L’Alpe Cimbra di Folgaria-Lavarone-Luserna in Trentino – Eventi stagione invernale 2014/2015

L’Alpe Cimbra di Folgaria-Lavarone-Luserna in Trentino:

una stagione invernale  “a tutta Family”

Facilmente raggiungibile – basta uscire al casello di Rovereto nord e in 20 minuti di macchina si arriva sulle piste – e soprattutto vicina, vicinissima alle famiglie. È la montagna di Folgaria, Lavarone e Luserna, in provincia di Trento, un posto ideale per tutti gli amanti della neve e dello sci grazie a 100 chilometri di piste da discesa e oltre 80 per lo sci di fondo. Un’offerta superlativa che farà trascorrere una vacanza indimenticabile sulla neve sia a grandi che a piccini.

Oggi i paesi di Folgaria, Lavarone e Luserna sono un’alternativa, assolutamente intrigante, ai grandi nomi delle Dolomiti. Quello che colpisce subito è il paesaggio, piacevolmente anomalo rispetto all’immaginario della montagna trentina: grandi aperture e orizzonti sconfinati, fra distese di boschi, malghe con tratti quasi scandinavi (anche se all’orizzonte si stagliano le Dolomiti del Brenta, e il più vicino Monte Cornetto, montagna simbolo del luogo).

Dietro a queste felici apparenze, ci sono solidi significati culturali, poiché da queste parti –soprattutto a Luserna- sono ancora vive nel dialetto locale le radici Cimbre e permangono anche segni importanti lasciati dal dominio asburgico e poi dalla Grande Guerra.

I piccoli villaggi sparsi sull’Alpe Cimbra, che fanno da corollario ai due paesi principali di Folgaria e Lavarone, hanno saputo resistere alla velocità della modernità mantenendo vive le antiche arti, mestieri e i sapori della tradizione Cimbra. Ed è Luserna, meglio nota come Lusèrn, il villaggio in cui oggi ancora si parla il cimbro (un tedesco antico) – i suoi abitanti circa 300 sono ricompresi tra le minoranze linguiste riconosciute dalla Comunità Europea, in cui si sono mantenute in maniera più evidente la cultura e le tradizioni cimbre. E su tutta l’Alpe permangono importanti segni lasciati dal dominio asburgico e poi dalla Grande Guerra (Forte Belvedere, Forte Dosso delle Somme, Werk Lusérn, ecc..).

L’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone Luserna, in Trentino, è un territorio dall’emozionante bellezza, per la natura autentica, quanto le tradizioni e le persone che la popolano. Un territorio che offre tantissime motivazioni di vacanza: sport invernali, sled dog, fat bike, arte, storia, cultura, il relax, l’enogastronomia da scoprire nei ristoranti stylish o nelle romantiche malghe e baite nascoste tra i boschi, o nei rifugi alpini in quota.

Ma qualunque sia il motivo della vacanza sulla neve una cosa è certa: sull’Alpe Cimbra gli ospiti non saranno semplicemente in vacanza ma vivranno un’emozione unica e irripetibile.

SKI AREA FOLGARIA LAVARONE 100 KM DI PISTE E PURO DIVERTIMENTO

Le montagne dell’Alpe Cimbra in Trentino sono indimenticabili per i 100 km di piste tra ampi panorami che abbracciano con un solo sguardo le cime dell’intero arco alpino. Dolci sciate tra i boschi per gli amanti dello slow ski, scorgendo animali o romantiche baite, o affrontare pendii più tecnici per gli sciatori esperti.

