Zelig Capodanno – 31 dicembre | ZELIG CABARET / FESTA DI CAPODANNO / in cast 8 comici

ZELIG
CABARET
Viale
Monza 140 – 20125 Milano – www.areazelig.it

UNA
FESTA TUTTA DA RIDERE PER IL TUO CAPODANNO 2014

MERCOLEDÌ
31 DICEMBRE – ore 23.00

conGIOVANNI
D’ANGELLA, FRANCESCO DAMIANO,

ANDREA
DI MARCO, I SENSO D’OPPIO, LAURA MAGNI, OMAR PIROVANO

presenta

ROBIN
SHELLER

Sarà offerto a mezzanotte brindisi
con panettone e spumante; a seguire ricco buffet salato; pasticceria mignon e
colazione a fine spettacolo

Ridere a Capodanno si può,
anzi si deve!!! E a Milano c’è un solo indirizzo per chi vuol vivere la notte
più importante dell’anno all’insegna del vero cabaret, quello spontaneo, puro e
mai volgare, capace di farti dimenticare in un solo istante i pensieri
pesanti…l’indirizzo esatto è viale Monza, il numero civico 140, e il nome del
locale è ormai diventato un cult per chi vuole ridere di gusto… Zelig
Cabaret.

Da sempre la formula magica
del successo dello Zelig Cabaret non si basa su caviale e paillettes, ma su
un’accurata scelta degli artisti e dei testi che propongono, qualcosa che si
ripete ogni giorno dell’anno, dal 1 gennaio al 31 dicembre. Per ridere di
continuo con canzoni, personaggi e con situazioni al limite della realtà.

Ecco perché i migliori comici
degli ultimi ventotto anni sono tutti passati di qui, una tappa fondamentale per
tutti loro.

E allora, come da tradizione,
anche questa volta lo Zelig Cabaret di viale Monza 140 si prepara per offrire
una notte di fine anno memorabile per tutti gli amanti del teatro e del cabaret,
una serata fra amici semplice, divertente, panacea per il cuore e per la mente,
nel suo genere assolutamente unica, da stra-consigliare a tutte le persone cui
vogliamo bene. Per ridere e sorridere
ancora una volta insieme.

Una
serata speciale condotta da ROBIN
SHELLER
che tra un comico e l’altro non mancherà di allietare il pubblico
con i suoi monologhi e i suoi personaggi raccontando ciò che lo circonda in modo
irriverente e scanzonato.

Da non perdere quindi
l’esilarante spettacolo di cabaret che riscalderà l’atmosfera in attesa della
mezzanotte e poi… spumante e panettone per tutti! Fino all’alba per fare
colazione tutti insieme.

Sul palco si alterneranno FRANCESCO
DAMIANO, GIOVANNI D’ANGELLA, ANDREA DI MARCO, LAURA MAGNI, I SENSO D’OPPIO, OMAR PIROVANO.

Iniziamo da GIOVANNI D’ANGELLA, che racconterà con
umorismo le piccole insidie di ogni giorno, gioie e dolori quotidiani riportati
con un pizzico di autoironia giocando ad improvvisando con il pubblico; una
lunga serie di battute capaci di rendere ogni serata unica e irripetibile per
poi interpretare durante la serata i suoi stralunati personaggi: Massimo, un
giovane come tanti altri, ed un problema che gli impedisce di fare tante cose: è
Pigro!  Luigi Ginoli un anziano tutto pepe sempre pronto alla polemica e alle
visite mediche.

La serata prosegue e la
risata mette i tacchi con LAURA
MAGNI
. Laura per il Capodanno speciale a Zelig porterà il meglio dei suoi
dissacranti monologhi: un susseguirsi di osservazioni che analizzano gli
stereotipi sul mondo femminile. Nei suoi monologhi, Laura riesce a parlare di
donne alle donne, di quel mondo in equilibrio tra sex and the city e la profonda
provincia italiana: come sopravvivere sognando un paio di Manolo Blanich vivendo
nella provincia profonda.

Nello spettacolo si
susseguono personaggi di donne del mondo di Laura, che lei interpreta con
eclettismo e originalità, attraversando mondi e registri molto diversi tra loro:
la surreale Ganascia, cuoca giapponese, che si esprime con un linguaggio
universale, fatto di sguardi stupiti, improvvisi spaventi, grandi entusiasmi, è
il cartone animato che c’è in tutti noi. E’ il personaggio dello sguardo comune
che ci fa vedere i diversi da noi un po’ come dei pupazzi buffi e
incomprensibili.

La Beba, tutti ne abbiamo una
nella vita – signora bene, sempre di fretta presa da impegni che la fanno
sentire molto importante, arricchita di tutto fuorchè di intelligenza. Una a cui
se le dici: “manchi un po’ di sensibilità” dice “vabbeh, presentamela che la
invito alla prossimo festa”. Una che non vive senza la tata, una donna di
servizio adorabile che si occupa dei figli, ma per lei, è quasi una persona/ le
vuole bene quasi come al cane.

