ed attrice genovese, arriva al grande pubblico partecipando e vincendo la seconda edizione della trasmissione

televisiva Amici di Maria De Filippi. Dal 2002 ad oggi, ha avuto la possibilità di sperimentarsi e lavorare in diversi progetti ed

esperienze artistiche molto eclettiche tra loro che comprendono: televisione, discografia, cinema, doppiaggio, teatro e concerti

live. Ha lavorato in diversi spettacoli teatrali e musical. Dal 2004, la Compagnia della Rancia è la produzione teatrale per cui

ha lavorato maggiormente: Cantando sotto la pioggia nel ruolo di Kathy Selden, Cats nel ruolo di Grizabella, Frankenstein

Junior nel ruolo di Elizabeth Benning, ruolo per cui viene premiata come miglior attrice non protagonista. Ha avuto il piacere e

l’onore di collaborare ed omaggiare molti e grandi artisti. È la doppiatrice italiana della voce cantata di Amy Adams in Come

d’incanto e I Muppet della Walt Disney. Nel primo film diretto da Paolo Ruffini Fuga di cervelli , interpreta il ruolo di Karen.

Autoproduce il suo primo album I miei colori , titolo che da anche al suo nuovo concerto. Un progetto musicale che viaggia

attraverso il suo percorso artistico, affiancata da straordinari musicisti.

Animalista e vegana, quasi sempre viaggia con il suo fedele compagno Groovo, un piccolo cane pieno di ritmo ed energia!

“Sono molto grata a Saverio Marconi per aver creduto in me. Onorata e piena di gratitudine per questa grande esperienza in

Cabaret . Dedico questa nuova avventura ad uno dei maestri più importanti per me, Carl Anderson. Un uomo ed artista di

grande ispirazione. Con Amore & Gratitudine, Giulia”. www.giuliaottonello.it

INTERPRETI E PERSONAGGI

MAURO SIMONE Cliff Bradshaw

Nasce a Trani il 14 maggio del 1979. Frequenta il liceo artistico. Nel 1999 è nel cast originale di Grease con Lorella Cuccarini

e Giampiero Ingrassia con il ruolo di Roger e poi di Doody, per la regia di S. Marconi. Da quel momento sono trascorsi molti

anni, durante i quali studia ancora danza, canto e recitazione. In oltre si susseguono molti lavori tra cui: A qualcuno piace caldo

con G. M. Tognazzi, A. Gassman e R. Casale, On the Air, Les Parents terribiles, Beatrice e Isidoro , Sketch, Tutti insieme

appassionatamente e Pinocchio Il Grande Musical nei panni di Lucignolo e cover di Pinocchio con le musiche dei Pooh, per la

regia di S. Marconi. Nel 2006 debutta con la sua prima regia: Toc Toc a Time for Musical con M. Frattini, Palazzo Irreale

produzioni. È il regista ed ideatore dello spot tv Patatine Pata con Luca Toni. È il testimonial Jan Pierre dello spot tv mondiali

2006/07 per SanBitter. Ha seguito la regia e l’adattamento teatrale di Tre metri sopra il cielo tratto dal libro di Federico

Moccia, Palazzo Irreale produzioni. È il Narratore nell’opera lirica Arcibaldo Sonivari produzione Teatro Lirico Pavarotti

Modena con la regia di A. Panzavolta. È Richie in A Chorus Line, Compagnia della Rancia, regia S. Marconi. È Trekkie, Niky

e l’Orsetto in Avenue Q, via della Sfiga . Regia S. Genovese. È Igor in Frankestein Junior il musical di Compagnia della Rancia

con la regia di S. Marconi e M. Iacomelli; ruolo che gli permette di vincere il Premio Musical Award come miglior attore non

protagonista. È autore e regista di Replay the Musical (Compagnia della Rancia e Different Plays). È il regista di: Into the

Woods (BSMT) e Avenue Q (BSMT), Outing, il musical (I Performers), The Last Five Years (BSMT), Tappers con le

coreografie di Gillian Bruce. È docente all’Università di Milano IED e docente di Recitazione alla BSMT di Bologna diretta da

Shawna Farrell.