Le normali nevicate (e se servisse un sistema di innevamento all’avanguardia) garantiscono la possibilità di scorrazzare sui pendii da dicembre fino ad aprile, godendosi alcune delle peculiarità del circo alpino locale. Le oltre 50 piste che danno vita ad un carosello di 100 km, infatti, sono distribuite su un vasto territorio e si sviluppano come fossero alti cavalloni marini e le montagne l’oceano aperto. Questa specificità permette agli sciatori di assaporare paesaggi che si avvicendano da un versante all’altro, da un tracciato a quello successivo, con cambiamenti anche radicali delle caratteristiche naturali e orografiche: da Monte Pioverna è possibile spaziare con lo sguardo a 360 gradi sulle catene montuose circostanti, abbracciando in uno solo, lungo colpo d’occhio le Pale di San Martino, Pasubio, Marmolada, Adamello, Cevedale, Ortles, Gruppo di Brenta, Piccole Dolomiti Venete e Catinaccio. Insomma, un po’ come accade nel corso di una crociera, ad ogni approdo c’è una nuova prospettiva, ad ogni partenza corrisponde una nuova avventura.

La qualità delle piste e del manto nevoso, da sempre curatissimo e riconosciuto come uno dei più confortevoli dagli sportivi e appassionati ormai da molti anni, diventa così sinonimo di divertimento, favorendo lo spostamento all’interno del reticolo del Carosello, e anche di sicurezza.

Da sempre vocata allo sci, l’Alpe Cimbra è stata la prima ad ospitare la mitica Tre Tre, a realizzare la prima seggiovia in Italia e a dare i natali a grandi campioni dello sci. Oggi ospita il Trofeo -Topolino, la più importante gara internazionale di sci alpino riservato al settore giovanile (7-8 marzo 2015) e spesso e volentieri della squadra italiana maschile di slalom gigante che sulla pista Agonistica svolge la preparazione in vista di importanti gare.

L’offerta si completa con gli itinerari per gli appassionati di sci d’alpinismo (la montagna del Cornetto è il luogo privilegiato, come Cima Vezzena o il Portule), telemark e ciaspole, oltre alla dimensione ludica garantita dagli  Snowparks, Fun Parks e  dalle piste di Boarder Cross.

ALPE CIMBRA FOR FAMILY

La proposta family di Folgaria e Lavarone è tra le migliori che si possano trovare sull’arco alpino. A cominciare dai Baby Park, che offrono ai bambini la possibilità di avvicinarsi alla neve attraverso il gioco e in tutta sicurezza, alla presenza di scuole di sci sempre alla ricerca di nuove metodologie di insegnamento, alla costante presenza di animatori professionisti che organizzano attività di custodia in spazi dedicati, sulla neve e nei castelli o nelle strutture gonfiabili dei tre parchi divertimento. I  campi scuola (n.8) sono stati pensati per trasformarsi in un parco giochi vero e proprio, con le sagome dei personaggi delle fiabe e Peppa Pig che rendono ancora più divertente l’approccio allo sci.

 La favola dell’Alpe Cimbra con i suoi personaggi (la streghetta Perti, il folletto Fliflick, lo stregone Bertold,ecc) trova espressione in tanti momenti della vacanza: nei family hotels, nei rifugi che dedicano delle aree ai bambini, nei kinderheim e sulle piste da sci (due piste, una Lavarone e una a Folgaria ospiteranno i personaggi della fiaba che racconteranno ai piccoli sciatori la storia e le tradizioni di questi luoghi e le regole dello sci), sulle piste da sci di fondo e in alcuni percorsi appositamente preparati per le passeggiate con le ciaspole e con i passeggini.

Alcuni eventi dedicati alla preview estiva del Festival del Gioco, il 30 dicembre, il 2 e il 6 gennaio 2015 vedranno le mascotte animare le vie dei paesi e sciare nei campi scuola insieme ai bambini e dal 14 al 21 febbraio 2015 in occasione del Carnevale verrà lanciata l’iniziativa in maschera con Perty e Fliflick. I bambini potranno realizzare insieme agli animatori il loro vestito della fiaba da sfoggiare in una sfilata per le vie del paese.