In
cast anche OMAR PIROVANO che durante
la serata passerà, grazie ai vari interventi in scaletta, da una comicità
semplice fatta di giochi di parole e doppi sensi, a quella più classica del
monologo, parlando di temi attuali come l’amore, il lavoro e la politica. Ma la
sua maschera facciale e la caratterizzazione dei personaggi sono il punto forte
di Omar Pirovano. Questa sua forte capacità camaleontica gli permette di
esplorare i personaggi a 360°, curando i minimi dettagli. Infatti non mancherà
un ospite speciale…. George Clooney…

E se di
forza espressiva e mimica si parla non possono mancare i SENSO D’OPPIO. Nel loro show i due
attori Pietro Casella e Francesco Lattarulo si destreggiano attraverso una serie di brevi scene i cui fili
conduttori sono il ritmo frenetico e la stupefacente abilità mimica, che si
tratti di un surreale mini-musical di due minuti o delle bizzarre gesta
quotidiane del Sig. Rossi, alter ego alienato di Pietro, o ancora
dell’irriverente artista visuale e visionario Victor Pizzeno: l’intento è quello
di spiazzare il pubblico, sorprenderlo con un audace e insolito uso del corpo,
sincronizzato con i forsennati montaggi musicali o esibito in coreografie
semplici ma di grande impatto scenico. Le esibizioni dei Senso d’Oppio fondono i
generi e le influenze più disparate, dalle slapstick all’opera lirica, dai
protagonisti della commedia italiana alle animazioni da videogame. Ogni spunto
viene rielaborato con sapienza e passione sincera, senza cadere nel peccato di
presunzione di distinguere tra cultura alta e cultura popolare, tra padri
autorevoli da omaggiare ed epigoni da sbeffeggiare: quello che conta è ridere,
in maniera intelligente e di gusto, ogni suggestione è colta per la semplice ma
nobile possibilità di divertire. Questo uno dei punti di forza dello
spettacolo, la capacità,
appunto, di indirizzarsi alla platea
più eterogenea, allo spettatore consumato ed esigente, come al profano che ha la
sacrosanta voglia di distrarsi: e non è un caso se tra i fan del duo comico ci
sono tanti bambini, segno della maturità espressiva che ha portato il loro
cabaret ad un linguaggio universale e ben comprensibile.

Il momento musicale del Capodanno a Zelig
Cabaret è affidato a ANDREA DI MARCO! Accompagnato dalla sua chitarra
acustica ci delizierà con una serie di rivisitazioni dei grandi classici della
musica americana e non solo. E chissà che il comico genovese, uno dei
protagonisti di Zelig Tv prima serata e Mai dire Grande Fratello, oltre che ai
suoi famosi bigini musicali, non regali al pubblico qualche the best off dei sui intramontabili
personaggi di varia umanità, da un cantante yodel che canta un mondo limpido
della montagna e dei buoni sentimenti venato da un macabro cinismo, un prete che
sa poco di religione e molto di strategie di marketing, un “tenores” sardo, un
operatore di call center che offre incredibili servizi telefonici.

E per
festeggiare un po’ di sport non lo vogliamo mettere? Ecco quindi salire sul
palco FRANCESCO DAMIANO l’ultras
della Sannarrese! E’ il mitico Francesco, capostipite della curva invade il
campo sul palco di viale Monza 140! Inneggia per la sua squadra del cuore dai
colori giallo blu! Francesco Damiano con la sua… leggiadria, ci introduce
nell’universo della curva, dominato da figure mitologiche dai poteri sovraumani
come “Mimmone” il grande capo del gruppo capace di lanciare in una rissa:
bandiere, fumogeni, seggiolini e frapposti!

Lanciato
da trasmissioni tv come “Paperissima” e “Zelig”, ricordiamo Damiano come un
cabarettista poliedrico con l’anima da clown, al tempo stesso poetico e cinico,
interprete di vari personaggi che lo hanno fatto conoscere al grande pubblico,
tra cui il Mago di Canosa celebre per le sue doti “indovinatorie”, il sergente
tutto d’un pezzo Flavio Randazzo, il motociclista nullafacente M@astice e il
timido e surreale Giallorenzo.

MODALITÀ
DI PRENOTAZIONE E ACQUISTO

Biglietti con BUFFET COMPRESO € 150 (tavolo) – € 120
(tribuna)

È POSSIBILE ACQUISTARE
ONLINE SU WWW.TICKETONE.IT

Informazioni e
prenotazioni: 02 255 17 74
dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 13.00 e
dalle 14.00 alle 18.00; e nelle sere di spettacolo anche dalle 18.00 alle 20.30;
sabato e domenica dalle ore 18.00 alle ore 20.30.

Uncategorized

“SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO…

Ph by Marisa Daffara “SI NASCE NON SOLTANTO PER MORIRE MA PER CAMMINARE A LUNGO, CON PIEDI CHE NON CONOSCONO DIMORE E VANNO OLTRE OGNI MONTAGNA” Alda Merini In ricordo del pittore Giampiero Nebbia Tratto da https://www.facebook.com/marisa.daffara Ricorre a dicembre il decennale della morte del pittore piemontese Giampiero Nebbia. Ieri, 25 settembre 2016, ha avuto […]

Read More
Uncategorized

IL CLUB TENCO AL SUD: UNA DUE GIORNI CON ‘IL TENCO ASCOLTA’ A COSENZA 1 E 2 OTTOBRE 2016 #Clubtenco

Arriva al Sud “Il Tenco ascolta”, per una “due giorni” che sarà dedicata espressamente ad artisti meridionali, l’1 e 2 ottobre, a Cosenza. L’evento, che è organizzato in collaborazione con il Comune di Cosenza, l’Università della Calabria e la Fondazione Lilli Funaro, si svolgerà al Castello Svevo. “Il Tenco ascolta” è il format del Club […]

Read More
Uncategorized

Mete d’autunno – Al Museo Agricolo e del Vino Ricci Curbastro per scoprire il volto agricolo della Franciacorta‏ @Franciacorta #riccicurbastro

1 Museo del Vino Ricci Curbastro_Sala Enologia La storia agricola della Franciacorta racchiusa in un Museo, tutto da visitare e tutto da vivere. Un motivo in più per godersi la Franciacorta in autunno, stagione perfetta per l’enoturismo. Fondato nel 1986 da Gualberto Ricci Curbastro, accanto alla sede della sua cantina di Capriolo, ilMuseo Agricolo e del […]

Read More