ALTEA RUSSO Fräulein Schneider

Si diploma in Balletto Classico nel 1993 con la supervisione di L. Vacca al Teatro San Carlo di Napoli. Nel 1998 consegue a

Milano il diploma alla S.P.I.D. (scuola professionale italiana danza) dove studia la danza a 360 gradi, dizione, recitazione e

canto con maestri di nota fama tra cui Shawna Farrell e Tiziana Salvador. Subito dopo prende parte a diversi balletti classici:

Don Chisciotte; Bolero, Carmina burana, La fille mal gardée, La traviata. Dal 1999 è performer in numerosi musical di

successo. Con la Compagnia della Rancia e la regia di Saverio Maconi: A qualcuno piace caldo (Nelly) con Alessandro

Gassman e Gian Marco Tognazzi; La piccola bottega degli orrori , nel ruolo di Miss Luce e capo balletto, con Rossana Casale

che sostituisce nel ruolo di Audrey; Bulli e pupe (regia Fabrizio Angelini), nel ruolo del generale Matilda Cartwright, con

Serena Autieri e Marina Massironi che sostituisce nel ruolo di Adelaide; Hello, Dolly! con Loretta Goggi, Cantando sotto la

pioggia (Miss Ginsmore) con Raffaele Paganini e Justine Mattera di cui è la sostituta; The Producers con Enzo Iacchetti e

Gianluca Guidi. È Lucia Re (e capo balletto) nel musical L’altro lato del letto (regia Messina-Bideri) con Vittoria Belvedere e

Milena Miconi; mentre in Pippi Calzelunghe (regia Angelini-Proietti) è la signorina Taccola (ovvero zia Prusselius) e capo

balletto. Nel 2011 è Ofelia Zerbini (e capo balletto) nel musical Convention! Impiegati allo sbaraglio di G. Vergoni (regia

Fabrizio Angelini). Dal 2012 al 2015 è nel cast di Frankenstein Junior con Giampiero Ingrassia e Giulia Ottonello (regia

Saverio Marconi) nel ruolo di Frau Blücher. Porta in scena, inoltre, il doppio ruolo di Maria Assunta e mamma Maria nel

musical Sarà perchè ti amo (regia di Alfonso Lambo).

MICHELE RENZULLO Herr Schultz

Studia presso la Scuola del Teatro Stabile di Torino, diretta da Aldo Trionfo. Debutta nel 1973 nel recital Il trasloco, con

Vittorio Gassman, per l’inaugurazione del Piccolo Regio di Torino. Lavora in alcune produzioni del Teatro Stabile di Torino tra

cui Turandot, Gesù, Nerone è morto, La duchessa di Amalfi, diretto dai registi A. Trionfo, V. Puecher, M. Missiroli. Recita, per

il Teatro di Roma in Volpone, diretto da L. Squarzina, e in altre produzioni teatrali con la regia di G. Lombardo Radice, S.

Sequi, F. Crivelli. Ha lavorato in teatro con T. Carraro, M. Scaccia, L. Volonghi, A. M. Guarnieri, G. Brogi, G. Mauri, F.

Branciaroli, G. Lavia, G. Farassino. Prende parte a diverse produzioni radiofoniche e televisive del Centro Produzione Rai di

Torino, tra cui Le uova fatali , con la regia di U. Gregoretti e altre dirette dai registi M. Scaglione, D. Montemurri, S. Sequi, E.

Fenoglio. Per Compagnia della Rancia, che fonda nel 1983 insieme a Saverio Marconi, è interprete degli spettacoli teatrali La

cortigiana, regia di G. Lombardo Radice e Post Scriptum: il tuo gatto è morto, regia di J. M. Bardwell; e nei primi musical

diretti da S. Marconi: La piccola bottega degli orrori , A Chorus Line, Dolci vizi al foro , West Side Story.