NUOVI KINDERHEIM

L’ospitalità dei bambini è da sempre un must per l’Alpe Cimbra di Folgaria Lavarone Luserna (numerosi Family Hotels, programmi dedicati delle scuole di sci, animazione per le vie del paese), e quest’inverno vedrà l’apertura di due nuovi kinderheim dove personale specializzato si prenderà cura dei piccoli  (a partire dai 6 mesi di vita) mentre i genitori si dedicano al loro divertimento e relax. Su richiesta i bimbi potranno essere accompagnati sulle piste da sci con transfer dedicati.

La conferma dell’eccellenza della Skiarea trentina è arrivata con il riconoscimento da parte dai pediatri italiani della bandiera bianca al carosello sciistico, in virtù  dei vantaggi offerti ai bambini inferiori ai dieci anni. Le diverse proposte sono infatti a loro misura, una caratteristica e un vanto per la skiarea che in questi anni ha investito nella sicurezza, nel divertimento e nella formazione, con un occhio di riguardo per l’educazione allo sport e al relax dei genitori. Tra i parametri che hanno permesso all’Alpe Cimbra di potersi fregiare del riconoscimento, spiccano la sicurezza e l’adeguatezza degli impianti.

E il divertimento continua sulle piste con gli animali del bosco, i pupazzi della neve, la Casetta del Salbanelo –un simpatico folletto che si diverte a fare scherzetti ai bimbi-, la tana degli scoiattoli e le piste tematiche dedicate alla Fiaba dell’Alpe Cimbra. E ancora una pista da discesa con gli slittini e bob, slittinovie,  i gommoni sulla neve, le escursioni con i cani da slitta.

A rendere unica la vacanza dei piccoli ospiti è compito degli Hotels e Residence for Family in cui l’accoglienza è a misura di bambino 24 ore su 24, i menù e gli orari dei pasti tengono conto delle loro esigenze (fino ad arrivare agli hotel certificati per celiaci) nei minimi dettagli e il programma di animazione non è mai scontato o banale.

NATURAL..MENTE SCI:  la proposta  slow ski dell’Alpe Cimbra in Trentino.

Slow Ski? Naturalmente sì. Anzi, Natura…l…mente sci sull’Alpe Cimbra. Questo brand è molto più di una proposta per vivere la neve a velocità ridotta. È un invito a lasciarsi avvolgere dall’abbraccio delle Alpi che circondano il carosello di Folgaria Lavarone, dalla infinita varietà dei panorami che ne caratterizzano i versanti e le piste e, più di tutto, dalla possibilità di trascorrere una o più giornate all’insegna del piacere più naturale. Che tipo di giornata? Una giornata così, naturalmente slow, che comincia in skibus o trenino (lasciando i propri mezzi in hotel), prosegue scegliendo le piste su cui mettere alla prova le proprie abilità ma soprattutto il rifugio o la baita su cui degustare le delizie enogastronomiche locali –in primis le specialità stellate a base di Vezzèna-, fermarsi ad ammirare uno dei forti della Grande Guerra e grazie all’ottima esposizione delle piste dedicare un po di tempo all’abbronzatura alpina.

ALPE CIMBRA 4 ALL: un conto è dire la località è accessibile, un conto è renderla veramente TALE quando si parla di sport invernali. La Skiarea dell’Alpe Cimbra può affermare di esserlo a pieno titolo, grazie anche alla scuola “Scie di Passione” che ha reso possibile il sogno di insegnare lo sci e gli sport invernali anche ai disabili (attività questa unica nel suo genere in Italia per completezza dell’offerta): il motto di questa scuola è “Vivere la neve in tutti i sensi, abbattendo ogni barriera”.  L’iniziativa è nata con l’idea di allargare gli orizzonti delle discipline invernali, insegnando ai disabili lo sci alpino, lo snowboard e lo sci di fondo con la guida e la supervisione di maestri d’eccezione. Due gli highlight dell’accessibilità (oltre ad una scuola sci dedicata): l’accessibilità dei ristoranti e rifugi della skiarea tutti dotati di una carrozzina e la possibilità di noleggiare le attrezzature specifiche a tutti i tipi di disabilità direttamente in loco.

