il prestigioso incarico di direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli affidato a Simonetta Buttò, romana , docente universitaria ed esperta nel settore della professione bibliotecaria ed in nuove tecnologie.

Simonetta Buttò  è il nuovo direttore della Biblioteca Nazionale “Vittorio
Emanuele III” di Napoli. Laureata in lettere e specializzata in Filologia
Moderna e nello Studio dei codici antichi, con  una vasta esperienza nel settore
della professione bibliotecaria e nell’ amministrazione delle biblioteche,
esperta di nuove tecnologie, Simonetta Buttò assume  l’ impegnativa  guida della
biblioteca napoletana

Simonetta Buttò

considerata  per importanza la terza d’Italia, ed è già al
lavoro determinata a valorizzare al massimo il ruolo di primo piano della
biblioteca all’intero del  sistema culturale del mezzogiorno. Varie le
iniziative fin da ora in programmate che favoriscono la promozione  della
biblioteca e la diffusione del sapere e della conoscenza. Il 12 novembre si
inaugura, infatti, alla Biblioteca Nazionale di Napoli la mostra di preziosi
oggetti, testi e documenti  in occasione dei 150 anni di Storia della Comunità
Ebraica di Napoli mentre per  domenica 7 dicembre è in fase di organizzazione
un’apertura straordinaria con una mostra sul restauro librario. In calendario
anche una mostra di periodici e rari documenti storici per ricordare il 70°
anniversario del 1944.
Simonetta Buttò, vanta un ricco curriculum: 
dall’ottobre 1985 nei ruoli del Ministro dei Beni e delle attività culturali e
del turismo,  ha già  diretto la Biblioteca universitaria di Genova ed
attualmente dirige la Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma.  A 
partire dal 1998 è stata docente in diverse università italiane, fra cui
L’Aquila, Pisa, Siena. Attualmente insegna Storia delle biblioteche presso la
Scuola di Specializzazione in Beni Archivisti e Librari della Sapienza
Università di Roma e presso la Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Centrale
per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario del
MiBACT.

Socio corrispondente dell’Istituto nazionale di studi romani e
rappresentante del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
in seno al Consiglio Direttivo dell’Accademia Lancisiana, è componente del
Comitato scientifico di «DigItalia: rivista del digitale nei beni culturali»,
del Comitato scientifico e di lettura della collana “Pagine diverse”
dell’editore Pacini di Pisa e del Comitato organizzativo scientifico Lazio del
Progetto “Archivi della moda del 900”, elaborato dall’ANAI e realizzato in
collaborazione con la Direzione Generale per gli Archivi e la Direzione Generale
per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il diritto d’autore del
MiBACT.
Come storica delle biblioteche e della professione bibliotecaria ha
pubblicato con Giorgio de Gregori, Per una storia dei bibliotecari italiani del
20. secolo: dizionario bio-bibliografico 1900-1990, Roma: Associazione italiana
biblioteche, 1999; è curatrice dal 2000 del Dizionario bío bibliografico dei
bibliotecari ítaliani del XX sec. (http:/www.aib.it/aib/editoria/dbbi20.htm) e
coordinatrice del Dizionario biografico dei soprintendenti bibliografici
(1919-1972), Bologna: Bononia University Press, 2011.
Ha recentemente
pubblicato fra l’altro: Funzionamento e criticità delle biblioteche pubbliche
statali, in: Il pane della ricerca: luoghi, questioni e fonti della storia
contemporanea in Italia, a cura di Marco De Nicolò, Roma: Viella, 2012, p.
171-179; Storie di autonomia “speciale”: le biblioteche specializzate del
Ministero per i beni e le attività culturali, «AIB Studi», 52 (2012), n. 2, p.
151-172; Le bibliotecarie, «Nuovi annali della Scuola speciale per archivisti e
bibliotecari», 25 (2012), p. 123-155 (in occasione delle giornate di studio
“Libri documenti e istituzioni:la memoria dell’Italia unita”); Eredità culturale
e nuove tecnologie alla Biblioteca di storia moderna e contemporanea, «Accademie
e biblioteche d’Italia», 8 (20I3), n. l-2, p. 60-67; la voce Ortiz, Maria, in:
Dizionario biografico degli italiani, Volume 79, Roma: Istituto della
Enciclopedia italiana, 2013; Dalla parte delle biblioteche, «AIB Studi», 54
(2014), n. 1,p. 87-93.

Lydia Tarsitano

Uncategorized

HENRI CARTIER-BRESSON FOTOGRAFO Villa Reale di Monza Secondo Piano Nobile 20 ottobre 2016 – 26 febbraio 2017 @Villarealemonza @HENRICARTIERBRESSON

140 scatti di Henri Cartier Bresson, in mostra alla Villa Reale di Monza dal 20 ottobre, dedicati al grande maestro, per immergerci nel suo mondo,  per scoprire il carico di ricchezza di ogni sua immagine, testimonianza di un uomo consapevole, dal lucido pensiero, verso la realtà storica e sociologica.     Prostitute. Calle Cuauhtemoctzin, Città del […]

Read More
Uncategorized

La storia ed il futuro di Crespi d’Adda #cameradeideputati @Crespidadda

L’esperienza di Crespi d’Adda sarà uno degli argomenti del convegno “Il Patrimonio industriale in Italia. Da spazi vuoti a risorsa per il territorio”, che si svolgerà il prossimo 7 ottobre 2016, a Roma, presso la Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio. L’evento, promosso dalla Senatrice Michela Montevecchi, e organizzato da Simona Politini, sarà un’occasione unica […]

Read More
Uncategorized

EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO #eventiculturalimilanesi

COMMERCIO. EVENTI CULTURALI E STREET-ART, PASSA DA QUI IL RILANCIO DEL MERCATO COPERTO DI LORENTEGGIO Tajani: ”Il percorso fatto di commistione tra vendita, socializzazione, arte e cultura rappresenta un modello di riferimento per il futuro di molte strutture simili, contribuendo a riportare i mercati coperti al centro della vita dei quartieri” Milano, 7 ottobre 2016 […]

Read More