Nel 2011 torna nuovamente sul palcoscenico per vestire i panni di Gus, nella versione italiana di Cats e Alfred nel musical

Happy Days, per poi proseguire nel 2012 con Frankenstein Junior, dove interpreta Ziggy, tutto prodotti da Compagnia della

Rancia.

VALENTINA GULLACE Fräulein Kost

Nata in Calabria, esordisce nel 2006 interpretando Maria Maddalena nella versione italiana di Jesus Christ Superstar della

Compagnia della Rancia, regia di Fabrizio Angelini e Gianfranco Vergoni. Nel 2007 è nel cast di Cabaret , con Michelle

Hunziker e Christian Ginepro, regia di Saverio Marconi e coreografie di Fabrizio Angelini, mentre nelle due stagioni successive

interpreta la “cattiva” Sharpay nel musical Disney High School Musical , diretta da Saverio Marconi e Federico Bellone, con le

INTERPRETI E PERSONAGGI

coreografie di Gillian Bruce. Nel 2010 lavora con Paolo Ruffini nello spettacolo 80 voglia di…80! (regia F. Angelini) e

interpreta la Vergine Maria nel musical dedicato alla figura di Giovanni Paolo II, Non abbiate paura, regia di Gianluca Ferrato e

coreografie di Caterina Felicioni. Nel 2011 è la protagonista femminile di Mille lire al mese, al Teatro Parioli di Roma, diretta

da Fredy Franzutti, e nello stesso anno è Maria Cyliakus nel musical scritto da Dino Scuderi Salvatore Giuliano, con

Giampiero Ingrassia e Barbara Cola, regia di Giampiero Cicciò e coreografie di Aurelio Gatti. Nella stagione teatrale

2011/2012 è la principessa Jasmine nella ripresa del musical Aladin, accanto a Flavio Montrucchio e Stefano Masciarelli, con

le musiche dei Pooh e la regia e le coreografie di Fabrizio Angelini. È nell’original cast della commedia musicale di Simona

Patitucci Fantasmi a Roma, regia di Fabrizio Angelini. Nel 2012 torna a lavorare con la Compagnia della Rancia

interpretando per tre stagioni il ruolo di Inga in Frankenstein Junior, regia di Saverio Marconi e Marco Iacomelli, coreografie di

Gillian Bruce, per cui riceve l’Oscar Italiano del Musical come attrice non protagonista. Interpreta il ruolo di Ravveduta nel

musical su Don Bosco Solo chi sogna, di Mario Restagno, con Michele Carfora al Teatro Colosseo di Torino. È inoltre la

conduttrice di Easy Genius, trasmissione di divulgazione scientifica rivolta ai ragazzi del liceo e in onda sul canale Rai Scuola.

ALESSANDRO DI GIULIO Ernst Ludwig

Nasce a Pescara l’8 luglio 1987. Fin da piccolo si avvicina al mondo del musical partecipando a varie produzioni amatoriali

come protagonista. All’età di 16 anni approfondisce i suoi studi entrando nel coro di musica antica Compagnia Virtuosa di

Pescara, e qualche anno dopo entra a far parte dell’organico del Coro Accademia Feniarco sotto la direzione del maestro

Alessandro Cadario, con il quale partecipa a eventi canori internazionali come Europa Cantat (Torino 2012). Nel 2015 si

diploma all’Accademia di Musical BSMT di Bologna, sotto la direzione di Shawna Farrell, dove approfondisce tecniche di

canto pop, impostato e belt, studia recitazione e danza classica, tip tap e jazz con Gillian Bruce. Nei tre anni di accademia

partecipa a diverse produzioni scolastiche: Love Story al Teatro Duse di Bologna, regia di Gianni Marras; Sweeney Todd regia

di Shawna Farrell; Ragtime al Teatro Comunale di Bologna, regia di Gianni Marras, coreografie di Gillian Bruce; Lucky Stiff

regia di Shawna Farrell e coreografie di Gillian Bruce; Nine regia di Shawna Farrell coreografie di Gillian Buce, nel ruolo di

Guido Contini.