SCI NORDICO (oltre 80 km di piste) : Folgaria,Lavarone e Luserna sono un indiscusso paradiso dello sci di fondo in Trentino: all’Alpe di Folgaria-Coe l’omonimo centro fondo con 45 km di piste di diversa difficoltà, e a Lavarone il centro Fondo Millegrobbe con 40 km di piste, entrambi teatro di importanti competizioni nazionali e internazionali. E chi ama lo sci di fondo o vuole provare questo trova nei centri fondo di Folgaria e Lavarone il proprio habitat naturale: il centro Fondo Alpe di Folgaria Coe e il Centro Fondo Millegrobbe offrono la possibilità di vivere la montagna, conoscendo più da vicino uno degli sport più antichi, lo sci di fondo. In questi luoghi baciati dal sole ognuno avrà la possibilità di imparare a scivolare sugli sci stretti, immergendosi nella natura e in un paesaggio da favola, seguito da uno staff tecnico giovane e specializzato. I vari anelli , coperti da innevamento programmato, danno la possibilità a qualsiasi tipo di sciatore, agonista o principiante, di praticare e migliorare sia lo skating che la tecnica classica. I centri fondo sono inseriti nel circuito Super Nordic Skipass.

OUTDOOR ACTIVITY: Per i più grandi, non manca la possibilità di praticare anche altre discipline all’aria aperta. In primis, le ciaspole (tanti i tracciati a disposizione con dislivelli diversi a seconda delle preferenze di ciascuno): questo strumento antico trova oggi una nuova pratica per chi vuole esplorare luoghi altrimenti inaccessibili d’inverno ed immergersi nella natura dell’Alpe Cimbra da soli o accompagnati dalle guide alpine. Da provare il Sentiero dell’Immaginario, un percorso naturalistico che suscita emozioni e forti sensazioni; si sviluppa per 7 km tra gli ampi pascoli ed il folto bosco di abeti di cimbrica memoria. Incantevoli percorsi si estendono fino a raggiungere cima Vèzzena, il Monte Cornetto e il Monte Maggio da cui godere di panorami indimenticabili.

Ma anche nuove attività: in primis le fat bikes (una mtb con pneumatici speciali che consente di pedalare e scendere sui pendii innevati) per le quali verranno predisposti dei single track di oltre 30 km.. una novità assoluta nell’offerta invernale trentina. Le fat bikes potranno essere noleggiate in loco e

le escursioni, da farsi con istruttore di mtb, si svolgeranno sia di giorno che in notturna (tante le prenotazioni già pervenute).

Ma ancora lo sled-dog a Forte Cherle, i programmi fitness sulla neve, l’animal watching.

COCCOLE E RELAX: immergersi nel calore di una sauna o di un bagno turco, regalarsi un massaggio rilassante o tonificante o i trattamenti per essere al meglio della forma, una doccia emozionale, sorseggiare delle buone tisane…ricca è l’offerta benessere proposta dagli hotel  e residence.

ENOGASTRONOMIA CIMBRA: il Vèzzena, il famoso e saporito formaggio d’alpeggio e presidio slow food, lo speck profumato, la polenta calda che accompagna i funghi prelibati e poi lo strudel, lo zelten natalizio, per finire con il miele puro di montagna al quale l’Alpe ha addirittura dedicato un museo. Tutto questo e molto altro è la cultura culinaria cimbra da gustare negli hotel, nelle baite e rifugi e  nei ristoranti accompagnati dai sublimi vini trentini riscaldati dal calore di una stube. Verranno proposti nei menù dei ristoranti anche le versioni più chic dei prodotti del territorio elaborate con i cuochi stellati.

L’Alpe Cimbra ha saputo conservare quasi immutata la sua tradizione gastronomica, ben consapevole che essa è il risultato, da un lato, di rapporti e frequentazioni secolari con il mondo di lingua tedesca –dal quale ha mutuato numerose ricette, e dall’altro, di antiche tradizioni di vita povera contadina, che spiegano i piatti semplici e nutrienti.