ILARIA SUSS (Assistente coreografa e capoballetto)

Inizia da piccolissima a muovere i primi passi nella danza; al termine degli studi si iscrive all’accademia MTS – Musical! the

School ed è il colpo di fulmine! Grazie a questa scuola riesce a mettere insieme le discipline che fino ad allora aveva

sperimentato singolarmente e da questo periodo di approfondimento inizia la sua avventura professionale. Dopo alcune

esperienze in televisione e piccole parti nella prosa come attrice, si avvicina al mondo del musical grazie a Gillian Bruce,

affiancandola come assistente nel 2004 e 2005 per le coreografie del musical Anything Goes. Nel 2004 si avvera il suo

grande sogno entrando come performer a far parte della Compagnia della Rancia nel cast di Pinocchio Il Grande Musical ; nel

2006 è assistente coreografa e performer in Toc Toc a Time for Musical prodotto da Palazzo Irreale. Nel 2007 interpreta il

ruolo di Hilda e del Gorilla in Cabaret con la Compagnia della Rancia con la quale continua la collaborazione nel 2008 come

assistente coreografa in High School Musical . Nel 2009 l’avventura con Pinocchio ricomincia e dopo una breve tournée

nazionale vola con lo spettacolo in Corea, fino ad arrivare nell’ottobre 2010 a calcare le scene newyorkesi! Nel 2011 è

assistente coreografa in Happy Days prodotto dalla Compagnia della Rancia; questo è un anno importante per lei perché inizia

la sua avventura come coreografa per la Giais International Group negli spettacoli al Casinò di Campione d’Italia. Nel 2012 è

coreografa per lo spettacolo Mina vagante regia di Sandro Querci. Nel 2013 è assistente coreografa per Frankenstein Junior e

nel 2014 per Cercasi Cenerentola. Nell’estate 2014 è assistente coreografa nel workshop Disney su Newsies con la regia di F.

Bellone e coreografie di G. Bruce. Nell’estate 2015 è assistente coreografa per Dirty Dancing – The Classic Story on Stage

prodotto da Wizard Production, regia F. Bellone e coreografie di G. Bruce. Insegna danza jazz, musical e tip tap in molte

scuole a Milano e dintorni. Con Gillian Bruce, Valentina Bordi e Marcello De Toffoli fonda la prima compagnia di tip tap

italiana: i Tappers . Il loro motto: “i nostri piedi uno spettacolo!”

NADIA SCHERANI

Performer e coreografa, già da bambina vive per la danza, scoprendo il teatro grazie al suo primo maestro: il suo papà. Dopo

anni di studio a Genova, sua città natale, è tra le prime classificate in vari concorsi di danza per poi diplomarsi come ballerina

classica al Liceo Coreutico del Teatro Nuovo di Torino. Durante l’accademia, firma il suo primo lavoro da coreografa a 16 anni:

Mondo Snoopy prodotto da TorinoSpettacoli. Approda nel mondo del musical a 17 anni, in Musical Maestro! con M. Frattini

e nel film Come se fosse amore con i Cavalli Marci. Nel 2003 debutta ufficialmente con la Compagnia della Rancia in

Grease e, successivamente, in Pinocchio, il grande musical . Diventa ruolo nei panni di Chiffon in La piccola bottega degli

orrori di F. Bellone e nelle vesti di Pallina, la co-protagonista di Tre metri sopra il cielo . Lo spettacolo per la regia di Mauro

Simone. È performer anche in Christmas Show, On the Air, Mamma Mia 2, We Will Rock You e Sindrome da Musical .

Parallelamente al teatro compare in varie trasmissioni televisive (Zelig, Vi faremo sapere, A proposito di Cattelan) e nel 2010

INTERPRETI E PERSONAGGI

diventa la coreografa ufficiale di Non smettere di sognare, serie tv prodotta da Mediaset, affiancando il regista R. Burchielli e

partecipandovi anche come attrice. Firma anche le coreografie di varie promofiction per brand internazionali e del musical Il

dono di L. Biolcati, dello spettacolo autoprodotto e ideato Line, e di Out-ing, il musical .

È docente di danza e di musical theather in varie accademie e scuole di danza e dal 2012 istruttrice appassionata di Pole

Dance presso la scuola internazionale Milan Pole Dance Studio.

MARTA BELLONI

Nasce a Milano dove nel 2001 si diploma all’MTS – Musical! the School. Le sue principali esperienze sono nel teatro

musicale e nella prosa. Ha collaborato con Stage Entertainment Italia nel musical Flashdance, nel ruolo di Alex Owens ed

ensemble, (tour nazionale, regia F. Bellone, coreografie G. Davies, direzione musicale S. Manfredini), ed è Silly Girl e cover

Babette in La bella e la bestia (regia G. Casale, coreografie J. MacInnis, direzione musicale R. J. Jhaveri) in scena al Teatro

Nazionale di Milano. È protagonista femminile nel ruolo di Carmen Diaz e capo-balletto della compagnia di Fame -Saranno

famosi (tour nazionale dal 2003 al 2006); performer e solista in Se stasera sono qui (tour nazionale 2006/2008), al fianco

di Loretta Goggi, spettacolo ispirato alla tradizione del varietà italiano, regia di Gianni Brezza, coreografie di S. Bontempi.

Collabora col Teatro Filodrammatici di Milano dal 2008: è Nala in Mattia – A life changing experience di B. Fornasari e

Patrizia in Push Up 1-3, di Roland Schimmelpfennig, è assistente alla regia per Il processo di K di B. Fornasari e coreografa

de La fattoria degli animali. Tra le altre esperienze: Kiss Me Kate, Sindrome da musical , Sarà perché ti amo, Ho sognato un

sogno, Robin Hood – il musical come capo-balletto e responsabile di compagnia, Toc Toc – A Time for Musical . Lavora come

coreografa per eventi dal vivo in Italia e all’estero. È docente di musical (discipline integrate) per l’Accademia dei

Filodrammatici di Milano.

ANDREA VERZICCO

Dal 1991 lavora come ballerino solista in diverse produzioni: Lumierè (Opera di Bucarest) Il fantasma di Canterville Teatro

Litta di Milano; La vedova allegra Teatro Comunale di Bologna, Sansone e Dalila Teatro Euskalduna di Bilbao; Andrea

Chenier Teatro alla Scala di Milano, teatro con cui collabora anche per il Il barbiere di Siviglia , I racconti di Hoffman e La

dama di picche; Dali’s Follies e Tristan et Isotte prodotti da Pierre Cardin. Nell’ambito televisivo, sia come ballerino che come

coreografo: Ci vediamo in tv; Notte mediterranea, Una città per sognare; assistente coreografo per lo spot 892 892; ballerino e

assistente coreografo nello speciale Rai 2 Grazie Alberto . Nel 2000 entra nel mondo del musical e viene scritturato per

Dance!, in cui ricopre anche il ruolo di capo balletto. La collaborazione con la Compagnia della Rancia continua per altri

fortunati anni: 2000/2001 è Caleb in Sette spose per sette fratelli e nel 2002 interpreta Padre Armido in Bulli e pupe. Nel

2003 il Grillo in Pinocchio il grande musical ; ricopre lo stesso ruolo anche nelle successive edizioni toccando città come

Seoul e New York. Nel 2007 è in Sweet Charity . È Paolo nel musical Tre metri sopra il cielo . Successivamente è nello

spettacolo Dentro fino al collo coreografie di A. R. Larghi. L’anno successivo è direttore artistico del videoclip Volare,

reinterpretata da Silvia Di Stefano. Torna nella Compagnia della Rancia nel 2009, anche come capo balletto, nella versione

italiana di Cats nel ruolo di Munkostrap, che gli vale il premio Miglior Performer 2010/2011. Poco dopo gli australiani A.

Scott e S. Phillips lo scritturano per il ruolo di Miss Understanding per la versione italiana di Priscilla – la regina del deserto.