MOMENTI ROMANTICI:

Tante le proposte per vivere dei momenti romantici in coppia o con un gruppo di amici: da sempre apprezzata la proposta dei rifugi in quota che organizzano la risalita con il gatto delle nevi (Menu degustazione e/o menu à la carte). Ancora la ciaspolata al chiaro di luna o l’alba in rifugio.

COSA VEDERE:

Il paese dipinto: a 10 km da Folgaria il villaggio di Guardia è caratterizzato da decine di murales che raccontano storie, usi e tradizioni locali interpretati da artisti di diversa provenienza. Guardia è il paese di Cirillo Grott, pittore, scultore e poeta.

Al Museo del Miele: dalla raccolta del polline dell’ape operaia fino alla degustazione, il museo racconta segreti e curiosità legate al mondo delle api attraverso reperti, macrofotografie, disegni e strumenti di lavorazione.

Nella casa dei Cimbri: il Centro di Documentazione di Luserna nasce per preservare e divulgare la cultura e le tradizioni cimbre, ma è anche museo con varie sezioni dedicate alla storia degli antichi colori cimbri, alla fauna dell’Alpe e alla Grande Guerra.

La magia di Luserna: Il villaggio di Luserna, vera culla dei cimbri, e’ una perla di storia, tradizioni, cultura e panorami. Le sue case, addossate le une alle altre, hanno mantenuto una propria caratteristica, con facciate e massicce scale esterne in pietra lavorata, tetti aguzzi e tipici abbaini. Particolarmente apprezzato dagli amanti delle ciaspole e del nordic walking sulla neve per i tanti sentieri dal pendio dolce e soleggiato. Un luogo dove il tempo si è fermato e dove l’ospite può toccare con mano e assaporare il sapore delle tradizioni.

IL LAGO DI LAVARONE: Il sogno di molti è pattinare su un lago ghiacciato: il Lago di Lavarone, nella splendida cornice creata dall’imponente Becco di Filadonna e tra i più antichi di tutto il Trentino, d’inverno si trasforma in una pista naturale di pattinaggio dove cimentarsi in tutta sicurezza e una palestra per le immersioni nei ghiacci. Ma ciò che affascina è l’atmosfera e il fascino che il lago innevato regala agli ospiti e che per questo vi amano passeggiare come in tempi lontani l’Imperatore d’Austria e Sigmund Freud.

Eventi stagione invernale 2014/2015

Lavaronda: 20 dicembre 2014 gara di sci alpinismo in notturna all’interno del circuito Dolomiti sotto le stelle

Trofeo del Barba: 20 dicembre 2014 gara fisi master tra le più storiche del circo bianco

La fiaba dell’Alpe Cimbra: dopo il grande successo dell’edizione estiva del Festival del Gioco ritornano degli eventi legati ai personaggi della fiaba dell’Alpe Cimbra (la streghetta Perti, lo stregone Bertold), in particolare il 30 dicembre 2014- il 2 e 6 gennaio 2015, il 14-21 febbraio 2015 saranno giornate dedicate al divertimento dei piccoli ospiti con mascotte, animazione e spettacoli con i personaggi della fiaba cimbra della montagna di Folgaria e Lavarone

Easy Fun Ski 10-10 gennaio 2015: un evento, patrocinato dalla Fisi, rivolto alle famiglie in cui il divertimento, i giochi, lo sci e i valori associati al più importante sport invernale sono i grandi protagonisti.