Parallelamente a questi successi è nel team creativo di Sindrome da musical, spettacolo scritto da Lena Biolcati con Manuel

Frattini. Dopo aver scoperto la propensione alla coreografia e alla direzione artistica, diventa il coreografo dello spettacolo

Flavours of Italy creato per il varo della nuova nave di Costa Crociere Costa Diadema. È coreografo e performer in Sarà perché

ti amo di Alfonso Lambo, con le musiche dei mitici Ricchi e Poveri.

GIANLUCA PILLA

Nasce ad Aversa nel 1989. A 10 anni ottiene piccoli ruoli in fiction per la tv come Casa famiglia, Distretto di polizia , Compagni

di scuola e frequenta la prestigiosa scuola di ballo del Teatro San Carlo di Napoli partecipando, ancora allievo, a Lo

schiaccianoci, La bella addormentata, Sogno di una notte di mezza estate , La strada e l’opera Socrate immaginario (regia

Roberto De Simone). Nel 2008 si diploma in danza classica e contemporanea (tecnica Cunningham) e ottiene una borsa di

studio a New York. Tornato in Italia, si avvicina definitivamente al musical. Nel 2009 ha la sua prima occasione con

Pulcinella, Re Pantalone e la bussola magica per i Matinèe al Teatro Brancaccio e, contemporaneamente, viene scelto come

ballerino per la trasmissione Amici ed un corto sui Monaci della Birmania per il Festival del Cinema. Trasferitosi a Milano,

viene ammesso alla SDM (Scuola del Musical) fondata da Saverio Marconi e diretta dal regista Federico Bellone. Finita

l’accademia, Gillian Bruce lo sceglie per Il libro della giungla il musical (Akela). Dal 2013 partecipa a spettacoli tra cui

Sindrome da musical di e con Manuel Frattini e alla rock-opera San Pietro (Proculo), regia Marco Simeoli. Nel 2014 viene

scelto come ballerino da Massimo Romeo Piparo per Jesus Christ Superstar con Ted Neeley.

Dal 12 al 22 novembre

presenta

GIAMPIERO INGRASSIA

Maestro di Cerimonie

in

Testo JOE MASTEROFF

Basato sulla commedia di John Van Druten e sui racconti di Christopher Isherwood

Musiche JOHN KANDER – Liriche FRED EBB

Regia SAVERIO MARCONI

PROGRAMMAZIONE

giovedì 12 novembre 2015 ore 21

venerdì 13 novembre 2015 ore 21

sabato 14 novembre 2015 ore 15,30

sabato 14 novembre 2015 ore 21

domenica 15 novembre 2015 ore 15,30

giovedì 19 novembre 2015 ore 21

venerdì 20 novembre 2015 ore 21

sabato 21 novembre 2015 ore 15,30

sabato 21 novembre 2015 ore 21

domenica 22 novembre 2015 ore 15,30

PREZZI DEI BIGLIETTI

Poltronissima Blu € 55,00

Poltronissima € 44,00

Poltrona € 33,00

Riduzioni under 14 e over 70 in tutti i settori

GRUPPI di almeno 10 persone a prezzi speciali:

Ufficio Gruppi Teatro della Luna

e-mail ufficiogruppi@teatrodellaluna.com

telefono 02 48857333

I biglietti sono in vendita in tutti i punti vendita TicketOne, on line su www.ticketone.it, telefonicamente

chiamando l’892101 (numero a tariffazione specifica) e ovviamente al botteghino del teatro nelle sere di spettacolo.

TEATRO DELLA LUNA

via G. di Vittorio, 6 – 20090 Assago (MI) Tel. 02 488577516

www.teatrodellaluna.com – www.facebook.com/teatrodellaluna – twitter @tdellaluna

Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More
Uncategorized

Museo Van Gogh @ MuseoVanGogh

Vincent van Gogh (1853-1890), nato nel Brabante, è attualmente uno degli artisti più famosi di tutti i tempi. Se desideri ammirare i capolavori di Van Gogh, una visita al Museo di Van Gogh di Amsterdam è d’obbligo. Ma per gli ammiratori del pittore, i posti da visitare non finiscono certo qui. Situato nel meraviglioso Parco […]

Read More