Millegrobbe 17-18 gennaio 2015  gara internazionale di sci di fondo
Marangoni Cup 20 e 21 gennaio gara Fis internazionale
Ciaspovezzena: 25 gennaio 2015 gara competitiva e percorso amatoriale
 Immersioni sotto i ghiacci 31 gennaio e 1 febbraio 2015 (stage teorico e pratico)
Prove Libere Tour 14-15 febbraio pubblico e 16-17 febbraio 2015 retail ski test gratuito di tutte le marche di sci e dei modelli top. A disposizione i migliori esperti del settore per dare consigli e spiegazioni sugli attrezzi
Il Tour delle Alpi il mega ski test Head 21-22 febbraio 2015

Le Fiaccolate: per salutare l’anno che se ne va e il nuovo anno il 31.12.2014 e l’1.1.2015 le fiaccolate delle Scuole di Sci con la partecipazione di oltre 100 maestri, i fuochi di artificio e le mascotte sugli sci. Il 5 febbraio la fiaccolata dedicata allo sci antico (con l’utilizzo di abbigliamento e attrezzatura originali dell’epoca) e alle diverse discipline oltre che tecniche degli sport invernali di scivolamento. Il 16 febbraio la fiaccolata di Carnevale dove protagoniste sono le maschere, alcune tipiche di montagna, e i bambini con i costumi della fiaba dell’Alpe Cimbra. A riscaldare gli animi un bel fuoco, un paiolo e  tanto vin Brulè

Trofeo Topolino 7-8 marzo 2015: La competizione è una sorta di Olimpiade dei ragazzi che riunisce tutti membri della Federazione Internazionale, con giovani sciatori provenienti da tutto il mondo. Una gara che ha visto avvicendarsi tra i partecipanti molti atleti divenuti veri e propri fenomeni: Gustav Thöni e Ingemar Stenmark, Piero Gros e Paolo De Chiesa, Hanni Wenzel e Alberto Tomba, Jure Kosir e Pirmin Zurbriggen, Tina Maze, Stefano Gross, Christof Innerhofer, Giuliano Razzoli, Manuela e Manfred Moelgg, Janica Kostelic e Lindsey Kildow-Vonn. La lista di “Topolini famosi” comprende molti altri nomi e molti altri ne verranno fuori, nei prossimi anni dalla lista dei piccoli sciatori in gara quest’anno.

Uncategorized

Il mestiere del Teatro – Teatro Strehler/Scatola Magica – Dal 19 ottobre al 4 dicembre 2016 @TeatroStrehler

Dal 19 ottobre al 4 dicembre 2016 al Teatro Strehler/Scatola Magica Benvenuti al Piccolo1_Gasparro,Gelosa_fotoMarasco Il mestiere del Teatro – Benvenuti al Piccolo a cura di Stefano Guizzi con Davide Gasparro e Federica Gelosa Chi costruisce le scene, chi cuce i costumi, chi cerca tutti gli oggetti che si trovano in scena? E cosa succede quando […]

Read More
Uncategorized

MICHIELETTO TORNA A PARIGI CON UNA NUOVA PRODUZIONE DI SAMSON ET DALILA: “RACCONTO LA SOFFERENZA

MICHIELETTO TORNA A PARIGI CON UNA NUOVA PRODUZIONE Répétition Samson et Dalila – septembre 2016 © Vincent Pontet – OnP DI SAMSON ET DALILA: “RACCONTO LA SOFFERENZA CHE CI RENDE TUTTI UGUALI” Dal 4 ottobre all’Opéra Bastille, dove l’opera manca da un quarto di secolo. Protagonisti Anita Rachvelishvili e Aleksandrs Antonenko. Sul podio Philippe Jordan. […]

Read More
Uncategorized

FESTIVAL VERDI 2017 ANTEPRIMA dal 28 settembre al 22 ottobre 2017 @FestivalVerdi #Festivalverdi

Jérusalem, Falstaff,La traviata, Stiffelio, Messa da Requiem Parma e Busseto, dal 28 settembre al 22 ottobre 2017                                                            www.teatroregioparma.it In occasione del debutto del Festival Verdi 2016, sabato 1 ottobre, il Direttore generale del Teatro Regio di Parma Anna Maria Meo ha annunciato in anteprima i principali appuntamenti del Festival Verdi 2017, che si svolgerà […]

Read More